Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – online CheckMe, strumento free per monitorare la sicurezza di accesso a Internet. Realizzato da Almaviva, il sistema pubblicamente accessibile online permette a chi lavora o studia da casa e da remoto di fare un check istantaneo sui rischi della postazione in uso.

CheckMe valuta e identifica alcuni dei rischi primari relativi alla sicurezza della postazione connessa ad Internet (pc, laptop, mobile), utilizzata per lavorare, studiare, per l’intrattenimento o per svolgere transazioni finanziarie private. Collegandosi all’indirizzo la piattaforma di cyber security Joshua, attraverso l’analisi delle risorse informatiche minime necessarie alla navigazione, quindi indirizzo IP e versione del browser, identifica eventuali e possibili minacce correlate e ne dà riscontro all’utente.

“La sicurezza informatica è oggi un tema particolarmente importante: l’intensificarsi dello smart working e della didattica a distanza, la condivisione di reti domestiche con dispositivi eterogenei come smartphone, smartTv, o altri oggetti IoT, espone i dati e i sistemi connessi alle risorse aziendali a rischi di violazione di riservatezza”, dice Antonio Amati, Direttore Generale Divisione IT di Almaviva.

La soluzione effettua un confronto tra le informazioni pubbliche disponibili su Internet, tra cui le versioni dei software rilasciate dai principali produttori di browser web, e gli indirizzi IP di sistemi che hanno mostrato caratteristiche riconducibili a determinati malware e reti di comando e controllo relative a botnet note. Grazie alle informazioni contenute nel data base Joshua CybeRisk Vision, CheckMe fornisce una risposta immediata sullo stato di salute del sistema di collegamento a Internet.

Tre le tipologie di risposta: sistema sicuro, da aggiornare o compromesso. In quest’ultimo caso l’utente sapra’ di dover prendere delle precauzioni. Il monitoraggio di CheckMe avviene accedendo solo a informazioni pubbliche e nel rispetto della Privacy – informa l’azienda in una nota – utilizzando metodi non invasivi che non possono arrecare danno, attraverso cosiddette analisi passive di definizione della superfice d’attacco. Quindi, per verificare i possibili problemi di sicurezza, non viene rivolta nessuna attivita’ di simulazione di attacchi alla rete che effettua il test o al browser dell’utente. 

Flag Counter