Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 20 giu. – “Occorre contrastare evasione fiscale e criminalita’ in modo piu’ efficace”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenendo alla festa della Guardia di Finanza. “Sara’ necessario potenziare gli strumenti esistenti e costruirne di nuovi”, ha aggiunto, sottolinenando che “il Governo e’ impegnato per il rilancio dell’economia anche percorrendo strade diverse dal passato” e “lavorando per correggere gli errori e modificare le pratiche inefficienti”.

Padoan, viviamo fase di rilancio sostenuta da riforme governo

“Per contrastare piu’ efficacemente alcune delle prassi piu’ distorsive non bastano modalita’ procedurali piu’ semplici ed efficienti”, ha aggiunto Padoan, “serve una forte sinergia e collaborazione tra tutti gli attori istituzionali coinvolti, e questo vale non solo per il contrasto all’illegalita’ ma piu’ in generale per il sostegno alla ripresa”. Il ministro ha poi evidenziato i “passi importanti” che sono stati fatti “nel miglioramento del rapporto tra fisco e contribuenti” attraverso la semplificazione degli adempimenti, con il 730 precompilato, con la fatturazione elettronica, con i provvedimenti sull’internazionalizzazione delle imprese e con la voluntary disclosure. Quest’ultima, ha sottolineato Padoan, “ha segnato un punto di forte discontiunuita’ rispetto agli scudi fiscali varati negli anni passati”. 

 

(AGI) – Catania, 20 giu. – “Abbiamo avuto qualche settimana di ritardo nell’istruttoria della Protezione civile regionale che ha trasmesso i dati anche rispetto alle altre emergenze, ma recupereremo nei prossimi giorni perche’ i progetti sono gia’ in stato di avanzata esecuzione dal punto di vista tecnico. Poi si partira’ rapidissimamente. Abbiamo rallentato un po’ questa fase istruttoria anche perche’ abbiamo voluto valutare il recupero dell’altra careggiata perche’ questo consentirebbe ovviamente una riduzione dei disagi a tutti i livelli e poi perche’ abbiamo aspettato la commissione d’inchiesta”. Lo ha detto a Catania il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio. .

(AGI) – Palermo, 20 giu. – “Il nostro Paese continuera’ a fare quanto necessario per assicurare ai rifugiati e a coloro che chiedono asilo un trattamento rispettoso dei diritti fondamentali e della dignita’ umana, con l’auspicabilmente crescente contributo dell’Unione europea e della comunita’ internazionale”. Lo afferma nel suo messaggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato.

Immigrati: Salvini attacca, “Boldrini andrebbe ricoverata”

“Desidero rivolgere il mio caloroso saluto ai rappresentanti dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati in Italia ed a tutti coloro – affernma ancora nel suo messaggio Mattarella – istituzioni, enti locali, aziende, volontari, cittadini, che ne sostengono le attivita’. La sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle classi dirigenti in relazione al dramma di chi vive quotidianamente gli orrori della guerra, la tragedia delle persecuzioni, la miseria e le migrazioni forzate, contribuisce a combattere l’indifferenza per le indicibili sofferenze di quanti, in cerca di un futuro migliore, sono costretti ad abbandonare il proprio paese”.

Infine, il ringraziamento del Capo dello Stato all’Unhcr “per il significativo contributo che quotidianamente assicura, con impegno, dedizione e umanita’, e formulo voti per le sue attivita’”. “L’Italia sente alto e forte – da sempre – il dovere di solidarieta’ nei confronti di chi giunge nel nostro Paese, coltivando l’ispirazione e la speranza verso una vita piu’ sicura e un avvenire per se’ e per i propri figli”. (AGI)

(AGI) – Milano, 20 giu. – “In Italia non c’e’ spazio per tutti”. Cosi’ Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva della situazione immigrati nel giorno dei rifugiati. Parlando al suo arrivo al congresso federale della Lega Nord, il segretario del Carroccio ha poi commentato le dichiarazioni di ieri della presidente della Camera, Laura Boldrini, secondo la quale la vera emergenza non e’ in Italia ma nel Mediterraneo. “Boldrini deve essere ricoverata”, ha tagliato corto il leader leghista. “Io penso che al governo in Italia ci sia gente pagata, sulla carta, dai cittadini italiani. In realta’ sono a libro paga di altri, fanno il lavoro sporco di altri”. Lo ha detto Matteo Salvini a SkyTg24. “Se avessimo un presidente del consiglio con le palle, invece di andare a farsi prendere per i fondelli in giro per il mondo, comincerebbe a dire ‘non vi pago. I 16 miliardi che vi ho dato, non ve li vedete piu””, ha aggiunto Salvini. (AGI) .

