Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Durante il CES 2019, AMD ha svelato la nuova scheda grafica AMD Radeon VII, la prima GPU per videogiochi realizzata con processo produttivo a 7 nanometri.

AMD Radeon VII

La nuova scheda utilizza un’architettura Vega, supporta fino a 16 GB di memoria HBM2 a 2 Gbps, su una larghezza di banda da 1 TB/s. Le specifiche garantiscono performance superiori al 25% rispetto alla Radeon RX Vega 64 consumando la stessa energia.

AMD Radeon VII è sviluppata sia per i creatori di contenuti, superando i risultati del 27% in Blender e DaVinci Resolve 15, del 29% in Adobe Premiere e del 62% in OpenCL, sia per i videogiocatori. In Battlefield V, ad esempio, le prestazioni sono superiori al 35% con impostazioni grafiche al massimo e risoluzione 4K. I risultati consensentono a Radeon VII di rivaleggiare con Nvidia GeForce RTX 2080.

Il lancio della nuova scheda grafica è fissato per il 7 febbraio, al costo di listino di circa $699. Acquistando la GPU verranno regalati in bundle Resident Evil 2, Devil May Cry 5 e The Division 2. Il prezzo è concorrenziale considerando i $799 a cui viene venduta RTX 2080.

L’articolo CES 2019: AMD Radeon VII è la risposta a Nvidia GeForce RTX 2080 proviene da GameSource.

The Last Remnant è uno dei JRPG di Square Enix che recentemente è stato pubblicato nuovamente con una versione remastered. Non tutti sanno che i boss che affronterete durante la vostra run, potranno essere successivamente reclutati nella gilda. Ecco quali sono i passi da seguire e i luoghi in cui bisogna recarsi per reclutarli.

The Last Remnant Remastered boss

Hannah
Dopo averla sconfitta per la seconda volta recatevi a Balterossa, presso l’Union of the Golden Chalice per recrutarla.

Hinnah
Dopo averla sconfitta per la seconda volta recatevi a Nagapur, presso l’Union of the Golden Chalice per recrutarla.

Ludope
Dopo averlo sconfitto per la seconda volta recatevi a Melphina, presso l’Union of the Golden Chalice per recrutarlo.

Milton
Dopo averlo sconfitto per la seconda volta recatevi a Royotia, presso l’Union of the Golden Chalice per recrutarlo.

Snievan
Dopo averlo sconfitto per la seconda volta recatevi a Elysion , presso il Ring of the Labyrith per recrutarlo.

Young
Dopo averlo sconfitto per la seconda volta recatevi a Baaluk, presso l’Union of the Golden Chalice per recrutarlo.

Zuido
Dopo averlo sconfitto per la seconda volta recatevi a Ghor, presso il Ring of the Labyrith per recrutarlo.

L’articolo Reclutare i boss in The Last Remnant Remastered proviene da GameSource.

Metroid è una delle serie con più seguito in assoluto, su ogni piattaforma Nintendo mai uscita. Ed è naturale che ci sia un hype notevole attorno al nuovo capitolo della serie, Metroid Prime 4, nonostante non siano stati rivelati dettagli ufficiali sul gioco e non ci siano più notizie da tempo.

Metroid: Samus Returns

Ebbene, un sussulto si è quest’oggi innescato nei cuori di tanti fan: il retailer ceco SuperGamer, ha quest’oggi aggiornato il cartellino del gioco inserendo una data d’uscita fissa al 29 Novembre di quest’anno. La cosa interessante è che, se anche fosse un semplice placeholder, il rilascio prima del 2020 non sembra più un’ipotesi fuori dagli schemi. Ovviamente, la notizia non ha nessuna conferma ufficiale, quindi va presa con le dovute precauzioni.

L’articolo Metroid Prime 4 sarà rilasciato entro il 2019? proviene da GameSource.

