Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Mosca, 31 mag. – Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, da stasera in visita a Mosca, ha criticato la ‘black list’ diramata dalla Russia di 89 personalita’ politiche e militari europee, definendola “non comprensibile, soprattutto alla luce dell’assenza di criteri e condizioni di formulazione”. Nella dichiarazione, diffusa proprio mentre il titolare della Farnesina arrivava nella capitale russa, si sottolinea che “non se ne comprendono le ragioni e le modalita’ ed essa non contribuisce al rilancio del dialogo tra Ue e Russia, che l’Italia continua a sostenere”. In un’intervista all’agenzia Tass, Gentiloni si e’ detto pero’ fiducioso che il dialogo con i rappresentanti russi (domani vedra’ il vicepremier Arkadi Dvorkovichnella e il collega Serghei Lavrov) possa portare a collaborare sui dossier piu’ scottanti, dall’Ucraina alla Libia, dalla Siria all’Iran, e a gettare le basi per un futuro superamento delle sanzioni.

“So bene”, ha spiegato Gentiloni, “di trovare interlocutori innanzitutto amici dell’Italia e pronti a confrontarsi in maniera franca e serena non soltanto sui temi che ci uniscono, ma anche su dossier piu’ delicati su cui le nostre posizioni non sempre coincidono”. “Allo stesso tempo”, ha aggiunto, “sono certo che trovero’ interlocutori pronti a cogliere ogni possibilita’ di consolidare il partenariato bilaterale tenutoconto delle attuali restrizioni”. Dopo la visita di Matteo Renzi e ora di Gentiloni, il presidente russo, Vladimir Putin a giugno visitera’ l’Expo, ma il ministro degli Esteri ha sottolineato che non si tratta di uno scongelamento perche’ i rapporti tra Italia e Russia “non sono mai stati congelati”. Gentiloni si e’ anche detto convinto che “da Mosca possa giungere un contributo propositivo sulle crisi internazionali” e che si potra’ tornare a un clima di collaborazione tra Bruxelles, Nato e Mosca, “a fronte di una costruttiva collaborazione da parte russa sul dossier ucraino e della conseguente auspicabile revisione delle sanzioni, quando ne ricorreranno le condizioni”. (AGI)

(AGI) – Ginevra, 31 mag. – Frattura del femore per John Kerry. Dopo aver affrontato per il suo incarico tanti ostacoli diplomatici, il segretario di Stato Usa e’ stato tradito da un cordolo su cui si e’ impiantata la sua bicicletta mentre pedalava a Scionzier, nell’Alta Savoia francese, 40 chilometri a sud-est del confine con la Svizzera. Kerry stava provando un tracciato che a volte e’ usato anche per il Tour de France, approfittando di una pausa nei negoziati sul nucleare iraniano a Ginevra. Subito soccorso dal suo staff e dagli uomini della sicurezza, il capo della diplomazia Usa e’ stato trasportato all’ospedale universitario di Ginevra, in attesa di essere trasferito in aereo a Boston. Il 71enne segretario di Stato non ha mai perso conoscenza ma la frattura del femore destro vicina e simile a una precedente lesione per la quale era stato operato al Massachussets General Hospital, dove sara’ curato anche stavolta. Per Kerry si profila ora un periodo di riposo abbastanza lungo proprio mentre entra nel vivo il negoziato con Teheran che dovrebbe a un accordo definitivo entro la scadenza del 30 giugno. Per ora sono state annullate la visita a Madrid e la partecipazione alla ministeriale sulla lotta all’Isis in programma martedi’ a Parigi, a cui interverra’ in videoconferenza. Il “Globetrotter” del Dipartimento di Stato dovra’ prendersi una pausa, dopo che dal 2013 e’ stato in missione per 356 giorni, visitando 63 Paesi. (AGI) .