(AGI) – Roma, 20 giu. – Dare vita a un nuovo Pci, al “Pci del 21° secolo” con la benedizione del movimento comunista internazionale e, soprattutto, di Pechino. L’Associazione per la ricostruzione del Partito comunista ha rotto gli indugi e, si sottolinea, mentre Landini, Civati e compagni “stanno cercando faticosamente di convergere in un percorso comune, che alla stato attuale appare pero’ in alto mare”, ha deciso di procedere sulla strada della “ricostruzione in Italia di un Partito comunista degno di questo nome”. Domenica apparira’ sul Manifesto un ‘paginone’, che lancia il primo appuntamento nazionale per domenica 12 luglio, a Roma al Teatro de’Servi. Pronti a convergere, secondo i promotori dell’iniziativa, “la piu’ parte della dirigenza e della militanza comunista”, proveniente dal Pcdi (ex Pdci) e da Rifondazione, “quadri operai e sindacali di grandi fabbriche”, cosi’ come “gli intellettuali marxisti che si rifanno, attualizzandola, alla cultura comunista del Pci di Gramsci e Togliatti”. Tra i nomi quelli di Domenico Losurdo, Gianni Vattimo, Vladimiro Giacche’, Emiliano Brancaccio, Andrea Catone, Piergiovanni Alleva, Massimo D’Orsi, Alexander Hobel. “Questo progetto – si legge nell’appello che apparira’ domani sul Manifesto – gode della fiducia, della simpatia e del sostegno della piu’ parte delle forze che oggi compongono il movimento comunista e rivoluzionario nel mondo, a partire da quelli che fanno parte dei BRICS” (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), cosi’ come dei Partiti comunisti cubano, portoghese e vietnamita. In particolare, c’e’ chi tra i promotori sottolinea: c’e’ “il sostegno, che sembra ormai certo, dei comunisti della maggiore potenza emergente del 21° secolo, la Cina, puo’ fare di questa esperienza un fattore dirompente”. Nel quadro politico nazionale, il nuovo partito guarda alla Coalizione Sociale di Landini e intende inserirsi come “partito comunista indipendente”, “all’interno di un fronte popolare e democratico alternativo, che si ispiri alla Costituzione e che ricostruisca una rappresentanza politica del mondo del lavoro e delle forze che combattono contro la guerra”. Sara’, si conviene, “un processo graduale, ma che va iniziato ora”, per dare vita “a un’unica forza comunista rigenerata, capace di superare l’attuale frammentazione e, con essa, una sempre piu’ evidente irrilevanza politica e sociale”. L’Associazione fornisce anche le prime cifre: nei mesi scorsi si sono tenute “una trentina di assemblee in altrettanti capoluoghi di provincia, che hanno visto la partecipazione convinta di circa 4.150 militanti comunisti”, mentre l’avvio del “tesseramento” ha raggiunto le “prime mille adesioni”. Una “rete – si sottolinea tra i promotori del nuovo Pci – strutturata,qualificata e omogenea sul piano politico e ideologico”, per superare “le scorie e le pesanti eredita’ correntizie delle diverse formazioni comuniste italiane che negli ultimi anni hanno dati vita a continue scissioni”. (AGI) .

(AGI) – Palermo, 20 giu. – “L’Italia sente alto e forte – da sempre – il dovere di solidarieta’ nei confronti di chi giunge nel nostro Paese, coltivando l’ispirazione e la speranza verso una vita piu’ sicura e un avvenire per se’ e per i propri figli”. Lo afferma nel suo messaggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. “Il nostro Paese continuera’ a fare quanto necessario per assicurare ai rifugiati e a coloro che chiedono asilo un trattamento rispettoso dei diritti fondamentali e della dignita’ umana, con l’auspicabilmente crescente contributo dell’Unione europea e della comunita’ internazionale”. Ha aggiunto il presidente della Repubblica. 

