Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Bruxelles, 13 giu. – L’Europa “ha bisogno di un approccio equilibrato e geograficamente completo” alla questione dell’immigrazione “basato sulla solidarieta’ e la responsabilita’”: si apre con queste parole il capitolo sull’immigrazione, secondo la prima bozza delle conclusioni Consiglio europeo in programma per il 25 e 26 giugno. Il punto chiave su cui i capi di Stato e di governo intendono mettere l’accento in quella occasione e’ un maggiore impegno sui rimpatri di coloro che non hanno diritto alla protezione internazionale: “Politiche efficaci di rientro per quelli che non sono qualificati per la protezione sono una parte essenziale della lotta all’immigrazione irregolare e aiuteranno a scoraggiare le persone dal mettere a rischio le proprie vite”, si legge nella bozza.

Immigrati: Gentiloni, 60 mln a Paesi prima linea no sufficienti

I 60 milioni di euro per i Paesi impegnati in prima linea nell’accoglienza agli immigrati previsti nel Piano europeo, non sono sufficenti”. A chiedere che venga rivista la cifra prevista da Bruxelles e’ il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, a margine della conferenza Italia-America Latina-Caraibi a Expo. “Chiedermo piu’ risorse per i paesi che sono impegnati nell’accoglienza in prima linea che sono oggi l’Italia e la Grecia e che domani possono essere altri paesi – spiega -. Il fatto che a questi Paesi impegnati in prima linea vengano destinati al momento 60 milioni di euro, per la piu’ grande superpotenza commerciale del mondo, non e’ impegno sufficiente”. Nel confronto con gli altri Stati europei “ci accontentiamo di due cose – conclude il ministro – l’approvazione della proposta della Commissione che prevede la redistribuzione di una parte dei richiedenti asilo tra i diversi paesi” e che vengano riconosciuti piu’ fondi ai Paesi i prima linea.

(AGI) – Madrid, 13 giu. – Dopo 24 anni di dominio del Partito Popolare, gli ex ‘indignados’ di Podemos arrivano alla guida di Madrid: l’ex magistrato e paladino anti-corruzione, Manuela Carmena, e’ il nuovo sindaco della capitale spagnola, grazie all’alleanza siglata con il Partito socialista. L’accordo tra la lista della piattaforma Ahora Madrd e il Partito Socialista e’ stato sancito dal voto, nel primo consiglio comunale della capitale dopo le elezioni del 24 maggio. Tra le prime misure annunciate dall’ex magistrato, attivista comunista quand’era studente all’epoca della dittatura di Francisco Franco, assicurarsi che tutti i bambini madrileni, anche quelli piu’ poveri, mangino adeguatamente. “Le scuole sono gia’ chiuse e cominceremo a preparare pasti che possano servire a tutti i bambini che ne abbiano bisogno, da 0 13 anni”, ha spiegato alla stampa, dopo aver annunciato l’accordo con i socialisti. “Pranzi e cene per tutti quelli che ne hanno bisogno. Per noi ha un’importanza straordinaria”. .

(AGI) – Amman, 13 giu. – Il corpo di Tareq Aziz, ministro degli Esteri iracheno durante il governo di Saddam Hussein, e’ arrivato ad Amman per la sepoltura. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa giordana “Petra News Agency”, la salma dell’ex braccio destro del dittatore iracheno e’ al momento in uno degli obitori della citta’ assistita dai figli Aziz e Ziad e da alcuni esponenti del partito Baath residenti in Giordania. Il corpo dell’ex ministro doveva giungere nella capitale giordana nei giorni scorsi, ma le autorita’ irachene avevano sequestrato la salma sostenendo che mancavano i documenti necessari per la spedizione. La sepoltura di Aziz in Giordania e’ stata concessa dal regno hashemita in seguito ad una richiesta della famiglia dell’ex ministro. Morto lo scorso 5 giugno all’eta’ di 79 anni, Tareq Aziz, di religione cristiana, era stato condannato alla pena capitale nel 2010 perche’ riconosciuto colpevole, assieme ad altri ex gerarchi del deposto regime iracheno – di avere “eliminato partiti religiosi” negli anni Ottanta. La condanna era stata tuttavia sospesa. Tareq Aziz, il cui vero nome era Mikhail Yuhanna, era nato il 28 aprile 1936 vicino alla citta’ di Mosul da una famiglia cristiana caldea. Unico funzionario cristiano nel precedente regime, e’ stato a lungo il volto internazionale del governo di Saddam Hussein e il portavoce del regime iracheno sui media occidentali. Aziz si consegno’ volontariamente alle forze statunitensi il 24 aprile 2003, il giorno dopo l’entrata delle truppe Usa a Baghdad. .

