Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il 15 luglio si avvicina e la definizione della compagine azionaria della ‘nuova’ Alitalia si va definendo. Lunedì prossimo, infatti, scade il termine per presentare offerte vincolanti per l’ex compagnia di bandiera e il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha affermato che non ci saranno ulteriori slittamenti e che la maggioranza assoluta nella nuova newco sarà in capo a Fs e Mef.

Il Tesoro e Fs avranno quindi il 50% più una azione, come minimo, nella nuova newco. Intanto German Efromovich, primo socio della compagnia colombiana Avianca con il 79%, che si è detto disponibile ad acquistare il tra il 30% e il 40% della newco, è in Italia per sciogliere i nodi e mettere a punto l’eventuale offerta.

Tra i problemi da risolvere il fatto che Avianca fa parte dell’alleanza globale Star Alliance concorrente di Sky Team di cui fa parte Alitalia e Delta e la sostenibilita’ finanziaria dello stesso Efromovich. Non e’ un mistero che Fs e Delta avrebbero preferito avere come partner Atlantia ma, nonostante l’apertura di Di Maio la settimana scorsa (“Se Atlantia vuol fare un’offerta per Alitalia la puo’ fare, l’importante e’ che non pensi che ci siano scambi sul tavolo delle concessioni autostradali”), appare difficile, al momento, un intervento nella partita, della holding dei Benetton.

In trattative anche il gruppo Toto e Claudio Lotito il quale tuttavia non avrebbe ancora fornito le garanzie finanziarie. Il gruppo abruzzese – pronto a investire i 215 milioni incassati dalla vendita di asset eolici negli Usa – ha mandato una lettera a Di Maio nella quale ha scritto di voler essere “un partner industriale di riferimento”. Dal canto loro i sindacati sono molto preoccupati per lo stallo della vicenda e hanno proclamato uno sciopero dell’intero settore del trasporto aereo di 4 ore per il 26 luglio e di 24 ore per piloti ed assistenti di volo del gruppo.

Flag Counter