Intanto ancora 170 migranti suglio scoglio a pochi metri dal confine italo-francese, nel comune di Ventimiglia. “Di questi, circa 110 sono musulmani che, soprattutto uomini con poche donne e un bambino, stanno osservando il Ramadan (un mese di digiuno giornaliero, dall’alba al tramonto per i fedeli del Corano, ndr). Una sessantina, invece, sono cristiani” cosi’ Fiammetta Cogliolo, responsabile della Croce Rossa ligure, fa il punto della situazione sull’emergenza migranti. “Ieri – aggiunge Cogliolo – in 14 hanno chiesto di essere accompagnati alla stazione e una decina hanno detto che oggi li avrebbero seguiti”. Alla stazione, dove la maggior parte dei migranti ha accettato di trasferirsi nei locali messi a disposizione di Rfi “e’ piu’ difficile fare censimenti – aggiunge la responsabile della Cri Liguria – perche’ i migranti possono allontanarsi in ogni momento. Sulla base dei pasti che distribuiamo abbiamo calcolato circa 500 persone”. Per quanto riguarda i profughi sulla scogliera dei Balzi Rossi “rispetto alla diffidenza dei primi giorni – prosegue Cogliolo – oggi la situazione e’ molto cambiata. C’e’ molta collaborazione e i migranti cercano di ripulire dai rifiuti, portano via la spazzatura e si rendono utili come possono. Durante il giorno i musulmani sugli scogli pregano e leggono libri. Tutti hanno chiesto di poter avere cartine dell’Europa: vogliono avere informazioni e i volontari stanno loro insegnando un po’ di italiano”.

Nel pomeriggio, nella zona della stazione, e’ prevista una manifestazione dei centri sociali provenienti da tutta Italia in segno di solidarieta’ con i migranti in occasione della giornata mondiale del rifugiato. “Come Croce Rossa – conclude Fiammetta Cogliolo – abbiamo potenziato il personale sia qui, a Ponte San Ludovico, sia in stazione: speriamo che vada tutto bene”. Non sarebbe stata autorizzata, invece, una iniziativa di segno opposto, promossa dal Front Nazional, partito nazionalista della destra francese, per protestare contro la presenza dei profughi al confine. .

(AGI) – Palermo, 20 giu. – “L’Italia sente alto e forte – da sempre – il dovere di solidarieta’ nei confronti di chi giunge nel nostro Paese, coltivando l’ispirazione e la speranza verso una vita piu’ sicura e un avvenire per se’ e per i propri figli”. Lo afferma nel suo messaggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. (AGI)

(AGI) – Roma, 19 giu. – La strada del dialogo resta percorribile, ma se non si trovera’ con le opposizioni un percorso condiviso sui 3.000 emendamenti l’ipotesi della fiducia su ‘la buona scuola’ si trasformera’ in realta’. Il governo e il Pd, nel vertice convocato questa mattina da Matteo Renzi a palazzo Chigi, hanno deciso di accelerare.

L’obiettivo, in attesa dell’esito della riunione della commissione Istruzione di Palazzo Madama convocata per martedi’ prossimo, e’ quello di far approvare il testo dall’Aula del Senato entro venerdi’ e di portare a casa le assunzioni dei 100mila precari.

Nella sede del governo questa mattina con il premier c’erano il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, i capigruppo di Camera e Senato, Ettore Rosato e Luigi Zanda, il presidente della commissione Istruzione, Andrea Marcucci, che in un tweet spiega: “Il Pd fara’ di tutto per approvare ‘la buona scuola’ in tempi brevi. Serve tenere insieme autonomia, merito e assunzioni”.

Lo strumento della fiducia sara’ eventualmente usato, afferma invece Ettore Rosato al Gr1, “per impedire che l’ostruzionismo interrompa il percorso parlamentare. Si va avanti con decisione e con la massima collaborazione a trovare le intese piu’ ampie possibili, ma con l’idea che i tempi sono molto stretti per procedere alle assunzioni fin dall’inizio del prossimo anno scolastico”.

Quello di Renzi, aggiunge, “non e’ un cambio di strategia, e’ un messaggio molto chiaro. Chiediamo a tutti di collaborare in una riforma che serve al Paese. Noi chiediamo di rinunciare all’ostruzionismo per consentire una rapida approvazione che consenta di rispettare anche i tempi necessari e burocratici per procedere a 100mila assunzioni”.