(AGI) – Ginevra, 31 mag. – Il segretario di Stato americano John Kerry, che ha avuto un incidente in bicicletta stamane, in Alta Savoia, si e’ rotto il femore destro e rientrera’ in Usa per le cure. Lo ha reso noto il Dipartimento di Stato. Il capo della diplomazia americana, che nel pomeriggio avrebbe dovuto volare a Madrid, ha cancellato i suoi impegni. Martedi’ dunque non sara’ a Parigi per la riunione sulla lotta al gruppo jihadista Isis che riunira’ i principali Paesi della coalizione a guida americana. Le sue condizioni comunque non destano allarme ed e’ atteso un suo pieno recupero. L’incidente e’ avvenuto intorno alle 09:40, vicino alla frontiera franco-svizzera nel comune di Scionzier; e Kerry e’ stato subito trasportato in elicottero all’ospedale dell’universita’ elvetica. Il capo della diplomazia americana “non ha mai perso la conoscenza”. (AGI) .

(AGI) – Baghdad, 31 mag. – Il regista dei video dell’orrore della propaganda dell’Isis, Abu Samra, e il suo vice sono stati uccisi nel bombardamento di un edificio a Qaim, nel distretto di Falluja: lo ha riferito il ministero dell’Interno iracheno, per il quale il raid e’ scattato dopo una soffiata dell’intelligence sulla presenza di diversi leader del gruppo jihadista. Sabato Baghdad aveva fatto sapere che sotto le bombe erano morti in totale “28 terroristi”, ma ora ora ha precisato che ci sono anche due vittime “eccellenti”. Abu Samra e’ considerato l’ideatore di sanguinosi video propagandistici come quelli di Jihadi John che sgozzava gli ostaggi, dei miliziani che su una spiaggia libica massacrano 21 copti egiziani con il loro sangue che tinmge di rosso il mare, il pilota giordano arso vivo in una gabbia. Con lui e’ morto anche l’americano Abu Osama al-Amriky, il producer che era considerato il numero due del braccio mediatico jihadista. Il raid aereo e’ stato sferrato nell’ambito dell’operazione Mustafa AlSebhawy, dal nome dal soldato iracheno catturato dall’Isis e impiccato a un ponte di Falluja, che finora non ha permesso a Baghdad di sfondare nelle due roccaforti jihadiste di Ramad e Mosul. Tra gli altri esponenti di spicco dell’Isis uccisi nel bombardamento ci sarebbero Abdullatif Jumaa Al Mohammedy, il temuto capo delle operazioni suicide a Falluja, e poi Abu Aicha Al Ansari, un esperto di esplosivi, il marocchino Abu Saif Al Jazrawy e il responsabile della fondazione dell’Isis Abu Hussein Al Sulaimani. (AGI)

(AGI) – Maiduguri (Nigeria), 31 mag. – Una bomba e’ esplosa nel mercato Gamboru della citta’ di Maiduguri, capitale dello Stato del Borno, in Nigeria. Nella stessa citta’, sabato un kamikaze si era fatto esplodere all’interno di una moschea e almeno 29 persone erano rimaste uccise. Poche ore prima i miliziani di Boko Haram avevano attaccato la periferia della citta’, lanciando razzi contro edifici residenziali. La citta’, che conta circa due milioni di abitanti, e’ quella dove due anni fa ha visto la nascita il gruppo terroristico. Sempre sabato, uomini di Boko Haram avevano attaccato a colpi d’arma da fuoco edifici governativi in due localita’ dello Stato di Yobe, incendiando vari immobili e saccheggiando cibo e bevande dai negozi, oltreche’ carburante dai venditori abusivi. L’ondata di attacchi arriva all’indomani della decisione del nuovo presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, di trasferire il comando dell’esercito dalla capitale amministrativa, Abuja, a Maiduguri, per intensificare la lotta contro Boko Haram. Situati nel nord a maggioranza musulmana, del Paese, il Borno e gli Stati vicini di Adamawa e Yobe sono il fulcro della attivita’ di Boko Haram, che lota per instaurare un califfato islamico nella regione e ha tentato in varie occasioni di conquistare la citta’ di Maiduguri. (AGI) .

