Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI –  L”architetto di Putin’: eccentrico, avventuriero, finito al centro di scandali, ora ricercato internazionale e imputato in un processo a Brescia. Lanfranco Cirillo, 64 anni, da Roncadelle, Brescia, racconta all’AGI che lo raggiunge telefonicamente a Mosca alcuni degli episodi più succosi contenuti nell’autobiografia ‘L’architetto di Putin – La mia vita nella Russia degli oligarchi’ in libreria da pochi giorni e scritto assieme alla giornalista Fiammetta Cucurnia.

Impossibile non partire proprio da lui: “Sì, ho conosciuto Putin, è una persona molto intelligente e curiosa. Ci vedevamo spesso in occasioni ufficiali: convegni, inaugurazioni. E’un uomo che ama profondamente la sua terra. Nel 2013, visto il mio impegno come architetto in Russia, dove ho lavorato per 44 miliardari della lista di ‘Forbes’, gli scrissi una lettera per chiedergli la cittadinanza. Nel 2014 ricevetti la notizia che il presidente me l’aveva concessa con specifico decreto, primo italiano ad avere questo onore. Mi definì ‘l’architetto ‘importato’”.

‘Architetto di Putin’ ma la sontuosa villa sul Mar Nero che Navalny con la Fondazione anticorruzione gli attribuirono non gliela commissionò il leader “anche se poi quella definizione mi ha cambiato la vita”. “No, quella gigantesca costruzione non appartiene a Putin. Nessuno al mondo, credo, vorrebbe per sé una residenza così. Troppo grande, troppo tutto. In realtà mi fu commissionata da una società russa per ospitare congressi. Si è detto che è una copia della villa di Berlusconi in Sardegna ma non è così, non sono mai stato lì”.

Cirillo spiega che in realtà questa villa è ‘sobria’ rispetto alle richieste “folli” degli oligarchi che ha esaudito nella sua carriera. “Un bowling interrato, i divani ottomani, un sommergibile tra gli alberi, orti di 300 metri quadri. La villa sul mar Nero era in stile neoclassico con una facciata da 96 colonne di marmo. Ci vollero tre anni solo per la parte finale, con centinaia di persone che lavoravano ogni giorno. Ho trascorso anni in quel cantiere”.

Nel libro c’è spazio anche per la vicenda giudiziaria che lo vede a processo per una presunta frode fiscale milionaria e destinatario di un mandato di arresto internazionale. Cirillo non sembra perdere la baldanza e la battuta: “Dopo che è morto Messina Denaro ci sono io. In Russia comunque sto bene, Mosca è una città più avanti delle altre capitali europee e le sanzioni non si sentono proprio, non manca niente”.

Putin ha dimostrato l’intelligenza che gli riconosce anche nell’invadere l’Ucraina? “Non so rispondere, non ho informazioni reali sul perché si è arrivati a quella guerra. Come tra coniugi che divoriziano, forse le colpe  vanno suddivise. Non si doveva arrivare a quel punto. Però un appello alla pace lo faccio: basta ragazzi che vanno a morire al fronte in questa guerra fratricida. E, a proposito di giovani: il mio consiglio ai trentenni, quarantenni che non  si muovono da casa è di fare come me che sono partito con la valigia di cartone e sono diventato ricchissimo. Uscite dall’Italia: il mondo è pieno di opportunità”. 

Flag Counter