Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 12 giu. – Il giorno dopo la clamorosa uscita del Fmi dal tavolo negoziale con la Grecia, la trattativa non si interrompe ma si fa piu’ accesa. Berlino e Bruxelles non considerano la mossa del Fmi un abbandono del negoziato, ma semmai un monito ad Atene a fare piu’ sul serio e a smetterla di giocare d’azzardo sulle riforme. La conferma viene da Bruxelles, dove fonti Ue fanno sapere di aspettarsi per stasera nuove e concrete proposte da parte della Grecia. Intanto il numero uno dell’Eurogruppo, l’olandese, Jeroen Dijsselbloem, considera “inimmaginabile” un accordo sulla Grecia senza il Fmi e subito dopo spiega che “l’intesa deve essere appropriata e, se sara’ cosi’, anche il Fmi vi partecipera’”. Il negoziato, chiarisce, Dijsselbloem, restera’ in fase di stallo finche’ non arriveranno “serie proposte” da parte di Atene. Sulla stessa linea d’onda e’ anche il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, secondo il quale ora “la palla e’ nel campo greco”. Tocca ad Atene fare proposte credibili e poi si “ripartira’ a livello tecnico”, mentre “la politica arrivera’ dopo”. Nel frattempo Berlino precisa che, nonostante la mossa del Fmi, “la posizione della Germania non e’ cambiata”. Lo chiarisce il portavoce del governo tedesco, il quale ribadisce che a questo punto l’ultima spiaggia per Atene e’ la riunione dell’Eurogruppo del 18 giugno. “Non ci sono altri incontri in programma” spiega. Sempre da Berlino il giornale Bild in modo molto allarmistico spara la notizia che la cancelliera Angela Merkel si sta preparando alla Grexit. Dopo “due ore di negoziato a Bruxelles con Alexis Tsipras e Francois Mitterand”, secondo la Bild, la Merkel si e’ convinta che “il default della Grecia e’ probabilmente inevitabile”. E ora Berlino “in modo riservato” si prepara a questa eventualita’. Tuttavia e’ la stessa Merkel a smontare la Bild, chiarendo che l’importante, in questa fase, e’ che tra Atene e i suoi creditori continui il dialogo. “Dove c’e’ la volonta’ c’e’ la strada” dice la cancelliera, ribadendo una frase gia’ usata prima del vertice a tre con Tsipras e precisando che “la volonta’ deve venire da tutte le parti, per cui e’ importante che si continui a parlare l’uno con l’altro”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 12 giu. – La cancelliera tedesca Angela Merkel si sta preparando alla Grexit. Lo scrive il giornale Bild, secondo il quale, dopo “due ore di negoziato a Bruxelles con Alexis Tsipras e Francois Mitterand” la cancelliera Merkel “come il trio si e’ sciolto allo 0,20 della notte” si e’ convinta che “il default della Grecia e’ probabilmente inevitabile”. E ora a Berlino “in modo riservato” ci si prepara a questa eventualita’. “Dove c’e’ la volonta’ c’e’ il modo”, ha detto stamane la cancelliera riferendosi al negoziato sulla Grecia e precisando che “la volonta’ deve venire da tutte le parti, per cui e’ importante che si continui a parlare l’uno con l’altro”. Ma un accordo sulla Grecia “e’ necessario nei prossimi giorni” e ora “la palla e’ nel campo greco”, ha ribadito il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, il giorno dopo che il Fmi ha lasciato il tavolo della trattativa. Mentre il numero uno dell’Eurogruppo, l’olandese Jeroen Dijsselbloem fa sapere che il negoziato restare in fase di stallo finche’ non arriveranno “serie proposte” da parte di Atene. Secondo Dijsselbloem “e’ inaccettabile” che il governo greco abbia finora respinto le proposte presentate dal presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker. “Possono proporre delle alternative – dice – ma devono essere appropriate”. “Finche’ non le avremo davanti – aggiunge – sara’ molto difficile riprendere i colloqui”. (AGI) .