(AGI) – Madrid, 31 mag. – Una partita di ananas imbottiti di cocaina e’ stata scoperta nel porto spagnolo di Algesiras dalla polizia, che ha sequestrato 200 chili di droga. I frutti erano stati svuotati dalla polpa e riempiti con la droga, incapsulata in cera gialla per simulare il colore dell’ananas. Tre persone sono state arrestate. Gli ananas ripieni erano sparsi tra migliaia di altri e distribuiti in 10 container giunti dall’America centrale, secondo quanto comunicato dal ministero spagnolo dell’Interno, che non ha rilevato il Paese di partenza. Il carico era stato movimentato da due societa’, una di Madrid e l’altra di Sant Quirze del Valles, nei pressi di Barcelona. Di entrambe sono titolari cittadini spagnoli di origine colombiana. L’anno scorso nel porto di Algeciras erano state sequestrate 2,5 tonnellate di cocaina, anche in quel caso nascosta in un carico di ananas, ma non all’interno dei frutti, che provenivano dal Costa Rica. (AGI) .

(AGI) – Damasco, 31 mag. – Almeno 25 persone,in gran parte bambini, sono morte e un’altra trentina sono rimaste ferite in un incendio accidentale scoppiato in una piccola clinica nel nord-est della Siria. Lo ha reso noto la televisione pubblica. Il rogo -avvenuto nella clinica Maysalun, a Qamishli, una citta’ curda alla frontiera con la Turchia, nella provincia di Hasake- e’ stato causato dall’esplosione di una tanica di combustibile, ha riferito la fonte. (AGI) .

(AGI) – Gerusalemme, 31 mag. – L’esercito israeliano ha cominciato l’esercitazione annuale destinata a valutare il livello di preparazione e allerta dei diversi sistemi che proteggono la popolazione civile in situazioni di emergenza L’esercitazione Turning Point 15 durera’ per tutta la settimana. Martedi’ le sirene antiaereo si attiveranno in tutto il Paese per due volte, mattina e pomeriggio, per testare la reazione degli edifici scolastici a un attacco di razzi e poi di nuovo per verificare la preparazione dei residenti. Secondo il Jerusalem Post, l’esercitazione ha lo scopo di preparare sia il settore civile, sia i siti militari “a uno scenario apocalittico senza precedenti”. I soccorritori – tra cui polizia, vigili del fuoco e paramedici – prenderanno parte alla simulazione cosi’ come i ministeri e 240 consigli locali. Anche l’aeroporto di Ashdod e i porti marittimi di Haifa e Ben Gurion saranno coinvolti nei test. Alle esercitazioni dovrebbero partecipare anche alcuni siti strategici, alcuni dei quali contengono materiali pericolosi. (AGI) .

(AGI) – Il Cairo, 31 mag. – Il popolare presentatore televisivo egiziano Islam al Behiri e’ stato condannato a 5 anni di carcere per aver oltraggiato la religione musulmana nel suo programma. Lo ha reso noto lui stesso, dopo aver appreso della sentenza, pronunciata in contumacia perche’ Al Behiri non era stato mai invormato del procedimento penale avviato a suo carico. Il presentatore, che fara’ ricorso, era stato denunciato dall’avvocato Mohamed Abdelsalam. Frattanto, si attende la decisione di un tribunale amministrativo sulla sua trasmissione, sospesa nello scorso aprile dopo le critiche dell’imam della moschea di Al Azhar, Ahmed al Tayeb, massima autorita’ religiosa egiziana. Il programma, intitolato “Con Islam”, andava in onda sull’emittente privata “Al Qahera wal Nas” (Il Cairo e la gente) e trattava temi controversi come la punizione per gli apostati e i matrimoni con minorenni. (AGI) .

(AGI) – Washington, 31 mag. – Lutto nella famiglia del vicepresidente americano Joe Biden. E’ morto di cancro al cervello il figlio Beau, 46 anni, fino a gennaio ministro della Giustizia del Delavare ed esponente democratico come il padre. (AGI) .

Flag Counter
Video Games