Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Islamabad, 12 mag. – Un disertore dell’intelligence pakistana (Isi) aiuto’ la Cia nella sua caccia a Osama bin Laden ma Islamabad non forni’ alcuna assistenza agli Usa nel raid che porto’ alla morte dello sceicco di al Qaeda. E’ quanto affermano due ex alti ufficiali dell’esercito pakistano dopo le controverse rivelazioni del giornalista e premio Pulitzer, Seymour Hersh. In un lungo articolo, il famoso reporter americano ha accusato Barack Obama di aver mentito sull’uccisione di bin Laden, sostenendo che il Pakistan collaboro’ attivamente alla missione dei Navy Seals ad Abbottabad. Secondo le fonti pakistane, la Cia ottenne effettivamente un aiuto insperato da un “intraprendente ed energico” 007 che si rivelo’ determinante per scovare il numero uno di al Qaeda. A costui, tuttavia, venne solo assegnato l’incarico di ottenere “una conferma sul terreno” in “uno stadio avanzato” della missione. Secondo Hersh, invece, una talpa pakistana si reco’ direttamente nell’ambasciata Usa a Islamabad nel 2010 e spiffero’ il nascondiglio di bin Laden agli americani in cambio di 25 milioni di dollari. Sarebbe stata questa soffiata, afferma il premio Pulitzer, a far scattare la ‘missione del secolo’ che diede la volata ad Obama per la rielezione alla Casa Bianca. Diversa la versione delle fonti pakistane. “Gli Usa avevano bisogno di una conferma sul terreno che non potevano ottenere senza far riferimento a una persona responsabile”, spiega un ex alto militare. Cosi’ Langley assoldo’ lo 007 che, tuttavia, non apparteneva all’Isi ma una branca minore dell’intelligence nazionale. Il disertore, in ogni caso, oggi risiede negli Usa. Anche l’ex capo dell’Isi, Hamid Gul, ha confermato che vi fu una defezione dalle fila dell’intelligence pakistana. “So che qualcuno diserto’. La taglia (sulla testa di bin Laden) era molto alta, divenne una talpa e si presto’ ad attuare i loro piani”. Il portavoce del ministero degli Esteri pakistano, Qazi Khalilullah, ha in ogni caso fatto sapere che il governo di Islamabad sta compiendo degli approfondimenti sulle rivelazioni di Hersh. “Stiamo approfondendo e presto daremo una riposta”, ha affermato. .

(AGI) – Kathmandu, 12 mag. – E’ stato riaperto dopo un paio d’ore l’aeroporto internazionale ‘Tribhuvan’ a Kathmandu, il piu’ importante del Nepal, che era stato chiuso in seguito al nuovo terremoto di magnitudo 7,3, all’ordigine della morte di decine di persone. Durante tale lasso di tempo il Paese himalayano era rimasto virtualmente isolato dal resto del mondo, a causa delle difficolta’ di raggiungerlo via terra, acuite dalle conseguenze del sisma ancor piu’ disastroso del 25 aprile scorso. I voli nel frattempo erano stati dirottati su scali all’estero, in particolare verso l’India settentrionale. (AGI) .

(AGI) – Kathmandu, 12 mag. – Torna la paura in Nepal. Un nuovo terremoto di 7,4 gradi sulla scala Richter ha fatto tremare il paese, con epicentro a nord-est di Kathmandu, la zona piu’ colpita dal sisma dello scorso 25 aprile. Un palazzo a Chautara, a est di Kathmandu, e’ crollato e sotto le macerie sono stati recuperati morti e feriti.

La scossa e’ stata registrata alle 12:35 locali ed e’ durata circa un minuto, facendo risuonare le sirene, e molti abitanti terrorizzati sono scesi in strada. Secondo il ministero dell’Interno, il movimento tellurico ha avuto come epicentro la zona tra Dolakha e Sindhupalchowk, quest’ultima l’area dove ci sono stati oltre un terzo degli oltre 8mila morti registrati finora come conseguenza del precedente sisma.

Il Servizio geologico degli Stati Uniti ha precisato che il movimento tellurico e’ stato registrato a 18,5km di profondita’. L’epicentro del nuovo sisma e’ stato al confine con la Cina, circa 83km a est di Kathmandu. Il tremore e’ stato avvertito sino in India del nord, a New Delhi, dove molti edifici hanno tremato e molte persone sono usciti in strada; e in zone piu’ ad est (Odisha, West Bengal, Bihar e Assam) e a ovest (nel Gujarat). (AGI)

(AGI) – Bruxelles, 12 mag. – Saranno i capi di Stato e di governo a lanciare formalmente la missione militare contro il traffico di migranti al largo della Libia: secondo quanto riferisce un alto funzionario del Servizio di azione esterna, la decisione sara’ presa in occasione del vertice del 25 e 26 giugno, e in quel momento le prime navi saranno gia’ nel Mediterraneo, pronte ad agire. Il tema sara’ affrontato dai ministri degli Esteri dei 28 al Consiglio di lunedi’ prossimo, ma a seconda che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite abbia o no nel frattempo adottato una risoluzione, potranno prendere una decisione solo politica o anche giuridica. Se non ci sara’ ancora la risoluzione, ha spiegato la fonte, ci sara’ comunque la definizione di un “crisis management concept”, e la missione sara’ delineata. (AGI) .