(AGI) – Gavirate (Varese), 12 giu. – I lavoratori del gruppo Whirlpool, dopo una marcia di circa due chilometri e mezzo, sono arrivati alla fabbrica di Comerio, in provincia di Varese. “Siamo in duemila”, ha esclamato una rappresentante sindacale all’arrivo dei dipendenti nello stabilimento. Folta la rappresentanza dei dipendenti degli impianti produttivi del meridione, tra cui di circa 400 dello stabilimento casertano di Carinaro, destinato, secondo il piano industriale della societa’, a essere chiuso. In totale, a Carinaro sono impiegate circa 850 persone, con altre 500-600 dell’indotto. Non a caso, durante la marcia, alla quale hanno partecipato i segretari generali dei metalmeccanici, i lavoratori di Carinaro sono stati quelli che si sono fatti piu’ notare con cori come “Carinaro non si tocca”, “se si tocca Carinaro non lavora piu’ nessuno”. Presente anche una delegazione di 50 dipendenti dello stabilimento napoletano, di una sessantina dell’impianto di None, nel Torinese, piu’ altri due autobus giunti da Fabriano. Numerosi sono i dipendenti di Carinaro con una T-shirt su cui e’ scritto “faciteme sta quiet…”, con sotto una traduzione in inglese “let me quiete..”. “Siamo molto determinati a far cambiare idea alla Whirlpool perche’ non e’ socialmente accettabile la chiusura di stabilimenti al Sud e un aumento di occupazione al Nord”, ha commentato Giovanni Gambati, segretario della Uilm Campania. “Non vogliamo fare la guerra a nessuno, no alla contrapposizione Nord-Sud, vogliamo un’equa ridistribuzione del lavoro tra tutti gli stabilimenti del gruppo in Italia”, ha affermato Vincenzo Di Spirito, rappresentante della Rsu di Carinaro, il leader carismatico dei lavoratori dell’impianto casertano. (AGI)

(AGI) – Roma, 12 giu. – La cancelliera tedesca Angela Merkel si sta preparando alla Grexit. Lo scrive il giornale Bild, secondo il quale, dopo “due ore di negoziato a Bruxelles con Alexis Tsipras e Francois Mitterand” la cancelliera Merkel “come il trio si e’ sciolto allo 0,20 della notte” si e’ convinta che “il default della Grecia e’ probabilmente inevitabile”. E ora a Berlino “in modo riservato” ci si prepara a questa eventualita’.

La Merkel, stamane, ha poi detto che “l’euro troppo forte complica le riforme nei paesi dell’Eurozona”. Parole che hanno provocato la discesa della moneta unica europea sotto quota 1,12 dollari.

(AGI) – Torino, 12 giu. – Dal momento che la nuova strategia energetica dell’Unione Europa non fissa obiettivi specifici per i singoli Paesi, gli Stati membri devono essere “ambiziosi” e dimostrare quanto siano pronti a contribuire al raggiungimento dei target comunitari, magari consentendo di superarli. Lo ha dichiarato Maros Sefcovic, vice presidente della Commissione Europea e commissario all’Energia, intervistato dall’AGI durante i lavori del World Chambers Congress, in corso a Torino. “L’obiettivo per la quota di produzione di energia da fonti rinnovabili del 27% e’ vincolante, laddove quello per l’incremento dell’efficienza energetica di almeno il 27% e indicativo”, ha ricordato Sefcovic, “introdurremo un sistema di governance che ho appena presentato ai ministri dell’Energia degli Stati membri nel corso dell’ultimo Consiglio, ci piacerebbe lavorare a stretto contatto con gli Stati membri sul raggiungimento degli obiettivi e ci piacerebbe vedere la loro ambizione nel dimostrare quanto siano pronti a contribuire, vogliamo rispettare i target e metteremo in campo un sistema che dovrebbe garantire il loro raggiungimento”. (AGI) .