Praticamente non esiste videogiocatore, appassionato o anche solo occasionalmente curioso, che non conosca il capostipite del genere platform: Super Mario Bros. Dal 1985 in poi l’idraulico più famoso del mezzo videoludico è da sempre stato sinonimo di platform e di intrattenimento domestico, e oggi finalmente sbarca su Nintendo Switch l’ultimo capitolo del genere: New Super Mario Bros. U Deluxe, già visto su Wii U, in tutta la sua magnificenza… e in fondo non poteva esistere una console Nintendo senza il suo Mario!

Qualcuno potrebbe storcere il naso pensando che si tratti di un mero porting, ma non bisogna preoccuparsi: New Super Mario Bros. U Deluxe è una collection rimodernata e con implementazioni al multiplayer in grado di esaltare i pregi di un titolo magnifico, già povero di difetti, e che impressiona per qualità e quantità di contenuti.

Mi spiace Mario, la Principessa è in un altro castello

La trama è sempre la stessa, ma questa volta Bowser, il famoso arcinemico innamorato di Peach, non va tanto per il sottile: a bordo del suo vascello volante e armato di braccio meccanico afferra i nostri amici durante un banchetto e li scaglia con violenza lontano, nella Piana delle Ghiande, per poi dedicarsi con calma al sequestro della principessa. Inizia così la nostra avventura nell’intento di superare, schema dopo schema, tutti i nemici disseminati lungo il percorso al fine di arrivare finalmente al castello, affrontare Bowser, liberare la Principessa Peach e far tornare il regno al suo solito zuccheroso splendore.

La strada è lunga e irta di pericoli e novità che metteranno alla prova i nostri protagonisti: già perché in questa avventura saremo liberi di affrontare in qualunque momento, qualsiasi schema con Mario, Luigi, Toad, Ruboniglio o Toadette. Uno alla volta o in gruppi di quattro, ogni schema è affrontabile nel corso della partita sia con gli amici che in solitaria con il personaggio che preferite andando ad aumentare in maniera considerevole il divertimento che l’esperienza di gioco offre. Schema dopo schema, tra mondi gelati, subacquei, deserti o aerei, i nostri amici affronteranno scenari e avversari differenti ma con un elemento comune: un level e un character design eccelsi studiati in ogni minimo particolare.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

La cura del dettaglio

Ciò che rende New Super Mario Bros. U Deluxe grandioso è la cura per ogni singolo dettaglio: ogni piattaforma, sia essa un semplice muro piuttosto che un fungo ondeggiante, una nuvola o una piattaforma mobile, è posta all’interno dello scenario con una cura e una precisione maniacale. Se vedete qualcosa che pensate sia al di fuori della vostra portata vi sbagliate di grosso: esiste di sicuro il modo di arrivarci, sta solo a voi scoprire come. Ogni piattaforma è raggiungibile, ogni cunicolo è alla vostra portata; forse avrete bisogno di qualche power up di tanto in tanto, ma state pur certi che nulla è di fatto inarrivabile.

Senza contare la quantità smisurata di segreti posti in ogni singolo schema che affronterete: cubi nascosti, piante che arrivano fino al cielo e muri invisibili sono nascosti ovunque, pronti per trasportarvi in zone segrete o schemi extra ricchi di premi e monete. Già, perché le monete sono una costante in New Super Mario Bros. U Deluxe, e anche qui come in altri precedenti capitoli avrete tutta una serie di monete che, di cento in cento, vi premieranno con punti e vite extra. Naturalmente anche qui sono presenti le classiche monetone, tre per ogni schema, da trovare e collezionare e potete stare certi che almeno una di queste sarà sempre stipata in un luogo segreto, difficile da trovare e da raggiungere.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

La strada è lunga e irta di pericoli

In New Super Mario Bros. U Deluxe anche la mappa diventa interattiva e divertente, senza essere solo un mero interludio tra uno schema e l’altro. Troveremo innanzitutto le casette dei Toad, verdi o rosse: con le prime potremo affrontare dei mini giochi che ci premieranno con power up da assumere prima di cominciare uno schema di gioco, mentre le seconde ci ricompenseranno con i mitici funghetti verdi, vite extra sempre utili in caso di difficoltà. Inoltre sparsi per i vari mondi fanno la comparsa dei satolli e rilassati mini Yoshi, che se raggiunti ci accompagneranno in battaglia fornendo power up esilaranti e sopratutto utili: strizzando la pancia dei baby draghetti otterremo sfere di fuoco, bolle d’aria, luce extra e naturalmente potremo mangiare nemici e proiettili.