(AGI) – Londra, 13 giu. – Quando capi’ di aver scoperto un pianeta aveva 15 anni e stava svolgendo un periodo di lavoro in un’universita’. Ora Tom Wagg due anni dopo, all’eta’ di 17 anni, dopo gli opportuni controlli scientifici, e’ diventato ufficialmente lo scopritore di un corpo celeste lontano mille anni luce, grande come Giove e a cui deve essere ancora dato un nome. Il ragazzo, di Newcastle-under-Lyme, a nord di Birmingham, due anni fa stava appunto facendo un’esperienza di stage all’Universita’ di Keele, nello Staffordshire inglese, quando decise di analizzare un archivio di dati relativi a potenziali pianeti. Dopo aver individuato alcuni ‘buoni candidati’, passo’ diverse notti a visualizzare immagini notturne del cielo, cercando di rilevare minime variazioni di luce dovute ad eventuali pianeti in fase di passaggio di fronte a una qualche stella. “Al terzo giorno ho scoperto un potenziale pianeta, dopo che avevo gia’ analizzato oltre mille diverse combinazioni di dati”, ha detto alla Bbc. Una gara di creativita’ e’ stata lanciata dall’universita’, che fa parte di un network di centri astronomici, per dare un nome al corpo celeste. (AGI) .

(AGI) – Dallas, 12 giu. – Alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati sparati da un furgone blindato nei pressi del quartier generale della polizia a Dallas. A bordo del furgone ci sarebbe un uomo, fuggito al volante. Ne e’ scaturita una caccia all’uomo con decine di auto della polizia all’inseguimento. Al momento il furgone e’ circondato lungo l’Interstate 45 all’altezza di Hutchins, dove che sono stati sparati altri colpi d’arma da fuoco. Secondo i media locali la polizia ha avviato una trattativa con l’uomo armato, ma secondo alcune fonti l’aggressore ha minacciato di far esplodere il furgone, imbottito di esplosivo. Al momento non risultano feriti. Anche le teste di cuoio della Swat partecipano alle operazioni. Il furgone ha una targa della Georgia, ma non si hanno notizie sull’identita’ dell’uomo a bordo. (AGI)

(AGI) – Houston, 13 giu. – Il presidente Barack Obama sta valuando la possibilita’ di imporre sanzioni economiche contro gli hacker che hanno violato il database dell’dell’Office of Personnel Management. Lo scrive in New York Times, dopo le rivelazioni della Casa Bianca su un secondo cyber-attacco sferrato in una settimana danni dell’ufficio del personale dell’amministrazione Usa che avrebbe messo a rischio anche informazioni relative ad amici e familiari dei dipendenti pubblici, oltre a file relativi ad agenti dell’Fbi, contractors e altre agenzie governative. Gli investigatori sospettano che l’attacco sia stato portato avanti da hacker cinesi e la seconda violazione sarebbe stata scoperta mentre venivano stimati i danni del primo attacco. I dati compromessi andrebbero ben oltre i circa 4 milioni inizialmente dichiarati. Rigarderebbero tra 9 e 14 milioni di persone, con informazioni a partire dagli anni Ottanta, secondo le indiscrezioni trapelate. Obama starebbe valutando l’opportunita’ di ricorrere all’ordine esecutivo firmato lo scorso aprile che consente al ministro del Tesoro di imporre sanzioni contro gli autori di cyber-attacchi o contro coloro che ne beneficiano. “L’opzione e’ sul tavolo”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest. L’ordine esecutivo era stato firmato da Obama dopo l’attacco alla Sony Pictures attribuito alla Corea del Nord. (AGI)

(AGI) – New York, 13 giu. – E’ stata arrestata con l’accusa di aver favorito la fuga dei due pericolosi detenuti dal carcere Clinton, nello stato di New York, Joyce Mitchell, 51enne dipendente della struttura di massima sicurezza. Lo ha reso noto la polizia. I due detenuti, Richard Matt e David Sweat, entrambi condannati per omicidio, hanno fatto un buco nel muro della loro cella, seguendo poi una serie di tunnel fino ad emergere da un tombino all’esterno della struttura di Dannemora, lo scorso fine settimana. La donna avrebbe fornito loro degli attrezzi. Nell’incredibile caccia all’uomo concentrata in una zona rurale nei pressi del carcere, non lontano dal confine con il Canada, sono impegnati oltre 800 agenti. Gli inquirenti avevano fatto sapere nei giorni scorsi di aver interrogato la dipendente del carcere per la sua “stretta relazione” con il 34enne Sweat. Anche il marito della Mitchell e’ finito sotto inchiesta ma non e’ stato arrestato. (AGI) .

