Newsletter

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Campobasso, 23 giu. – L’assessore regionale alle attivita’ produttive della Regione Molise, Massimiliano Scarabeo, e’ stato arrestato questa mattina dalla Guardia di Finanza. L’indagine riguarda presunti reati di natura fiscale. Scarabeo e’ stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. Nella tarda mattinata e’ prevista una conferenza stampa per illustrare i dettagli della vicenda. Ai domiciliari, oltre all’assessore regionale del Partito Democratico, e’ finito anche il fratello Gabriele. La Procura della Repubblica di Isernia ha disposto una serie di perquisizioni in abitazioni e imprese della provincia di Isernia e negli uffici dell’Assessorato guidato da Scarabeo. (AGI) .

(AGI) – Palermo, 23 giu. – Una lite per il pieno di carburante, considerato troppo caro, e’ il movente dell’omicidio del benzinaio ucciso sabato a Palermo. Lo ha confessato Mario Di Fiore, 63 anni, muratore in pensione, arrestato dalla polizia. Durante l’interrogatorio davanti al pm Ennio Petrigni, l’uomo ha ammesso le sue responsabilita’ e ha detto di aver sparato contro Nicola Lombardo, 44 anni, dopo un’accesa discussione sul prezzo della benzina. Colpito alla milza, Lombardo era deceduto alcune ore dopo in ospedale. (AGI) .

(AGI) – Pechino, 23 giu. – Bank of China si dice pronta a soddisfare le richieste provenienti dalla magistratura italiana. In un comunicato alla Borsa di Hong Kong, Bank of China spiega che “seguira’ da vicino lo sviluppo dei procedimenti legali e fornira’ tempestive comunicazioni in base alle leggi e ai regolamenti” alle autorita’ italiane, anche se finora non avrebbe ricevuto alcuna comunicazione da parte della magistratura. Nella nota, la banca di stato cinese precisa anche il proprio impegno in chiave anti-riciclaggio. La procura di Firenze sta indagando sul caso di sospetto riciclaggio ed evasione fiscale per oltre quattro miliardi di euro in cui sono coinvolti 297 cittadini, molti dei quali cinesi residenti in Italia, e la filiale di Milano di Bank of China, uno dei quattro colossi bancari statali cinesi. Il periodo preso in considerazione dalle indagini e’ quello tra il 2007 e il 2010. Oltre alla filiale milanese della banca di Stato cinese, coinvolto nell’inchiesta c’e’ anche il servizio di money transfer Money2Money, usato, secondo gli inquirenti, per raccogliere i proventi di operazioni illecite. (AGI) .

(AGI) – Washington, 23 giu. – Dagli archivi del Pentagono emerge un nuovo orrore. Durante la II GUerra Mondiale l’esercito americano condusse dei test con gas vescicante mostarda (il piu’ noto e’ la famigerata iprite del I conflitto) su 60.000 soldati americani, molti neri, orinetali, ispanici e alcuni bianchi per verificare come la pelle, solo sulla base del colore, reagisse in modo diverso alle sostanze urticanti ma potenzialmente letali a dosi concentrate. E’ quanto rivela un servizio della Npr (la radio pubblica americana) che racconta i particolari di questo aberrante programma di test (che puo’ in qualche modo ricordare gli esperimenti effettuati dai medici nazisti nei campi di concentramento) formalmente declassificato nel 1993 ma che finora non era venuto alla luce. La Npr fa ascoltare la testimonianza di Rollins Edwards, soldato nero che racconta che gli ufficiali al suo comando ordinarono, a lui e a decine di altri commilitoni, di entrare in quelle che a prima vista sembravano piccole stanzette di legno per poi lasciarli all’interno dopo aver chiuso la porta da fuori. Dopo poco da alcun tubi veniva fatto penetrare un mix di gas mostarda e di un altro gas, la lewisite, ancora piu dannoso del primo. “Mi sono sentito come se avessi preso fuoco”, racconta Edwards, oggi 93enne, “e sentivo gli altri ragazzi urlare, gridare e cercare di rompere la porta. Alcuni persero i sensi. Solo alla fine aprirono le porte per lasciarci uscire e molti di questi tizi erano davvero in pessime condizioni”. Alla fine, dice sempre Edwards, “ci dissero che eravamo sottoposti a questi test per vedere gli effetti di questi gas sulla pelle nera”. Ma il Pentagono non si limito’ ad usare soldati americani afroamericani. Uso anche nippo-americani e portoricani. La stessa sorte tocco’ ad una minoranza di bianchi usati come ‘cavie’ normali per confrontare gli effetti dei gas sulla loro pelle rispetto a quelle delle minoranze. Il tutto senza che poi a nessuna delle vittime di questi test fosse concessa assistenza medica. Messo alle strette il Pentagono ha riconosciuto la veridicita’ dell’inchiesta ma il portavoce, il colonnello Steven Warren si e’ affrettato ad operare una netta distinzione tra quanto faceva la Difesa nella II Guerra Mondiali, 70 anni fa, e quanto accade oggi. (AGI) .