Sempre sul terreno di gioco della mappa capiterà saltuariamente di incontrare qualche nemico al soldo di Bowser: se sarete pronti di riflessi potrete semplicemente evitare il confronto e passare oltre, ma se per caso vi scontrerete con loro verrete immediatamente catapultati in uno stage aggiuntivo in cui potrete uccidere o essere uccisi. Nel primo caso otterrete un power up aggiuntivo, nel secondo perderete una vita e tornerete indietro nella mappa per poter proseguire nel percorso.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

I power up di Mario e dei suoi compagni di viaggio

Come sempre il gameplay di questo genere di titoli Nintendo è ridotto all’osso senza comunque perdere di spessore, e New Super Mario Bros. U Deluxe non fa certo eccezione. Ci si muove con i tasti direzionali, un tasto è adibito al salto, uno alla corsa/fuoco e un terzo permette di piroettare per allungare di poco la gittata del salto. Questa semplificazione si rivela funzionale in single player e vitale in multiplayer: grazie a essa, infatti, un singolo Joy-Con è molto più che sufficiente per poter affrontare senza indugio la partita e come è ovvio questo permette un multiplayer veloce, perfetto sia in portabilità che sul televisore di casa.

Troveremo inoltre tutti i power up che hanno reso celebre Super Mario nel corso degli anni:

  • Il classico Fungo Rosso, in grado di aumentare le dimensioni di Mario;
  • Il Fiore di Fuoco, che rende Mario capace di sparare palle di fuoco dalle mani;
  • Il Fiore di Ghiaccio, che permette di sparare palline che congelano i nemici e spengono le fiamme;
  • Il Mini Fungo, che diminuisce drasticamente le dimensioni e il peso di Mario, permettendogli saltare più lontano e più in alto e di raggiungere zone inaccessibili;
  • L’immancabile Fungo Verde, perché una vita di riserva fa sempre comodo;
  • La Stellina, che come ben tutti sapete rende invulnerabile il personaggio in uso;
  • La Ghianda, che trasforma Mario in uno scoiattolo volante in grado di appendersi, planare e darsi uno slancio verso l’alto;
  • La Ghianda Power, identica alla precedente ma in grado di far volare Mario all’infinito;
  • La Corona Rosa, utilizzabile esclusivamente da Toadette, che la trasforma In Peachette e le permette di planare con il vestito anziché cadere e le permette di risalire da un dirupo in caso di necessità;
  • La Tuta Pinguino, adatta per scivolare e disponibile solamente nel mondo Superstar sbloccabile a fine partita;
  • Il Fungo Elica, anch’esso disponibile solo in Superstar, che permette ai personaggi di volare in alto verticalmente.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

Accanto ai soliti compagni di Mario di sempre – Toad e Luigi in primis – in New Super Mario Bros. U Deluxe troviamo anche Toadette e Ruboniglio. Questi personaggi hanno abilità specifiche volte a semplificare gli schemi per permettere anche ai più piccoli o ai meno esperti di godere al massimo dell’esperienza di gioco. Toadette può assumere tutti i power up e ne ha uno specifico, la Corona Rosa che – trasformandola in Peachette – le permetterà di planare in caduta e risalire a razzo dal fondo di un precipizio. Nonostante le speranze dei fan della casa nipponica confermiamo quanto da loro comunicato di recente ribadendo che la corona è un power up esclusivo di Toadette e pertanto non è utilizzabile da nessun altro giocatore.

