Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Washington, 22 giu. – Dagli Stati Uniti una nuova storia di bambini-attori la cui carriera per qualche motivo si inceppa e che non finiscono bene. Assurto al ruolo di piccola star nel 1999 quando interpreto’ Anakin Skyvalker bambino, colui che diventera’ il cattivissimo Dart Fener di Guerre Stekllari, nel primo preqeul, la ‘Minaccia Fantasma’ oggi e’ stato arrestato dalla polizia del South Carolina. Jake Lloyd, oggi 26enne, e’ stato beccato ad andare ad oltre 160 km/h, per poi andarsi a schianter contro un albero. Sopravvissuto all’impatto senza riportare ferite gravi. (AGI) .

(AGI) – Varsavia, 22 giu. – Circa 1.400 passeggeri della compagnia aerea polacca Lot sono rimasti a terra dopo che un gruppo di hacker ha attaccato il sistema di computer della societa’ all’aeroporto Chopin di Varsavia. Il blackout al sistema che definisce i piani di volo della Lot e’ iniziato nel pomeriggio ed e’ durato circa 5 ore. Nessun altra compagnia o l’intero scalo e’ stato colpito dagli anonimi hacker. (AGI) .

(AGI) – Karachi, 21 giu. – Ondata di caldo senza precedenti in Pakistan dove le temperature hanno in alcuni casi superato i 45 gradi nella citta’ di Karachi dove il massimo era stato registrato nel giugno 1979, pari a 47 gradi. Secondo fonti ufficiali solo da sabato si sarebbero registrati 114 morti a Karachi e altri otto nel distretto di Sindh. .

(AGI) – Charleston, 21 giu. – “Nessun diavolo puo’ chiudere le nostre porte”. Su una lunga omelia del pastore John Gillison, tra lacrime e canti religiosi, la chiesa episcopale di Charleston, a pochi giorni dalla strage provocata dal giovane Dylann Roof che ha provocato la morte di nove persone. Gremita da centinaia di persone la chiesa ha celebrato una cerimonia forte e solenne, ripresa da tutte le televisioni americane. “Il diavolo e’ riuscito a entrare – ha detto il reverendo – ma, grazie a Dio non ha preso il controllo di voi fedeli e non si e’ impadronito della vostra chiesa”. Presente alla cerimonia anche il governatore del Sud Carolina Nikki Haley a cu molti hanno chiesto di rimuovere la bandiera confederata simbolo controverso del sud schiavista. Intanto non si fermano le tragedie negli sa legate alla detenzione di armi da fuoco. Ieri sera a Detroit ci sono stati spari contro una festa all’aperto che si stava svolgendo attorno a un campo di basket che hanno ucciso un 21enne e ferito altri sei uomini e tre donne. Nelle stesse ore a Philadelphia un uomo ha sparato su una festa di quartiere ferendo sette persone, fra cui tre bambini di 18 mesi e di 10 e 13 anni. .

(AGI) – Bruxelles, 21 ago. – I creditori della Grecia si sono incontrati oggi nel pomeriggio per valutare il pacchetto di proposte presentate da Atene. Ma, hanno riferito diverse fonti diplomatiche, le proposte greche non sono ancora disponibile nonostante Alexis Tsipras abbia detto di averle messe a punto. Domani mattina, intanto, la Bce affrontera’ in una runione alle 10.30 del mattino il tema della liquidita’ nel settore bancario greco. Gli ordini di ritiro dei depositi per domani ha raggiunto il miliardo di euro. Sempre domani mattina Alexis Tsipras e Jean-Claude Juncker s’incontreranno a Bruxelles prima che cominci il vertice straordinario dedicato alla situazione economica e finanziaria del Grecia. Oggi il premier greco e il presidente della Commissione europea hanno intessuto una serie di conversazioni telefoniche, nelle stesse ore in cui il governo di Atene faceva sapere che un pacchetto di nuove proposte per un’intesa sul debito e’ pronto e sara’ presentato ai creditori. Il piano di Tsipras e Varoufakis: stop ai prepensionamenti Il governo greco prepara un nuovo piano di riforme da presentare domani al vertice dell’Eurogruppo, in modo da favorire un accordo sul debito con le istituzioni finanziarie. Secondo la tv privata Mega, il piano prevede uno stop ai prepensionamenti a partire dal primo gennaio 2016, un aumento della “tassa di solidarieta’” per le persone che guadagnano piu’ di 30.000 euro l’anno e per le societa’ con utili superiori ai 500.000 euro. Inoltre il governo Tsipras metterebbe sul tavolo misure fiscali permanenti pari al 2% del Pil della Grecia e altri provvedimenti amministrativi per uno 0,5%, accogliendo le richieste dei creditori che sollecitavano misure pari al 2,5% del Pil. L’Iva verrebbe lasciata mantenuta alle attuali aliquote del 6,5%, del 13% e del 23 %, ma aumenterebbero alcune imposte sugli alimenti e sugli alberghi. Atene sarebbe anche pronta a mantenere la controversa tassa sugli immobili, l’Enfia, che si era impegnata ad abolire quest’anno. xxx Grecia: Atene, “abbiamo presentato le nostre proposte per intesa” Atene ha presentato all’Unione europea le proprie proposte per una soluzione della crisi del debito che rischia di spingerla fuori dall’Eurozona. Il primo ministro greco, Alexis Tsipras, si legge in una nota del governo greco, ha messo a punto un pacchetto per un “accordo di reciproci benefici” con cui cercare di convincere la Commissione europea e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, a raggiungere una “soluzione definitiva” che risolva lo stallo tra Atene e i creditori. Le proposte saranno discusse nel vertice straordinario europeo in agenda per domani. .

