Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Roma – Otto anni di lavori (la metà, se si considera lo stop di quattro anni), trecento milioni di investimento e una marea di polemiche ad accompagnare la realizzazione di un'opera che, per ammissione dello stesso amministratore delegato di Eur Spa, Enrico Pazzali, "può piacere o non piacere, ma ora c'è ed è pronta a collaborare alla crescita di Roma". La 'Nuvola' di Fuksas è finalmente ultimata, ma non sarà operativa prima di metà del 2017. "I lavori si sono conclusi il 30 giugno" dice , "ma i collaudi richiederanno altri sei, otto mesi e da quel momento saremo pronti a metterla al servizio della città". L'ambizione è dichiarata: fare concorrenza alle altre città italiane, ma soprattutto alle metropoli europee, per il turismo congressuale.

Guarda le FOTO

Un giro d'affari che, se accalappiato, può portare a Roma "a regime, 300mila persone e tra i 220 e i 290 milioni di euro l'anno". 'A regime' significa fra cinque anni, e già sono in agenda due grandi appuntamenti: il congresso mondiale degli avvocati che dovrebbe radunare circa seimila persone e quello dei chirurghi del gomito e della spalla. Resta il nodo dell'accoglienza: la 'Nuvola' sorge in un'area semiperiferica della città, raggiunta dalla linea B della metropolitana e lungo uno degli assi portanti della viabilità capitolina, quel viale Cristoforo Colombo su cui già si riversa buona parte del traffico proveniente dalle aree sud e a sud della città. La messa vendita di Lama, l'imponente albergo da quattrocento camere proprio a ridosso del centro congressi, deve ancora essere definita e Pazzali non si sbilancia sulla base d'asta, né sui tempi. Di fatto quella che sembrava dovesse diventare un'altra eterna incompiuta di Roma ora è completata e dopo una lunga serie di annunci a vuoto, Eur Spa e Condotte hanno voluto mostrarla ai giornalisti quasi tre mesi prima della data fissata per l'inaugurazione, il 29 ottobre.

Astaldi (Condotte), il cantiere è stato un modello sul fronte della sicurezza

"Il centro congressi di Roma, nato da una visione architettonica innovativa, sara' infatti il luogo ideale per ospitare eventi e persone da tutto il mondo" ha dettop Duccio Astaldi, presidente del consiglio di gestione di Condotte, "L'impegno del nostro Gruppo e' stato notevole, basti pensare che abbiamo utilizzato circa 20.000 tonnellate di acciaio pari a quasi 3 volte di quelle in ferro usate per la Tour Eiffel".


Iniziati nel 2008 con l'appalto a Condotte d'Acqua S.p.A., i lavori di costruzione del Centro Congressi si sono conclusi in anticipo di sei mesi rispetto all'ultimo cronoprogramma. La 'Nuvola', che potrebbe cambiare nome, visto che e' stato indetto un bando nazionale per trovarne uno nuovo, ha una capienza complessiva massima di 8.000 posti, di cui oltre 6.000 nelle sale congressuali e 1.762 nell'Auditorium (1.248 in platea e 514 in galleria). All'interno della grande Teca (70 x 175 metri per 40 di altezza) costruita in acciaio con doppia facciata in vetro, al piano (-1) vi sono le "sale congressuali", di cui la Plenaria che puo' ospitare fino a 6.000 persone, distribuite su 9.000 mq di spazio modulabile in configurazioni molto differenziate, grazie ad un sistema di pareti mobili. 
Ad esempio, e' possibile ottenere una configurazione che prevede 5.000 posti in un'unica plenaria (7.400 mq), con foyer da 1.500 mq e 4 sale meeting da 100 posti, oppure un'altra da 3.000 posti sempre in un'unica plenaria (3.350 mq), ed ulteriori modularita' fino ad un massimo di 24 aule. 