L’altro personaggio novità è Ruboniglio: un rabbit viola con la mano lesta che di tanto in tanto compare nel mondo di gioco e va acchiappato per guadagnare un power up. In questa edizione però è anche un personaggio giocabile, adatto in particolar modo ai più piccini data la sua peculiare particolarità: è assolutamente immune a colpi e avversari di qualsiasi tipo e perde una vita solo se schiacciato da elementi dello schema o se cade in un dirupo. Ruboniglio dunque diventa il personaggio perfetto per le partite in multiplayer in cui voglia giocare anche un bimbo più piccolo o un giocatore particolarmente inesperto senza di fatto andare a impattare sul gameplay della squadra.

A causa dei loro poteri che semplificano il gioco, sia Toadette che Ruboniglio, se usati in single player, permettono di avanzare nel gioco ma non fanno considerare lo schema come concluso. Menzione d’onore, infine, per i cameo di Yoshi in molti schemi che risultano ben congegnati e adatti a catturare con le loro performance attenzione e simpatia dei giocatori. 

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

Le sfide e il multiplayer

Inutile dire che con una semplicità tale dei comandi e con un pattern di gioco cosi magistralmente trasposto l’esperienza in multiplayer diventa una gioia da condividere con gli amici. Tutti insieme sul televisore di casa o sul piccolo schermo in portabilità potrete cimentarvi nel superare gli schemi grazie anche all’interazione stessa tra i personaggi che possono utilizzarsi vicendevolmente come trampolino per raggiungere zone inaccessibili. In caso di morte vedremo tornare il personaggio in una bolla che fluttuerà senza subire danni fino a quando uno dei nostri amici non la farà scoppiare. Impossibile quindi non finire a saltarsi in testa a caso solo per il gusto di interagire scatenando il divertimento di tutti.

Un valore aggiunto è dato inoltre dalle Sfide. Si tratta di schemi a obiettivo obbligato: raccogli un tot di monete, finisci in un dato tempo, resisti al fuoco nemico e così via. In queste sfide il raggiungimento degli obiettivi verrà premiato con premi in oro, argento e bronzo e ogni record personale verrà salvato con un video e raffrontato a una classifica mondiale con cui, in caso di performance eccezionali, verrà condiviso. C’è poi anche la Partita Turbo che vi permetterà una run veloce su più schemi divisi per grado di difficoltà. Conclude il pacchetto di giochi accessori la Caccia alle Monete con il suo Editor che vi vedrà impegnati nell’accaparrarvi tutte le monete nel minor tempo possibile, e se volete variare qualcosa avrete un editor a disposizione per acuire la difficoltà della sfida con i vostri amici.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe

Un porting collection quasi senza difetti

Abbiamo parlato finora di collection perché va sottolineato che New Super Mario Bros. U Deluxe comprende i titoli New Super Mario Bros. UNew Super Luigi Bros. U. Quest’ultimo presenta un livello di difficoltà maggiore e permette a Luigi di saltare un po’ più lungo e un po’ più in alto. Contando entrambi i titoli, New Super Mario Bros. U Deluxe offre oltre 150 livelli ricchi e curati: abbastanza per divertirsi per ore.

Sotto il piano tecnico il titolo non ha nessun tipo di problema grazie anche alle sue necessità di computazione decisamente parche. Nessun tentennamento e nessun difetto è stato rilevabile nella nostra prova accurata e, complice un comparto audio eccezionale come sempre nella sua capacità di fornire una perfetta cornice al gameplay, l’esperienza finale è da lode. A voler essere per forza pignoli avremmo apprezzato i mini giochi touch presenti nei capitoli precedenti dei fratelli per DS e 3DS che tanto hanno riscosso successo nel cuore dei più piccoli. Anche un uso maggiore delle funzionalità di Nintendo Switch come il giroscopio e i sensori infrarossi non che Amiibo sarebbero state apprezzate, ma in fondo questo non va a impattare sull’ottimo risultato finale. Bisogna ammettere che difficilmente si poteva fare un platform migliore di questo.

