Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Tokyo, 24 mag. – “La odiavo, mi ha reso la vita impossibile”: cosi’ un 68enne giapponese si e’ giustificato davanti alla polizia per aver gettato le ceneri della moglie defunta nel wc di un supermercato di Tokyo. Frammenti ossei della donna, morta a 64 anni per una malattia, erano stati ritrovati il mese scorso, ma si e’ riuscito a ricostruire la vicenda solo dopo la confessione del marito. La polizia era stata allertata dagli impiegati del supermercato che avevano trovato nel gabinetto resti umani tra cui si distingueva chiaramente un mento. L’uomo ha raccontato agli agenti di aver gettato i resti dell’odiata moglie subito dopo i funerali. Un portavoce della polizia ha annunciato che la procura di Tokyo sta valutando se formulare nei confronti dell’uomo l’accusa di abbandono di cadavere, anche per aver violato la legge che consente di disperdere le ceneri sono in luoghi stabiliti. (AGI) .

Flag Counter