I giochi di luce proiettati sulla nuvola di Fuksas – VIDEO

Sullo stesso piano (-1) si sviluppano uno spazio funzionale di 2.500 mq, il "concourse", con numerosi punti di servizio; 15 ascensori di cui 8 panoramici; 2 scale mobili. Al "livello mezzanino" sono posizionati il business center (uffici), spazi ricettivi, cabine traduzione, sale regia, speakers e aree di ospitalita'; al "livello forum" 6.000 mq a ricordare una scenografica agora' proprio sotto l'Auditorium, utilizzabile come area polivalente (aree espositive, gala dinner, presentazione prodotti). Al "livello Auditorium" 1.762 posti ripartiti tra i 1.248 della platea e 514 della galleria. Uno spazio tecnologicamente funzionale, contenuto nei circa 14.000 mq di telo in fibra di vetro microforato che ne avvolgono lo scafo in acciaio e i 3 foyer, ricordando una nuvola sospesa. L'auditorium, rivestito internamente da 4.725 pannelli in ciliegio americano ed esternamente da 2.306 pannelli lignei di colore nero, e' stato realizzato con complessi sistemi di taglio che garantiscono una superficie curva continua ed un'acustica ideale anche per eventi musicali e teatrali. 

 

//

 

Quanto agli investimenti relativi all'appalto per la costruzione del centro congressi e dell'albergo il quadro economico per progettazione, lavori, direzione lavori, collaudo, opere complementari innovative e altri oneri ammonta a circa 300 milioni di euro: circa 244,5 milioni per i lavori di costruzione realizzati da Condotte (238,5 milioni di euro per le opere principali e 6 milioni di euro per le opere complementari); quasi 29 milioni per spese tecniche, di progettazione e di direzione creativa; 9,5 milioni per oneri concessori; altri oneri per oltre 19 milioni (accordo bonario con la societa' costruttrice del sito).
I tempi di realizzazione sono stati invece influenzati dalle 12 varianti intervenute dal primo trimestre 2008 (sottoscrizione del contratto di appalto e inizio lavori) al primo trimestre 2016 (12ma variante a stralcio).
"A valle di un percorso complesso e impegnativo – ha sottolineato il Presidente di EUR S.p.A, Roberto Diacetti – realizziamo una grande Opera, importante sia per la Citta' di Roma, sia per il Paese. Tale realizzazione connotera' il quadrante EUR non solo come Business District ma anche come attrattore del turismo congressuale, consentendo a Roma di posizionarsi al pari delle grandi capitali del mondo."
"Terminati i lavori – ha commentato Enrico Pazzali, Amministratore delegato di EUR S.p.A. – nei prossimi mesi saremo impegnati a realizzare opere di completamento delle aree esterne, a completare la fase di collaudo ed avviare la commercializzazione del centro congressuale, soprattutto a livello internazionale, data la vocazione di Roma e del Centro Congressi. Tali attivita' ci porteranno alla completa operativita' dal 2017 con l'obiettivo di andare a regime nei prossimi 3-5 anni".

"Bandiremo – ha proseguito Pazzali – un concorso di idee, rivolto a tutti, che ci portera' a scegliere il nome del Centro Congressi di Roma, che comunicheremo nella serata del 29 ottobre, quando premieremo il vincitore, in diretta televisiva su Rai 1. Voglio sottolineare che il Centro Congressi di Roma sviluppera' un segmento turistico, quello congressuale, capace di generare flussi economici e occupazionali importanti, con un impatto sia diretto, sia sulla filiera, piuttosto significativo in termini di crescita del Pil". "Uno studio della camera di commercio – ha concluso l'A.d. – stima che un congressista spenda circa 1.400 euro a congresso, e noi, a regime, possiamo puntare ad ospitare tra i 200 e i 300mila congressisti l'anno, il che significa una potenziale ricaduta sul territorio tra i 300 e i 400 milioni di euro. 

(AGI) 

Roma – Sting torna alla musica rock dopo anni con un nuovo, atteso album in uscita il prossimo 11 novembre. Lo ha annunciato in un tweet sulla sua pagina ufficiale lo stesso artista britannico che, in video-trailer su YouTube, parla del nuovo lavoro il cui titolo sara' '57th & 9th' (dal nome della strada che attraversa tutti i giorni per andare in studio). Durante un'intervista a Rolling Stone America, Sting ha spiegato inoltre che nel disco trovano spazio brani come 'Inshallah' che racconta di migranti in viaggio per l'Europa e 'One Fine day' sui cambiamenti climatici. In '57th & 9th' anche '50.000', un brano scritto la settimana della morte di Prince, "una riflessione sullo shock che si prova per la perdita di un'icona culturale". Nel video il cantante inglese spiega: "Ci sono molti stili differenti in questo disco. C'e' molto rock 'n' Roll e c'e' anche un'ispirazione comune che lo attraversa – dice il leader dei Police -. Parla di ricerca, viaggio, una strada, il richiamo dell'incognito. Credo che il disco abbia un sentimento spontaneo per come e' stato fatto. Non c'e' raffinatezza, e' stato suonato con energia".

