Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Charleston (South Carolina, Usa), 19 giu. – Dylann Roof pianificava una strage di aforamericani da “almeno sei mesi”. A dirlo e’ il suo coinquilino Dalton Tyler, che lo conosceva da circa un anno. “Era fissato con cose tipo la segregazione razziale e voleva cominciare una guerra civile. Mi disse che stava per accingersi a fare una cosa di quest tipo e che poi si sarebbe ucciso”, ha detto Tyler al canale Abc. Il ventunenne pluriomicida, ha continuato, aveva una relazione saltuaria con la propria famiglia, ma fu proprio questa a regalargli una pistola, pur non permettendogli di usarla fino alla scorsa settimana.(AGI) .

(AGI) – Copenhagen, 19 lug. – Le opposizioni danesi hanno vinto le elezioni politiche. Il centrodestra di Lars Lokke Rasmussen e del Partito del popolo si e’ conquistato il primo posto, ha riferito il canale radiofonico di Stato. Suoi sono 90 seggi nel parlamento mentre 85 sono andati al centrosinistra del primo ministro uscente Helle Thorning-Schmidt. (AGI) .

(AGI) – Copenhagen, 18 giu. – Con il 51% dei seggi scrutinati, l’opposizione e’ in testa nello spoglio per le elezioni politiche danesi. Secondo le proiezioni della tv pubblica DR, l’alleanza dell’ex premier Lars Lokke Rasmussen otterrebbe 91 seggi contro gli 84 seggi della coalizione di centrosinistra della premier in carica Helle Thorning Schmidt. Rasmussen, liberale, e’ sostenuto anche dal partito di destra, anti immigrazione, Danish People Party (DF). Questi ultimi sarebbero pero’ il primo partito della coalizione e sono molto restii ad entrare in un Governo.(AGI) .

(AGI) – Francoforte, 18 giu. – Domani il Consiglio della Bce terra’ una conference call sulla situazione greca. Oggetto dei colloqui l’estensione dell’assistenza della Banca Centrale Europea per quanto riguarda la liquidita’ ellenica. Lo si apprende da fonti che stanno preparando la conference call. In precedenza la stessa agenzia Reuters aveva lanciato da Lussemburgo l’ipotesi che, sempre secondo la Bce, lunedi’ le banche greche potessero non aprire i propri sportelli. Il Consiglio della Bce include i membri dell’esecutivo della Banca e i Governatori delle 19 Banche centrali dell’eurozona. La Bce ha per ora esteso il fondo di 84,1 miliardi di euro per i creditori greci.(AGI)

(AGI) – Tripoli, 18 giu. – Sono stati liberati questa mattina dalla milizia “Alba della Libia” tutti e dieci i diplomatici tunisini rapiti nei giorni scorsi dal consolato di Tripoli. Secondo quanto riferiscono i media tunisini, i diplomatici si trovano ora in un posto sicuro, forse la sede dell’ambasciata tunisina a Tripoli, mentre sono attesi in patria questa sera o al massimo domani mattina. Venerdi’ scorso miliziani armati hanno assaltato la sede del consolato tunisino per catturare dieci diplomatici, tre dei quali sono stati rilasciati nei giorni scorsi. L’attacco sarebbe stato una ritorsione per l’arresto in Tunisia di Walid al Qalib, capo delle milizie “Alba”.(AGI)

(AGI) – Roma, 18 giu. – Nella serata di oggi continui contatti tra Palazzo Chigi e le Capitali europee, in vista del vertice straordinario convocato da Tusk per lunedi’. In programma per domani un incontro con Padoan. Il dossier Grecia resta tra le priorita’ per Matteo Renzi che, secondo fonti di Palazzo Chigi, ha organizzato cosi’ la sua agenda per le prossime ore. Il presidente del Consiglio, sempre secondo le stesse fotni, oggi ha lavorato anche sui decreti fiscali, prossimi alla conclusione. Particolarmente importante, si rileva, il Codice degli appalti, approvato oggi al Senato in prima lettura. Il tema delle infrastrutture, sottolineano le stesse fonti, e’ considerato decisivo nei prossimi mesi ed e’, quindi, cruciale lo snodo del Codice appalti. (AGI)

(AGI/AFP) – Lussemburgo, 18 giu. – “Siamo pericolosamente vicini ad un pensiero che accetta l’ipotesi di un incidente. Dico ai miei colleghi di non accettare questo modo di pesnare”. Lo afferma il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, dopo i colloqui con i colleghi dell’eurozona. Alla domanda se i ministri dell’eurozona abbiano discusso le proposte greche, Varoufakis ha risposto: “Non c’e’ stato un solo commento”. “Abbiamo bisogno di riforme – ha concluso il ministro ellenico – non di ulteriori tagli”.(AGI)

(AGI) – Washington, 18 giu. – Il presidente Barack Obama esprime “profonda ammirazione” per la decisione del Papa di lanciare un appello sul clima nella sua enciclica, “con chiarezza, potenza e con la piana autorita’ morale” che deriva dalla sua posizione. “Aspetto di poter discutere di queste questioni con Papa Francesco quando verra’ alla Casa Bianca a settembre – ha detto Obama – e mentre ci prepariamo per i negoziati globali sul clima in calendario a Parigi a dicembre. La mia speranza e’ che tutti i leader del mondo, e tutti i figli di Dio, riflettano sull’appello di Papa Francesco ad unirci per la tutela della nostra casa comune”.(AGI)

