Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 9 giu. – “Non riesco a capacitarmi della violenza giudiziaria e di quella mediatica che ha fatto strame di quelle minime garanzie previste per l’indagato: sono gia’ stato condannato a mezzo stampa e oggetto di un linciaggio mediatico senza precedenti. L’inchiesta e’ colma di lacune, di imprecisioni, priva dei piu’ elementari riscontri. Penso che molte carte non sono state lette o, peggio, lette e non capite”. Cosi’, Salvatore Buzzi, presidente della cooperativa ’29 giugno’, scriveva dal carcere di Nuoro a Paolo Ielo, uno dei pm di ‘Mafia Capitale’. Piu’ che prendere le distanze dalle accuse di associazione di stampo mafioso e di corruzione che gli inquirenti gli contestano, Buzzi, detenuto dallo scorso dicembre, coglie l’occasione per sfogarsi “contro le tante inesattezze scritte contenute nelle migliaia di pagine di intercettazioni e relazioni prodotte dai Ros”, inesattezze che, a suo dire, avrebbero “fuorviato” il lavoro della procura. Poi un lungo passo della lettera e’ dedicato all’ex Nar, Massimo Carminati, ritenuto l’altro capo del sodalizio criminoso: “Lo conosco da oltre 30 anni e ho iniziato a frequentarlo nella seconda meta’ del 2012, quando non aveva nessuna pendenza con la giustizia. Lui ha collaborato con la cooperativa, diventandone anche socio, in maniera del tutto legittima e legale: aveva in gran conto il lavoro che noi tutti della ’29 giugno’ facevamo per favorire l’integrazione sociale di tante persone, di cui ben 300 detenuti ed ex detenuti”. Buzzi difende poi la sua cooperativa: “La ’29 giugno’ e’ stata criminalizzata del tutto ingiustamente, facendo un danno enorme non solo alla cooperativa ma a tutta la cooperazione sociale italiana, ma anche qui sarebbe bastato poco per scoprire che tutta la ‘frenetica attivita” svolta era in funzione della crescita e del rafforzamento di una cooperativa dove al 2 dicembre lavoravano 1254 persone, in gran parte svantaggiate con contratti di lavoro a tempo indeterminato. Un gruppo con un fatturato di 60 milioni di euro, 4 di utili e 20 di patrimonio reale”. “La mia legittima attivita’ di lobbing – scrive ancora Buzzi – e’ stata denigrata con aggettivi dispregiativi sparsi qua e la’: noi viviamo in uno Stato di diritto e non in uno Stato etico. Sono molto addolorato perche’ trent’anni di duro lavoro sono andati in frantumi, la mia reputazione perduta”. Infine, lamentandosi della sua detenzione in Sardegna (“sono stato deportato”), il presidente della cooperativa ’29 giugno’ saluta il pm, al quale attribuisce “un atteggiamento guascone”, con una battuta :”Ti piace vincere facile?”. (AGI)

Flag Counter