Nell'intervista alla bibbia del rock americano, Sting ha dichiarato che il nuovo disco "e' la cosa piu' rock che mi sia capitato di incidere da molto tempo a questa parte. Nel disco saranno comprese tutte le mie influenze, ma sara' soprattutto molto energico. Sono molto felice e voglio vedere come va". Sting, attualmente impegnato nel tour sold out con Peter Gabriel 'RockPaperScissors', ha scritto i brani con amici di vecchia data come Vinnie Colaiuta (batteria) e Dominic Miller (chitarra) a cui si sono aggiunti Jerry Fuentes e Diego Navaira del gruppo di San Antonio The Last Bandoleros con cui Sting si e' esibito di recente al Jimmy Kimmel Live in una cover dei Police. Compositore, cantante, autore, attore, attivista, Sting e' nato a Newcastle in Inghilterra prima di trasferirsi nel 1977 a Londra per formare con Stewart Copeland e Andy Summers i Police. La band ha pubblicato 5 album, ottenuto 6 Grammy Awards e nel 2003 e' stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame. Dal 1985 Sting ha pubblicato 14 album in oltre 25 anni di carriera solista. Sting ha venduto quasi 100 milioni di album nella sua carriera (tra i Police e il suo lavoro solista) e ottenuto 10 Grammy, un Golden Globe, un Emmy e tre nomination agli Oscar. Sting e' inoltre apparso in oltre 15 film ed e' autore di 2 libri tra cui la sua autobiografia best seller "Broken music". Il suo supporto all'organizzazione per i diritti umani Rainforest Fund, fondata insieme alla moglie Trudie Styler nel 1989, rispecchia il suo interesse nell'impegno sociale e nella solidarieta' universale. (AGI)

Roma – Il Castello e il Parco di Sammezzano a Reggello, in provincia di Firenze, il complesso romanico del Convento di San Nicola ad Almenno San Salvatore nel Bergamasco, la Chiesa di San Michele di Pegazzano a La Spezia forse non sono noti al grande pubblico, eppure figurano ai primi posti tra i "luoghi del Cuore" degli italiani, nella classifica provvisoria elaborata dal Fai, il Fondo per l'Ambiente Italiano, a poco più di due mesi dall'inizio dell'ottava edizione del Censimento. "Vota i luoghi che ti hanno emozionato. E salvali": l'invito del Fai per questa edizione e' stato accolto da oltre 200.000 persone che hanno votato finora per più di 22.000 differenti "luoghi del cuore", indicati nella maggior parte dei casi per la necessita' di valorizzazione, l'urgenza di azioni di tutela, la bellezza, il degrado o l'affetto che evocano. Non solo firme cartacee, ma soprattutto segnalazioni online: ne sono arrivate oltre 133.000 con un aumento del 63% rispetto al 2014. 

Da Bergamo a Taranto, ecco le perle del FAI – FOTO

Numerosissimi i gruppi e le associazioni spontanee di cittadini che si stanno mobilitando per raccogliere voti a favore delle realta' territoriali a loro più care. Finora gia' 193 comitati si sono registrati sul sito www.iluoghidelcuore.it (con una particolare concentrazione in Lombardia, Lazio, Puglia e Piemonte) e per la prima volta moltissimi luoghi che avevano raggiunto risultati significativi in edizioni passate del censimento tornano a essere segnalati, tentando nuovamente di scalare la classifica affinche' la speranza di un progetto di recupero, di tutela o di valorizzazione diventi realta'. 

L'obiettivo che stimola a partecipare all'iniziativa con tanta passione ed entusiasmo non e' solo la realizzazione di un intervento diretto sulla base di specifici progetti d'azione – previsto per i primi tre classificati a cui verranno destinati rispettivamente 50mila, 40mila e 30mila euro – ma soprattutto la visibilita' ottenuta dai luoghi votati durante il censimento, che puo' portare alla nascita di collaborazioni virtuose tra societa' civile e istituzioni e trainare lo stanziamento di altri contributi preziosi. Inoltre, i luoghi che riceveranno almeno 1.500 voti potranno presentare una richiesta per un intervento da parte di FAI e Intesa Sanpaolo, secondo le linee guida che verranno diffuse nel 2017 dopo l'annuncio dei risultati e sulla base delle quali verranno selezionati i beneficiari di altri contributi economici fino a 30mila euro. Inoltre il luogo più segnalato sul web verra' premiato con la realizzazione di un video promozionale.