(AGI) – Washington, 23 giu. – La Marina americana e’ a corto di navi da trasporto anfibie (ne ha 30 ma gliene servono altre 8 che non saranno pronte prima del 2028) per consentire rapidi interventi dei Marine nelle zone calde del pianeta. Per scongiurare di ripetere l’errore del mancato intervento a Bengasi, che vide l’11 settembre del 2012 l’assalto del consolato Usa e l’uccisione del ambasciatore Chris Stevens, il corpo dei Marine sta valutando la possibilita’ di schierare contingenti fino a 120 uomini e 3/4 convertiplani (velivoli bimotori che decollano come elicotteri e volano come aeroplani) Osprey V22 su navi da guerra di Paesi alleati, tra cui le portaeromobili della Marina militare italiana. E’ quanto riferisce il quotidiano Usa Today aggiungendo che il Pentagono sta prendendo in considerazioni anche navi spagnole, britanniche e francesi. Ma al momento e’ l’Italia il Paese Nato che sulla carta ha il maggior numero di unita’ in grado di ospitare i Marine: si tratta delle navi d’assalto anfibio San Giorgio, San Marco e San Giusto e le due portaerei Giuseppe Garibaldi e Cavour. La Gran Bretagna priva di portaerei, ha tre navi da attacco anfibio. La Francia ha una grande portaerei a propulsione nucleare, la Charles de Gaulle e tre navi d’assalto anfibio classe Mistral. La spagna ha una nave d’assalto anfibio (Juan Carlo I) e due unita’ da trasporto anfibio, la Galicia e Castilla, mentre non ha piu’ la portaerei principe delle Asturie. (AGI) .

(AGI) – Londra, 23 giu. – Al Pentagono c’e’ chi getta benzina sul fuoco delle tensioni con la Russsia. Il generale di squadra aerea Stephen Wilson, a capo di una delle unita’ piu’ importanti della Difesa Usa, il comando dei missili balistici intercontinentali nucleari (Icbm) e dei bombardieri strategici (lo ‘Air Force Global Strike Command’), ha indirettamente accostato il potere sommato nelle sue mani da Vladimir Putin a quello che aveva Adolph Hitler nel 1930. Il generale Wilson, riferisce il britannico The Independent, ritiene di “non aver mai visto cosi’ tanto potere nelle mani di una persona in Russia e alcune delle cose che stanno facendo i russi non si vedevano dagli anni ’30, quando interi Paesi erano stati annessi e confini cambiati per decreto”. Duplice riferimento alla Crimea, tornata parte della Russia lo scorso anno, e all’annessione nel 1938 sia dei Sudeti (parte della allora Cecoslovacchia) e all’Anschluss con cui venne fatta proprio l’Austria dalla Germania nazista. Le estremamente ‘schiette’ parole di Wilson coincidono con il momento di massima tensione tra Occidente Russia e seguono l’annuncio di Mosca sullo schieramento di 40 nuovi missili intercontinentali balistici a testate nucleari multiple in grado di forare qualsiasi difesa americana. (AGI) .

