Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

A giudicare da una notifica apparsa nella schermata iniziale del titolo videoludico, sono previsti dei regali per i possessori di Rise Of The Tomb Raider.

Non si sa ancora nulla sulla reale natura di questi regali, se saranno contenuti in-game, DLC, colonne sonore digitali o altro, ma secondo la notifica Crystal Dynamics (che non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali) rilascerà i doni questo fine settimana, 30 e 31 gennaio.

Ricordiamo che Rise Of The Tomb Raider, del quale uscirà domani l’espansione Baba Yaga: The Temple Of Witch, è al momento disponibile solo per Xbox 360 e Xbox One, in dirittura d’arrivo per PC (28 gennaio) e previsto entro la fine dell’anno per PlayStation 4.

228387_1a

Durante un livestream di Nico Nico, Sega ha mostrato un gameplay trailer del suo attesissimo Yakuza 6.

Presentato dal creatore della serie stesso, Toshihiro Nagoshi, il trailer è la ripresa di una partita su una demo del gioco, e ci porta direttamente nel centro dell’azione durante una rissa che il protagonista Kazuma Kiryu deve intraprendere in strada, mostrandoci il sistema di combattimento del gioco in lavorazione.

La demo mostrata sarà disponibile per chi ha acquistato Yakuza Kiwami.
Ricordiamo che Yakuza 6 è attualmente in sviluppo in esclusiva per PlayStation 4, e sarà rilasciato in Giappone nella seconda metà del 2016. Ancora non si sa nulla sulla release occidentale.

Yakuza 6 gameplay trailer

Fonte: DualShockers

Lo spin off della gallina dalle uova d’oro di casa Ubisoft, la trilogia Assassin’s Creed Chronicles, è già arrivato alla seconda incarnazione e questa volta si sposta nella misteriosa e lussureggiante India.
Presto uscirà anche il terzo capitolo ambientato in Russia e poi tutti e tre i titoli raccolti in una comoda versione retail nei negozi. Tutto questo quando la casa francese ha lasciato intendere agli addetti ai lavori che probabilmente la serie regolare di Assassin’s Creed possa saltare il 2016 per tornare prepotentemente e più forte che mai nel 2017.

Due dimensioni o tre?

Assassin’s Creed Chronicles: India è come abbiamo detto il secondo capitolo di questo spin off, interamente in due dimensioni ma inserito in un contesto tridimensionale dall’effetto molto peculiare e piacevole alla vista. Le storie sono ambientate in tre diversi periodi storici e altrettante location geografiche molto differenti tra loro, anche se i rimandi agli episodi principali sono tantissimi e continui, soprattutto quelli rivolti a Ezio Auditore da Firenze.

india

Climax Studios ha quindi fatto tesoro dell’esperienza accumulata con il primo capitolo ambientato nella Cina imperiale e ci regala un gioco superiore sotto ogni punto di vista che innova la formula originale con diverse e marcate migliorie.

Mi chiamo Arbaaz Mir

Dopo avere impersonato Shao Jun nel Regno di Mezzo del 1500, in questo capitolo faremo la conoscenza dell’assassino Arbaaz Mir, nell’India di metà Ottocento. Attorno al 1840 infatti nel continente indiano si scatenò la sanguinosa faida tra i Sikh e la Compagnia delle Indie Orientali. Arbaaz quindi avrà la missione di combattere questa branca dei templari e nel contempo ritrovare un potente artefatto custodito nelle loro mani.

india 2

Lo stile fin dalle prime battute appare diverso rispetto al passato, con l’abbandono delle tinte forti e accese tutte incentrate sul rosso, in favore di colori pastello sul verde e il giallo. In aggiunta a questo anche i fondali sono stati migliorati rispetto al precedente capitolo per quanto concerne il livello di dettagli e degli scorci veramente evocativi. I passaggi in 3d sono stati migliorati anch’essi grazie a una migliore gestione della telecamera che beneficia anche di un framerate molto stabile.

