Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Dal trionfo agli Us Open a quello fra i trend topic di Weibo, il twitter cinese: Emma Raducanu, la 18enne tennista vincitrice degli Us Open, è stata subito adottata dalla Cina che la considera una sua figlia per “cinese” per le origini materne. 

Il legame cinese

I fan hanno applaudito al successo della tennista – britannica, nata in Canada e rumena per parte paterna – e lei sta guadagnando simpatie tra gli appassionati cinesi. Raducanu, che in finale ha battuto un’altra baby, la canadese Leylah Fernandez, ha ringraziato pubblicamente la madre in un’intervista prima della finale. “Avere una madre cinese ha instillato in me fin da piccola il duro lavoro e la disciplina“, ha spiegato. La sua popolarità è cresciuta dopo avere salutato i suoi fan in cinese, con un leggero accento del nord-est, hanno notato oltre muraglia, ereditato dalla madre, originaria di Shenyang, nella provincia del Liaoning. E ad aiutare la sua popolarità è anche l’ammirazione per l’ex tennista Li Na, che è stata numero 2 a livello mondiale e uno dei volti più noti dello sport cinese in anni recenti.

Un milione di visualizzazioni

Il video del suo messaggio in cinese è stato visto oltre un milione di volte sulla piattaforma di micro-blogging cinese, e l’hashtag dedicato alla 18enne vincitrice “cinese” dello Us Open ha ottenuto oltre 200 milioni di visualizzazioni. “Sarebbe immensamente popolare se partecipasse ai China Open o ai Wuhan Open”, ha commentato un utente di Weibo. Alla giovane tennista ha dedicato un articolo anche il tabloid Global Times, il giornale noto per le sue posizioni a difesa della Cina sul palcoscenico internazionale.

Una passione per la cultura cinese

Il profilo della tennista nata in Canada ma con passaporto britannico, si concentra sul lato materno della sua educazione: Raducanu è molto interessata alla cultura cinese, è stata molte volte in visita a Shenyang dai nonni, e nella città nord-orientale ha anche frequentato una palestra di ping-pong. I risultati raggiunti dalla giovanissima atleta, ha commentato un utente di Weibo, possono essere di ispirazione non solo per i tennisti britannici, ma anche per i tennisti cinesi. C’è anche chi vede già nel successo della tennista britannica una fonte di ispirazione. “Anch’io vengo da Shenyang, e sono orgogliosa dalle performance di Emma agli Us Open. Voglio che mia figlia impari il tennis e che sia sana, e la storia di Emma è un buon esempio per lei”, ha dichiarato al tabloid cinese una donna identificata con il cognome Cui, madre di una bambina di tre anni. 

Flag Counter