Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

“La guerra fredda, con le sue durissime contrapposizioni ideologiche e militari, fece prevalere, in quegli anni, la real-politik. L’Occidente finì per guardare con un certo favore al regime del maresciallo Tito, considerato come un contenimento alla aggressività della Russia sovietica. Per una serie di coincidenti circostanze, interne ed esterne, sugli orrori commessi contro gli italiani istriani, dalmati e fiumani cadde una ingiustificabile cortina di silenzio, aumentando le sofferenze degli esuli, cui veniva così precluso perfino il conforto della memoria”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, parlando al Quirinale alla cerimonia del Giorno del ricordo delle vittime delle foibe.

Nuovo appello anche per l’Europa del capo di Stato: bisogna proteggerla dalle “insidie contemporanee” che vanno dal “terrorismo fondamentalista di matrice islamista” alla “negazione dei diritti universali”, fino alle “tentazioni di risolvere la complessità dei problemi attraverso scorciatoie autoritarie”. 

Nel corso della cerimonia, aperta dalla proiezione di un video di Rai Storia, sono intervenuti: il Presidente della Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati, Antonio Ballarin, lo Storico Giuseppe Parlato, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi e il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti. Il Prof. Giuseppe De Vergottini, esule di prima generazione, ha portato la sua testimonianza ed è stato successivamente intervistato da due ragazzi. Due studenti hanno letto una pagina di “Addio alla Città di Pola” di Monsignor Antonio Santin e un brano tratto dal romanzo “Verde Acqua” di Marisa Madieri. 

Al termine del suo discorso, il Capo dello Stato, coadiuvato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha consegnato i premi alle scuole vincitrici del concorso nazionale “Fiume e l’Adriatico orientale. Identità, culture, autonomia e nuovi confini nel panorama europeo alla fine della Prima guerra mondiale”.

Erano presenti alla cerimonia il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, il Presidente della Corte Costituzionale, Giorgio Lattanzi, il Vice Presidente del Senato della Repubblica, Ignazio La Russa, rappresentanti del Governo, del Parlamento, autorità civili ed esponenti delle Associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati.

In precedenza il Presidente del Consiglio dei Ministri, coadiuvato dal Capo del Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Paola Paduano e dal Presidente della Federesuli, aveva consegnato le medaglie commemorative del “Giorno del Ricordo”.

Flag Counter