Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – I Rolling Stones hanno intimato al presidente americano, Donald Trump, di non usare più le loro canzoni nei suoi comizi o per la sua campagna elettorale. La presa di distanza arriva dopo che la campagna di Trump ha usato la canzone You Can’t Always Get What You Want al raduno della scorsa settimana a Tulsa, in Oklahoma. Lo stesso brano venne utilizzato dalla prima campagna di Trump per le elezioni americane del 2016. Già allora la band twitto’ “I Rolling Stones non appoggiano Donald Trump“. Ma il braccio di ferro ora rischia di diventare una battaglia legale.

Il team di avvocati del celeberrimo gruppo britannico ha infatti reso noto che sta lavorando con l’organizzazione per i diritti dello spettacolo, l’Imc, per fermare l’uso non autorizzato della loro musica. “Ulteriori passi per impedire” a Trump l’uso del materiale dei Rolling Stones in future campagne presidenziali sono diventati necessari dopo che le precedenti “richieste e direttive” erano state ignorate. Secondo quanto riferito, l’Imc ha notificato alla campagna di Trump per conto degli Stones che l’uso delle loro canzoni senza autorizzazione costituira’ una violazione dell’accordo di licenza e sara’ soggetto ad azioni legali. Nei giorni scorsi anche la famiglia del defunto musicista Tom Petty aveva formalmente diffidato Trump dall’utilizzo nella sua campagna del brano ‘I Won’t Back Down’. 

Flag Counter