Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Dopo aver soccorso negli ultimi due giorni 141 migranti nel Mediterraneo, la nave "Aquarius" di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere (Msf) chiede ai governi europei "di assegnare un luogo sicuro di sbarco più vicino possibile in conformità con il diritto internazionale marittimo in modo che le persone salvate in mare possano essere sbarcate e l'Aquarius possa continuare a fornire la necessaria assistenza umanitaria". La nave ha informato le autorità di Italia, Malta e Tunisia e Libia. Ora si dirige verso Nord in attesa di risposta su dove approdare. 

Flag Counter