New Super Mario Bros. U Deluxe
New Super Mario Bros. U Deluxe


New Super Mario Bros. U Deluxe è il platform più completo e definitivo che possiate immaginare. Preciso, pulito divertente sia in singolo che con gli amici, offre un esperienza completa e appagante a qualsiasi età e con qualsiasi spirito lo affrontiate. Sia che vogliate soddisfare la voglia di completismo o semplicemente ammazzarvi di risate con gli amici, troverete in New Super Mario Bros. U Deluxe la soluzione perfetta alle vostre necessità. Incredibile sotto qualsiasi aspetto è un titolo praticamente senza difetti, complice una lunga esperienza pregressa su Wii U. Gli unici difetti rilevabili sono soggettivi e comunque non limitanti. Insomma, l’ennesimo centro e l’ennesimo titolo da avere, sia che siate fan sfegatati o semplici curiosi.

L’articolo New Super Mario Bros. U Deluxe – Recensione proviene da GameSource.

Per poter proseguire nella vostra avventura nel fantastico quanto pericoloso mondo di Dark Souls, sarà necessario ottenere la Chiave delle fogne, oggetto custodito da un temibile avversario: il Demone Capra. A primo acchito, sembra essere un boss ostico, data la sua forte rapidità nei movimenti e negli attacchi, gli ingenti danni che riesce a provocare e la presenza di alcuni, fastidiosissimi, cani all’interno dell’arena.

La battaglia avviene in uno spazio molto ristretto e riuscire a portare a casa la pelle con queste premesse sembra essere davvero complicato, ma non abbiate paura: c’è un semplice escamotage che potrete utilizzare per avere la meglio in modo relativamente semplice, e qui vi spieghiamo qual è.

Strategia e consigli utili

Avete notato quella scala presente nella parte sinistra dell’arena? Bene, salite i gradini, fino all’ultimo e provate a svoltare a sinistra: vi accorgerete che il personaggio cammina su un cornicione. Il boss vi seguirà, e così anche i cani: uccidete i cani, che verranno uno alla volta, quasi in fila indiana, e fate cadere il boss dandogli qualche colpo (sempre se non cade già da solo mentre cerca di attaccarvi), poi, con un attacco dall’alto, colpitelo. Se poi è particolarmente restio a cadere, buttatevi voi di sotto e lui vi seguirà, rimanendo stordito qualche attimo, cosa che vi permetterà di danneggiarlo con un attacco (attenzione a non attaccarlo più di una volta, perché ve la farà pagare cara!).

Facendo così un paio di volte eliminerete i suoi fastidiosi “scagnozzi” e provocherete al boss ingenti danni. Il nostro consiglio è ovviamente quello di usare questa strategia, munendovi di uno scudo con una buona riduzione dei danni fisici e una buona stabilità, in modo da resistere efficacemente ai suoi attacchi. Se siete personaggi che attaccano a distanza (caster o arcieri), usate la stessa strategia e attaccatelo da sopra al cornicione. Ripetete il tutto, facendo attenzione a schivare efficacemente i suoi colpi di machete, finché il Demone Capra non si deciderà a esalare il suo ultimo respiro.


Attacchi

  • Combo con i machete: serie di colpi parabili con uno scudo decente, ma state attenti: se vi colpirà con l’intera combo vi romperà la guardia, con molte probabilità, se avrete lo scudo, mentre se non lo avrete probabilmente sarete morti
  • Attacco in salto: attacco molto rapido e a lungo raggio, capace di provocare danni ingenti, ma schivabile facilmente rotolando di lato, cosa che lo renderà vulnerabile per qualche attimo (attaccatelo sempre una volta sola)
  • Attacco a 180°: colpo facile da identificare e quindi da evitare: appena il demone solleva le sue armi sulla testa, scappate all’indietro, lontano dalla sua portata (l’attacco, infatti, non è parabile, ha un raggio di 180° e provoca danni molto ingenti)

Drop

  • Chiave delle fogne
  • 6000 anime
  • un Osso del Ritorno
  • un’Umanità
  • Machete del demone, se siete fortunati

(drop che sarà ottenibile anche dagli altri Demoni Capra che incontrerete poco prima di Lost Izalith, quindi non preoccupatevi se non lo otterrete immediatamente, N.d.R.)

