Newsletter

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Pechino, 8 lug. – La bolla della borsa cinese, che in 12 mesi e’ cresciuta di oltre il 150% fino al 12 giugno scorso, e’ ormai scoppiata. La borsa di Shanghai ha apperna aperto registrando un tonfo del 6,97%, segnando – salvo ritracciamenti in corso d’opera – una perdita di oltre il 35% in meno di un mese. Il tutto nonostante le misure adottate dalle autorita’ cinesi e la sospensione di oltre 500 titoli dagli scambi. Non ha fatto meglio quella di Hong Kong che perde il 4,74 % in paertura di contrattazioni. La crisi finanziaria in Cina e’, secondo un’analisi del Daily Telegraph, il vero problema, rispetto “pantomima greca”. Secondo Jeremy Warner, vicedirettore e analista economico del Telegraph, “mentre gli occidentali si stanno concentrando sulla Grecia, una crisi finanziaria potenzialmente molto piu’ significativa si sta sviluppando dall’altra parte del Mondo. Quella che alcuni stanno iniziando a chiamare il 1929 cinese”, da nome della piu’ celebre crisi economica del secolo scorso, “che innesco’ la grande depressione”. (AGI) .

(AGI) – Washington, 8 lug. – Altro che la “mancanza di una strategia complessiva” contro Isis, che lo stesso Barack Obama aveva riconsciuto non avere lo scorso 9 giugno all’ultimo G7 in Germnaia. Il cosiddetto piano di addestramento americano dei ribelli siriani ‘buoni’ per combattere lo Stato Islamico si sta rivelando un flop totale: finora solo 60 guerrieri anti-Isis hanno completato l’addestramento ed il problema e’ che non ce ne sono molti altri. A confessare il fallimento, il ministro della Difesa Ashton Carter, ammettendo che “questi sono numeri molto piu’ bassi di quanto avessimo sperato” ha detto Carter sottolineando che “questo programma (di addestramento) e’ essenziale. Abbiamo bisogno di un partner sul terreno per assicurare uan sconfitta duratura di Isis”. Il piano originale, per evitare di inviare truppe di terra americane (“boots on the ground”) dopo l’Iraq anche in Siria e limitarsi solo ai radi aerei, aveva visto a gennaio lo stanziamento di 500 milioni di dollari per addestrare 5.400 ribelli moderati. Non 60. (AGI) .

(AGI) – Washington, 8 lug. – In Italia e’ in vendita solo dal
26 giugno ma negli Usa l’ultimo oggetto del desiderio degli
‘Apple Addicted’, l’Apple Watch dopo un’iniziale successo al
suo apparire a fine aprile (fino ad 1,5 milioni di pezzi), ha
visto le vendite crollare anche del 90%, un autentico mezzo se
non totale flop. E’ quanto riferisce il sito MarketWatch del
gruppo Dow Jones.
Dal picco di aprile, quando viaggiava sui 200.000 pezzi al
giorno, ora le vendite viaggiano in media sui 20.000 Apple
Watch. A fine giugno ne sono stati venduti anche solo 4/5.000.
Market Watch riporta una riecrca degli analisti di Slice
Intelligence che sottolineano come peraltro due terzi dei
gadget venduti appartengono alla versione base da ‘soli’ 349
dollari, invece della versione piu’ ricca da 549. Piu’ che un
flop e’ stata la vendita delle versioni top che partivano dai
10.000 dollari. Ne sono state vendute finora meno di 2.000.
I prezzi in Italia, come sopesso per tutti i prodotti di
Cupertino, sono piu’ alti: la versione base (watch sport) viene
419 euro, si passa poi ad una versione piu’ sofisticata (watch)
che arriva ad un massimo di 1.269, per giungere al top di gamma
(watch edition), il cui modello piu’ esclusivo raggiunge i
18.400 euro che nella versione . Al momento non si hanno dati
su come le vadano le vendite in Italia. (AGI)
.

(AGI) – Bruxelles, 7 lug. – Il presidente Mario Draghi “ha ci ha assicurato che la Bce fara’ il necessario per tenere a galla le banche greche fino a domenica”. Lo ha affermato il cancelliere tedesco Angela Merkel. E il fatto che la Bce “garantira’ fino a domenica, in condizioni estremamente difficile, una liquidita’ minima per la Grecia”, ha ribadito il presidente francese Francois Hollande al termine del Vertice Euro. .