Anche in questa edizione non mancano segnalazioni di luoghi insoliti, a cui sono legati ricordi del passato e speranze per il futuro. Tra questi, Sciesopoli a Selvino (Bergamo), colonia alpina realizzata tra il 1932 e il 1933 per volonta' dell'amministrazione fascista del Comune di Milano, che tra il 1945 e il 1948 ospito' 800 orfani di deportati non sopravvissuti ai campi di concentramento; la Ditta Guenzati a Milano, il negozio più antico della citta' specializzato in accessori per l'abbigliamento e tessuti anglosassoni; il Santuario Pelagos per la protezione dei mammiferi marini nel Mediterraneo, una vasta area marina protetta, situata tra l'alto mar Tirreno e il mar Ligure e nata dall'accordo tra Italia, Francia e Principato di Monaco, dove trovano rifugio migliaia di balenottere, capodogli, stenelle, delfini e altri cetacei; il Padiglione Connely dell'ex Ospedale psichiatrico a Siena, uno dei pochi esempi di panopticon in Italia e destinato all'isolamento dei malati più gravi, ora in totale abbandono; la Cava dei Dinosauri ad Altamura (Bari), un'area di 12.000 metri quadrati dove nel 1999 sono state scoperte circa 30.000 orme di dinosauri, di lunghezza compresa tra i 5 e i 45 centimetri; e ancora il Platano di Vrisi a Curinga (Catanzaro), tra i più grandi alberi presenti nel nostro Paese, alto circa 20 metri e con una circonferenza di oltre 12. Peculiarita' di quest'anno sono le numerosissime aree archeologiche scelte come "luoghi del cuore" a testimoniare l'importanza della nostra storia e la volonta' di conoscerla e conservarla. (AGI)

Roma – Un'estate all'insegna del successo per i Negramaro, che stanno collezionando un sold-out dietro l'altro durante il tour estivo "La rivoluzione sta arrivvando". Questa sera tocca a Lucca, dove il gruppo pugliese si esibirà nell'ambito del 'Lucca summer Festival', ma già sono al completo gli appuntamenti di Riola sardo del 23 luglio e le due date di Taormina del 27 e 28 luglio prossimi. Sono andate molto bene le tappe a Reggio Emilia, Cattolica e a Barolo, dove la band al festival Collisioni ha fatto registrare il tutto esaurito. 

Il tour è partito a maggio facendo tappa nei palazzetti più importanti della penisola e continua ad entusiasmare migliaia di fan su e giù per l’Italia. Il gruppo salentino, che riprende il nome dal famoso vitigno pugliese Negroamaro, si è formato nel 2001. Ad accompagnare Giuliano Sangiorgi (voce, chitarra e pianoforte) sul palco ci sono: Emanuele Spedicato (chitarra), Ermanno Carlà (basso), Danilo Tasco (batteria), Andrea Mariano (pianoforte, tastiera e sintetizzatore) e Andrea De Rocco (campionatore). "La rivoluzione sta arrivando' è il loro sesto album di inediti, ma molti sono i brani che li hanno resi famosi. Tra questi: 'Solo3minuti', 'Estate', 'Londra brucia', 'Via le mani dagli occhi' per citarne alcuni. (AGI) 

 

Roma – Matteo Garrone e' pronto per Pinocchio, la sua nuova avventura cinematografica. Il regista, a Giffoni per ricevere il prestigioso premio Truffaut, conferma il suo prossimo impegno cinematografico, tratto dalla fiaba di Collodi. "Sara' legato alla favola, girero' in Italia e in italiano. Sto facendo provini con i bambini in tutta Italia, quello di Pinocchio e' un ruolo molto complesso. Girero' in primavera per uscire nel 2018", annuncia, "anche 'Il Racconto dei Racconti' aveva un rapporto fiabesco con le immagini come in tutti i miei film". Garrone ricorda l'avventura di Gomorra: "Quando nel 2006 incontrai per la prima volta Roberto Saviano, che allora non era ancora conosciuto come oggi e aveva pubblicato il libro da poche settimane, decidemmo di lavorare a quel progetto per rendere al meglio visivamente le pagine del libro – ricorda – ma dissi subito che la cosa migliore sarebbe stata fare una serie televisiva perche' si sarebbero potuti trattare tutti i temi che affrontava il libro. All'epoca non c'erano i presupposti per fare una serie tv perche' il mercato non era cosi' grande e forte come e' ora. Quando dopo il film mi proposero la serie non aveva senso perche' sarei dovuto tornare negli stessi luoghi e sarebbe stato difficile. Ma penso che aver fatto una serie tv sia una scelta sacrosanta e giustissima, ha avuto un enorme successo e hanno fatto un ottimo lavoro".