Dark Souls


Il Demone Capra è una creatura infernale, e a sottolinearlo è il suo stesso aspetto, che rimanda alla concezione del demonio, del Diavolo in persona. E, seppur con le dovute differenze, in parte è così anche qui.

La creatura, infatti, proviene dalla Culla del Caos, luogo paragonabile a un vero e proprio inferno di fiamme e tormento, da cui è misteriosamente “evaso” per proteggere le porte delle “Profondità”, una sorta di purgatorio, se vogliamo continuare con le allegorie religiose. Tralasciando la questione ludica sulla forza del boss, uno dei più ostici, a inizio gioco, il Demone Capra è, sicuramente, uno dei più inquietanti da vedere. La testa caprina, munita di più occhi, ti penetra dentro, lasciando trasparire tutto l’orrore e la paura che il mondo di gioco riesce a trasmettere. Giunti a Lost Izalith, poi, non ritroveremo una sola creatura come questa, ma ce ne saranno varie, un vero e proprio esercito di demoni caprini che ci daranno la caccia, pronti a spazzarci via.

Dark Souls

Si tratta, probabilmente, di un guardiano delle forze che popolano l’infuocata landa, un’entità malefica col solo scopo di uccidere.

L’articolo Dark Souls – Guida ai boss: Demone Capra proviene da GameSource.

Buone nuove per tutti i fan di Assassin’s Creed Odyssey: quest’oggi sono stati ufficialmente rivelati tutti i contenuti aggiuntivi in uscita per il titolo a Gennaio, i quali andranno ad espandere ulteriormente la già vastissima offerta ludica del titolo. Nella fattispecie, saranno rilasciate espansioni sia gratuite sia comprese nel Season Pass del gioco.

Legacy of the First Blade: Episode 2, espansione a pagamento, andrà a toccare alcuni temi che dettaglieranno maggiormente il background del gioco, mentre l’episodio gratuito Poet’s Legacy sarà il nuovo step della striscia narrativa “The Lost Tales of Greece“. Vi lasciamo alla visione del video, in cui sono illustrati tutti i contenuti in arrivo!

L’articolo Assassin’s Creed Odyssey, confermati i nuovi contenuti di Gennaio proviene da GameSource.

Non manca ormai molto per l’arrivo di Anthem sugli scaffali: il titolo di BioWare si appresta a divertire i giocatori fra meno di due mesi. Il titolo metterà a frutto la potenza del Frostbite Engine che renderà al massimo su PC. Proprio oggi sono stati diffusi i requisiti minimi e raccomandati della creatura di BioWare e, ve lo anticipiamo, non sono poi così bassi.

Anthem requisiti pc

Di seguito i requisiti minimi e raccomandati.

Requisiti minimi

OS: 64-bit Windows 10
CPU: Intel Core i5 3570 o AMD FX-6350
RAM: 8 GB
GPU: NVIDIA GTX 760, AMD Radeon 7970 / R9280X
GPU RAM: 2 GB
HARD DRIVE: almeno 50 GB di spazio libero
DIRECTX: DirectX 11

Requisiti raccomandati

OS: 64-bit Windows 10
CPU: Intel Core i7-4790 3.6GHz o AMD Ryzen 3 1300X 3.5 GHz
RAM: 16 GB
GPU: NVIDIA GTX 1060/ RTX 2060, AMD RX 480
GPU RAM: 4 GB
HARD DRIVE: almeno 50 GB di spazio libero
DIRECTX: DirectX 11

Ricordiamo che Anthem uscirà il 22 febbraio su PlayStation 4, Xbox One e PC.

L’articolo Rivelati i requisiti PC di Anthem proviene da GameSource.

