Newsletter

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Washington, 3 lug. – Triste ma efficace risposta alle
campagne che dilagano negli usa contro i vaccini, da ultimo
ieri l’attore Jim Carrey. Una donna e’ morta di morbillo non in
un remoto villaggio asiatico o africano, ma nello Stato di
Washington, sulla costa orientale statunitense.
Secondo quanto riferiscono i medici si tratta della prima
vittima di morbillo in 12 anni, una malattia estremamente
contagiosa ma raramente letale. Secondo i dati del Centro per
il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (Cdc) di Atlanta
nel 2015 ci sono stati finora 176 casi di morbillo in tutti gli
Stati Uniti dove molti molti genitori si oppongono l’obbligo di
vaccinazione.
L’ultima mini-epidemia di morbillo si e’ registrata lo
scorso anno a Disneyland in California con oltre 100 persone
contagiate.

(AGI) – Roma, 3 lug. – Il peso dell’obesita’ non si misura solo
sulla bilancia: obesita’ e sovrappeso sono infatti responsabili
di una spesa annuale a carico del Sistema sanitario nazionale
pari a circa 4,5 miliardi, a cui si aggiungono altri 4,5
miliardi di costi non sanitari, come ad esempio la perdita di
produttivita’, l’assenteismo e la mortalita’ precoce. Ben un
terzo della spesa per l’obesita’ a carico della sanita’
pubblica e’ imputabile a una malattia strettamente collegata:
il diabete. Un quadro che rischia di divenire insostenibile
quello delineato all’Italian Barometer Diabetes Forum, in
svolgimento a Roma.
“In termini assoluti, un obeso severo o molto severo costa
450-550 euro in piu’ all’anno rispetto a una persona
normopeso”, ha detto Antonio Nicolucci, Coordinatore del Data
Analysis Board di IBDO Foundation. La maggior parte di questa
spesa e’ da attribuire ai ricoveri in ospedale. In termini di
costi, e’ tuttavia importante sottolineare come l’impatto
maggiore sia determinato dai gradi meno severi di obesita’ e
dal sovrappeso: una persona sovrappeso costa al sistema
sanitario nazionale “37,4 euro all’anno in piu’ rispetto a un
normopeso, ma in Italia se ne contano ben 21 milioni, portando
a un eccesso di spesa sanitaria per queste persone di oltre 780
milioni di euro annui. Un importante contributo al costo
dell’obesita’ e’ determinato dalla presenza di diabete. “Il
sovrappeso e l’obesita’ rappresentano infatti la causa
principale di diabete di tipo 2, a sua volta associato ad un
piu’ elevato rischio di malattie cardiovascolari. In
particolare, al di sotto dei 55 anni l’obesita’ grave aumenta
di 16 volte il rischio di avere il diabete. Sopra i 65 anni la
prevalenza di diabete passa dal 12,5 per cento fra i normopeso
al 38,7 per cento fra i grandi obesi”, ha aggiunto Nicolucci.
(AGI)
.

(AGI) – Washington, 3 lug. – Un vaccino sperimentale ha
impedito completamente al virus dell’Hiv di infettare la meta’
della scimmie a cui e’ stato iniettato. I risultati, riportati
dalla rivista Science, sono stati cosi’ entusiasmanti da
spingere la Johnson & Johnson a testare il vaccino sulle
persone. Il trial internazionale e’ ora in corso su 400
volontari sani negli Stati Uniti, in Africa orientale e in
Thailandia. E prevede la somministrazione di una proteina
purificata di superficie dell’Hiv che dovrebbe provocare una
forte risposta immunitaria. La Johnson & Johnson sta
utilizzando la stessa strategia con il vaccino contro l’Ebola,
ora in fase iniziale di sperimentazione sugli esseri umani. I
ricercatori sperano che il vaccino dell’Hiv funzioni ancora
meglio sugli umani di quanto abbia fatto sulle scimmie.
Tuttavia, anche se dovesse funzionare solo sulla meta’ delle
persone “potrebbe avere un enorme impatto sulla salute
pubblica”, ha sottolineato Paul Stoffels, direttore scientifico
della Johnson & Johnsons. Se tutto andra’ come previsto, i
ricercatori prevedono di passare alla fase 2 nei prossimi 18-24
mesi per capire quanto bene funziona il vaccino alla dose
prescritta.
.

