Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Sono aumentate sensibilmente le esportazioni turche verso la Russia di “beni vitali”, alimentando così le preoccupazioni degli Stati Uniti e dei loro alleati che il Paese agisca da tramite per prodotti sensibili provenienti dai loro stessi produttori. Lo riporta il Financial Times ricordando come il crescente commercio, e il corrispondente aumento delle importazioni in Turchia di 45 materiali civili utilizzati dalle forze armate russe, abbia sicuramente inficiato i tentativi statunitensi ed europei di limitare la capacità di Mosca di equipaggiare le proprie forze armate, alimentando le tensioni tra Ankara e i partner della Nato.

A dimostrazione di come sia diventato prioritario per Washington arginare questo commercio, Brian Nelson, sottosegretario al Tesoro degli Stati Uniti per il terrorismo e l’intelligence finanziaria, si recherà questa settimana a Istanbul e Ankara, dove discuterà degli “sforzi per prevenire, interrompere e indagare sul commercio e sulle attività finanziarie che favoriscono lo sforzo russo nella sua guerra contro l’Ucraina”. 

Sarà il secondo viaggio di Nelson in Turchia quest’anno e arriva in mezzo a indicazioni che alcuni pezzi a doppio uso – identificati dagli Stati Uniti e dai suoi alleati come di particolare valore per la guerra – vengono trasportati direttamente in Russia anche quando sono stati etichettati come destinati a un altro Paese.

Gli sforzi per eliminare questo commercio fantasma verso la Russia sono stati complicati dal fatto che gli articoli hanno applicazioni sia commerciali che militari. Nei primi nove mesi del 2023, la Turchia ha registrato 158 milioni di dollari di esportazioni di 45 beni che gli Stati Uniti elencano come “ad alta priorità” verso la Russia e cinque Paesi ex sovietici sospettati di agire come intermediari per Mosca. Si tratta di un livello tre volte superiore a quello registrato nello stesso periodo del 2022, quando è iniziata la guerra in Ucraina.

Le 45 categorie di merci, che comprendono articoli come microchip, apparecchiature per le comunicazioni e parti come i mirini telescopici, sono soggette a controlli sulle esportazioni di Stati Uniti, Unione Europea, Giappone e Regno Unito, volti a impedirne l’ingresso in Russia. Ma questi controlli possono essere aggirati dalle aziende che utilizzano strutture di intermediazione per mascherare le destinazioni finali. Le importazioni turche di beni ad alta priorità dai Paesi del G7 sono aumentate di oltre il 60% quest’anno rispetto agli stessi periodi del 2015 e del 2021, raggiungendo quasi 500 milioni di dollari.

Secondo Emily Kilcrease, direttrice del Programma Energia, Economia e Sicurezza presso il think tank Center for a New American Security, e secondo quanto riportato dal Ft, il commercio prospera sfruttando le lacune normative tra i controlli sulle esportazioni degli Stati Uniti e l’applicazione dell’UE.

Dal punto di vista ufficiale, invece, i dati della Turchia hanno registrato un aumento delle dichiarazioni di esportazione di beni ad alta priorità verso i Paesi ex-sovietici Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan, ma le agenzie statistiche di questi Paesi non hanno registrato un analogo incremento delle importazioni. Queste ampie discrepanze, segnalano gli analisti, suggeriscono che i prodotti segnalati dalla Turchia come destinati agli intermediari sono stati invece trasportati direttamente in Russia.

Flag Counter