Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

L’ultimo della serie, Yakuza: Like a Dragon, sviluppato e pubblicato da Sega, è un esclusiva PlayStation 4 rilasciato in Giappone il 16 gennaio 2020, lasciandoci la possibilità di sbirciare qualche piccola curiosità. Il nuovo stile di combattimento, ora a turni e non più in tempo reale come nei titoli precedenti, è tra le novità più importanti, ma l’ultima scoperta non è da meno!

Yakuza: Like a Dragon

Tra le strade del quartiere a luci rosse di Kamurocho, i protagonisti di Yakuza: Like a Dragon si riuniranno occasionalmente al “Survival Bar“, per passare un po’ di tempo insieme e dilettarsi in uno dei mini-game più apprezzati dai fan della serie: il karaoke!

Il locale metterà a disposizione uno stereo con il quale il giocatore potrà scegliere dei brani o usare dei CD acquisiti durante la storia, tra cui le musiche dei precedenti capitoli o di altri titoli targati Sega, ma non solo! Tra questi ci saranno canzoni caratteristiche di Persona 5, come “Life Will Change“, che vi faranno credere anche solo per un attimo di essere finiti nel videogioco sbagliato.

L’articolo Yakuza: Like a Dragon avrà canzoni di Persona 5 proviene da GameSource.

Nuova settimana, nuovo trailer per Granblue Fantasy: Versus, rilasciato con l’ultimo tweet dall’account ufficiale del titolo. Anche in quest’ultimo video siamo alle prese con due minuti di gameplay per il Picchiaduro della serie nata come JRPG su iOS e Android.

Granblue Fantasy: Versus Lancelot Percival

Vi lasciamo dunque al video, che vede Lancelot e Percival l’uno contro l’altro in un duello all’ultimo sangue, ricco di combo e mosse speciali.

Rimanete con noi per essere sempre aggiornati su Granblue Fantasy: Versus e non solo!

L’articolo Granblue Fantasy: Versus: Trailer per Lancelot e Percival proviene da GameSource.

Claire Murdoch, direttrice dell’England’s National Health Service (NHS), ha riacceso la polemica sul rapporto tra le Loot Box – le cosiddette Casse Premio – e il gioco d’azzardo. La Murdoch, in un rapporto, sostiene che le Loot Box spingerebbero i giovani a giocare d’azzardo e sarebbe perciò necessario un maggior controllo da parte delle autorità per prevenire casi di dipendenza.

Nessuna azienda dovrebbe portare i ragazzi a una dipendenza insegnando loro a giocare d’azzardo sul contenuto delle Loot Box. Questo tipo di mercato dovrebbe finire al più presto.

loot box

Le Loot Box non sono attualmente regolamentate dalla Commissione Inglese per il gioco d’azzardo perchè il loro contenuto non può essere monetizzato. Questo sistema viene definito nel rapporto come una ‘scappatoia’ in quanto i siti web di terzi parti che vendono addirittura account per i giochi o oggetti rari sono molto comuni e facili da trovare su molti siti web, soprattutto su Ebay. Claire Murdoch ha anche invitato gli editori a vietare la presenza di casse premio all’interno dei videogames e a introdurre dei limiti di spesa per i minori. Ha anche aggiunto che sarebbe necessario sia comunicare ai giocatori le probabilità reali di ricevere un determinato oggetto prima di acquistare una determinata Loot Box che sostenere i genitori aumentando la loro consapevolezza sui rischi della spesa nel gioco.

overwatch loot boxes

Per quanto riguarda i rischi, il rapporto dice che le indagini del Governo britannico hanno trovato numerosi casi di bambini che spendono denaro all’insaputa dei genitori, come ad esempio un sedicenne che ha pagato 2.000 sterline per una partita di basket o un quindicenne che ha perso 1.000 sterline in uno shooting-game. I giochi finiti sotto l’occhio del ciclone riguardano un po’ tutte le piattaforme comprese ovviamente PC, PlayStation 4 e Xbox One.

L’articolo Loot Box: Incentivano davvero il gioco d’azzardo? proviene da GameSource.

Naughty Dog, l’azienda americana che sta sviluppando The Last of Us Part II, è alla ricerca di un programmatore grafico esperto di DirectX 12, Vulkan o altre moderne API grafiche per PC. Non solo, il candidato deve avere anche una conoscenza approfondita di entrambe le architetture AMD GCN e Nvidia CUDA. I requisiti richiesti da Naugthty Dog, dato che le console attuali e future utilizzano le schede grafiche di AMD, fanno pertanto pensare anche a una versione per PC di The Last Of Us Part II.

the last of us 2

Pochi giorni fa è stato rivelato che anche Horizon Zero Dawn vedrà la luce su PC oltre che su PlayStation 4 ed è facile a questo punto presagire che anche il secondo capitolo di The Last of Us, l’avventura horror a sfondo post apocalittico, avrà una versione per PC.

