Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Continua la trattativa tra M5s e Lega in vista della formazione del governo. Secondo le aspettative di entrambi i partiti, si dovrebbe chiudere oggi il tavolo sul 'contratto di governo del cambiamento' in discussione dalla settimana scorsa. Ieri una nota congiunta di M5s e Lega ha chiarito che nella bozza rivista in queste ore non vi è alcuna messa in discussione dell'euro anche se si chiede una revisione della governance Ue e della politica monetaria europea.

Parallelamente prosegue la trattativa per chiudere il nodo della premiership e della composizione della squadra di governo. Secondo quanto si apprende da fonti di entrambi i partiti, sarebbe tramontata l'idea di un premier 'terzo'. Tutte le ipotesi sarebbero tornate sul campo, anche quella della staffetta a Palazzo Chigi tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Ma quest'ultima viene considerata la meno probabile dalle stesse fonti mentre prende quota l'idea di affidare la presidenza del Consiglio a un esponente pentastellato che non sia Di Maio. E il nome che circola più insistentemente è quello di Alfonso Bonafede. In ogni modo, sarebbe in programma un incontro tra Salvini e Di Maio nelle prossime ore. Il Carroccio avrebbe avanzato la richiesta di un presidente del Consiglio non schierato con M5s. Il Movimento avrebbe, invece, puntato su un tesserato 5 Stelle.

Di Maio: "Non credo nei tecnici"

 "Io nei tecnici non credo, ma solo in soluzioni politiche. Si va avanti con soluzioni politiche", dice Di Maio ai cronisti, "le persone di cui stiamo discutendo" avranno un "mandato politico", la "sensibilità" per attuare il contratto – spiega – laddove in passato i tecnici "erano calati dall'alto". Il contratto verrà chiuso oggi? "Se così fosse, sarebbero tempi record". Quanto alle polemiche con Bruxelles, il capo politico del M5s continua a vestire i panni del 'poliziotto buono', garantendo che ci sarà "il massimo dialogo" ma avvertendo che l'Italia "non sarà subalterna a qualche eurocrate".

Salvini pronto a un 'passo di lato'. Un altro?

Ci si domanda, quindi, che senso avrebbero le parole pronunciate in una nuova diretta Facebook da Salvini, che rivendicando per la Lega la guida dei ministeri dell'interno e dell'agricoltura, ha dichiarato che essere premier "sarebbe per me l'onore più grande del mondo" ma che "se serve faccio anche un passo a lato". Questo passo a lato non era stato già fatto, rinunciando al preincarico per trattare con Di Maio? Come interpretare queste parole: Salvini sarebbe disposto a lasciare spazio a un presidente del Consiglio a 5 Stelle che non sia Di Maio, magari per un'altra staffetta con il fedelissimo Giorgetti?

"Entro oggi dovremmo chiudere col programma e ho detto ai giornalisti che poi vorremmo avere il vostro parere sul programma e sulla squadra di governo", prosegue Salvini, che, conversando con la stampa, ha poi detto che il contratto è "quasi chiuso" e che lui e Di Maio potrebbero andare dal Capo dello Stato "anche prima" di lunedì prossimo, quando la pazienza di Mattarella potrebbe definitivamente esaurirsi per lasciare spazio a un "governo di servizio" che, sarebbe il ragionamento, non potrebbe più a questo punto avere la sfiducia di Lega e M5s, ai quali è stato lasciato tempo sufficiente per mettersi d'accordo.

Forza Italia: "Avevamo avvertito Salvini"

Sempre in diretta su Facebook, Salvini rinnovato la sua dichiarazione di fedeltà al centrodestra ("il tradimento non fa parte del mio Dna") e criticando i maggiori quotidiani per gli "insulti". "Anche 'Il Giornale' di casa Berlusconi ci insulta". Soprattutto 'Il Giornale', verrebbe da dire: è da lì che arrivano alcuni degli strali più duri contro l'alleanza giallo-verde, mentre Forza Italia, in pubblico, sfoggia toni concilianti e il Cav è a Sofia per il convegno del Ppe dove, dopo la riabilitazione, si rilancia difensore dell'europeismo di fronte ad Angela Merkel. 

"Forza Italia, e lo ha dimostrato Berlusconi con il suo gesto di responsabilità, non fa il tifo per il fallimento di questo tentativo. La nostra stella polare è il bene del Paese, e pensiamo che per affrontare le emergenze serva al piu' presto un governo", dice Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un'intervista al "Quotidiano Nazionale", "avevamo avvertito l'amico Salvini. Il Movimento 5 Stelle in questa trattativa sta dimostrando tutta la sua superficialitaà, la sua palese incapacità. Di Maio smania per il potere, Grillo spara sentenze dai palchi del suo tour, Casaleggio agisce nell' ombra. Un vero e proprio caos".

Flag Counter
Video Games