Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Londra, 2 mag. – Cosi’ come da accordi con il St. Mary Hospital, le troupe televisive di tutto il mondo sono arrivate questa mattina di fronte all’edificio, dopo che Buckingham Palace ha annunciato il ricovero di Kate Middleton, entrata in travaglio con piu’ di una settimana di ritardo rispetto alle previsioni dei medici. Le regole della struttura sanitaria londinese questa volta erano chiare: le troupe sarebbero state ammesse solo con l’inizio del travaglio della duchessa di Cambridge e cosi’ e’ stato questa mattina. Contrariamente a quanto avvenne per la nascita del principino George, nel luglio del 2013, questa volta la direzione dell’ospedale ha infatti vietato a televisioni e giornalisti di sostare con troppo anticipo nel marciapiede antistante la Lindo Wing, l’ala della struttura sanitaria dove Kate e’ stata ricoverata questa mattina alle 6 ore locali, le 7 in Italia. (AGI) .

(AGI) – Kathmandu, 2 mag. – Il numero delle vittime finora accertate del devastante terremoto che ha colpito una settimana fa il Nepal sono 6.621 e 14.023 i feriti. Lo ha reso noto il governo di Kathamndu aggiungendo che a questo punto non c’e’ piu’ alcuna chance di trovare altri sopravvissuti. Le ultime persone ancora estratte salve dalle macerie erano state trovato ormai giovedi’, oltre 48 ore fa. (AGI)

(AGI) – Washington, 2 mag. – Tornato agli ‘onori’ della cronaca per aver fatto outing autoproclamandosi donna, Bruce Jenner, l’ex campione olimpico americano di decathlon, star dei reality e patrigno di Kim Kardashian, e’ stato denunciato per aver causato la morte di una donna lo scorso febbraio in un incidente stradale. Il figliastro della vittima, Kim Howe, 69 anni, ha citato in giudizio Jenner perche’ la Cadillac Escalade di Jenner, un grosso Suv, urto’ da dietro la berlina Lexus della signora Howe ferma ad un incrocio. Cosi’ facendo Jenner ha di fatto scaraventato la vettura nel flusso del traffico sulla Paicific Coast Highway di Malibu’ dove un enorme Hummer se l’e’ trovata di fronte all’improvviso e l’ha centrata in pieno, uccidendo la donna. Jenner, 65 anni, rinmasto illeso, e’ risultato negativo a tutti i test, alcol e droga, ha specificato la polizia, aggiungendo che ha pienamente collaborato alle indagini. Solo il 24 aprile scorso Jenner rivelo’ quello che da tempo si sussurrava: “Sono una donna a tutti gli effetti”. Nel corso di una clamorosa intervista-fiume alla Abc con la giornalista Diane Sawyer, l’ex atleta (oro alle Olimpiadi del 1976) ha confessato di aver dovuto combattere sin da piccolo con la sua reale identita’: “Bruce vive un menzogna. Lei non e’ una menzogna… Ma io non posso reggerla piu’. Il programma, intitolato semplicemente ‘Bruce Jenner, The Interview’, e andato in onda sulla ABC ed e’ stato visto da milioni di telespettatori. “La mia testa e’ molto piu’ femminile che non maschile; e cosi’ la mia anima”. “Sono qui, intrappolato, e odio questa parola; una ragazza intrappolata nel corpo di un uomo. Ma al momento ho tutte le mie parti maschili”, ha aggiunto, a tratti senza trattenere le lacrime. Da tempo circolavano voci sulla sua possibile ‘trasformazione’ anche perche’ negli ultimi mesi erano circolate diverse foto che testimoniavano la sua evoluzione fisica. Jenner ha mantenuto il silenzio anche per tutelare la sua immagine pubblica: dal 2007 e’ infatti il protagonista di reality tv popolarissimo tra le adolescenti americane, “Keeping Up With The Kardashians”, che racconta la sua vita, quella della sua terza moglie (e ormai ex) Kris e quella degli otto figli, messi insieme nella loro relazione (tra le quali le tre famose Kim, Kourtney e Khloe). La coppia ha anche avuto due figli insieme, ma ha divorziato a dicembre (lui pero’ porta ancora la fede). Jenner ha ammesso di aver assunto regolarmente nel passato ormoni femminili e che conta di diventare una donna; ma ha aggiunto anche di essere ancora attratto dal mondo femminile. “Non sono mai stato attratto dai maschi. Non sono un gay, sono un eterosessuale e finora non sono mai stato con un uomo”. (AGI)

(AGI) – Londra, 2 mag. – Kate Middleton e’ entrata in travaglio e si trova nella Lindo Wing dell’ospedale St. Mary, nella zona di Paddington a Londra. Lo riferisce Sky news citando fonti di Kensigton Palace. Il parto della duchessa di Cambridge era previsto sabato 25 aprile ma, come nel caso del principino George nel luglio 2013, anche questa volta l’arrivo del Royal Baby e’ stato posticipato rispetto alle aspettative. Secondo la versione ufficiale, Kate e il principe William non sarebbero ancora a conoscenza del sesso del nascituro. Kate e’ arrivata al St Mary’s Hospital in auto, accompagnata dal marito, il principe William, intorno alle 6 del mattino, le 7 in Italia. I bookmakers puntano sulla femmina, e su quattro nomi: Alice, Elizabeth, Charlotte e Victoria. James e Arthur i nomi maschili piu’ gettonati. (AGI) .

