Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Vienna, 14 giu. – Sesso gratis per protesta contro le tasse: questa l’iniziativa del prorietario di un bordello austriaco, il “Pascha” di Salisburgo. “Non paghiamo piu’ le tasse. Con effetto immediato: ingresso gratis! Bevande gratis! Sesso gratis!”: questo l’annuncio che si legge sul sito web della casa di piacere e che ha attratto nugoli di clienti. Il quotidiano “Oesterreich” ha pubblicato una fotografia di uomini in coda per godere dell’offerta. Il proprietario, Hermann Mueller, che gestisce bordelli in altre quattro citta’, non solo in Austria ma anche in Germania, ha assicurato che paghera’ di tasca sua fino a 10.000 euro al mese le prestazioni concesse gratuitamente dalle prostitute sue impiegate. Muller e’ in rivolta contro una tassazione che definisce punitiva: sostiene che per la sola attivita’ di Salisburgo ha versato al fisco 5 milioni di euro in 10 anni. (AGI) .

(AGI) – Tbilisi, 14 giu. – Un’inondazione ha causato almeno 12 morti e un numero imprecisato di dispersi a Tbilisi, capitale della Georgia, dove diverse belve, tra cui leoni, tigri e lupi, sono fuggite dallo zoo e vagano per la citta’.

Il premier georgiano Irakly Garibashvili ha dichiarato domani giornata di lutto nazionale.

A causa dell’inondazione diverse belve, tra cui leoni, tigri e lupi, sono fuggite dallo zoo e vagano per la citta’. La piena del fiume Vera, che ha straripato, ha anche travolto edifici e automobili.

“Decine di famiglie sono rimaste senza tetto perche’ le loro case sono state distrutte o danneggiate. Il vice sindaco di Tbilisi, Irakly Lekvinadze, ha calcolato i danni in circa 10 milioni di euro. In corso le ricerche per la cattura degli animali feroci, alcuni dei quali sono stati gia’ ripresi.

Guarda il video

 La televisione statale Rustavi-2 ha riferito che tra le bestien fuggite dallo zoo ci sono almeno sei leoni, cinque tigri e tredici lupi.

 


Guarda la galleria fotografica

La polizia ha informato di aver abbattuto sei lupi nei pressi di un ospedale pediatrico di Tblisi. Secondo Rustavi-2, le forze speciali del ministero dell’Interno hanno ucciso anche un leone, un orso, una tigre e una iena. Un imponente dispositivo di ricerca delle altre belve ancora libera e’ stato attivato nella capitale georgia, dove vengono rastrellati palmo a palmo i quartieri piu’ vicini al giardino zoologico. (AGI) .

(AGI) – Tbilisi, 14 giu. – Il premier georgiano Irakly Garibashvili ha dichiarato domani giornata di lutto nazionale per commemorare le vittime dell’inondazione di Tbilisi. In un ultimo aggiornamento il bilancio dei morti e’ salito a 12 mentre il governo ha intanto convocato una riunione di emergenza. A causa dell’inondazione diverse belve, tra cui leoni, tigri e lupi, sono fuggite dallo zoo e vagano per la citta’. La piena del fiume ha anche travolto edifici e automobili. “Decine di famiglie sono rimaste senza tetto perche’ le loro case sono state distrutte o danneggiate. Il vice sindaco di Tbilisi, Irakly Lekvinadze, ha calcolato i danni in circa 10 milioni di euro. In corso le ricerche per la cattura degli animali feroci, alcuni dei quali sono stati gia’ ripresi. (AGI) .

(AGI) – Vilnius, 14 giu. – La Lituania apre le porte alla proposta Usa di dispiegare mezzi pesanti nell’Est Europa per impedire eventuali aggressioni da parte della Russia. Lo ha fatto sapere il ministro della Difesa Juozas Olekas. “Abbiamo parlato con i nostri alleati americani e riteniamo che sarebbe utile collocare le attrezzature militari sul nostro territorio su base permanente. Abbiamo iniziato a preparare le infrastrutture in modo di essere pronti ad accogliere questo pre posizionamento” ha aggiunto. Secondo quanto rivelato ieri dal New York Times il Pentagono sarebbe pronto a dispiegare mezzi pesanti nell’Est Europa per impedire eventuali aggressioni da parte della Russia. Il progetto prevederebbe anche il dispiego di 500 soldati in paesi baltici e dell’est Europa. Secondo il giornale Usa un presidio militare di circa 150 uomini potrebbe essere collocato in ognuna delle tre nazioni baltiche, Lituania, Lettonia e Estonia mentre un battaglione di 750 uomini sarebbe localizzato in Polonia, Romania, Bulgaria e forse anche in Ungheria. (AGI) .

(AGI) – Francoforte, 14 giu. – Il lander Philae, sonda interplanetaria atterrata a novembre scorso sul nucleo di una cometa, si e’ risvegliata dopo sette mesi di ibernazione. Il lander, che si era addormentato il 14 novembre cadendo in uno stato di ibernazione per essere finito in una specie di crepaccio, non aveva dato da allora piu’ cenni di vita. Nella notte invece un primo messaggio alla sonda Rosetta, probabilmente grazie anche alla temperatura piu’ alta sulla cometa e alla maggiore luce solare. Philae e’ il primo lander atterrato su una cometa ed e’ stato sin dall’inizio motivo di orgoglio per l’Agenzia Spaziale Europea, Esa, alla quale contribuisce anche l’Italia che ha due ricercatori alla guida dell’operazione, Paolo Ferri e Andrea Accomazzo. La sua missione e’ quella di inviare informazioni sulle comete. “Il lander e’ ora pronto per le operazioni” ha detto il project manager della sonda Stephan Ulamec in un comunicato uscito sul sito della Esa. (AGI) .