Senza dubbio un’ottima notizia per tutti i giocatori di PC anche se probabilmente dovremo attendere almeno fino a Febbraio per un’eventuale conferma ufficiale da parte di Sony. Vi terremo aggiornati su eventuali conferme ufficiali tuttavia sembra che Sony sia seriamente intenzionata a portare il suo catalogo di giochi anche sulla piattaforma PC.

L’articolo The Last Of Us 2: Possibile uscita anche su PC? proviene da GameSource.

Ormai è prassi di Capcom non fermarsi mai quando si tratta della sua serie Azione JRPG, Monster Hunter. Infatti, la compagnia ha appena rilasciato il piano annuale dei contenuti relativi a Monster Hunter: World Iceborne.

Monster Hunter: World Iceborne contenuti

Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa ci attenderà nei mesi successivi.

Gennaio 2020

  • Dal 24 Gennaio al 13 Febbraio vi sarà il festival dedicato ad Astera e Seliana, i due insediamenti del titolo
  • Una nuova armatura a strati sarà rivelata

Febbraio 2020

  • Un nuovo evento faciliterà l’apparizione dei mostri di dimensione tale da conferire una corona oro (grandezza o piccolezza che sia, farà gola a molti cacciatori di trofei).
  • Aumentati i drop delle decorazioni e incremento del punteggio ad ogni missione completata(grado maestro).

Marzo 2020

  • La versione 13.0 di Monster Hunter: World Iceborne sarà rilasciata. Con lei, saranno inseriti anche due nuove varianti di Mostri già esistenti.

Aprile 2020

  • Rilascio della versione 13.5. Assisteremo al debuto di un nuovo mostro arcitemprato e al grado maestro di alcuni mostri grandi già esistenti. Inoltre, è previsto un altro festival per Astera e Seliana.

Maggio 2020

  • Sarà rilasciata la versione 14.0 del titolo. A sorpresa, Capcom celebrerà il ritorno di un vecchio mostro – a detta della compagnia stessa – adorato dai fan della serie.

Monster Hunter: World Iceborne contenuti

Da Giugno in poi sono previsti altri mostri ed eventi, la compagnia rilascerà maggiori informazioni in futuro. Inoltre, Capcom ha annunciato che a partire da Aprile 2020, gli eventi di Monster Hunter: World Iceborne saranno sincronizzati sia su PlayStation 4 e Xbox One che PC(in quanto quest’ultima è sempre stata un po’ in ritardo con i tempi).

Iceborne

Insomma, sembra che Febbraio sia un mese ricco per chi vuole potenziarsi con più facilità e ottenere i trofei relativi alle corone oro dei mostri grandi, sicuramente i trofei più rognosi della serie. Rimanete con noi per le prossime novità su Monster Hunter: World Iceborne.

L’articolo Monster Hunter World: Iceborne: Rivelati i contenuti del 2020 proviene da GameSource.

Recentemente il mercato giapponese ha visto la pubblicazione di Yakuza: Like a Dragon, uno dei titoli più attesi del 2020, e SEGA ha quindi deciso di celebrare l’evento. Su Spotify è stata infatti pubblicata la colonna sonora dell’intera serie di Yakuza, cosa che sarà sicuramente apprezzata da tutti gli appassionati della serie.

La notizia è trapelata – come spesso accade – tramite Reddit e tutti si sono subito precipitati sulla pagina Spotify di SEGA Sound Team. L’azienda giapponese ha rilasciato la colonna sonora di tutti i seguenti capitoli:

Yakuza colonna sonora

Per quanto riguarda Yakuza: Like a Dragon bisogna tenere presente che non è stata ancora rilasciata una data di uscita ufficiale. Si sa per certo, ad ogni modo, che verrà pubblicato in esclusiva su PlayStation 4 nel corso dell’anno. Per il momento non resta quindi che entrare nell’atmosfera della saga ascoltandone l’intera colonna sonora.

L’articolo La colonna sonora di Yakuza arriva su Spotify proviene da GameSource.

Little Town Hero, il nuovo titolo per Nintendo Switch sviluppato dai ragazzi di Game Freak e uscito lo scorso ottobre sta per ricevere un’edizione fisica di tutto rispetto, perfetta per qualsiasi fan del gioco o chiunque debba ancora giocarci.

Nella primavera 2020 uscirà infatti la “Big Idea Edition“, già preordinabile sullo store online di NIS America.

Questa edizione includerà, oltre alla copia del gioco:

  • Un art book “Life in the Village”
  • Un poster “Izzit? Dazzit?”
  • Due spille “Defender Duo”
  • La colonna sonora ufficiale “Town Tunes”
  • Confezione da collezione

Little Town Hero Big Idea Edition

Se non vi siete ancora fatti un’idea su questo nuovo titolo dagli autori di Pokémon potete leggere la nostra recensione a questo link.