(AGI) – Milano, 12 giu. – Mercato azionario in calo nella prima parte della mattinata, in linea con l’Europa sui rinnnovati timori relativi alla vicenda greca, dopo che la delegazione del Fondo Monetario ha abbandonato il tavolo negoziale. L’indice Ftse Mib segna un -0,30% a 23.102 punti, All Share sul -0,31%. Spicca il buon andamento di Monte Paschi (+1,2%) dopo le indiscrezioni di stampa secondo cui il titolo sarebbe comprato da fondi internazionali. Bene l’energia con Snam, Saipem e Tenaris in crescita. Finmeccanica sale dell’1,3% dopo che una banca d’affari ha aumentato il target price. Deboli Exor (-2,7%), il lusso e i media, con L’Espresso -2,5%, Mondadori -1,3% e Mediaset -1%. (AGI)

(AGI) – Gavirate (Varese), 12 giu. – I lavoratori della Whirlpool si stanno concentrando a Gavirate, in provincia di Varese, per la manifestazione organizzata in occasione dello sciopero dei dipendenti del gruppo dopo la fumata nera arrivata lo scorso 9 giugno nel negoziato tra governo, azienda e sindacati. Dallo stabilimento di Carinaro, in provincia di Caserta, sono arrivati otto autobus per un totale di 400 dipendenti, mentre da Napoli e’ giunto un altro pullman con una cinquantina di dipendenti. In generale, saranno rappresentati i dipendenti di sette regioni del gruppo Whirlpool. La manifestazione partira’ alle 9,30 da Gavirate e si concludera’, dopo una marcia di quasi due chilometri e mezzo, a Comerio dove sono attesi i comizi dei segretari generali dei metalmeccanici di Cgil, Maurizio Landini, di Cisl, Marco Bentivogli, e della Uil, Rocco Palombella. La marcia iniziera’ quando, appunto, arriveranno i tre sindacalisti nazionali. Lo sciopero e’ stato indetto per protestare contro i piani dell’azienda che prevedono esuberi per oltre duemila dipendenti, un piano che, tra l’altro, prevede la chiusura dello stabilimento casertano dove sono impiegate circa 850 persone. “Le ragioni della chiusura non sono industriali ma finanziarie: in queste zone le fabbriche sono un presidio di legalita’, togliere il lavoro in un contesto come quello di Caserta significa spingerci nelle mani della Camorra”, ha commentato Antonello Accurso, delegato sindacale della Uilm di Carinaro. Per la marcia da Gavirate a Comerio le autorita’ locali hanno previsto un blocco della strada statale che collega i due comuni. A concentramento di Gavirate si possono gia’ vedere le bandiere di tutte e tre le sigle sindacali, con un rullo di tamburi suonati dai dipendenti di Carinaro che alzano un cartello su cui c’e’ scritto ‘non toglieteci il lavoro’. (AGI) .

(AGI) – Atene, 12 giu. – “Mi auguro che un’intesa arrivi molto presto, il 18 giugno quando si terra’ l’Eurogruppo”. Lo sostiene in un’intervista alla Ert, la tv di stato riaperta ieri, il ministro del Lavoro, Alekos Flabouraris, dopo l’uscita di scena dal negoziato del Fmi. Il negoziato con la Grecia “ripartira’ in prima istanza a livello tecnico”. Lo sostiene il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, precisando che “la politica arrivera’ dopo”.(AGI)

(AGI) – Tokyo, 12 giu. – La Borsa di Tokyo ha aperto in rialzo. Il Nikkei ha registrato un incremento dello 0,24%, pari a 48,81 punti, e si e’ portato alla quota iniziale di 20,431.78. (AGI) .

(AGI) – Roma, 11 giu. – Non ci saranno aumenti a luglio sulle accise dei carburanti, per effetto della bocciatura da parte della Ue del reverse charge dell’Iva nella grande distribuzione. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri nel decreto sugli enti locali. La clausola di salvaguardia sarebbe dovuta scattare a luglio, per garantire all’Erario circa 730 milioni di mancati introiti. .

Flag Counter