Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Napoli, 13 mag. – Sono tre le vittime dell’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio nel Napoletano. L’esplosione, registrata questa mattina alle 9.15 e’ avvenuta nella zona industriale di Giugliano, e il boato e’ stato avvertito nel raggio di alcuni chilometri. Luigi Capasso, operaio della ditta, e’ stata la prima vittima di cui si e’ avuta notizia. Gabriele Vallefuoco, 65 anni, e’ invece morto mentre veniva trasposrtato dal personale del 118 a Pozzuoli all’ospedale La Schiana. Morto anche uno dei titolari della fabbrica “Pirotecnica fratelli Schiattarella” di Giugliano, Raffaele Schiattarella, 55 anni, proprietario dell’azienda pirotecnica insieme ai fratelli Salvatore e Girolamo. Raffaele e’ morto per le gravi ustioni riportate nella deflagrazione del laboratorio principale. L’uomo era ricoverato in prognosi riservata con ustioni di terzo grado in gran parte del corpo. E sono gravissime le condizioni anche di Salvatore, 40enne, la cui vita e’ appesa a un filo nel reparto Grandi ustionati del Cardarelli. Girolamo invece ha ferite meno gravi ed e’ all’ospedale di Pozzuoli con un altro dipendente dell’opificio ricoverato, Francesco Imperatore. (AGI) .

Flag Counter