Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Firenze, 25 mag. – “Il vento della Grecia, il vento della Spagna, il vento della Polonia non soffiano nella stessa direzione, soffiano in direzione opposta, ma tutti questi venti dicono che l’Europa deve cambiare e io spero che l’Italia potra’ portare forte la voce per il cambiamento dell’Europa nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”. Cosi’ il presidente del Consiglio, Matteo Renzi in un’intervista rilasciata all’emittente toscana Rtv38.(AGI)

(AGI) – La Spezia, 25 mag. – “Qui stiamo decidendo chi amministrera’ la Regione. Si deve farla finita nel trasformare le elezioni in qualcosa di diverso. Qui non ci si occupa di giochi politici romani”. Lo ha detto il premier Renzi aprendo il suo intervento a La Spezia a un appuntamento elettorale in sostegno della candidata alle regionali, Raffaella Paita. “Non dobbiamo consentire a qualcuno di fare della Liguria il laboratorio del ‘bertinottismo 2.0′”, ha aggiunto chiudendo il suo intervento. (AGI)

(AGI) – Pesaro, 25 mag. – La visita di Salvini a Pesaro, prima tappa del suo terzo passaggio elettorale nelle Marche , e’ stata accolta da un centinaio di contestatori, la maggior parte in rappresentanza dei centri sociali, che l’hanno fatto oggetto di insulti, slogan e lanci verso il palco di pomodori e uova. Il leader leghista ha tenuto comunque il suo comizio: meno di dieci minuti, utili per qualificare il messaggio del suo partito e il sostegno a Francesco Acquaroli (Fdi) alla guida della Regione Marche. “A chi mi contesta in maniera pacifica – ha spiegato – dico che possono urlare e scrivere cio’ che vuole. L’importante e’ che non rompano le scatole alla gente per bene, che e’ qua per preparare una Pesaro diversa”. Polizia e carabinieri hanno contenuto senza fatica i contestatori, che dopo il breve comizio di Salvini hanno urlato slogan restando in piazza fino alla partenza del leader leghista, atteso in altre piazze delle Marche. A chi gli chiedeva se si sente un provocatore, Matteo Salvini ha risposto che “qualunque essere umano va in piazza a dire quello che pensa, senza i cretini che gli lanciano addosso oggetti”. “Quindi – ha aggiunto facendo riferimento a chi lo ha contestato anche a Pesaro -, il problema sono loro, non le brave persone che sono venute a sentirmi e che si sono prese tre uova in testa”. “A quei ragazzi che mi contestano – ha poi concluso -, andrebbe fatto fare un anno di servizio civile obbligatorio, cosi’ imparano cos’e’ la convivenza e il rispetto: questi sono i migliori alleati di Renzi e del Pd nelle Marche”. (AGI) .

(AGI) – Belgrado, 25 mag. – “Siamo convinti sostenitori dell’avvio rapido del negoziato per l’adesione della Serbia alla Ue perche’ oltre a garantire equilibrio nei Balcani, e’ interesse dell’Europa perche’ siamo convinti che potrebbe completare il progetto storico della Ue”. Cosi’ Sergio Mattarella, al termine del colloquio con il presidente della Repubblica serba, Tomislav Mikolic. (AGI) .

(AGI) – Roma, 24 mag. – “Le coppie omosessuali sono un fenomeno gia’ diffuso nella societa’” che si inseriscono “in un vuoto normativo che crea dispatrita’ e diseguaglianze e tocca al legislatore intervenire: e’ giusto che ci sia liberta’ di coscienza su questi temi, ma nel mio partito prima c’era un atteggiamento di chiusura ora e’ di apertura. Si deve trattare questo tema sensa demagogia e ideologia, parliamo di dare diritti a chi non ne ha e non di toglierli a chi li ha gia’”. Cosi’ Mara Carfagna, responsabile del Dipartimento diritti di Forza Italia, a L’intervista su Sky Tg24. (AGI) .

(AGI) – Roma, 24 mag. – “La modernizzazione della legislazione sui diritti di liberta’ in campo sessuale e familiare non e’ in contrasto con la tradizione e con le ‘radici’ culturali dell’Ue, ma al contrario ha costituito e continua a costituire un elemento fondativo della sua identita’ civile” e “un governo e una maggioranza che vogliano salvaguardare l’ancoraggio europeo dell’Italia non possono continuare a giustificare un’eccezione sul tema dei diritti civili”. Lo scrive in un articolo pubblicato su Stradeonline.it il senatore e sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, commentando l’esito del referendum in Irlanda. “Peraltro, i ritardi italiani non sono affatto giustificati da una resistenza sociale diffusa e potenzialmente maggioritaria, ma da una sorta di rendita di posizione assicurata al ‘partito del no’ dalla perenne fragilita’ degli equilibri istituzionali e di governo. In Parlamento – conclude Della Vedova – esiste un’ampia maggioranza per procedere, come minimo, al pieno riconoscimento giuridico delle coppie gay. Sarebbe non solo pericoloso, ma politicamente grave, che i maggiori ostacoli e i principali veti a questa decisione arrivassero dall’interno della compagine di governo”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 24 mag. – “L’Italia ha disperatamente bisogno di costruire un’alternativa a Renzi. Il centrodestra attuale va rifondato, e una stagione e’ irrimediabilmente alle spalle. L’ultimo anno e mezzo ha visto errori di ogni tipo: prima di assoggettamento a Renzi, ora di sterile e marginale protesta senza il respiro di un’alternativa credibile. Sudditanza sempre verso il Governo, nel consenso e nel dissenso. Errore grave”. Lo afferma Raffaele Fitto, leader di Conservatori e Riformisti, che aggiunge: “Invece, serve la chiarezza di un’alternativa credibile per il Governo, di una sfida chiara di un rinnovato centrodestra che voglia competere per vincere, non per fare ‘compagnia’ a Renzi.� Altrimenti, oltre allo strano ‘monosindacalismo’ evocato da Renzi, il rischio vero sara’ quello di una specie di ‘monopartitismo’, con un solo partito – quello renziano – in campo per vincere, e gli altri solo per fare testimonianza.� Il cammino che abbiamo intrapreso lanciando il movimento dei Conservatori e Riformisti, accolto in questa settimana nella famiglia dei Conservatori e Riformisti Europei, serve ad aprire una strada e a indicare un modello vincente”, conclude Fitto. (AGI) .

