Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Washington, 19 giu. – Sono stati promettenti i primi
risultati dei test condotti sui topi su un vaccino contro la
clamidia. Ad annunciarlo e’ stato un gruppo di ricercatori
dell’Harvard Medical School in uno studio pubblicato sulla
rivista Science. La clamidia e’ una malattia sessualmente
trasmissibile che spesso non ha sintomi evidenti. Questa
patologia puo’ danneggiare le tube di Falloppio, responsabili
del trasporto degli ovuli fecondati nel grembo materno, e puo’
portare all’infertilita’. Se non trattata tempestivamente, la
clamidia puo’ rimanere attiva nel corpo per circa 14 mesi,
durante i quali puo’ provocare malattie infiammatorie pelviche
e sterilita’. E’ anche una causa comune di gravidanza ectopica,
dove l’ovocita viene fecondato fuori dal grembo, che e’ la
causa principale di aborto nei primi tre mesi di gravidanza.
Inoltre, la clamidia e’ la causa principale di cecita’ nei
paesi in via di sviluppo perche’ puo’ infettare gli occhi. Ora
i ricercatori hanno messo a punto un vaccino per prevenirla,
che sembra molto promettente. Un tentativo simile e’ stato
fatto circa 50 anni fa e si e’ concluso con un fallimento. Il
vaccino ha portato l’organismo semplicemente a tollerare i
batteri della clamidia, consentendo quindi la loro diffusione.
Il nuovo vaccino, invece, sembra favorire il riconoscimento dei
batteri della clamidia e la loro eliminazione. “I topi che
hanno avuto il vaccino cSAP hanno eliminato la clamidia molto
rapidamente e sono riusciti a eliminarla completamente in modo
piu’ veloce rispetto agli animali che hanno sviluppato
l’immunita’ naturale dopo una precedente infezione”, ha detto
Ulrich von Andrian, autore dello studio.

Flag Counter