(AGI) – Vienna, 13 giu. – Il negoziatore russo giudica “estremamente preoccupante” la frenata nei negoziati sul nucleare iraniano in vista della scadenza del 30 giugno prossimo per la sigla dello storico accordo. “Il tasso dei progressi…sta progressivamenta rallentando”, ha dichiarato Sergei Ryabkov al suo arrivo a Vienna per l’ultimo round della trattativa. Il segretario di Stato americano, John Kerry, dimesso dall’ospedale dove era stato ricoverato per la rottura del femore, ha assicurato che volera’ a Vienna per seguire il rush finale. Secondo una fonte diplomatica russa citata dall’Itar-Tas il negoziato sarebbe praticamente bloccato e potrebbe profilarsi un’estensione del termine. Un portavoce del Dipartimento di Stato, Jeffrey Rathke, ammettendo che il negoziato si presenta “complicato” ha ribadito ieri che gli Usa continuano a ritenere l’accordo possibile. (AGI) .

(AGI) – New York, 13 giu. – Primo grande test elettorale per Hillary Clinton che oggi a New York parlera’ ai suoi sostenitori, in vista delle presidenziali del 2016. A Roosevelt Island, dove l’aspirante presidente sara’ affiancata dal marito Bill e dalla figlia Chelsea, sono attesi migliaia di supporter. Nel video diffuso alla vigilia dell’evento, la Clinton ripercorre i suo 40 anni di carriera e promette di voler combattere per la classe media. “Mio padre, figlio di un operaio, ha potuto avviare una piccola impresa e mia madre, che non e’ mai andata al college, ha potuto vedere sua figlia poterlo fare. Tutti hanno il diritto di sviluppare il potenziale che Dio ci ha donato – ha incalzato l’ex segretario di Stato – c’e’ un sogno che condividiamo e questa e’ la battaglia che dobbiamo ingaggiare”. I fari saranno puntati sulla sua capacita’ di galvanizzare gli elettori, mobilizzando quelle stesse categorie che nel 2008 portarono Obama alla vittoria: le donne, gli afroamericani e gli ispanici. Un sondaggio della Cnn diffuso la scorsa settettimana evidenzia come un crescente numero di americani consideri la Clinton non onesta e non affidabile. Sono il 57% degli intervistati contro il 49% a marzo. Nel discorso odierno la Clinton si soffermera’ sui diritti delle donne evocando la sua eroina politica, Eleanor Roosevelt, e le sue idee progressiste. (AGI)

(AGI/REUTERS) – Washington, 13 giu. – E’ previsto per l’ inizio di luglio l’accordo per la piena ripresa delle relazioni diplomatiche tra Usa e Cuba e la riapertura delle ambasciate, dopo 50 anni di gelo. Secondo fonti dell’amministrazione Usa, le parti puntano a chiudere l’accordo entro la prima settimana del mese prossimo, spianando la strada alla visita all’Avana del segretario di Stato americano John Kerry per la cerimonia “dell’alzabandiera”. Dalla storica svolta annunciata lo scorso dicembre in contemporanea da Barack Obama e dal presidente cubano Raul Castro, restano da limare solo alcune piccole discordanze. La data esatta per la riapertura delle ambasciate non e’ ancora definita, anche per l’incidente che ha costretto Kerry in ospedale e per l’approssimarsi della scadenza dei termini per l’ accordo sul nucleare iraniano che vedra’ Kerry impegnato in prima persona nelle prossime settimane. L’embargo Usa contro Cuba rimarra’ in piedi perche’ solo il Congresso puo’ revocarlo. L’amministrazione Obama punta a notificare formalmente al Congresso la volonta’ di riaprire l’ambasciata a l’Avana entro due settimane perche’ ha l’obblico di una notifica anticipata di almeno 15 giorni. (AGI) .

Flag Counter