Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – “È appena arrivata una nota di Aspi con cui ci ha comunicato” l’adesione “al testo dell’accordo chiedendo la sola eliminazione della clausola dell’articolo 10 in relazione della condizione di efficacia della trattativa societaria”.  Lo ha detto la ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli in audizione di fronte alla Commissione Ambiente della Camera spiegando che “la non accettazione della clausola dell’art. 10 richiama gli impegni assunti da Atlantia e Aspi nella lettera inviata il 14-15 luglio”.

La ministra ha poi aggiunto che “Cdp ha informato i ministri competenti con il carteggio” intercorso tra le parti che dimostra come “la trattativa si sia sviluppata con criteri competitivi”.

“Nell’articolo 10 – ha spiegato la ministra – si prevede che la condizione di efficacia della transazione è subordinata alla realizzazione degli impegni assunti da Atlantia sugli assetti societari con la lettera del 14 luglio. Non c’è niente di segreto, non ci sono atti di forza, c’è semplicemente la riproposizione di un impegno che una delle due parti in campo ha proposto, in questa faticosa, lunga e complessa trattativa, e che il governo ha accettato. In sostanza, è la riproposizione degli impegni assunti nelle lettere del 14 luglio”. 

Lo stallo della trattativa tra governo, Atlantia e Aspi quindi prosegue: “Lo stallo della trattativa consegue in definitiva al fatto che, fino ad oggi, Autostrade si è sottratta alla condivisione dei contenuti tecnico-giuridici dello schema dell’atto negoziale, il quale è all’evidenza imprescindibile allo scopo di definire la procedura di contestazione attivata dopo il tragico evento dell’agosto 2018 (il crollo del Ponte Morandi, ndr), tale da soddisfare l’interesse collettivo affinché la gestione di questa rilevantissima quota della rete autostradale sia ispirata a principi di equità e sicurezza. Lo stallo si è determinato anche in ragione del fatto che Autostrade non intende accettare la condizione sospensiva legata alla finalizzazione della modifica dell’assetto societario del concessionario, prevista appunta nell’articolo 10 dello schema di accordo”, ha spiegato De Micheli. 

Flag Counter