Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Si complica la vicenda CR7, col passare dei giorni fioccano le accuse di stupro a carico dell’attaccante della Juventus.

“Ci sono altre tre donne che accusano Cristiano Ronaldo, mi sto dando da fare per verificare le informazioni" rivela ora al 'Sun' Leslie Stoval, l'avvocato che rappresenta Kathryn Mayorga, l’ex modella che per prima ha deciso di avviare un'azione civile contro il calciatore al tribunale distrettuale di Clark County, nel Nevada.

Nel frattempo tutto passa nelle mani della polizia di Las Vegas e mentre spuntano fuori le prime immagini della serata con la Mayorga in un club della città nel deserto, presumibilmente di quella sera del 2009 quando poi sarebbero finiti nella suite del Palms Casino Resort dove si sarebbe consumata la violenza, il campione parla attraverso i suoi social respingendo qualsiasi accusa: “Attendo con ansia il risultato di eventuali indagini e processi, perché nulla pesa sulla mia coscienza. Nego fermamente le accuse contro di me. Lo stupro è un crimine abominevole che va contro tutto ciò che sono e tutto ciò in cui credo”.

Ma gli avvocati dell’ex modella sembrano determinati a non rendere facile la vita al fuoriclasse della Juve: “Ci ha raccontato che dalle molestie del 2009 – ha raccontato Larissa Drohobycer, altra sua legale – ha sofferto di depressione, ha preso in considerazione il suicidio, ha avuto problemi con l’alcol, difficoltà nelle relazioni personali e nel trovare lavoro. Chiediamo giustizia”.  Una giustizia che in realtà ai tempi sarebbe già stata messa a tacere con 375mila dollari versati da CR7 per comprare il silenzio dell’ex modella e proseguire ognuno per la sua strada, contratto che ora viene impugnato e rischia di mettere nei guai il cinque volte pallone d’oro con l’accusa di coercizione e frode, abuso di persona debole, estorsione e cospirazione.

In realtà a convincere la donna a denunciare è stata la potenza mediatica del movimento #metoo, nato in occasione delle accuse di violenza ad Harvey Weinstein. Tra le ragazze che si stanno facendo avanti oggi anche Karima el Mahroug, meglio nota alle cronache italiane come Ruby Rubacuori, su cui sono stati imperniati ben 2 processi a Silvio Berlusconi. Cristiano Ronaldo avrebbe pagato 4mila euro per una notte con la marocchina quando Ruby aveva soltanto 17 anni.

Leggi anche: Che effetto hanno avuto le accuse di stupro sull'immagine social di Ronaldo

La Juventus sta a guardare, Ronaldo è già provvisto di una squadra di legali decisamente assortita, ma le accuse certamente rimbalzano anche sull’immagine della squadra sponda Borsa, che oggi apre con un meno 4%, trend negativo che non accenna a placarsi da quando sono venute a galla le accuse al campione.

La società però, ovviamente, si schiera dalla parte del calciatore e commenta tramite le parole del direttore sportivo Fabio Paratici: ”Abbiamo già preso posizione. Cristiano Ronaldo è una persona molto semplice che abbiamo conosciuto bene, un professionista eccezionale dentro e fuori dal campo. E' molto impegnato nel sociale – ha aggiunto il dirigente bianconero – Gli diamo tutto il nostro supporto e abbiamo una grandissima considerazione di lui”.

Scende in campo anche la madre di Cristiano, Katia Aveiro, che sui social posta una foto del figlio nei panni di Superman, invitando tutti i suoi followers a condividerla “Por Portugal, por ele, pelos nossos, pela uniao do povo… pela Justica” scrive, ovvero per il Portogallo, per lui, per noi e per la giustizia. 

Flag Counter