(AGI) – Londra, 12 mag. – Ringalluzzito dal trionfo alle elezioni di giovedi’ scorso, il premier britannico David Cameron vuole anticipare di un anno, al 2016, l’annunciato referendum sulla cosiddetta ‘Brexit’: restare o meno nell’Ue. E’ quanto riferisce il progressista Guardian secondo il quale il leader conservatore vuole evitare che il voto nel Regno Unito si sovrapponga alle elezioni in Francia (presidenziali) e Germania (politiche) del 2017. Per questo, riferiscono fonti Tory al Guardian, la’nnuncio di un provvedimento per il referendum sull’Ue sara’ gia’ contenuto nell’atteso discorso della regina (Queen’s Speech) al Parlamento del 27 maggio. Testo che in realta’ e’ solo letto da Sua MAesta ma e’ stilato e rappresenta il programma del governo. Cameron sostiene di aver ottenuto dagli elettori il mandato – richiesto – di rinegoziare i termini della partecipazione di Londra all’Ue, sulla falsariga del celebre “I want my money back”, di Margareth Thatcher. Nel 1984 la Lady di Ferro ottenne al summit di Fontainebleau, protestando in casa dell’ ‘impiccato’ (la Francia, che ancora oggi ottiene la fetta maggiore dei fondi per l’agricoltura) per l’eccessiva quota del bilancio comunitario che finiva alla Pac, Politica Agricola Comune. (AGI)

(AGI) – Dacca, 12 mag. – In Bangladesh un altro blogger ateo ha pagato con il sangue le sue idee, ed e’ il terzo dall’inizio dell’anno. Un commando di uomini con il volto coperto ha ucciso a colpi di machete un noto blogger, Ananta Bijoy Das. L’aggressione e’ avvenuta intorno alle 08:30 nella citta’ di Sylhet, ha riferito il vice commissario della polizia locale. Imran Sarker, presidente della associazione dei blogger bengalesi, ha riferito che Das era ateo e scriveva per il blog Mukto-Mona, il sito-web la cui direzione era affidata ad Avijit Roy, il blogger di idee liberale naturalizzato in America, ucciso a febbraio a Dacca. Per l’omicidio di Avijit Roy sono stati arrestati tre fondamentalisti islamici. (AGI)

(AGI) – Los Angeles (California), 12 mag. – Le Google Car, le auto-robot prive di pilota del colosso di Mountain View, sono state coinvolte negli ultimi sei anni in 11 “incidenti di ridotta entita”‘. E’ quanto ha chiarito la stessa societa’ dopo che si era diffusa la notizia che tre delle quattro auto-robot che circolano in California dallo scorso settembre (su un totale di 48) coinvolte in incidenti stradali, erano Google Car. Secondo quanto riferisce il Wall Street Journale, Chris Umson a capo del programma delle Google Car, ha spiegato, che in nessun incidente ci sono stati feriti e che le vetture hanno riportato “danni leggeri”. Non solo. Nessuno di questi incidente e’ attribuibile alle vetture-robot di Google che, ha ricordato, in totale hanno percorso 2.720 km. In precedenza la Bbc aveva riferito che secondo Mountain View la maggioranza dei “tamponamenti di ridotta entita’” e’ stata causata da veicoli che da dietro hanno urtato le Google Car. (AGI)

(AGI) – New Delhi, 12 mag. – Orrore in India: due bambini sono stati bruciati vivi da un uomo che non era riuscito nell’intento di stuprare la zia. E’ accaduto in un villaggio dello stato di Ghusidih, nel distretto di Durg, nello Stato di Chhattisgarh, in India centrale. Secondo la polizia, l’uomo ha tentato di stuprare la 22enne, che si era sposata appena un mese fa ed era andata a vivere a casa del cognato: ha fatto irruzione nella casa, ma la giovane sposa ha opposto resistenza. E di fronte al suo rifiuto, ha cosparso di kerosene i ragazzini che erano in casa – un bimbo, Mohan, di 3 anni, e la sorellina, Bhuvneshwari, di 6 anni- e ha dato loro fuoco. L’uomo e’ poi riuscito a dileguarsi. La polizia lo sta cercando e ha costituito una squadra speciale per rintracciarlo. .

(AGI) – New Delhi, 12 mag. – Un nuovo terremoto di 7,4 gradi sulla scala Richter ha fatto tremare il Nepal, con epicentro a nord-est di Kathmandu, la zona piu’ colpita dal sisma dello scorso 25 aprile. Lo ha reso noto il Servizio geologico degli Stati Uniti, precisando che il movimento tellurico e’ stato registrato a 18,5km di profondita’. Secondo il ministero dell’Interno, il movimento tellurico ha avuto come epicentro la zona tra Dolakha e Sindhupalchowk, quest’ultima l’area dove ci sono stati oltre un terzo degli oltre 8mila morti registrati finora come conseguenza del precedente sisma. (AGI)

(AGI) – CdV, 12 mag. – Papa Francesco si tratterra’ a Cuba dal 19 al 22 settembre. Lo comunica la Conferenza Episcopale Cubana che indica le tappe della visita: L’Avana, Holguin, il Santuario della Madonna del Cobre e Santiago di Cuba. Francesco proseguira’ poi alla volta degli Stati Uniti dove visitera’ Washington, New York e Filadelfia, rientrando in Italia il 28 settembre. (AGI)

Flag Counter