(AGI) – Roma, 3 lug. – Le condizioni di caldo estremo
rappresentano un rischio per la salute, soprattutto per alcune
categorie di popolazione, caratterizzati da una limitata
capacita’ di termoregolazione fisiologica o ridotta
possibilita’ di mettere in atto comportamenti protettivi. Il
Ministero della Salute offre sul proprio sito una serie di
semplici abitudini e precauzioni che, se adottate dalla
popolazione, possono contribuire notevolmente a ridurre gli
effetti nocivi delle ondate di calore sulla salute. Uscire di
casa nelle ore meno calde della giornata; evitare di uscire di
casa nelle ore piu’ calde, cioe’ dalle 11 alle 18. In questa
fascia oraria e’ sconsigliato, a bambini molto piccoli,
anziani, persone non autosufficienti o persone convalescenti,
l’accesso alle aree particolarmente trafficate, ma anche ai
parchi e alle aree verdi dei grandi centri urbani dove va a
concentrarsi l’ozono prodotto dai gas di scarico delle
automobili e dall’industria.
Durante le ondate di calore i valori limite di questo gas
inquinante vengono spesso superati con conseguenze sulla salute
della popolazione e, in particolare, sulle persone con malattie
respiratorie o asma. Inoltre, devono evitare l’attivita’ fisica
intensa all’aria aperta durante gli orari piu’ caldi della
giornata anche atleti professionisti e dilettanti. Indossare un
abbigliamento leggero e comodo Sia in casa che all’aperto,
indossare indumenti leggeri, non aderenti, di cotone o lino.
Fuori di casa, e’ anche utile proteggere la testa dal sole
diretto con un cappello leggero di colore chiaro e gli occhi
con occhiali da sole. E’ importante proteggere la pelle dalle
scottature con creme solari ad alto fattore protettivo. Se si
ha un familiare malato e costretto a letto, assicurarsi che non
sia troppo coperto. Adottare alcune precauzioni se si esce in
macchina. Non lasciare mai persone o animali, anche se per poco
tempo, nella macchina parcheggiata al sole e se si entra in
un’autovettura che e’ rimasta parcheggiata al sole, per prima
cosa aprire gli sportelli per ventilare l’abitacolo e poi,
iniziare il viaggio con i finestrini aperti o utilizzare il
sistema di climatizzazione dell’auto per abbassare la
temperatura interna. Attenzione anche ai seggiolini di
sicurezza per i bambini: prima di sistemarli sul sedile
verificare che non sia surriscaldato. Rinfrescare l’ambiente
domestico e di lavoro. I principali strumenti per il controllo
della temperatura sono le schermature, l’isolamento termico e
il condizionamento dell’aria. Una misura facilmente adottabile
in casa e’ la schermatura delle finestre esposte al sole
diretto mediante tende o oscuranti esterni regolabili (per
esempio persiane o veneziane). Un accorgimento utile per
mantenere l’ambiente domestico piu’ fresco e’: aprire le
finestre al mattino presto, la sera tardi e durante la notte
per fare entrare l’aria fresca, e tenere chiuse le finestre di
giorno per tutto il tempo in cui la temperatura esterna e’ piu’
alta della temperatura interna all’appartamento. Per quanto
riguarda i climatizzatori, occorre utilizzare alcune
precauzioni. Oltre a una regolare manutenzione dei filtri, si
raccomanda di evitare di regolare la temperatura a valori
troppo bassi rispetto alla temperatura esterna. La temperatura
ideale nell’ambiente domestico per il benessere fisiologico e’
di 24-26 gradi.
Il Ministero raccomanda, inoltre, di mantenere chiuse le
finestre durante il funzionamento dei climatizzatori,
utilizzando protezioni oscuranti alle finestre dei locali
condizionati. Sarebbe inoltre consigliabile evitare di
utilizzare contemporaneamente il forno e altri elettrodomestici
che producono calore (fornelli, ferro da stiro, phon, ecc.).
Una temperatura interna ideale, con un basso tasso di umidita’,
garantisce il benessere e non espone a bruschi sbalzi termici
rispetto all’esterno. E’ comunque buona regola coprirsi ogni
volta che si deve passare da un ambiente caldo a uno piu’
freddo e ventilato, soprattutto se si soffre di una malattia
respiratoria. Nelle aree caratterizzate principalmente da un
elevato tasso di umidita’, senza valori particolarmente alti di
temperatura, puo’ essere sufficiente in alternativa al
condizionatore l’uso del deumidificatore. L’utilizzo
continuativo dei condizionatori determina un aumento dei
consumi di energia elettrica nel Paese che puo’ portare a
rischi di interruzione della fornitura. E’ bene, quindi, porre
particolare attenzione agli sprechi e limitare i consumi di
corrente dell’abitazione allo stretto necessario, soprattutto
quando e’ in corso un’ondata di calore. Se si usano ventilatori
meccanici, non indirizzarli direttamente sulle persone, ma
regolarli in modo da far circolare l’aria in tutto l’ambiente.
In particolare, quando la temperatura interna supera i 32�C, i
ventilatori possono aumentare il rischio di disidratazione,
soprattutto nelle persone costrette a letto, se queste non
assumono contemporaneamente grandi quantita’ di liquidi. Bere
almeno due litri di acqua al giorno e mangiare molta frutta
fresca, come agrumi, fragole, meloni (che contengono fino al
90% di acqua) e verdure colorate, ricche di sostanze
antiossidanti (peperoni, pomodori, carote, lattughe), che
proteggono dai danni correlati all’ozono, che raggiunge le
concentrazioni piu’ elevate proprio nelle ore piu’ calde della
giornata. Gli anziani devono bere anche in assenza dello
stimolo della sete. Evitare gli alcolici e le bevande troppo
fredde, limitare l’assunzione di bevande che contengono
caffeina. Eccetto i casi di necessita’, nella stagione estiva
va limitato il consumo di acque oligominerali, cosi’ come
l’assunzione non controllata di integratori di sali minerali
(che deve essere sempre consigliata dal medico curante). Fare
pasti leggeri e porre attenzione alla conservazione domestica
degli alimenti. Evitare i pasti pesanti e abbondanti,
preferendo quattro, cinque piccoli pasti durante la giornata,
ricchi soprattutto di verdura e frutta fresca. Bisogna anche
fare attenzione alla corretta conservazione degli alimenti
deperibili (latticini, carni, dolci con creme, gelati), poiche’
le temperature ambientali elevate favoriscono la contaminazione
degli alimenti e possono determinare patologie gastroenteriche
anche gravi. (AGI)
.

