Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il settore del biologico continua a crescere in Italia. Lo afferma il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina sulle pagine del Corriere della Sera. Nel 2016, si legge, c’è stato un incremento del 20% delle superfici coltivate e degli operatori. In base ad un’analisi del Sinab (Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica) per il ministero delle Politiche Agricole, le superfici coltivate con metodo biologico hanno raggiunto nell’ultimo anno 1,8 milioni di ettari rispetto agli 1,5 del 2015. In termini assoluti, negli ultimi 12 mesi, sono stati convertiti al biologico oltre 300mila ettari. Crescono anche gli operatori che salgono a 72.154 (+20,3%). Tra le colture con maggior incremento ci sono:

  • Ortaggi (+48,9%)
  • Cereali (+32,6%)
  • Vite (+23,8%)
  • Olivo (+23,7%)

Gli alti costi del biologico

Le colture biologiche sono importanti per la salute e per il Pianeta e se i prezzi dei prodotti  non fossero così alti molte più persone li comprerebbero. Uno studio di Consumer Report  ha mostrato come un carrello della spesa con prodotti biologici costi più del doppio rispetto a uno con prodotti tradizionali. Ma attraverso dei piccoli accorgimenti – suggeriti da un articolo del Washington Post – è possibile comprare prodotti biologici risparmiando.

I sei consigli per risparmiare

  1. Capire quali sono le priorità – Il  Consumer Reports’ Food Safety and Sustainability Center sostiene che è importante l’acquisto di prodotti coltivati in maniera naturale e senza l’uso di antiparassitari, ma non è necessario che tutti i prodotti siano biologici. E’ possibile fare una scrematura e privilegiare ad esempio quelli che non hanno la buccia. In una scala di importanza, nella parte medio alta ci sono la carne e i latticini. E’ evitabile, invece, tutto ciò che è confezionato e che quindi  presenta comunque un’alterazione del prodotto.
  2. Evitare di andare sempre in negozi altamente specializzati – A volte in questi punti vendita i prezzi sono un po’ più alti anche per il fatto che comprare cibo biologico va di moda. Per alcuni prodotti vanno bene anche le linee biologiche delle catene dei supermercati, dove i prezzi sono sicuramente più accessibili.
  3. Acquistare online – A volte,  dopo aver fatto un accurato confronto di prezzi, l’acquisto online e direttamente dal produttore potrebbe portare dei vantaggi economici.
  4. Non ricercare per forza la marca – Sul mercato esistono dei marchi biologici molto famosi e per questo con un costo superiore. A volte, confrontando l’etichetta, ci possono essere dei prodotti biologici non di marca che hanno le stesse caratteristiche e sono più economici.
  5. Occhio alle offerte – I volantini promozionali possono essere utili per la spesa, anche dei prodotti biologici. Tenerli sott’occhio potrebbe  aiutare a risparmiare.
  6. Comprare i prodotti di stagione – Se non ci si lascia trasportare dalla voglia del momento, ma si segue il ritmo delle stagioni a giovarne sarà la salute e il portafoglio. I prodotti di stagione, anche quelli biologici, sono meno cari degli altri.
  7. Orto fai date – Anche se spesso in città gli spazi negli appartamenti sono limitati, si può sempre ricavare un piccolo angolo per coltivare alcuni prodotti, come fragole, pomodori e basilico in estate. Esistono anche delle piccole serre d’appartamento che risolverebbero il problema nella stagione più fredda. 
Flag Counter
Video Games