Blizzard Entertainment ha pubblicato una nuova storia breve di Overwatch, intitolata “Bastet”. All’interno di questa fa la sua comparsa il secondo personaggio LGBT del titolo, dopo Tracer, ossia Soldier 76 (aka Jack Morrison).

Soldier 76 gay

La storia inizia con Ana che si rivolge ad Soldier 76, ferito, trovandolo nelle strade del Cairo, portandolo al suo rifugio. Pare si tratti del loro primo incontro dopo che il quartier generale di Overwatch in Svizzera sia stato distrutto. Ana nota poi alcune foto, dove, insieme a Jack, vi è raffigurato anche un altro uomo, un tale Vincent. Il dialogo che segue lascia intendere che Soldier 76 nutriva e continua a nutrire dei sentimenti per quell’uomo.
Sono passati già due anni dal fumetto che ci ha fatto conoscere la ragazza di Tracer, Emily. Escludendo i filmati diffusi da Blizzard, era da un po’ che non si avevano informazioni riguardanti la lore dei personaggi di Overwatch e, soprattutto per Soldier 76, si tratta di una delle prime volte che viene rivelato qualcosa riguardo il suo passato. Potete leggere la storia breve direttamente sul sito ufficiale di Overwatch.

L’articolo Overwatch: rivelato il secondo personaggio LGBT del titolo proviene da GameSource.

Sono passati poco più di due mesi dall’uscita di Red Dead Redemption 2, ultima opera di Rockstar Games che ha ricevuto consensi di pubblico e critica – premiato anche da noi come miglior gioco multipiattaforma e per la migliore colonna sonora – ma l’azienda statunitense non sembra intenzionata ad adagiarsi sugli allori e le ricerche di dipendenti per i prossimi progetti sono già cominciate.

Rockstar

In particolare – come è possibile vedere dal sito ufficiale – Rockstar è alla ricerca di un Senior Enviroment Artist che andrà a lavorare a Rockstar India per lo sviluppo di un nuovo titolo open world per la prossima generazione. Anche lo studio Rockstar a New York è alla ricerca di personale per migliorare le animazioni ricavate dal Motion Capture, in vista di un nuovo titolo next-gen.

Nonostante l’eccellente livello raggiunto nello sviluppo, certificato una volta in più da Red Dead Redemption 2, Rockstar sembra intenzionata a spingere ulteriormente il limite andando a dettare nuovamente legge in termini di sviluppo videoludico.

 

L’articolo Rockstar è alla ricerca di sviluppatori per titoli next-gen proviene da GameSource.

Non sono state diffuse molte informazioni riguardo The Elder Scrolls VI: il massimo raggiunto è stato il teaser rivelato durante l’E3 dello scorso anno. Un’importante novità è giunta però oggi: lo storico compositore musicale della serie, Jeremy Soule, non sarà coinvolto nel prossimo capitolo.

The Elder Scrolls VI Soule

Per chi non lo conoscesse, Soule è l’ideatore delle colonne sonore di The Elder Scrolls III: Morrowind, The Elder Scrolls IV: Oblivion e The Elder Scrolls V: Skyrim, senza dimenticare Neverwinter Nights, Warhammer 40K: Dawn of War, Company of Heroes e molti altri titoli. Sulla sua pagina Facebook ufficiale, il compositore è intervenuto sull’argomento:

Molti dei miei fan mi hanno rivolto delle domande. Anche se non ho parlato molto per cortesia a Bethesda, non vorrei mai voltare le spalle a TES, e credo che il mio coinvolgimento dipenda da una decisione creativa da parte loro e e dalla direzione che vogliono far prendere al franchise. Per confermare, attualmente non sono coinvolto in TES 6.”

I piani non sono però confermati e Soule potrebbe tornare in carreggiata quando la produzione sarà già a buon punto. Sarebbe abbastanza strano non vederlo tornare su una serie grazie alla quale ha fatto storia.

L’articolo Soule non sarà coinvolto in The Elder Scrolls VI proviene da GameSource.

Flag Counter