(AGI) – Asuncion, 2 mag. – Orrore in Paraguay dove il patrigno di una bambina di soli 10 anni l’ha violentata e l’ha messa incinta. La famiglia, riferisce la Cnn, ha chiesto, sostenuta da Amnesty International, che la piccola, alla 22esima settimana di gravidanza, possa abortire. La legge locale, pero’, prevede l’interruzione della gravidanza solo nel caso il feto minaccia la vita della madre. Rischio assente in questo caso, come ha sottolineato il ministro della salute di Assuncion, Antonio Barrios. I medici hanno accertato che la bambina era incinta il 21 aprile scorso quando si presento’ in ospedale lamentando dolori addominali. La polizia ha aperto un’inchiesta e ha accertato che il patrigno – da allora datosi alla fuga – l’avrebbe stuprata e che la ‘maternita’ sarebbe il risultato di quell’abuso. La polizia ha arrestato la madre della bambina per favoreggiamento. (AGI) .

(AGI) – Baltimora (Maryland), 1 mag. – Almeno nel caso di Baltimora, la polizia americana non puo’ essere accusata di aver ucciso un afroamericano, solo perche’ bianca e spinta da motivazioni razziali. Tre dei sei agenti della polizia di Baltimora arrestati ed incriminati per la morte di Freddie Gray sono a loro volta neri. Tra questi il piu’ alto in grado, il tenente Brian Rice. Gli altri sono l’autista del pulmino della polizia in cui Gray subi’ le ferite letali, Caesar Gordon, e la agente Alicia White. Gli latri tre sono bianchi. Il procuratore dello Stato del Maryland ha accusato i 6 di diversi reati, tra cui omicidio di secondo grado e omicidio colposo. “I risultati della nostra inchiesta, svolta in modo completo e indipendente – ha spiegato il procuratore Marilyn Mosby nel corso di una conferenza stampa- ci hanno portati a formulare queste accuse”. Gray mori’ a una settimana dall’arresto per 19 ferite alla spina dorsale. L’accusa piu’ grave, quella di omicidio di secondo grado, e’ a carico dell’agente Caesar Goodson (uno dei tre agenti afroamericani) l’autista del furgoncino nel quale Gray venne caricato opo l’arresto. Goodson dovra’ rispondere anche di abuso e condotta negligente. Altri tre poliziotti sono accusati di omicidio colposo (tra questi la nera Alicia White e il tenente Brian Rice) e due di abuso e condotta negligente. Gray, ha detto il procuratore Mosby, “fu arrestato illegalmente” poiche’ “non aveva commesso alcun crimine”. L’indagine, ha aggiunto il procuratore invitando alla calma i manifestanti che da settimane chiedono giustizia per il giovane, e’ ancora in corso. (AGI) .

(AGI) – Kathmandu, 2 mag. – Il numero delle vittime finora accertate del devastante terremoto che ha colpito una settimana fa il Nepal sono 6.621 e 14.023 i feriti. Lo ha reso noto il governo di Kathamndu aggiungendo che a questo punto non c’e’ piu’ alcuna chance di trovare altri sopravvissuti. Le ultime persone ancora estratte salve dalle macerie erano state trovato ormai giovedi’, oltre 48 ore fa. (AGI) .

