Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Sono almeno due i morti nell'esplosione in un panificio a Parigi. Si tratta di due pompieri, ha riferito il ministro dell'Interno, Cristophe Castaner. In una prima nota il ministro dell'Interno francese aveva parlato di quattro morti, salvo poi correggere la comunicazione. Lo ha precisato lo stesso ministro su twitter.

Sono in tutto 36 i feriti nell'esplosione. È stato medicato e sta bene l'inviato di 'Carta bianca' Valerio Orsolini, che dalla sua stanza d'albergo, di fronte al panificio, ha filmato la scena dell'esplosione. Nel racconto che accompagnava le immagini Orsolini, ha detto, tra l'altro: "Mi è esplosa in faccia". Altri due sarebbero i feriti italiani, tra cui una ragazza di Trapani che lavorava in un albergo vicino il luogo dell'esplosione.

Durante le prime ore della mattinata una forte esplosione è avvenuta in una panetteria nel nono arrondissement a Parigi. La deflagrazione, causata da una fuga di gas, è avvenuta in rue de Tre'vise 6 intorno alle 9. Sul posto erano già al lavoro alcuni pompieri – almeno tre di loro sono rimasti feriti – allertati per la fuoriuscita di gas che ha portato a un incendio e poi all'esplosione distruggendo il pianterreno del palazzo e facendo saltare i vetri delle finestre degli edifici adiacenti.

"Dormivamo tutti e c'è stato un rumore, pensavamo fosse un terremoto", racconta un giovane che abita nella strada adiacente, rue Montyon. "Siamo andati giù e abbiamo visto un edificio in fiamme", aggiunge il fratello. "Sono stato svegliato dall'esplosione", racconta Claire Sallavuard che vive nell'edificio in cui si trova la pasticceria.

"Tutte le finestre dell'appartamento sono esplose, tutte le porte aperte che erano aperte sono uscite dai cardini, per lasciare la stanza ho dovuto camminare sulla porta, i bambini sono stati presi dal panico, non potevano uscire dalla loro camera", aggiunto. La famiglia è stata evacuata con una scala dei vigili del fuoco dal primo piano.

Sulle strade, diversi turisti, con valigie in mano, hanno evacuato i numerosi hotel della zona centrale della capitale parigina. Altri, invece, sono piombati sui marciapiedi ancora in pigiamo.
Intorno alle 10 si sono recati sul luogo anche il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, e il procuratore di Parigi, Re'my Heitz. 

Flag Counter