Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il sistema satellitare Sentinel-2 dell’Unione Europea ha catturato ieri un’immagine abbastanza chiara dell’enorme blocco di ghiaccio che si è staccato di recente dalla piattaforma Amery in Antartide. Dall’immagine D28, come è stata chiamato l’iceberg gigante di 315 miliardi di tonnellate, si vede in tutta la sua gloria. Il blocco di 1.636 chilometri quadrati si è staccato dalla Amery due settimane fa e si è già girato di 90 gradi.

I venti e le correnti vicino alla costa dell’Antartide tendono a spingere i grandi iceberg in direzione occidentale. Spesso si scontrano con la costa, facendo cadere altri pezzi dalla banchisa. E da quanto sembra, D28 potrebbe andare in collisione frontale con un’altra parte di Amery. Con la fine della lunga “notte polare” dell’Antartide e il Sole sempre più in alto nel cielo, il sistema Sentinel-2 sta di nuovo monitorando i cambiamenti in tutto il continente. Come sensore ottico, il sistema a due veicoli spaziali può vedere solo parti illuminate della superficie terrestre.

Nei giorni bui invernali, i satelliti radar come il sistema Sentinel-1 sono l’unico modo per tenere il passo con gli sviluppi. D28 è il più grande blocco di ghiaccio che si è staccato da Amery in oltre 50 anni. La piattaforma di ghiaccio, la terza più grande in Antartide, è un canale di passaggio chiave per l’Est del continente. È essenzialmente l’estensione galleggiante di un certo numero di ghiacciai che scorrono dalla terra verso il mare. Con la “nascita” di D28 potrebbero rompersi degli equilibri.

Flag Counter