Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 13 mag. – Si trova in condizioni “critiche ma stabili”, l’infermiere sardo contagiato dal virus Ebola dopo un periodo in Sierra Leone come operatore di Emergency. L’uomo, che potrebbe peggiorare nei prossimi giorni, come previsto dal quadro classico della malattia, e’ stato trasferito nella notte dall’aeroporto militare di Alghero a Pratica di mare con un volo in assetto di biocontenimento assoluto, poi da la’ trasportato all’ospedale Spallanzani di Roma, uno dei due centri nazionali specializzati, dov’e’ attualmente ricoverato. L’infermiere e’ arrivato allo Spallanzani “febbrile, lucido e collaborante”. Il decorso clinico potra’ essere molto variabile, hanno spiegato i medici che lo hanno preso in cura ieri, e dipende dalla risposta immunitaria del paziente. I medici dell’ospedale Spallanzani stanno, inoltre, valutando se utilizzare il plasma del dottor Pulvirenti, l’altro paziente italiano curato per il virus. “Stiamo valutando – ha confermato il direttore scientifico dell’ospedale Giuseppe Ippolito – nell’ambito del circuito internazionale”, e “abbiamo gia’ contattato il direttore del centro nazionale sangue”. Intanto il paziente “ha iniziato il trattamento antivirale specifico con un farmaco non registrato in Italia”, autorizzato per l’occasione dall’Aifa su indicazione del ministro Lorenzin.Ippolito afferma che c’e’ un “rischio trascurabile” che l’infermiere di Emergency possa aver contagiato altre persone in Italia, e in particolare in Sardegna. Aggiungendo poi che “stiamo verificando contatti ed esposti: a tal fine il dottor Guerra che si trova in Sardegna ci riferira’ sui controlli effettuati”. Il direttore scientifico dello Spallanzani ha chiarito che l’infermiere di Emergency e’ seguito “da medici e infermieri volontari con il supporto di un team logistico e dei laboratori. In totale sono al lavoro circa 100 persone”. Nel frattempo, a Sassari tre persone, entrate in contatto con l’infermiere sardo sono in quarantena precauzionale nel loro domicilio e le loro condizioni sono costantemente monitorate per un intervento immediato in caso di sintomatologia specifica.(AGI) .

Flag Counter