Ma M5s non depone le armi e annuncia che manterra’ i suoi emendamenti. “Ai ricatti del governo non cediamo – affermano i parlamentari grillini delle commissioni Cultura – non ritireremo i nostri emendamenti perche’ sono tutti emendamenti di merito. Ritirarli significherebbe prestare il fianco a un governo che sta distruggendo la scuola pubblica italiana e voltare le spalle a insegnanti, studenti e famiglie che da mesi chiedono di ritirare questa riforma irricevibile”.

Dura anche Sel, il cui capogruppo Arturo Scotto taglia corto: “non chiedano alle opposizioni cio’ che governo non fa. Il ritardo su scuola nasce dai pasticci, dalle scelte sbagliate e da indecisioni tutte interne al Pd”. “Fare subito un decreto per la stabilizzazione dei docenti precari e’ l’ unica soluzione che ha il governo. In caso contrario non pensino di utilizzare ricatti per impedire al Parlamento di fare una buona legge per la scuola, quella vera”.

E anche Scelta civica non mostra di aver particolarmente apprezzato l’idea del vertice di stamane e chiede uguale attenzione da parte del premier altrimenti la riforma “sara’ approvata dal solo Pd, e da quanti sono disposti a fare le ruote di scorta che votano a comando. Sicuramente non noi”. Anche il fronte sindacale fibrilla ancora.

Susanna Camusso e’ tranchant: “Mi suona come una gigantesca presa in giro, e’ sempre piu’ insopportabile” ha commentato il segretario generale della Cgil. “Il 5 maggio, dopo il piu’ grande sciopero della storia nel mondo della scuola, il governo ha detto che bisognava aprire un confronto a Palazzo Chigi ma stiamo ancora aspettando la convocazione, forse hanno perso il nostro indirizzo. Adesso scopriamo che c’e’ fretta, quindi immagino maxiemendamento e fiducia”. Insomma, per Camusso “Credo si sia andati oltre la normale dialettica nel rapporto tra le parti e che non ci sia nessun rispetto dei soggetti collettivi”.

Ma la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani le risponde a stretto giro di posta: “Siamo al paradosso. Per la Camusso e’ insopportabile l’impegno del governo di condurre rapidamente in porto una nuova organizzazione della scuola con la garanzia di assumere 100mila precari? Questo atteggiamento lascia sbigottiti. Non si e’ mai visto un sindacato che si lamenta mentre si stabilizzano cosi’ tanti lavoratori”.(AGI)

(AGI) – Roma, 19 giu. – “Gli immigrati? Buttateli a mare”. “Bruciarli vivi e rimpatriarli”. “Mi manca Hitler”. “Non beccano mai una stretta parente della Boldrini o della Kyenge (beccare loro e’ impossibile, sono scortate)”. Sono alcuni dei commenti postati su facebook da un funzionario della polizia, dirigente della Polfer di Catania, la cui pagina ora e’ chiusa. “Che un funzionario della Polizia di Stato si esprima in questo modo vergognoso e’ inammissibile: sono inaccettabili i toni, gli argomenti, le minacce, le offese razziste e gli insulti alle Istituzioni del nostro Paese, a partire dalla Presidente della Camera” denuncia il deputato siciliano di Sinistra Ecologia Liberta’, Erasmo Palazzotto. “Le sue farneticazioni – prosegue l’esponente di Sel – sono incompatibili con il giuramento prestato alla Repubblica italiana e alla Costituzione. Ci aspettiamo a questo punto – conclude Palazzotto – che il Capo della Polizia e il ministro dell’interno chiariscano e ci dicano quali atti abbiano intrapreso. In caso contrario, pronti a portare la vicenda in Parlamento nelle prossime ore”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 giu. – Franco Bassanini “si e’ dichiarato disponibile” a favorire il processo di rinnovamento in Cassa depositi e prestiti, “scegliendo per il momento di lavorare a Palazzo Chigi con l’incarico di ‘consigliere speciale’ del Presidente del Consiglio. E’ mia intenzione affidargli di volta in volta il compito di predisporre analisi, proposte e soluzioni su specifici problemi, continuando a dare il suo contributo alla realizzazione del Piano Banda Ultralarga”. Cosi’ il premier Matteo Renzi in una nota. (AGI)

Flag Counter