(AGI) – Bruxelles, 7 lug. – Domenica si terra’ un vertice sulla Grecia, questa volta con tutti e 28 gli Stati dell’Ue. Lo ha annunciato il cancelliere tedesco Angela Merkel al termine dell’Eurogruppo. Il vertice di domenica “e’ stato concordato perche pensiamo che la situazione sia molto pericolosa”, ha spiegato il cancelliere che poi ha detto che la Grecia “ha bisogno di un piano per il lungo periodo, un programma per diversi anni, che va oltre quello discusso dieci giorni fa”. Angela Merkel ha poi aggiunto: “Spero che questa settimana arrivino sufficienti proposte di riforme” dalla Grecia “in modo da poter chiedere al Parlamento tedesco di approvare negoziati su un nuovo programma di aiuti a lungo termine”. La nuova proposta di Atene e’ attesa entro giovedi’ sera per essere discussa venerdi’ dall’Eurogruppo.

Tsipras: buona discussione, concluderemo entro domenica

Il premier ellenico Alexis Tsipras intanto assicura: la nuova proposta del governo greco “include riforme credibili”. La discussione “e’ stata positiva, l’obiettivo e’ concludere il processo entro domenica”, ha aggiunto.

Renzi: il clima e’ molto peggiorato dopo il referendum

“Siamo nel momento piu’ critico della nostra storia”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, avvertendo che “tutti hanno la responsabilita’ di trovare una soluzione” per evitare “il fallimento della Grecia e delle sue banche”. “Non ho mai parlato di scadenze – ha aggiunto – ma oggi dico che abbiamo solo cinque giorni per trovare un accordo finale”.

Grecia: Tusk e Junker, pronti a un’uscita di Atene dall’euro

Non si puo’ escludere lo scenario peggiore, ossia l’uscita dalla Grecia dall’Eurozona. Lo ha affermato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. “Siamo printi a tutto, anche a una Grexit”, ha spiegato il presidente che da’ alla Grecia 5 giorni di tempo per arrivare alla soluzione finale, ma non esclude lo scenario peggiore: quello del mancato accordo, che comporterebbe una crisi innanzitutto umanitaria e porterebbe all’uscita della Grecia dall’Euro. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha aggiunto che e’ pronto “un piano dettagliato per la Grexit”, pur dicendosi contrario. Domenica si tornano a riunire i capi di Stato e di governo dell’Eurozona e quelli dell’Ue, per arrivare alla soluzione definitiva o constatare il fallimento, ha spiegato.

Anche se si ribadisce “fermamente contrario all’ipotesi di una Grexit”, il presidente Jean-Claude Juncker ammette che “la Commissione europea e’ pronta a tutto. Abbiamo uno scenario sulla Grexit preparato nei dettagli, abbiamo anche uno scenario per fornire aiuti umanitari e ne abbiamo uno, ed e’ il mio preferito, per agire ora e tenere la Grecia in area euro”. Ma, ha detto Juncker nella conferenza stampa al termine dell’Eurosummit, lo scenario Grexit “non possiamo evitarlo se il governo greco non fa quello che ci aspettiamo faccia e se non rispetta la dignita’ del popolo greco”.

(AGI) – Bruxelles, 7 lug. – La discussione “e’ stata positiva, l’obiettivo e’ concludere il processo entro domenica”. Cosi’ il premier greco Alexis Tsipras. “Il processo – ha assicurato – sara’ rapido. Comincera’ nelle prossime ore ore con l’obiettivo di concludere entro la fine della settimana”. “La Grecia continuera’ i suoi sforzi, avendo dalla sua parte la potente arma del verdetto del popolo greco”, ha aggiunto. Poi spiega che la nuova proposta del governo greco “include riforme credibili”. E aggiunge: “Sono pronto a fare uno sforzo per arrivare ad un accordo che garantisca una uscita dalla crisi”. .

(AGI) – Roma, 7 lug. – “La decisione di stasera e’ di aspettare fino a domenica una proposta greca” e domenica ci sara’ una nuova riunione dei ventotto. Lo ha detto Matteo Renzi lasciando l’Eurosummit. Bisogna impegnarsi in queste ore per “chiudere un accordo entro domenica”, ha aggiunto il premier italiano che poi ha spiegato che al momento “non ci sono le condizioni per un discorso strategico sul debito”. Secondo Renzi, restano le perplessita’ di molti leader europei sulla situazione greca: “Il clima non mi pare migliorato dopo il referendum”. .

(AGI) – Napoli, 7 lug. – Tre fermati per omicidio e tentato omicidio a Napoli. I carabinieri hanno chiuso le indagini per quanto accaduto questa mattina nel mercato ortofrutticolo di Volla, dove un 23enne e’ stato ucciso e un 33enne ferito in una lite scaturita per futili motivi. Dopo un lungo interrogatorio del pm della Procura di Nola, decreto di fermo per Salvatore Aveta, 47 anni, il figlio di questi diciottenne Ciro e Michele Maio, 23 anni. I reati contestati sono quello dell’omicidio Giovanni Galluccio e del tentato di omicidio di Giuseppe Sarracino. La lite che e’ all’origine della tragedia e’ scoppiata ieri tra Salvatore Aveta e Galluccio, dipendente di una ditta del mercato ortofrutticolo. Ed oggi Salvatore Aveta, insieme agli altri due, e’ tornato armato per una ‘spedizione punitiva’. Elementi per l’accertamento delle responsabilita’ sono arrivati, oltre che dalle dichiarazioni dei testimoni, anche dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza. I tre sono stati rintracciati e portati in caserma nel primo pomeriggio e poi fermati. Ancora in corso una accurata ricostruzione dei fatti. .