L’articolo Little Town Hero: in arrivo un’edizione speciale proviene da GameSource.

Oltre all’annuncio dell’ingresso di Byleth in Super Smash Bros. Ultimate, durante l’ultimo Nintendo Direct è stato dato spazio all’espansione di Fire Emblem: Three Houses intitolata Ombre Cineree.

Fire Emblem Three Houses – Ombre Cineree

Questa nuova avventura sarà incentrata sui Lupi Cinerei, una quarta pseudo casata segreta situata nelle profondità del monastero di Garreg Mach. Assieme alla nuova storia dedicata ai nuovi personaggi, saranno presenti nuove missioni e attività secondarie.

Fire Emblem: Three Houses – Ombre Cineree sarà disponibile dal prossimo 13 febbraio, ed essendo incluso nel Pass di Espansione del gioco chi lo ha acquistato potrà scaricarlo su Nintendo Switch senza alcun costo aggiuntivo.

L’articolo Fire Emblem: Three Houses: annunciata l’espansione Ombre Cineree proviene da GameSource.

Metabolizzata la notizia sul rinvio di Cyberpunk 2077, la cui finestra di rilascio passerà da Aprile 2020 a Settembre 2020, molti videogiocatori sono rimasti delusi dal comunicato diffuso da CD Projekt RED.

Cyberpunk 2077

Gennaio 2020 sarà forse ricordato da molti giocatori come uno dei periodi della storia videoludica in cui rinvii e slittamenti ci sono sembrati all’ordine del giorno, vedi quelli annunciati da Square Enix per Final Fantasy VII Remake e Marvel’s Avengers, nonostnate non sia una novità o un fatto così fuori dal comune nell’industria videoludica.

Tuttavia l’epoca dei social network amplifica queste notizie e, spesso in maniera negativa, ingigantisce questi inconvenienti di percorso in fase di sviluppo.

Cyberpunk 2077

In ogni caso il team di sviluppo polacco conosce bene i suoi fan e ha iniziato a lanciare alcuni tweet rassicuranti sul fatto che l’attesa sarà ben ripagata e che Cyberpunk 2077 vedrà la luce. A dimostrazione di ciò possiamo leggere due tweet di Miles Tost (Senior Level Designer) e Łukasz Babiel (CD Projekt RED QA Lead):

Questo slittamento eviterà il cosiddetto “crunch”? (ossia il lavoro extra, al di fuori di giorni e orari lavorativi, al fine di completare un progetto)

Probabilmente il crunch verrà mitigato da questi mesi aggiuntivi, ma il lavoro extra è stato già predisposto da CD Projekt Red per lo stage finale dello sviluppo di Cyberpunk 2077.

Nel frattempo, rimane davvero apprezzabile l’attaccamento dello studio di sviluppo verso i suoi fan con le rassicurazioni sopra citate. Siamo certi che Cyberpunk 2077 sarà un titolo AAA che non verrà facilmente dimenticato e non vediamo l’ora di poterlo apprezzare su PlayStation 4, Xbox One, PC o Google Stadia: il 17 Settembre non è poi così lontano.

L’articolo Cyberpunk 2077: gli sviluppatori rassicurano i fan proviene da GameSource.

Nell’ultimo mese c’è stato tanto fermento attorno a Sony grazie ad alcuni dettagli svelati su PlayStation 5, indiscrezioni circa la sua assenza all’E3 2020 e, in generale, attorno alle esclusive di cui godrà la sua console next-gen al lancio, ma il controller? Sarà DualShock 5 come da tradizione o il brand verrà rinnovato?

Playstation 5

La (quasi) conferma che il nome del prossimo controller destinato da Sony alla sua console next-gen sia DualShock 5 arriva direttamente dalla sezione FAQ del sito francese dedicato a PlayStation in cui vengono confrontati i modelli della quarta generazione di console Sony:

PlayStation 5 Controller DualShock 5

Per alcune ore è comparsa la doppia compatibilità DS4 (ovviamente il DualShock 4 di PS4) e DS5 (presumibilmente il DualShock 5) per tutti i modelli di PlayStation 4.

A questo punto, se la notizia venisse confermata, ci sono due cose interessanti da notare: la prima riguarda ovviamente il fatto che il nuovo controller di PS5 seguirà la linea iniziata dai predecessori e si chiamerà appunto DualShock 5; la seconda, decisamente più interessante, riguarderebbe il fatto che il DualShock 5 godrebbe di una retrocompatibilità con PlayStation 4.

La conferma di questa notizia potrebbe decretare di fatto il fine vita (e forse anche anticipata)del controller DualShock 4, non più necessario e superato da DualShock 5.

L’articolo PlayStation 5: il controller si chiamerà DualShock 5? proviene da GameSource.

Flag Counter