(AGI) – Tokyo, 23 giu. – Spinto dall’ottimismo della prossima soluzione della crisi greca l’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha toccato il massimo dall’aprile del 2000. Il Nikkei e’ cresciuto dell’1,06% toccando quota 20.643,76 punti. Il record storico del Nikkei e’ di 20.833,21 punti. (AGI) .

(AGI) – Parigi, 23 giu. – Parrigi si conferma antesignana nella lotta al traffico privato. Dopo aver lanciato per prima nel 2007 l’esperimento di Velib, i parcheggi diffusi in tutta le citta dove noleggiare al minuto le biciclette, e aver diffuso i sistemi di ‘car-sharing’, ora innova nuovamente sperimentando un servizio di noleggio di scooter elettrici. Il piano, voluto dal sindaco socialista Anne Hidalgo, che ha fatto della lotta all’inquinamento da traffico la sua crociata, prevede una fase di test della durata di 4 mesi con 70 scooter elettrici. Prodotti dalla tedesca Govecs hanno una velocita’ massima di 45 km/h ed un’autonomia di 100 km. L’obiettivo e dal primo gennaio avere 1.000 scooter elettrici in giro per la Ville Lumiere. IL costo sara’ di 3 euro ogni 15 minuti. Si scarichera’ un’applicazione sullo smartphone che informera’ dove si trova lo scooter e di quanta carica ancora dispone. A quel punto si prenotera’ e l’utente ricevera’ un sms con il codice di sblocco e di avvio. Non ci sara’ bisogno di chiavi e il casco si trovera’ sotto la sella. Una volta terminato il percorso, lo scooter sara’ parcheggiato in uno degli spazi appositi della citta’, e attaccato a colonnine per la ricarica. (AGI) .

(AGI) – Londra, 23 giu. – Il mercato immobiliare londinese ha toccato nuovi picchi assoluti: un solo metro quadro di una casa nei quartieri piu’ esclusivi e costosi, Chelsea e Kensignton, ha raggiunto la quotazione record di 11.635 sterline pari a 16.235 euro. Rispetto al 2014 la valutazione dello stesso metro quadro e’ aumentato di 800 sterline (1.116 EURO). E’ quanto riferisce il Guardian citando i dati del colosso imobilizare Halifax in un articolo dal titolo scherzoso “Surreal estate”, che fa il gioco con il termine “real estate” che indica il mercato immobiliare. In sintesi per un buco di 50 metri quadri a Chelsea (quartiere adorato dagli italiani) e Kensington non si riuscira’ a spendere meno di 581.750 sterline, ossia 811.000 euro. A seguire nella lista dei quartieri piu’ costosi ci sono Mayfair, Belgravia e Knightsbridge, dove il costo al metro quadro di una casa e’ di 9.571 sterline (13.300 eruo). Si scende poi se si sceglie il quartiere meno centrale ma piu’ alla moda di Camden, a nord, dove si spendono solo 8.829 sterline al metro quadro (12.317 euro). (AGI) .

(AGI) – Washington, 23 giu. – Qualcosa inzia a muoversi dopo la strage di Charleston dove un bianco razzista di 21 anni ha ucciso 9 neri in una chiesa. Il colosso della grande distribuzione Usa, Wal-Mart ha annunciato di aver rimosso da tutti i suoi negozi e dal suo sito web tutti i prodotti che riproducono la bandiera confederata, simbolo del sud segregazionista e razzista. Oggi il governatore repubblicano del South Carolina, la signora Nikki Haley, aveva chiesto di rimuovere dalla cupola del Campidoglio locale la bandiera confederata. (AGI) .

Flag Counter