Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – La Procura di Bergamo ha chiesto al Ministero degli Esteri di chiarire se i ricercatori dell’Oms, chiamati a testimoniare nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione della pandemia nella provincia più colpita, godano di ‘un’immunità diplomatica’, come comunicato ai magistrati nei giorni scorsi. Lo apprende l’AGI da fonti qualificate.

L’Oms, non siamo tenuti a presentarci ai pm 

Come anticipato in un promo della puntata di ‘Report’ in onda questa sera e confermato da queste fonti, l’Oms ha spedito da Copenaghen, sede europea, una nota alla Procura e ai ministri degli Esteri e della Salute, Luigi Di Maio e Roberto Speranza, in cui afferma che i suoi ricercatori non sono tenuti a rispondere alle domande dei magistrati per via del loro speciale status. Nel contempo, l’organizzazione ha pure invitato i suoi ricercatori a non presentarsi davanti ai pubblici ministeri, cosa che però alcuni di loro non hanno fatto recandosi in Procura e rispondendo pure alle domande dei pm.

Il “disagio” della Procura 

La Procura, da cui trapela un certo “disagio” per la vicenda, ha deciso di non rispondere alle note ricevute dall’Oms ma di avviare “un’interlocuzione” col Ministero degli Esteri per capire se effettivamente esista questa presunta immunità che viene fatta risalire alla Convenzione del 1947 sui privilegi e le guarentigie di chi fa parte delle agenzie dell’Onu. 

Un’immunità che l’Oms ha ritenuto di non far valere per il vicepresidente europeo, Ranieri Guerra, convocato e sentito il 5 novembre scorso come persona informata sui fatti, anche su un rapporto di un centinaio di pagine redatto dalla sezione Oms di Venezia in cui si criticava il governo italiano per la gestione della prima fase dell’emergenza. Questo dossier, che faceva riferimento anche al mancato aggiornamento del piano pandemico del 2006, era rimasto online per poche ore e poi era ‘sparito’.

Esiste un ‘divieto di testimoniare’ per chi lavora all’Oms?

Il Ministero degli Esteri dovrà sciogliere alcuni nodi: se effettivamente esista un’immunità come quella invocata dall’Oms che arriva a configurare un “divieto di testimoniare”, se questa immunità possa riguardare anche dei ricercatori contrattisti, quindi non funzionari come Guerra, per il quale invece non è stata reclamata.

Da capire anche se eventualmente ai ricercatori possa essere imposto un silenzio tout court oppure se essi possano opporre solo un segreto su attività circostanziate svolte nell’ambito dell’Oms, analogo a quello previsto per categorie come i giornalisti o i pubblici ufficiali.

L’indagine della Procura di Bergamo, che ipotizza il reato di epidemia colposa, riguarda la mancata istituzione della zona rossa in Val Seriana e la chiusura e poi quasi immediata riapertura dell’ospedale di Alzano Lombardo. I magistrati hanno sentito nei mesi scorsi come persone informate sui fatti, tra gli altri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro Roberto Speranza, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.    

Flag Counter