(AGI) – Londra, 7 lug. – In un mercato musicale che nel Regno Unito e’ cresciuto a fine 2014, in totale, del 4%, si registra il boom delle vendite di vinili, che gia’ nei primi sei mesi del 2015 sono state superiori del 56,3% a quelle rilevate nello stesso periodo dell’anno scorso. Secondo i dati diffusi dalla British Phonographic Industry, l’associazione di categoria delle imprese musicali, i britannici sembrano quindi continuare ad apprezzare i ‘vecchi’ vinili: se il trend continuera’, alla fine di quest’anno in tutto il Regno Unito ne saranno stati venduti almeno 2 milioni di pezzi, praticamente quanti se ne vendevano nel 1994. Il grande protagonista della musica contemporanea, tuttavia, sembra essere soprattutto lo streaming, che nei primi sei mesi di quest’anno ha fatto registrare un +80% rispetto allo stesso periodo del 2014. Gia’ al 31 dicembre scorso, tuttavia, le tracce ascoltate in streaming erano state 14,8 miliardi: ben il doppio rispetto al 2013. .

(AGI) – Cambrai,7 lug. – Il pave’ incorona Tony Martin, vincitore oggi della quarta tappa e nuova maglia gialla. A Vincenzo Nibali, magra consolazione, il premio combattivita’ per i suoi diversi attacchi odierni, lungo le strade famose per la Parigi-Roubaix, risultati pero’ tutti vani. Chris Froome intanto perde la vetta della classifica generale ma dimostra di essere in grande forma.Questi gli spunti principali dell’odierna quarta frazione del Tour de France 2015, la piu’ lunga di questa 102esima edizione della corsa gialla (223.5 km.), caratterizzata da sei tratti di strada in pietra, che ha portato la carovana da Seraing (Belgio) a Cambrai (Francia). Martin, tedesco della Etixx – Quick Step, e’ stato abile a scattare in solitaria a tre chilometri dall’arrivo ed e’ giunto per primo sotto il traguardo di Cambrai, precedendo di tre secondi il gruppo dei migliori. Sul podio un altro tedesco, John Degenkolb (team Giant Alpecin, secondo) e lo slovacco Peter Sagan (Tinkoff Saxo, terzo).Al via di questa quarta giornata gialla mancano sette corridori, rispetto ai 198 scattati da Utrcht. Ai ritiri di ieri di Tom Dumoulin (Giant Alpecin), Simon Gerrans (Orica GreenEdge), Dimitry Kozontchuk (Team Katusha) e William Bonnet (Fdj), che aveva involontariamente scatenato il discusso incidente e operato gia’ questa mattina per ridurre la frattura alla vertebra cervicale, si sono aggiunti quelli di Fabian Cancellara (Trek Factory Racing), Daryl Impey (Orica GreenEdge) e Andreas Schillinger (Bora Argon 18).Subito sono andati in fuga in quattro: Lieuwe Westra (Astana), Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Perrig Quemeneur (Europcar), Frederic Brun (Bretagne). Hanno resistito per buona parte della tappa, prima di essere ripresi nel momento cruciale della frazione odierna, ovvero durante i sei tratti di pave’ raccolti in 40 km.,affrontati dalla carovana poco prima della fase finale della tappa con 13 km. di pianura e il primo arrivo in terra di Francia.Il siciliano Nibali, aiutato dalla sua Astana, ha provato piu’ volte ad attaccare lungo la strada in pietra a lui sorridente lo scorso anno ma hanno risposto bene tutti gli altri big e in particolare il britannico Froome, spalleggiato alla grande dal suo team (Sky). Nessuna variazione, o quasi, dunque, in classifica generale. Il primo dei big e’ sempre Froome, che precede lo spagnolo Alberto Contador (Tinkoff Saxo) di 36″, Vincenzo Nibali di un minuto e 38″ e il colombiano Nairo Quintana (Movistar) di un minuto e 56″. La nuova maglia, la quarta in quattro giorni, ha invece 12″ di vantaggio su Froome, secondo nella graduatori complessiva.Domani e’ in progrmma la quinta frazione della Grande Boucle, la Arras Communaute’ Urbaine – Amiens Metropole, di 189.5 chilometri, dedicata, salvo sorprese, agli sprinter. .

Flag Counter