Controlla l’assassino

Il sistema di controllo del gioco è rimasto invece invariato con un’andatura che può passare da camminata a corsa, salti e passaggi da un appiglio all’altro in maniera controllata e infine attacchi leggeri che si alternano a quelli pesanti. La risposta dei comandi è stata comunque resa più efficiente rispetto alle avventure cinesi.

india 3

Il gameplay alterna ancora come è ovvio momenti stealth a azione frenetica scandita dal tintinnare delle armi da taglio e il level design esalta il tutto, rendendo possibili varie soluzioni per fronteggiare i vari nemici che vi si pareranno di fronte. Si consiglia sempre e comunque una soluzione silenziosa e quindi molto meno rumorosa, dato che l’intelligenza artificiale dei nemici suggerirà loro sempre e comunque di attaccare a testa bassa e quindi questo aspetto può risultare una scocciatura. In Assassin’s Creed Chronicles: India sono state aumentate dagli sviluppatori anche le sessioni platform che non si limiteranno più come in passato a rappresentare degli sporadici momenti di fuga bensì saranno caratterizzate da impegnative scalate, dove i numerosi ostacoli potranno farvi compiere più di un passo falso.

Sfide

Nel menù principale potremo accedere anche a delle sfide completamente inedite, tanto per variare e spezzare il ritmo del solito gameplay. Gli obiettivi conseguiti in questo caso contribuiranno a sbloccare i livelli successivi. Nella sfida a tempo dovremo trovare tutti gli ologrammi Helix, dove non dovremo ad esempio cadere su zone colorate oppure senza fermarsi mai. Dovremo cimentarci anche in uccisioni sempre diverse, senza possibilmente farsi mai scoprire dagli avversari. I nemici, soprattutto quelli più importanti a livello di narrazione, saranno più difficili da sconfiggere e quindi in questo caso potremo fare affidamento su features particolari come fucili da cecchino ante litteram, bombe fumogene, petardi distraenti e perfino un fischio per attrarre l’attenzione. Con la barra Helix poi potremo diventare invisibili per qualche secondo oppure entrare in una sorta di stato di trance che ci donerà poteri sovrannaturali.
Alla luce di tutta questa ricca offerta di gioco il titolo non è terminabile prima di 4 ore, dato che anche i livelli sono stati nettamente ampliati rispetto a China. Quando avremo terminato il gioco nella sua completezza potremo sbloccare un livello di difficoltà superiore che ci consentirà di raccogliere ulteriori potenziamenti. Ad ogni livello infatti ci verrà assegnato un punteggio di esecuzione e, ad esempio, nel caso in cui riuscissimo ad eliminare tutti i nemici senza mai farci scoprire potremo ottenere il grado di ombra oro che ci regalerà numerosi benefit.

Un buon diversivo dalla saga principale per tutti gli amanti del celebre brand di AC, Tutto è stato migliorato, dalla grafica, alle ambientazioni, alla quantità di contenuti giocabili. Il prezzo budget poi lo rende per gli aficionados un acquisto realmente imprescindibile. L’auspicio è che il prossimo capitolo ambientato nelle fredde lande di Russia possa seguire questa scia e dimostrarsi possibilmente ancora migliore.

Dopo una serie di trailer e annunci vari Bandai Namco svela finalmente la data di uscita di One Piece: Burning Blood, l’atteso picchiaduro tratto dal manga di successo di Eiichiro Oda.

Negli ultimi giorni si erano intensificati gli spot e i trailer (come quello delle bellezze in azione), il motivo è spiegato dall’annuncio odierno sulla data di uscita di One Piece: Burning Blood: il 3 Giugno 2016 per PlayStation 4, Xbox One e PS Vita mentre la versione PC arriverà a Giugno 2016 ma resta ancora da scoprirne il giorno preciso.

data di uscita di one piece: burning blood pre-order steelbook

Dopo una votazione tra i fan è stato annunciato anche il gadget che sarà dato in omaggio a chi effettuerà il pre-order del gioco presso alcuni retailers. Si tratta di un metal case esclusivo (misure 13,5×17 cm)  e un DLC contenente i personaggi giocabili Champion Rufy, Rufy Gear 4th e Kung Fu Rufy (così come appare nel manga al capitolo 710, disegnato da Eiichiro Oda). Bandai Namco ha confermato che le prenotazioni di One Piece: Burning Blood sono già possibili dalla giornata di oggi.

data di uscita di one piece: burning blood pre-order

Sviluppato da Spike Chunsoft Co., Ltd One Piece: Burning Blood sarà un picchiaduro frenetico basato sul capolavoro di Eiichiro Oda che permetterà anche l’utilizzo dei frutti del diavolo in devastanti attacchi per sconfiggere perfino i nemici più temibili.

