Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – DoorDash, Grubhub, Uber Technologies e gli altri big del food-delivery Usa hanno fatto causa ai regolatori delle grandi città statunitensi, dopo che questi ultimi hanno messo i bastoni tra le ruote alle app, limitandone il campo d’azione. Con la pandemia c’è stato un boom dell’attività di questi popolari servizi che prendono ordini su Internet, accettano pagamenti ed effettuano consegne porta a porta dalla maggior parte dei ristoranti di zona, o anche fuori, consentendo così ai locali di recapitare a casa i pasti, attraverso servizi di consegna a domicilio che di fatto garantiscono i fattorini di aziende come Deliveroo, Foodora, Uber eats, Glovo e Just Eat ub e Uber Technologies. 

Come rivela il Wall Street Journal, DoorDash, Uber e Grubhub hanno fatto causa a New York, definendo “incostituzionale, dannosa e non necessaria” la decisione della città di limitare gli addebiti delle app ai ristoranti. Inoltre DoorDash e Grubhub hanno fatto causa a San Francisco a luglio dopo che la città ha imposto un limite simile.

Le aziende stanno combattendo con i regolatori e i responsabili politici delle grandi città Usa anche per altre pratiche. Chicago ha fatto causa a Grubhub e DoorDash il mese scorso, accusandoli di essere ingannevoli sul modo in cui elencano le tariffe ai clienti e su come trattano i ristoranti, inclusi quelli menzionati sui siti con il loro permesso. I legislatori della California hanno recentemente approvato un disegno di legge che richiede alle app di mostrare ai consumatori quanto guadagnano i ristoranti sul loro ordine.

I singoli locali possono pagare alle app una commissione fino al 30% per un ordine. San Francisco ha limitato le commissioni delle app al 15%, mentre New York City al 23%. DoorDash ha affermato che i limiti alle commissioni si sono tradotti in 26 milioni di dollari di entrate perse nel secondo trimestre. Uber Eats ha dichiarato da parte sua di aver perso oltre 60 milioni di dollari di entrate previste a New York da quando il tetto è entrato in vigore a giugno dello scorso anno. DoorDash, Uber Eats e Grubhub hanno risposto ai limiti di commissione aggiungendo nuove commissioni per i consumatori. 

Secondo una persona che ha familiarità con la società, Uber è stata colpita da circa 100 limiti alle commissioni a livello di città, contea o Stato durante la pandemia, di cui circa 70 sono ancora in vigore. Ha risposto addebitando ai consumatori una nuova “tassa locale temporanea” per compensare la perdita di entrate, che è ancora in vigore in 16 aree geografiche, ha affermato la fonte. Questa commissione è spesso fissata da uno a 3 dollari per ordine e addebitata ai consumatori in aggiunta alle spese di consegna esistenti, alle commissioni di servizio e, a volte, alle commissioni per piccoli ordini. Insomma, le municipalità, le contee e gli Stati pongono limiti alle commissioni delle app di consegna e queste rispondono con nuove commissioni che fanno salire i prezzi della consegne.

Flag Counter