(AGI) – Roma, 24 mag. – “E’ un fatto straordinario, e’ la vittoria dell’amore contro il pregiudizio. Questo vento pulito che arriva dall’Irlanda dovrebbe spazzare la polvere della ipocrisia che invece domina i palazzi romani”. Cosi’ il leader di Sel, Nichi Vendola, commenta la vittoria del si’ nel referendum in Irlanda sui matrimoni gay, in un’intervista al Giornale Radio Rai. (AGI) .

(AGI) – Roma, 24 mag. – “In Italia abbiamo una cosa che si chiama Costituzione che lo vieta espressamente”. Cosi’ Maurizio Sacconi, senatore di Area popolare e presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama, commenta ai microfoni del Giornale Radio Rai, l’esito del referendum in Irlanda sui matrimoni gay e la possibilita’ che si riconoscano anche in Italia. “La nostra Carta da’ rilievo pubblico solo al matrimonio che unisce un uomo e una donna allo scopo della prosecuzione della specie. Il che non significa che non si debbano rispettare tutte le convivenze, tutte le relazioni affettive, tutti gli orientamenti sessuali – osserva Sacconi – Possono essere individuati diritti e doveri delle persone, sia di tipo morale sia di tipo patrimoniale. Ma non possiamo consentire la possibilita’ dell’adozione al di fuori della famiglia naturale, tantomeno ammettere altri interventi come la pensione di reversibilita’, disegnata proprio in funzione della capacita’� della famiglia naturale di procreare e di crescere ed educare dei figli”, conclude. (AGI) .

(AGI) – Bolzano, 24 mag. – Sono iniziate da alcune ore le operazioni di voto per il turno di ballottaggio in tre Comuni dell’Alto Adige: Bolzano, Laives e Merano. Nella citta’ capoluogo c’e’ attesa per capire quale scelta faranno i cittadini, se proseguire a dare fiducia al sindaco uscente di centrosinistra, Luigi Spagnolli, oppure provare a cambiare rotta e puntare sul candidato del centrodestra, Alessandro Urzi’. Al primo turno Spagnolli aveva ottenuto il 41,58% dei voti contro il 12,74% di Urzi’, in un’elezione caratterizzata da un forte astensionismo (57,8% i votanti). Una bassa affluenza alle urne potrebbe verificarsi anche nella giornata odierna. Infatti, per la Pentecoste, festivita’ molto sentita nei paesi di area tedesca, quindi Alto Adige compreso, molti cittadini si saranno concessi un breve periodo di ferie. Sicuramente il divario sembra netto ma va sottolineato che nelle due precedenti elezioni, quelle del 2005 e 2010, Spagnolli aveva vinto al primo turno rispettivamente con il 50,35% e 52,44% dei consensi. In queste ultime due settimane nessuno dei due candidati e’ riuscito a strappare alleanze . Spagnolli sara’ sostenuto dalla sua lista civica (x Spagnolli Nuova Bolzano), il Partito Democratico, il Psi, Projekt Bozen Noi Bolzano e la Suedtiroler Volkspartei. Nessun appoggio esterno, almeno dichiarato in campagna elettorale, anche per Urzi’ che dovra’ puntare sull’elettorato di Forza Italia, Unitalia ed il suo partito l’Alto Adige nel Cuore con Urzi’. Da capire quale scelta faranno gli elettori di Lega Nord, che ha dato liberta’ di voto, ed in particolare del Movimento 5 Stelle che potrebbero anche decidere di astenersi. Incognita per quanto concerne i partiti della destra italiana come Lista Benussi, CasaPound e Fratelli d’Italia che non hanno dato particolari indicazioni sul voto. Va ricordato che, come accadde nel maggio 2005 quando vinse Giovanni Benussi (Forza Italia) per appena sette voti, se dovesse vincere Urzi’ ci sarebbero grandi difficolta’ per formare il consiglio comunale. Infatti, servira’ l’appoggio dei consiglieri del Pd e soprattutto della Svp che sono 14 (7 per parte). Si rischia l’ingovernabilita’ anche nel caso di vittoria di Spagnolli perche’ troppe sono le spaccature interne tra i partiti del centrosinistra bolzanino e c’e’ gia’ qualche avversario politico che prevede elezioni in autunno. A Laives, il secondo comune italiani dell’Alto Adige, a contendersi l’incarico di primi cittadino saranno il sindaco uscente Liliana Di Fede (centrosinistra) e Christian Bianchi (centrodestra), mentre a Merano la sfida sara’ tra due “matricole”, Gerhard Gruber (Svp) e Paul Rosch (Verdi/Lista Civica). Si votera’ dalle ore 7 alle 21 con rilevamenti dell’affluenza alle ore 11 e 17. In serata lo spoglio. (AGI) .

Flag Counter