Vi lasciamo al trailer ufficiale italiano del gioco:

Ancora ritardi per Mighty No. 9 come apprendiamo dalla pagina di update del progetto su kickstarter. Il detto non c’è due senza tre non ha risparmiato il nuovo lavoro di Keiji Inafume che è giunto al terzo slittamento, scopriamone i motivi.

Lo scorso Settembre avevamo avuto conferma della data ufficiale di uscita di Mighty No. 9 ma in giornata è arrivato l’annuncio dell’ennesimo ritardo, a causa di vari bug nel matchmaking, da parte dello stesso Inafume tramite un post-update nella pagina kickstarter del progetto:

«Abbiamo lavorato fino all’ultimo momento per risolvere questi inconvenienti in modo da rilasciare il gioco a Febbraio ma, alla fine, è risultato chiaro che non avremmo avuto tempo sufficiente per sistemare i problemi e avere tutto in ordine per il rilascio ufficiale.»

Il project leader ha poi proseguito il discorso:

«Ci sono due grosse motivazioni dietro questo problema: la prima è l’ampio numero di piattaforme supportate (la soluzione per ogni piattaforma risulta leggermente diversa) e la seconda deriva dal fatto che il motore grafico che stiamo utilizzando non è più stato aggiornato, il che significa che gli aggiustamenti di codice per il matchmaking e l’online vanno fatti manualmente (ovvero riprogrammare parti del motore da parte del team di sviluppo stesso). Sfortunatamente, questo è il risultato di un errore di calcolo da parte nostra, come staff di sviluppo.»

Ritardi per Mighty No. 9

Una notizia davvero spiacevole soprattutto viste le grandi potenzialità, evidenziate anche nel nostro hands-on, di un titolo che si rifà ai classici side-scrolling platform e che si pone come erede di Mega Man vista soprattutto la presenza di Inafume e di altri membri storici del suo team di sviluppo.

Gamestop US ha rilasciato ieri un sondaggio che potrebbe rivelare delle interessanti novità riguardo la nuova console Nintendo in arrivo.

Nintendo NX 2016

Parliamo solo di speculazioni, ma nel sondaggio che potete vedere qui sotto, la nota catena di distribuzione chiede sostanzialmente ai suoi clienti di numerare il proprio hype per le piattaforme, in uscita nei prossimi 12 mesi, elencate nel sondaggio. Nella lista è presenta, tra Oculus Rift e altri visori, anche Nintendo NX. Vuoi farci capire qualcosa Gamestop?

 

 

 

 

 

 

Console in ogni stanza, device portatili nel bar della hall e una fumetteria, ecco alcuni dei servizi disponibili nel primo hotel per videogiocatori che è sorto ad Amsterdam.

Si chiama The Arcade Hotel ed è stato inaugurato recentemente ad Amsterda, la sua particolarità? Si tratta del primo hotel per videogiocatori in Europa, come se non ci fossero già abbastanza motivi per visitare la capitale olandese.

The Arcade Hotel - Hotel per videogiocatori ad Amsterdam

Situato ben lontano dai quartieri del lusso e dal centro turistico, l’Hotel Arcade punta a diventare un punto di riferimento per i gamers che vogliono visitare la città ma concedersi alcune ore di relax immergendosi nel retrogame.

Ogni stanza è equipaggiata con giochi e retro-console senza alcun costo aggiuntivo mentre console portatili sono distribuite nel bar della hall per partite multigiocatore. Sempre nella hall è possibile condividere giochi e usufruire della libreria di fumetti che vanta titoli classici della DC, Dark Horse e del panorama indie. Daniel Salmanovich, proprietario dell’hotel, ha affermato quanto segue: «Ho rimodellato un classico hotel in un posto speciale per gli appassionati di videogiochi, un posto nel quale viaggiatori e giocatori si sentano come ospiti a casa di amici».

The Arcade Hotel - Hotel per videogiocatori ad Amsterdam

Avete intenzione di visitare Amsterdam? Se decidete di alloggiare al The Arcade Hotel, fateci sapere le vostre impressioni!

Nella giornata odierna Bandai Namco ha rilasciato un nuovo trailer tutto curve e mazzate per One Piece: Burning Blood, il nuovo titolo tratto dal manga di Eiichiro Oda.