(AGI) – Beirut, 14 giu. – Le forze di sicurezza libanesi hanno arrestato cinque sospetti terroristi nella citta’ di Arsal, al confine con la Siria. Secondo un comunicato dell’esercito siriano, gli arresti sono avvenuti nel fine settimana e sono a carico di tre cittadini libanesi e due siriani. Tutti apparterrebbero a gruppi terroristici, ma non e’ ancora chiaro se siano membri del Fronte al Nusra o dello Stato islamico. Anche i due cittadini siriani fermati ad al Faour, nella Valle della Bekaa, appartengono ad organizzazioni terroristiche. Gli arresti giungono a meno di una settimana dal rapporto del comandante dell’esercito, generale Jean Kahwagi, nel quale affermava che tutti i valichi di confine dell’area erano sotto il controllo delle Forze armate, rendendo impossibile per i jihadisti infiltrarsi nella citta’ di Arsal. Da inizio giugno l’esercito ha inviato una circa 750 militari nella zona per monitorare le aree piu’ a rischio. I militari hanno anche creato una linea di difesa nella parte settentrionale della Valle della Bekaa, al fine di controllare i movimenti dei miliziani jihadisti. I terroristi islamici sono attivi nella periferia montuosa di Arsal dalla primavera del 2014, in seguito alle offensive lanciate dai guerriglieri sciiti di Hezbollah e dell’esercito siriano nella regione del Qalamoun che hanno costretto migliaia di terroristi a ripiegare in Libano. (AGI) .

(AGI) – Tbilisi, 14 giu. – Un’inondazione ha causato almeno 5 morti e un numero imprecisato di dispersi a Tbilisi, capitale della Georgia, dove diverse belve, tra cui leoni, tigri e lupi, sono fuggite dallo zoo e vagano per la citta’. Un intenso nubifragio ha ingrossato il fiume Vera che ha straripato. La piena ha travolto edifici e automobili. “Decine di famiglia sono rimaste senza tetto perche’ le loro case sono state distrutte o danneggiate. Ci sono vittime”, ha detto il vice sindaco di Tbilisi, Irakly Lekvinadze, che con una prima stima ha calcolato in 10 milioni i danni.

Guarda il video

In corso le ricerche per la cattura degli animali feroci, alcuni dei quali sono stati gia’ ripresi. La televisione statale Rustavi-2 ha riferito che tra le bestien fuggite dallo zoo ci sono almeno sei leoni, cinque tigri e tredici lupi.

 


Guarda la galleria fotografica

La polizia ha informato di aver abbattuto sei lupi nei pressi di un ospedale pediatrico di Tblisi. Secondo Rustavi-2, le forze speciali del ministero dell’Interno hanno ucciso anche un leone, un orso, una tigre e una iena. Un imponente dispositivo di ricerca delle altre belve ancora libera e’ stato attivato nella capitale georgia, dove vengono rastrellati palmo a palmo i quartieri piu’ vicini al giardino zoologico. (AGI) .

(AGI) – Mombasa, 14 giu. – Miliziani del gruppo islamista somalo al Shabaab hanno attaccato una base militare in Kenya, non lontano dal confine con la Somalia. Due soldati kenyani e 11 terroristi sono rimasti uccisi nello scontro, avvenuto nella citta’ di Baure, della provincia costiera di Lamu, ha riferito il vice commissario Joseph Rotich. Gli Shabaab sono inoltre penetrati nel villaggio di Mangai, dove hanno rastrellato gli uomini e li hanno condotti in una moschea. Qui per un’ora hanno guidato una preghiera e si sono poi dileguati. (AGI) .

(AGI) – Vienna, 14 giu. – Sesso gratis per protesta contro le tasse: questa l’iniziativa del prorietario di un bordello austriaco, il “Pascha” di Salisburgo. “Non paghiamo piu’ le tasse. Con effetto immediato: ingresso gratis! Bevande gratis! Sesso gratis!”: questo l’annuncio che si legge sul sito web della casa di piacere e che ha attratto nugoli di clienti. Il quotidiano “Oesterreich” ha pubblicato una fotografia di uomini in coda per godere dell’offerta. Il proprietario, Hermann Mueller, che gestisce bordelli in altre quattro citta’, non solo in Austria ma anche in Germania, ha assicurato che paghera’ di tasca sua fino a 10.000 euro al mese le prestazioni concesse gratuitamente dalle prostitute sue impiegate. Muller e’ in rivolta contro una tassazione che definisce punitiva: sostiene che per la sola attivita’ di Salisburgo ha versato al fisco 5 milioni di euro in 10 anni. (AGI) .

(AGI) – Washington, 14 giu. – Il Pentagono sarebbe pronto a dispiegare mezzi pesanti nell’Est Europa per impedire eventuali aggressioni da parte della Russia. Lo rivela il New York Times citando fonti americane alleate. Il progetto prevederebbe anche il dispiego di 500 soldati in paesi baltici e dell’est Europa. Se la proposta fosse approvata, spiega il quotidiano, si tratterebbe della prima volta dalla Guerra Fredda che Washington insedia forze militari nei nuovi stati membri della Nato, un tempo parte della sfera sovietica.

 

USA: NYT, PRONTI A DISPIEGARE MEZZI PESANTI IN EST EUROPA

Secondo il New York Times un presidio militare di circa 150 uomini potrebbe essere collocato in ognuna delle tre nazioni baltiche, Lituania, Lettonia e Estonia mentre un battaglione di 750 uomini sarebbe localizzato in Polonia, Romania, Bulgaria e forse anche in Ungheria. (AGI) .

Flag Counter