Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Questa volta sono dimissioni vere, non indiscrezioni né tanto meno una fake news. Il segretario del Pd, Matteo Renzi, conferma al Corriere della Sera che il processo per la successione alla guida del partito si è di fatto aperto all'indomani della sconfitta elettorale del 4 marzo e che il suo ciclo "si è chiuso".   

"Sul mio successore deciderà l'assemblea" dice "No a governi istituzionali, nessuna collaborazione possibile con i 5 Stelle o con le destre". E sulla possibilità di un esecutivo d'unità nazionale per far fronte all'ingovernabilità uscita dalle urne, mette in chiaro: "Deve giocare chi ha vinto".

"Sono stati 4 anni difficili ma belli. Abbiamo fatto uscire l'Italia dalla crisi. Quando finirà la campagna di odio tanti riconosceranno i risultati. Ma la sconfitta impone di voltare pagina. Tocca ad altri. Io darò una mano: noi non siamo quelli che non scendono dal carro, semplicemente perché il carro lo hanno sempre spinto".

"Mi prendo la responsabilità"

"Siamo passati da milioni di voti del referendum ai 6 milioni di domenica scorsa. Abbiamo dimezzato i voti assoluti rispetto a quindici mesi fa. Allora eravamo chiari nella proposta e nelle idee. Stavolta e mi prendo la responsabilità la linea era confusa, né carne né pesce: così prudenti e moderati da sembrare timidi e rinunciatari. Dopo un dibattito interno logorante, alcuni nostri candidati non hanno neanche proposto il voto sul simbolo del Pd, ma solo sulla loro persona".

Se si fosse votato a maggio forse sarebbe andata diversamente, spiega Renzi. "Sarebbe cambiata l'agenda politica. L'agenda sarebbe stata l'Europa, non altro. Come è stato per Macron o per Merkel. E prima ancora come è stato in Olanda per Rune. Sull'Europa non avrebbero vinto le forze sovraniste. Ma poiché avevo visto per tempo questo rischio e l'ho illustrato più volte invano, mi sento io il responsabile delle mancate elezioni anticipate. Nessuna polemica con nessuno".

Cosa succede ora

"Le mie dimissioni non sono un fake –  prosegue Renzi –  Ho seguito le indicazioni dello Statuto e dunque sul nuovo segretario deciderà l'assemblea. Rispetteremo la volontà di quel consesso. Sui nomi non mi esprimo; anche perché sono tutte persone con cui ho lavorato per anni". Chi farà le consultazioni? "Il Pd ha sempre mandato al Quirinale i due capigruppo, il presidente e il reggente. Non vedo motivi per cambiare delegazione". 

Flag Counter
Video Games