L’eloquente titolo del trailer è traducibile dal giapponese come “le super-bellissime signore entrano in campo” e non è un caso: nel filmato possiamo vedere in azione le bellissime protagoniste mentre menano le mani tra loro.

Bando ai convenevoli, ecco il nuovo trailer di One Piece: Burning Blood

Il filmato è tratto dalla versione in lavorazione su PlayStation 4 in uscita in Giappone il 21 Aprile, anche per PS Vita. In occidente arriverà a Giugno, supportato anche dalle versioni per Xbox One e PC. Le quattro signore presenti nel video saranno tutte giocabili in One Piece: Burning Blood mentre i bikini che indossano faranno parte del primo DLC bonus, disponibile all’uscita del gioco in Giappone.

 

Sega ha da poco rilasciato una carrellata di nuove immagini e video di Valkyria: Azure Revolution, il nuovo capitolo della serie iniziata con Valkyria Chronicles.

Iniziamo con la versione estesa del primissimo teaser trailer:

Seguono due video dove possiamo ascltare un’anteprima del tema principale del gioco “Blue Revolution” e la canzone “Eternal Rest” (che potete ascoltare per intero cliccando QUI) con il compositore Yasunori Mitsuda e la cantante Sarah Àlainn:

Terminiamo con alcuni artwork e screenshot del gioco:

immagini e video di Valkyria 1
immagini e video di Valkyria 2
immagini e video di Valkyria 3
immagini e video di Valkyria 4
immagini e video di Valkyria ss01
immagini e video di Valkyriass02
immagini e video di Valkyria ss03
immagini e video di Valkyria ss04
immagini e video di Valkyria ss05
immagini e video di Valkyria ss06
immagini e video di Valkyria ss07
immagini e video di Valkyria ss08

Ricordiamo che Valkyria: Azure Revolution è previstoe in esclusiva Playstation 4. Ancora non si sa nulla sulla sua release.

Fonte: DualShockers

 

Fire Emblem Fates potrebbe ricevere una censura in Occidente dopo che una scena in particolare ha causato interpretazioni contrastanti lo scorso anno, quando il titolo è uscito in Giappone.

Alcuni hanno interpretato, infatti, una sottotrama come relativa a una conversione forzata e sotto l’effetto di droghe ai danni di un personaggio gay.

Il personaggio in questione è Soleil, fan di Dark Souls sappiate che non c’entra nulla col gioco From Software, una lesbica che spesso si distrae o, addirittura, sviene alla vista di belle donne. Per riuscire a cooperare con lei il protagonista le somministra di nasconsto una polverina magica che le permette di vedere tutti gli uomini come bellissime fanciulle. Successivamente si innamora proprio del protagonista di Fire Emblem Fates visto da Soleil come una donna ma, quando l’effetto della polverina magica svanisce, decide di essere comunque innamorata di lui pur sapendo che in realtà è un uomo.

fire emblem fates censurato

L’utilizzo di una sorta di droga per cambiare attitudine è stata vista da molti come un semplice pretesto per essere in grado di cooperare con lei mentre altri hanno inteso la vicenda come una Soleil che, tramite percezione distorta dalle droghe, si sente attratta da qualcuno tramite un sotterfugio.

Potete farvi un’idea personale della vicenda leggendo il dialogo, tradotto dal giapponese all’inglese su pastebin, tra i personaggi al seguente indirizzo.

Per evitare ulteriori fraintendimenti e imbarazzi verrà rilasciato un Fire Emblem Fates censurato sia negli Stati Uniti che in Europa, come confermata da Nintendo stessa tramite delle dichiarazioni rilasciate a NintendoWorldReport:

«Nella versione del gioco in arrivo negli USA e in Europa non c’è nessuna espressione, nei dialoghi che avvengono tra i personaggi, che possa essere considerata come una conversione gay o su somministrazioni di droghe.»

Nintendo non ha specificato in che modo è stata cambiata la sottotrama, dunque non ci resta che aspettare l’uscita del titolo in Occidente, in esclusiva per Nintendo 3DS (19 Febbraio per gli Stati Uniti, 30 Aprile per l’Europa), per sapere quale sottefurgio è stato utilizzato in quello che, a tutti gli effetti, sarà un Fire Emblem Fates censurato.

Flag Counter