Garrone si tiene ben distante dalle polemiche che hanno coinvolto la serie: "Gomorra e' un film che va al di la' del luogo in cui era ambientato ed e' un film che parla di temi universali", dice. A Napoli, dove sono ambientati quasi tutti i suoi film, Garrone riconosce la possibilita' di offrire "espressioni, facce e caratteri importantissimi per un film". E ai ragazzi che stanno iniziando a fare cinema da' un consiglio: "Per arrivare alla vostra destinazione ci vuole la passione autentica non mimetica – dice – io a 13 anni volevo fare il tennista, non leggevo neanche un libro e i miei genitori erano disperati. Quando ho fallito da tennista ho ripiegato nel cinema", scherza il regista. (AGI)

Roma – "Vorrei portare il porno a Hollywood, vorrei che agli Oscar potessero concorrere anche i film per adulti, come fanno quelli di genere horror". Valentina Nappi, 25enne pornostar italiana, ex allieva di Rocco Siffredi, in un'intervista all'AGI racconta come si è trasformato il mondo della pornografia al tempo di internet. E rivela il suo sogno: vedere in gara nella notte degli Oscar di Los Angeles una pellicola hard. "Il problema è culturale – spiega – se il sesso fosse considerato dalla nostra società come qualcosa di normale, ce ne sarebbe già così tanto nei film cosiddetti 'normalì che non staremmo neppure qui a discutere". Secondo la Nappi il cinema pornografico dovrebbe essere considerato 'di generè e trattato come tale: dovrebbero partecipare agli Oscar i film "la cui finalità è pornografica, ovvero fatti per eccitare, così come partecipano film horror, fatti per spaventare". E il suo sogno, malgrado sia lontano dal divenire realtà, viene alimentato dal corto in cui ha recitato, 'Queen Kong' di Monica Stambrini, presentato la scorsa settimana a Pesaro e vincitore del premio per la miglior regia di un corto narrativo al Queens World Film Festival di New York e che, come sottolinea la Nappi, "è il secondo film porno ad aver vinto un premio ad un festival tradizionale dopo Andrew Blake" che nel 1989 con 'Night Trips' nel 1989 ottenne la medaglia d'argento al Worldfest – Houston International Film Festival. Malgrado abbia recitato in un cortometraggio definito 'porno d'autorè, la Nappi ha le idee chiare sulla sua professione e, soprattutto, sulla funzione della pornografia.

 

//

 

"La differenza tra arte e porno è la stessa che c'è tra arte e design: una tazza pelosa è un oggetto d'arte, non di design. Invece una tazza di ceramica è un prodotto di design perchè è utile. Dal mio punto di vista, dunque, il prodotto pornografico è fatto per essere utilizzato per eccitarsi e quindi ha una sua utilità. Comunque – aggiunge – come per il design, non c'è un confine netto", non è sempre chiaro dove finisce il porno e dove inizia l'arte. La Nappi rivendica il suo status di 'performer' dell'hard in un momento in cui sembra che questa industria sia in grossa crisi: "Il mercato del porno non esiste più – dice l'attrice nata a Scafati 25 anni fa – basti pensare che un solo caseificio dalle mie parti guadagna più di tutto il porno mondiale". E allora per esercitare la professione bisogna andare via dall'Italia. Lei stessa lavora (e vive) soprattutto negli Stati Uniti. "Per gli italiani non ha più senso fare porno – spiega -. Dato che non si guadagna più come si guadagnava una volta, c'è l'idea che non conviene più compromettersi". Valentina Nappi spiega poi come sono cambiati il mondo e l'industria del porno con l'avvento di internet.

Valentina Nappi contro Rocco Siffredi: "la più grande delusione della mia vita!"