(AGI) – Washington, 18. – L’ennesima strage negli Usa causata dall’eccessiva diffusione della armi, a prescindere dalla matrice razzista, come oggi per i 9 neri uccisi a Charleston in South Carolina, da un primatista bianco, costringe Barack Obama ad un nuovo esame di coscienza sulle pronmesse che aveva fatto tre anni sulla regolamentazione delle armi. “Negli altri Paesi avanzati questi massacri di massa non avvengono con la stessa frequenza: e’ arrivato il momento di agire”. Cosi’ Obama, nel suo messaggio alla nazione sulla strage di Charleston, ha sottolinato l’esigenza di intervenire sul controllo delle armi negli Stati Uniti. “Troppe volte ho dovuto rilasciare questo tipo di dichiarazioni – ha affermato – e ancora una volta della gente innocente e’ stata uccisa perche’ qualcuno con l’intenzione di fare del male non ha avuto difficolta’ ad impossessarsi di una pistola. E’ se ora e’ il momento del lutto e della guarigione”, occorre anche che l’America cambi atteggiamento rispetto alla questione della violenza armata: noi possiamo fare qualcosa”. Dylann Roof, il giovane preso in custodia per la strage, aveva ricevuto come regalo dal padre la pistola con cui ha ucciso 9 persone nella storica chiesa afroamericana Mother Emmanuel, come regalo per il suo 21esimo compleanno, circa un mese fa. Obama e la first lady Michelle conoscevano “personalmente” molti parrocchiani della chiesa di Charleston, compreso il pastore ucciso. “Il fatto che cio’ sia accaduto in una chiesa afroamericana solleva questioni sul lato oscuro delle nostra storia”, ha osservato il presidente. “Le loro vite sono state significative e sono morte valorosamente”, ha detto Obama citando il discorso funebre di Martin Luther King Jr. per le 4 bimbe morte in un attentato in una chiesa a Birmingham, in Alabama, nel 1963. E’ dal tragico massacro di bambini del 2012 nella scuola elementare Sandy Hook, in Connecticut, che il presidente insiste con forza sulla necessita’ di imporre controlli sulla vendita di armi. Affido il copmpito al suo vice, Joe Biden, ma tutto si areno al Conmgresso, per l’opposizione bipartisan, anche molti democratici, specie del sud, sono sensibili ai finanziamenti della NAtional Riffle Association. Progetto bloccato anche dal fatto che l’anacronistico II emendamento (venne approvato nel lontano 1791) che consente di girare armati, e’ regolato non tanto a livello federale ma soprattuto da ognunio dei singoli Stati. “Un assassinio senza senso”, cosi’ Obama ha espresso la sua “rabbia ed angoscia” per il massacro avvenuto in un “posto simbolo” della lotta contro la schiavitu’, “fondato da afroamericani alla ricerca della libera’” e dunque “un posto sacro – ha concluso – per la storia di Charleston e per l’America. (AGI) .

(AGI) – Lussemburgo, 18 giu. – Sono passati quasi cinque mesie 7 riunioni dell’Eurogruppo dall’investitura di Alexis Tsipras come capo del governo greco, il 26 gennaio, ma, a 12 giorni dalla scadenza di fine mese, non e’ stato possibile raggiungere un accordo con i partner internazionali. Il prossimo 30 giugno la Grecia dovra’ versare 1,6 miliardi al Fmi, cifra pari alle tre scadenze di giugno cumulate: se non lo fara’, ha spiegato il direttore del Fondo Christine Lagarde, sara’ tecnicamente in “default” rispetto al fondo, che per statuto non potra’ quindi piu’ versare un solo euro nelle casse greche a meno fino a quando gli arretrati non saranno pagati. Le posizioni “si sono avvicinate su alcuni punti importanti”, come ha ricordato il ministro greco Yanis Varoufakis riferendosi probabilmente ai progressi del mese scorso dopo la “strigliata” dei colleghi alla riunione di Riga. Ma, secondo la sintesi del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, “troppo pochi progressi sono stati fatti” e, nonostante “l’apertura e flessibilita’” delle istituzioni, pronte a esaminare proposte di riforme alternative, i greci non hanno per ora presentato tali proposte. Secondo il governo greco, invece, tali proposte ci sono: continua dunque il dialogo fra sordi inaugurato lo scorso febbraio. In ballo, c’e’ l’ultima tranche da 7,2 miliardi del secondo programma di aiuti: anche se entro la fine di mese si dovesse raggiungere un accordo politico, e’ “impensabile” che sia possibile attuarlo entro la scadenza, ha osservato il presidente dell’Eurogruppo. La procedura tecnica e quelle parlamentari per i paesi che lo prevedono renderebbero comunque necessario uno slittamento del versamento. Per cercare di evitare lo scenario peggiore, quello di un default della Grecia e della sua uscita dall’Euro, lunedi’ prossimo a Bruxelles si riuniranno i capi di Stato e di governo dell”Eurozona, convocati dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk per le 19. Probabilmente, quella stessa mattina torneranno a riunirsi anche i ministri delle Finanze. Un appello al governo greco perche’ pensi “all’interesse del suo popolo”, come ha detto Dijsselbloem, e’ stato lanciato, “a nome della Commissione”, dal responsabile per gli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici. “Deve impegnarsi in modo costruttivo per accettare compromessi ragionevoli ed evitare una sorte catastrofica”, ha detto. (AGI) .

Flag Counter