Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – La battaglia d’autunno degli smartphone è cominciata da un po’: si è visto cosa hanno sfornato OnePlus e realme e come si è presentata per la prima volta sul mercato europeo la nuova scommessa di questa stagione: vivo. Ma una delle mosse più attese era quella di un’altra cinese, Oppo, anche lei parte della galassia Bkk che ha generato OnePlue e realme e che in primavera aveva sparigliato le carte con un flagship sorprendente come il Find X2. Questo autunno ha rilanciato la scommessa con una nuova edizione della serie Reno: Reno4 Pro, Reno4 e Reno4 Z.

Nel terzo trimestre del 2020 il mercato degli smartphone ha dato segnali importanti, che fanno sperare in una ripresa del mercato anche se lo spettro dei nuovi lockdown potrebbe abbbattersi su una fetta importante come la fascia medio-alta. La stessa fascia in cui si inserisce questa serie 4 che si presenta sul mercato con un prezzo ‘importante’: quasi 800 euro.

Un’impegno giustificato dal fatto che Oppo è ormai saldo in quinta posizione tra i principali venditori sia in Europa che in Italia con un porzione del 6% del mercato, ma con ina crescita che sfuioira il 1000%

Se con il Find X2 l’obiettivo era quello di piazzare una bandierina nella fascia premium appannaggio di Samsung e Huawei, è chiaro che questo Reno4 Pro è pensato per quella medio-alta che pure è la più vulnerabile di fronte alle oscillazioni di mercato. Lasciato allo spin-off realme il compito di presidiare l’area economica (e lo fa benissimo con la serie 7), Oppo sembra lanciarsi in quel complicato segmento in cui si danno battaglia Xiaomi, Samsung e OnePlus.

Oppo ha sempre rivendicato il video come  principale punto di forza tecnico. Come marchio di telefonia 5G specializzato nelle riprese video, ha completamente aggiornato le funzionalità video di Reno4 e Reno4 Pro, con diverse tipologie di scene.  In particolare, per risolvere le problematiche legate alla sfocatura delle immagini e migliorare la nitidezza degli scatti notturni, il Reno4 Pro ha implementato la funzione “Ultra Night Video”.

Per quanto riguarda l’hardware, l’OPPO Reno4 Pro è dotato di un obiettivo video grandangolare ultra-night IMX708 di Sony, che offre un campo visivo di  ampiezza pari a 120 gradi, un sensore da 1/2,43” con una dimensione di un singolo pixel fino a 1,4μm. Infine, è in grado di supportare anche quattro pixel in uno, operando a una maggiore esposizione con una più elevata sensibilità alle condizioni di scarsa luminosità.

Un algoritmo sviluppato dalla casa e chiamato “Moonlight Video” aumenta la luminosità dello schermo durante le riprese notturne e la nitidezza dell’immagine  rispettivamente del 74,4% e del 33,7%.

Sul fronte delle vubrazioni, è equipaggiato con l’ultimo Ultra Steady Video 3.0. Quando si combina un obiettivo video ultra-grandangolare, la stabilizzazione dell’immagine super steady e l’algoritmo sviluppato da OPPO, la capacità anti-shake del video rear-facing viene migliorata, con il risultato di un effetto più stabilizzato.

Per quanto riguarda, invece, l’attività di montaggio video, l’applicazione di editing video intelligente Soloop, presenta 10 tra i più popolari filtri per film, e un generatore video intelligente è in grado di identificare i momenti principali all’interno di tutte le riprese e di modificarli automaticamente in un filmato unico.

La fotocamera posteriore dell’OPPO Reno4 Pro è una combinazione “3+1” composta da una fotocamera principale ad alta definizione da 48MP, un obiettivo ultra-grandangolare da 12MP, un teleobiettivo da 13MP e un obiettivo con autofocus a rilevamento laser. Tra questi, la telecamera principale è un sensore Sony IMX586, che supporta una funzione OIS ottica anti-shake.

Ma il vero punto di forza è la velocità di ricarica: sia  Reno4 che Reno4 Pro sono dotati di del sistema di ricarica rapida SuperVOOC 2.0 da 65W che detiene il record di capacità di ricarica commerciale più veloce del settore: ci vogliono solo circa 36 minuti per caricare completamente la batteria da 4000 mAh.

Inoltre, OPPO Reno4 Pro ottimizza il risparmio energetico attraverso la sua funzionalità Smart Power Saver. In aggiunta, con l’algoritmo OFusion, il consumo energetico è ottimizzato del 40% durante le riprese video. Infine, analizzando la routine di sonno di un utente, Reno4 Pro ottimizza il consumo energetico durante la notte fino al 10% entrando in modalità standby.

Una tecnologia infgomrante che però non influisce nè suylle dimensioni – il Pro è spesso 7,6mm – né sul peso: 172 grammi. Lo schermo è il solito Amoled curvo 3D da 6,5” che supporta una frequenza d’aggiornamento di 90Hz e una frequenza di campionamento di 180Hz..

Sia OPPO Reno4 che Reno4 Pro sono configurati con un chip Qualcomm Snapdragon 765G integrato 5G e supportano la rete dual-mode SA/NSA. Grazie all’antenna surround 2.0 a 360°, la velocità di upload e download 5G è aumentata del 20% in un ambiente con segnale debole e del 30% in un ambiente con Wi-Fi. L’accelerazione a doppio canale 5G+Wi-Fi fornisce un’esperienza più veloce.

Il prezzo, si è detto, è da fascia medio-alta: il Reno4 Pro con 12GB di RAM e 256GB di ROM, è disponibile a 799 euro.

Flag Counter