(AGI) – Baghdad, 21 giu. – Il presidente iracheno Fuad Masum ha ricevuto le lettere credenziali del nuovo ambasciatore italiano nel paese, Marco Carnelos, e ha sottolineato l’importanza dello sviluppo delle relazioni tra Roma e Baghdad. Secondo quanto riferisce un comunicato della presidenza irachena, il capo dello Stato ha evidenziato “l’importanza delle relazioni bilaterali tra i due paesi, in particolare nello sviluppo dei settori dell’industria, dell’agricoltura, del turismo e dei servizi in Iraq”. Masum ha auspicato che vengano raddoppiati gli sforzi per garantire “agli studenti iracheni di studiare nelle universita’ italiane” e ha sottolineato “l’importanza del sostegno italiano nella guerra contro il terrorismo in Iraq”. Il presidente ha augurato ogni successo al diplomatico italiano e ha espresso la disponibilita’ del suo paese “a cooperare pienamente con l’Italia”. (segue) L’ambasciatore Carnelos, da parte sua, ha detto che “e’ nell’interesse dell’Italia fornire assistenza immediata agli sfollati”, si legge nel comunicato della presidenza irachena, aggiungendo che il diplomatico italiano ha garantito il suo impegno per “rafforzare i legami di amicizia tra i due paesi e accelerare il ritmo della cooperazione”. L’ambasciatore italiano, infine, ha sottolineato che l’Italia “e’ pronta a contribuire al ripristino dei progetti speciali iracheni”, come gli scavi presso i siti archeologici e il sostegno al settore sanitario privato. .

(AGI) – Gerusalemme, 21 giu. – Qualsiasi accordo con l’Iran “dovra’ poter essere verificato”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius alla vigilia del suo omologo iraniano Mohammad Javad Zarif a Lussemburgo domani nel quadro dei negoziati sul programma nucleare di Teheran. “Riteniamo che bisogna essere decisamente fermi e che se ci sara’ un accordo questo dovra’ essere robusto e verificabile” ha detto Fabius in una conferenza stampa a Gerusalemme insieme al premier Benjamin Netanyahu. Domani Fabius si incontrera’ con Zarif, i ministri degli Esteri britannico Philip Hammond, il tedesco Frank Walter Steinmeier e il capo della diplomazia Usa Federica Mogherini, secondo quanto riferito da una fotne europea. “Sara’ una riunione politica prima del round finale” ha spiegato Fabius. L’Iran e i 5+1 hanno fissato al 30 giugno la data limite per un accordo complessivo sul controverso programma nucleare iraniano. .

(AGI) – Bruxelles, 21 giu. – Alexis Tsipras e Jean-Claude Juncker s’incontreranno domani mattina a Bruxelles prima che cominci il vertice straordinario dedicato alla situazione economica e finanziaria del Grecia. Oggi il premier greco e il presidente della Commissione europea hanno intessuto una serie di conversazioni telefoniche, nelle stesse ore in cui il governo di Atene faceva sapere che un pacchetto di nuove proposte per un’intesa sul debito e’ pronto e sara’ presentato ai creditori. .

(AGI) – Il Cairo, 21 giu. – L’ex presidente egiziano Mohamed Morsi e’ apparso oggi dietro al banco degli imputati con la divisa rossa da condannato a morte per la prima volta da quando e’ stato arrestato il 3 luglio 2013. E’ una conseguenza della conferma avvenuta questa settimana della sentenza capitale di primo grado comminata nei confronti del deposto capo dello Stato egiziano per l’evasione dal carcere di Wadi Natrun nel gennaio 2011, durante la rivoluzione che ha portato alla caduta di Hosni Mubarak. Sono tre le sentenze di primo grado inflitte al leader della Fratellanza musulmana: condanna a morte per l’evasione da Wadi Natrun, ergastolo per spionaggio e 20 anni di carcere per il caso di “Palazzo Ittihadeya”. Morsi e’ apparso oggi nel quarto procedimento penale a suo carico, che lo vede imputato con l’accusa di aver divulgato documenti sensibili al Qatar e di aver offeso la magistratura in un discorso televisivo tenuto il 26 giugno 2013. .

(AGI) – Washington, 22 giu. – L’Isis si prepara a far saltare in aria Palmira, l’antica citta’ romana della Siria. Lo Stato islamico, ha riferito l’Osservatorio siriano dei diritti umani, ha disseminato di ordigni il sito ma non e’ chiaro se cio’ sia stato fatto per distruggerlo nel giro di pohe ore oppure se si tratti di un modo per fermare l’avanzata delle forse governative. “Ieri hanno piazzato le mine”, ha detto Rami Abdulrahman, capo della ong, “e le hanno messe anche intorno al teatro romano”. Una parziale conferma arriva dal capo del settore che si occupa dei beni culturali antichi in Siria, “Maamoun Abdulkarim: “Si’, sembra tutto vero. La citta’ e’ nelle loro mani, la situazione e’ pericolosa”. Palmira era caduta a maggio scorso. Nonostante l’allarme, la coalizione la coalizione guidata dagli Stati Uniti continua a diramare comunicati piu’ o meno trionfanti e fa sapere che ha effettuato 21 raid aerei contro lo Stato islamico. Diciotto di questi raid hanno avuto come obiettivo nove citta’ irachene e, secondo una nota della stssa Coalizione, ha distrutto covi, equipaggiamenti e e armi. Tra le citta’ nel mirino vi sono Baghdadi, Ar Rutbah, Baiji, Fallujah, Makhmur e Sinjar. Altri tre raid sono stati compiuti in Siria, vicino Tal Abyad.

Flag Counter