(AGI) – Baltimora (Maryland), 2 mag. – Sono stati tutti rilasciati dietro il pagamento di una cauzione i sei agenti di Baltimora, tre bianchi e tre neri, arrestati ed incriminati per la morte di Freddie Gray, l’afroamericano deceduto per le letali ferite riportate dopo il suo arresto. Secondo quanto riferisce il quotidiano locale ‘Baltimore Sun’ 4 agenti, che saranno giudicati per le accuse piu’ gravi, tra cui omicidio colposo con l’aggravante della totale indifferenza per la vita della vittima (Caesar Goodson jr, William Porter, Brian Rice e Alicia White), hanno pagato 350.000 dollari mentre gli altri 2 (Edward Nero e Garret Miller) che debbono rispondere di accuse minori, ne hanno versati 250.000. Nei casi 4 casi piu’ gravi, omicidio colposo, la pena massima e’ 30 anni, in quella piu’ lieve, violazione della legge, di cui sono accusati tutti e 6, il massimo e’ 10 anni di carcere. I sei restano liberi, ma sospesi dal servizio, in attesa che venga convocato un grand jury (formato solitamente da 23 cittadini) chiamato a decidere sei i sei agenti dovranno essere processati. Nei precedenti casi in cui agenti di polizia erano stati incriminati per aver ucciso neri disarmati, su tutti il caso di Ferguson in Missouri (il primo della serie, il 9 agosto 2014) il grand jury decise di non processare i poliziotti. La notizia ha innescato nuove proteste a Baltimora dove alcune tra le migliaia di cittadini, inizialmente scesi in strada per festeggiare l’incriminazione dei sei, sono stati arrestati per non aver sgombrato le strate quando e’ entrato in vigore il corpifuoco dalle 22 ora locale. Tra gli afroamericani incriminati il piu’ alto in grado, e’ il tenente Brian Rice, 41 anni. Gli altri sono l’autista del pulmino della polizia in cui Gray subi’ le ferite letali, Caesar Gordon jr, 45 anni ed il sergente Alicia White, 30 anni. Gli altri tre sono bianchi: William Porter, 25 anni, Edward Nero, 39 e Garrett Miller, 26. Il procuratore dello Stato del Maryland ha accusato i 6 di diversi reati, tra cui omicidio di secondo grado e omicidio colposo. “I risultati della nostra inchiesta, svolta in modo completo e indipendente – ha spiegato il procuratore Marilyn Mosby nel corso di una conferenza stampa- ci hanno portati a formulare queste accuse”. Gray mori’ a una settimana dall’arresto per 19 ferite alla spina dorsale. L’accusa piu’ grave, quella di omicidio di secondo grado, e’ a carico dell’agente Caesar Goodson (uno dei tre agenti afroamericani) l’autista del furgoncino nel quale Gray venne caricato opo l’arresto. Goodson dovra’ rispondere anche di abuso e condotta negligente. Altri tre poliziotti sono accusati di omicidio colposo (tra questi Alicia White e il tenente Brian Rice) e due di abuso e condotta negligente. Gray, ha detto il procuratore Mosby, “fu arrestato illegalmente” poiche’ “non aveva commesso alcun crimine”. L’indagine, ha aggiunto il procuratore invitando alla calma i manifestanti che da settimane chiedono giustizia per il giovane, e’ ancora in corso. (AGI) .

(AGI) – Bengasi, 2 mag. – Non accenna in alcun modo a calare la violenza in Libia nonostante i, finora infruttuosi, tentativi dell’Onu di negoziare un cessate il fuoco tra le parti. Un razzo ha centrato ieri sere un centro medico a Bengasi, capoluogo della Cirenaica, uccidendo almeno 3 persone e ferendone 7. Nel Paese si confrontano dallo scorso anno le forze del governo islamista di Tripoli e quelle del generale Khalifa Haftar, sostenuto dall’Egitto, e legato all’esecutivo internazionalmente riconosciuto di Tobruk. (AGI) .

(AGI) – Gerusalemme, 1 mag – Tra Israele e il movimento islamista palestinese Hamas sono in corso trattative che potrebbero produrre un accordo in grado di modificare significativamente gli equilibri di forza tra le forze palestinesi e tra le potenze regionali. Lo scrive quest’oggi il quotidiano israeliano “Haaretz”, secondo cui i colloqui tra le due parti sarebbero andati avanti a intermittenza negli scorsi mesi dopo l’intesa sul cessate il fuoco che ha posto fine al conflitto militare della scorsa estate. Le trattative sarebbero condotte attraverso “diversi canali” e coinvolgerebbero “numerosi intermediari”, tra cui funzionari delle Nazioni Unite, dell’Unione europea e del Qatar. L’obiettivo e’ quello di raggiungere un cessate il fuoco “umanitario” garantito da una parte terza. Hamas prometterebbe, nel caso di un accordo, di fermare ogni azione aggressiva nei confronti di Israele in un periodo che andrebbe dai tre ai cinque anni. In cambio, Tel Aviv ridurrebbe in maniera “significativa” il blocco navale su Gaza e intraprenderebbe una serie di iniziative volte a rilanciare l’economia nella Striscia. Piu’ avanti, spiega “Haaretz” definendo pero’ l’ipotesi “improbabile”, Israele potrebbe riconsiderare l’idea di consentire la realizzazione di un porto a Gaza sotto la supervisione di un attore esterno. Un tale accordo permetterebbe al premier israeliano, Benjamin Netanyahu, di sostenere di aver raggiunto “risultati di lungo periodo” con la controversa operazione militare condotta la scorsa estate. Ancora, il capo del governo israeliano potrebbe infliggere un duro colpo politico al presidente palestinese, Abu Mazen, e concentrarsi sul fronte libanese, dove il movimento sciita Hezbollah appare sempre piu’ aggressivo. Dall’altra parte, la leadership di Hamas eviterebbe un devastante quarto conflitto con Israele. Khaled Meshaal, capo dell’ufficio politico del movimento, potrebbe essere a favore di un’intesa dopo aver ammorbidito la propria politica a seguito del riavvicinamento all’Arabia Saudita. .

Flag Counter