"Il problema è culturale – ribadisce -. Anche sul web siamo ghettizzati e non possiamo guadagnare come, per esempio, guadagna YouTube perchè il porno può pubblicizzare solo altro materiale per adulti quindi è un cerchio che si chiude e i soldi non entrano. Questo è il problema. Se potessimo pubblicizzare anche altro materiale, faremmo un altro tipo di incasso – aggiunge -. E così le produzioni oggi vivono di membership e pochissimi dvd. Questo, però, accade in America dove i sexy shop sono negozi normali. Da noi invece li nascondono: nelle grandi città nessuno sa dove si trovino". La sicurezza sanitaria è la priorità per un attore hard. "In America abbiamo un database, un 'talent testing' – spiega ancora -. Un test di controllo costa 150 dollari e lo facciamo ogni 14 giorni. Ogni attore è registrato e chiunque può leggere la storia sanitaria del proprio partner di lavoro".

Regista di 'Queen Kong': cresciuta col cinema erotico di Tinto Brass

Il cinema pornografico oggi non esiste più, racconta ancora Valentina Nappi: "I film non esistono più, a parte la parodie come 'Spiderman XXX': per lo più sono collezioni di scene lunghe dalle due alle cinque ore. Anche perchè per fare i film non ci sono più i soldi". La vita privata di un'attrice porno presuppone, secondo la Nappi, un rapporto completamente libero. "Io e il mio fidanzato siamo una coppia aperta – spiega -. Secondo me non si può fare porno senza essere una coppia aperta. Ci sono dei performer che dicono di fare sesso promiscuo solo per lavoro, però in realtà finiscono per entrare in situazioni poco carine che non ti rendono felici". .


Roma – Brani rock tirati e ballad, in un'alternanza tra chitarra acustica e muri di chitarre distorte. Così il 19 luglio gli Afterhours hanno presentato il loro ultimo lavoro discografico 'Folfiri o Folfox' al Postepay Sound Rock in Roma. 

'Grande' è stato il primo brano eseguito da Manuel Agnelli e la sua band. La canzone fa parte dell'ultimo album così come 'L'odore della giacca di mio padre', 'Nè pani nè pesci' e  'Se io fossi il giudice' suonati nel corso della serata. Ma alla fine del concerto l'atmosfera si è riscaldata ancora di più quando uno dopo l'altro la band ha suonato i pezzi più famosi e sicuramente i più attesi dai fan: 'La sottile linea bianca', 'Non è per sempre' e 'Quello che non c'è'.

Roma è stata una delle tappe del tour estivo che vede impegnata la band in serate in giro per l'Italia, dopo il grande successo del 2014 con la tournee 'Hai paura del buio'. Il nuovo album è uscito lo scorso 10 giugno ed era molto atteso dai fan dopo quattro anni di silenzio. 

Nati ed esplosi negli anni ’90 a Milano il loro rock è stato amato in Italia e non solo. La band ha avuto grandi riconoscimenti anche all'estero: la rivista statunitense “Alternative Press” segnalò il loro cd d’esordio, 'All the Goog Children Go To Hell', come disco del mese. (AGI) 

 

Roma – Domani arriva in sala in Italia "Star Trek Beyond" diretto da Justin Lin e la Paramount Pictures, Skydance e Bad Robot annunciano che si sta lavorando al quarto episodio della saga reboot dell'originale 'Star Trek'. Nel prossimo capitolo dell'epica avventura spaziale, il capitano James Kirk, interpretato da Chris Pine, incrocera' sul suo cammino un uomo che non ha mai avuto l'opportunita' di incontrare, ma il cui retaggio ha pesato su di lui sin dal giorno in cui e' nato: suo padre. Sara' il sex-symbol Chris Hemsworth, apparso nel 2009 nel primo film 'Star Trek', tornera' a vestire i panni di George Kirk nella saga spaziale nel ruolo del padre di Chris Pine.

Anche il resto del cast tornera' a far parte del film. J.D. Payne e Patrick McKay scriveranno la sceneggiatura. J.J. Abrams e Lindsey Weber saranno produttori del film per la Bad Robot Productions. David Ellison e Dana Goldberg della Skydance saranno produttori esecutivi. 'Star Trek', il primo film della saga reboot dell'originale realizzato da Gene Roddenberry, ha incassato oltre 380 milioni di dollari in tutto il mondo nel 2009. Il secondo capitolo, "Star Trek Into Darkness', ha registrato un incasso di oltre 460 milioni di dollari in tutto il mondo dopo essere uscito nelle sale nel maggio 2013. Chris Hemsworth e' attualmente al cinema con 'Ghostbusters' accanto a Melissa McCarthy, Kristin Wiig e Kate McKinnon ed e' impegnato nelle riprese di due film della Marvel, 'Thor: Ragnarok' e 'Avengers: infinity war – Parte 1'. (AGI)

Flag Counter