Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Sulla solidarietà e sull'umanità l'Italia non accetta lezioni da nessuno. La Francia si scusi ufficialmente per le frasi offensive pronunciate ieri o il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, farà bene ad annullare l'incontro con il presidente Macron, che sul tema dell'immigrazione deve finalmente "passare dalle parole ai fatti e accogliere i 9 mila immigrati che si era impegnato ad accogliere".

Al suo primo intervento nell'Aula del Senato Matteo Salvini usa toni durissimi nei confronti di Parigi. Durante l'informativa sulla vicenda della nave Aquarius, prima bloccata tra le coste italiane e quelle maltesi con il suo carico di oltre 600 migranti e ora in navigazione verso la Spagna, il ministro dell'Interno non risparmia critiche al Paese d'oltralpe e respinge le accuse dell'opposizione.

"Sono stufo dei bambini che muoiono nel Mediterraneo perché qualcuno li illude che da noi c'è futuro. Sono stufo di morti di Stato", dice tra gli applausi di grande parte dell'emiciclo ricordando che il primo intervento del governo è stato quello di "mettere in sicurezza le donne, i bambini" e tutte le persone a bordo della nave. Critiche le rivolge anche alle organizzazioni umanitarie: "è tempo che gli Stati tornino a essere Stati" perché "non è possibile che siano associazioni private a finanziate da chissà chi a imporre tempi e modi dell'immigrazione".

 

E a chi sostiene che l'Italia è oggi più isolata nel contesto europeo Salvini risponde sostenendo che il Paese "non è mai stato centrale come in queste ore" e invitando l'Unione "a battere un colpo o a tacere per sempre". Oggi, ribadisce in un altro passaggio, "c'è un'attenzione che non c'è mai stata prima: sta a noi giocarci le carte in maniera positiva". Il regolamento di Dublino, insiste, "va superato: penso che con il collega tedesco e con il collega austriaco proporremo una nostra iniziativa", annuncia poi. (Le Repubblica

In ultimo replica al tweet dei giorni scorsi di monsignor Ravasi: "'Ama il prossimo tuo come te stesso': il mio prossimo sono donne e bambini vittime che scappano dalla guerra ma significa anche amare milioni di italiani che hanno perso casa, lavoro e speranza. Con tutti i miei limiti e difetti cercherò di fare il possibile per dare voce a questi rifugiati veri e immigrati regolari che vengono qui a cercare un lavoro e agli italiani che hanno perso la speranza". 

Intanto nel pomeriggio il presidente francese, Emmanuel Macron, risponde all'Italia sul caso Aquarius e considera la scelta di Roma una provocazione. "Chi è che dice io sono più forte dei democratici e se vedo una nave arrivare davanti alle mie coste la caccio via? Se gli do ragione, aiuto la democrazia?", si è chiesto il presidente Macron ai microfoni di Bfmtv. "Chi caccia le navi provoca. Non dimentichiamo chi ha parlato e con chi abbiamo a che fare", ha aggiunto Macron che comunque aveva sottolineato il "lavoro esemplare fatto nell'ultimo periodo con l'Italia". (Corriere della Sera

Flag Counter
Video Games