Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – San Francisco, 4 giu. – Gli Apple Watch saranno
lanciati in sette nuovi paesi a partire dal 26 giugno. L’Italia
e’ tra questi, insieme al Messico, alla Spagna, alla Corea del
Sud, a Singapore, alla Svizzera e a Taiwan. La compagnia non ha
ancora fornito cifre sulle vendite di questo prodotti, gia’
presente fin da aprile sui mercati di Usa, Australia, Canada,
Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone e Regno Unito. La
domanda, fa sapere la Apple “ha sorpassato le aspettative
ovunque”. (AGI)
.

Con un comunicato stampa diffuso in questi ultimi minuti Apple ha ufficialmente annunciato la disponibilità in Italia del proprio Watch a partire dal prossimo 26 giugno. L’orologio sarà disponibile online e in un unico retail store in tutta la penisola



L’azienda statunitense annuncia importanti novità per quanto riguarda le soluzioni di storage all-flash, tra cui nuove unità in grado di abbattere il costo per GB a livelli simili a quelli dei dishi SAS da 10 mila giri al minuto



(AGI) – Roma, 3 giu. – Dal Cern di Ginevra primo passo verso la
‘nuova fisica’, capace di svelare il mistero della materia
oscura. Sono partite le collisioni tra protoni accelerati
all’energia record di 13mila miliardi di elettronvolt (13 TeV),
quasi il doppio di quella che nel 2012 aveva permesso
d’imbrigliare il bosone di Higgs, e con loro e’ stata avviata
la raccolta di dati che potrebbe rivoluzionare la fisica,
facendo luce sull’asimmetria tra materia e antimateria. Dopo il
test eseguito tra il 20 e 21 maggio, gli esperimenti che
dureranno per tre anni sono stati avviati nella macchina piu’
potente mai costruita dall’uomo: l’anello di 27 chilometri del
Large Hadron Collider (Lhc), il superacceleratore di Ginevra.
Le super accelerazioni sono registrate da quattro rivelatori
sotterranei, Atlas, Cms, Alice e Lhcb. Si tratta di un’energia
mai raggiunta prima in laboratorio, alla quale d’ora in poi
l’acceleratore e i rivelatori lavoreranno a regime con
l’obiettivo di aprire una nuova finestra sull’universo
subnucleare. L’obiettivo e’ trovare la spiegazione per la
materia oscura che occupa oltre un quarto dell’universo ma che
la teoria Modello Standard sulla creazione dell’universo
visibile non e’ stata in grado di chiarire. “E’ il tempo della
nuova fisica!”, e’ stato l’entusiastico commento del direttore
uscente del Cern, Rolf Heuer, che sta per essere sostituito
dall’italiana Fabiola Gianotti. “Abbiamo visto i primi dati che
hanno iniziato ad affluire. Vediamo che cosa ci riveleranno sul
funzionamento dell’universo”, ha aggiunto. “Non succedera’
domani, dobbiamo avere pazienza”, ha osservato, tra gli
applausi dell’equipe di scienziati presenti. “E’ davvero con
grande soddisfazione che assistiamo all’inizio del RUN2, una
nuova avventura per Lhc: l’impegno che gli Stati membri del
Cern e la comunita’ scientifica internazionale hanno dedicato
per decenni all’impresa e’ ora coronato da questa nuova
conquista scientifica e tecnologica di Lhc, in cui l’Italia
ricopre un ruolo di primo piano”, ha affermato Fernando
Ferroni, presidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare
(Infn). “Questa e’ una nuova giornata storica, non solo per il
Cern, ma per la fisica delle particelle in generale, e
soprattutto rappresenta il coronamento del duro lavoro di tante
persone che, durante i due anni appena trascorsi, si e’
impegnata intensamente per migliorare questa macchina”, ha
sottolineato Mirko Pojer, fra i responsabili delle operazione
di Lhc. L’Lhc e’ il piu’ grande e potente acceleratore del
mondo con la forma di un anello di 27 km di circonferenza
dentro un tunnel localizzato 80 chilometri sotto terra, fra
Svizzera e Francia. Nel 2012 realizzo’ una delle maggiori
scoperte mai compiute nel mondo della fisica: dimostrare
empiricamente l’esistenza del Bosone di Higgs, la “particella
di Dio”. (AGI)
.

Flag Counter