(AGI) – Roma, 3 lug. – E’ in arrivo, come annunciato, la prima
grande ondata di calore dell’estate: il picco domenica, quando,
secondo il bollettino delle ondate di calore del ministero
della Salute, saranno ben dieci le citta’ da “bollino rosso”,
che indica condizioni di emergenza con possibili effetti
negativi anche per le persone sane e non solo su quelle a
rischio come anziani, bambini piccoli e malati cronici. Le
citta’ sono Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Milano,
Perugia, Rieti, Roma, Torino e Trieste. Domani invece saranno
cinque le citta’ piu’ a rischio, e cioe’ Bolzano, Brescia,
Milano, Perugia e Torino.
Alte temperature ovunque: a Bologna domani si avranno 37
gradi percepiti, a Bolzano domenica addirittura 38, cosi’ come
a Firenze. A Milano 37 gradi sia domani che domenica, a Roma
invece “solo” 35 gradi percepiti. Ma il top si avra’ a Torino,
con 39 gradi percepiti sia oggi che domani e il picco di 40
gradi domenica. (AGI)
.

(AGI) – Roma, 3 lug. – Nuova giornata di tensione per la Grecia, in attesa dell’esito del referendum di domenica prossima. Da Bruxelles, guanto di sfida lanciato ad Atene con il presidente della Commissione Ue Juncker che si dice convinto del fatto che con la vittoria dei ‘no’ al referendum, “la posizione della Grecia sara’ drammaticamente indebolita”. Dal canto suo il Ministro delle finanze ellenico Varoufakis ha sottolineato che non e’ “troppo tardi” per un accordo tra la Grecia e i suoi creditori, anzi, un’intesa e’ “imminente” a prescindere dai risultati del referendum. Sia come sia, la Grecia e’ in serie difficolta’: alle banche elleniche sono rimaste riserve di contante per appena 500 milioni di euro, ha fatto sapere il presidente della Camera di Commercio greca Constantine Michalos il quale ha aggiunto che “siamo in una situazione molto pericolosa, le aziende greche sono state tagliate fuori dai trasferimenti elettronici del sistema europeo Target2”.

