Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Sperimentato un nuovo vaccino contro la malaria: sembra essere sicuro e pare stimolare una risposta immunitaria nei neonati africani, uno dei gruppi più vulnerabili alla grave malattia. Attualmente esiste solo un vaccino contro la malaria, chiamato “RTS,S”, approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che offre una protezione parziale contro la malattia.

Tuttavia, nei risultati dello studio di fase Ib condotto in Tanzania e pubblicato l’11 agosto sulla rivista Med, i ricercatori hanno scoperto che il mirare alla proteina RH5 – che il parassita della malaria Plasmodium falciparum utilizza per invadere i globuli rossi – può generare una promettente risposta immunitaria particolarmente evidente nei neonati.

“Vaccini anti-sporozoite come RTS,S devono essere efficaci al 100% nel fermare il parassita dall’invadere il fegato per prevenire la malattia”, afferma l’autrice senior Angela Minassian, scienziata clinica all’Università di Oxford. “Anche se solo un parassita riesce a sfuggire, questo poi si moltiplicherà nel fegato, fuoriuscirà nel flusso sanguigno e infetterà i globuli rossi, dove i parassiti cresceranno poi in modo esponenziale. Avere un vaccino della fase ematica come RH5 a disposizione ti offre una seconda linea di difesa una volta che il parassita è entrato nel flusso sanguigno, consentendo una seconda possibilità di fermare la malaria prima che causi malattia”.

Una persona contrae la malaria quando viene punta da una zanzara infetta, che rilascia Plasmodium falciparum nel corpo. RTS,S e molti altri candidati al vaccino insegnano al sistema immunitario come prendere di mira il parassita in questa fase di sporozoite, prima che invada il fegato. Una volta che il parassita matura e viene rilasciato dal fegato nel flusso sanguigno, Plasmodium falciparum mostra RH5 e infetta i globuli rossi, causando la malattia.

Se un vaccino anti-sporozoite e un vaccino anti-RH5 venissero utilizzati in combinazione in futuro, le persone potrebbero potenzialmente avere una protezione più efficace contro la malaria per un periodo più lungo. “I dati dello studio di fase 1b riportato qui confermano, per la prima volta, che consistenti risposte immunitarie anti-RH5 possono essere ottenute in modo sicuro tramite la vaccinazione nei neonati di un’area endemica per la malaria”, dicono gli autori.

I ricercatori hanno condotto lo studio del vaccino a Bagamoyo, in Tanzania, dove la prevalenza media di malaria nella popolazione è del 13%. Sono stati arruolati 63 partecipanti di età compresa tra 6 mesi e 35 anni, che sono stati suddivisi in modo casuale per ricevere o il vaccino sperimentale contro la malaria chiamato “ChAd63-MVA RH5”, o un vaccino controllo contro il rabies.

Lo studio è stato anche doppio cieco, il che significa che né i partecipanti né gli amministratori del vaccino sapevano chi aveva ricevuto il vaccino contro la malaria o il controllo. Tutti i partecipanti hanno ricevuto la seconda dose di vaccino due mesi dopo e sono stati seguiti per quattro mesi dopo questo. Lo scopo principale di questo studio era valutare la sicurezza di questo vaccino in una popolazione dove la malaria è endemica. I partecipanti sia al gruppo di controllo che al gruppo di trattamento hanno riportato dolore nel sito di iniezione e lieve febbre poco dopo la vaccinazione, ma nel complesso il vaccino è stato ben tollerato e non ci sono state preoccupazioni sulla sicurezza.

Un risultato secondario dello studio era se il vaccino avrebbe stimolato una risposta immunitaria. I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno ricevuto il vaccino contro la malaria hanno sviluppato anticorpi contro RH5 nel loro sangue durante il follow-up. In laboratorio, questi anticorpi sono stati in grado di inibire la crescita del parassita della malaria ad alti livelli associati alla protezione dalla malattia.

“Questi dati giustificano il progresso verso gli studi di efficacia sul campo di fase IIb per determinare se i livelli di inibizione della crescita del parassita di questa entità possono alla fine proteggere dalla malaria clinica”, affermano gli autori. Gli autori notano che le risposte immunitarie più forti nei neonati sotto gli 11 mesi, seguiti dai bambini di età compresa tra 1 e 6 anni, quindi dagli adulti.

“Perché i neonati e i bambini piccoli vaccinati con ChAd63-MVA RH5 hanno indotto livelli così elevati di anticorpi resta da capire pienamente”, dicono gli autori. “Dato che sia le strategie di vaccinazione anti-sporozoite che anti-fase ematica della malaria richiedono livelli molto elevati di anticorpi per proteggere dall’infezione da parassiti, gli sforzi attuali rimangono focalizzati sui neonati e i bambini piccoli”. 

Flag Counter