Dijsselboem, accordo vicino? Bugia di Varoufakis

Nel frattempo, PayPal ha sospeso i servizi di pagamento in Grecia a causa dei controlli sul capitale imposti a causa della grave crisi di liquidita’. Nella Ue, intanto, si fa sentire anche la voce delle cosiddette ‘colombe’: il referendum greco di domenica “avra’ delle conseguenze” ma “noi vogliamo tenere la Grecia nell’eurozona”, sostiene il primo ministro del Lussemburgo, Xavier Bettel. Ma c’e’ anche chi si scaglia duramente contro il premier greco il quale e’ un “imprevedibile manipolatore” con il quale non e’ piu’ possibile negoziare, afferma il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz. “La verita’ e’ che non c’e’ alcuna base per negoziare”, prosegue Schulz, “Tsipras e’ imprevedibile e manipola il popolo greco, la questione ha dei tratti quasi demagogici”. Le borse europee intanto si presentano in moderato calo a meta’ seduta. In Italia, si discute su un’eventuale ‘Grexit’: l’ex premier Silvio Berlusconi osserva che per l’Europa e’ “assurdo” pensare di rinunciare alla Grecia, un Paese “alla radice della nostra civilta’”. Dal punto di vista finanziario, ci pensa il presidente della Consob a rassicurare i nostri investitori: “Per il momento e’ chiaro che si risente di qualche andamento legato alle prospettive greche ma non sono tali da preoccupazioni serie. Ovviamente questo non significa che non siamo vigili”, dice Giuseppe Vegas. “Di sicuro non e’ una situazione tale per cui non si va in asta”, sottolinea il responsabile del Tesoro per il debito Maria Cannata. (AGI) .

(AGI) – Berlino 3 lug. – Per la Germania i dati del Fmi secondo cui la Grecia avra’ bisogno di prestiti per 50 miliardi di euro per salvarsi, “in nessun modo significano” che automaticamente ci sara’ bisogno di una ristrutturazione del debito. Lo sostiene il portavoce del ministero delle Finanze tedesco, Martin Jaeger secondo il quale “in nessun modo si puo’ dedurre che una ristrutturazione del debito e’ imperativamente necessaria”. (AGI) .

(AGI) – Pescara, 3 lug. – E’ stata trovata morta dalla polizia, nei pressi di Villa Celiera (Pesara), la donna di 47anni residente a Collecorvino (Pescara) che mercoledi’ pomeriggio si era allontanata improvvisamente dalla sua abitazione. Ad individuare il corpo e’ stato l’elicottero della polizia. La 47enne, con problemi di depressione, due giorni fa si era allontanata senza dire nulla alla famiglia e senza lasciare un biglietto. Era stato il marito a dare l’allarme. (AGI) .

(AGI) – Amsterdam, 3 lug. – L’affermazione di Varoufakis che l’accordo tra Grecia e commissione europea e’ viiono “e’ completamete falsa”. Lo sostiene il presidente dell’Eurogruppo, Jeroren Dijsselbloem. Il ministro delle Finanze greco aveva in precedenza affermato che un’intesa e’ “imminente” a prescindere dai risultati del referendum di domenica sulla proposta dei creditori. Il governo greco, secondo Dijsselbloem, ha scelto “una strada molto rischiosa”. E a prescindere dall’esito del refererendum, il numero uno dell’Eurogruppo vede per la Grecia un futuro “estremamente difficile”. Inoltre Dijsselbloem nega che i creditori abbiano fatto nuove offerte alla Grecia. (AGI) .

(AGI) – CdV, 3 lug. – Papa Francesco ha nominato il vicecomandante della Guardia svizzera Pontificia Philippe Morard, con il grado di tenente colonnello. Lo rende noto un Bollettino della Santa Sede. (AGI) .

Flag Counter