Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Milano, 10 giu. – Quasi 80 mila ‘like’ in meno di due
giorni, piu’ di 2.200 ‘tweet’ da oltre 1.500 utenti dei social
network. “La rete sostiene Fedez”, rivela Reputation Manager,
principale istituto italiano che misura la reputazione online
dei brand e delle figure di rilievo pubblico. La notizia della
lite in cui e’ stato coinvolto il cantante per un selfie non
concesso a una fan ha portato ieri l’hahstag #Fedez in cima ai
‘trend topic’ di Twitter per diverse ore e ci sono stati 2.267
‘cinguettii’ sul caso inviati da 1.510 utenti. Le repliche del
rapper sui social network hanno raccolto 79.940 ‘like’ e sono
state condivise 7.193 volte, ricevendo 4.771 commenti. (AGI)
.

(AGI) – Londra, 8 giu. – Sara’ stato un caso o avranno voluto
dare una lezione di sobrieta’ ma la first family di Hollywood,
Angelina Jolie e Bradd Pitt, che potrebbero permettersi jet
privati o quanto meno la first class per volare, sono stati
visti su un aereo in economy, tra i comuni mortali, su un volo
Air France da Parigi a Nizza. Secondo quanto riferisce il
britannico Daily Mail, che pubblica le foto del 51enne Pitt
alle prese con il difficile compito, per tutti, di far entrare
il bagaglio a mano nelle cappelliere.
L’evento e’ avvenuto sabato.

La banda ribattezzata
‘brangelina’ e’ scesa da un volo dal Los Angeles a Parigi e poi
si e’ imbarcata, attendendo con gli altri passeggeri, non in
lounge vip, per due ore la coincidenza allo scalo Charle Der
Gaule, per Nizza. Qui, invece, trattamento di nuovo. Appena
arrivati hanno trovato un pulmino Air France ad accoglierli che
li ha portati fino al terminale. (AGI)

(AGI) – Londra, 8 giu. – Sara’ stato un caso o avranno voluto
dare una lezione di sobrieta’ ma la first family di Hollywood,
Angelina Jolie e Bradd Pitt, che potrebbero permettersi jet
privati o quanto meno la first class per volare, sono stati
visti su un aereo in economy, tra i comuni mortali, su un volo
Air France da Parigi a Nizza. Secondo quanto riferisce il
britannico Daily Mail, che pubblica le foto del 51enne Pitt
alle prese con il difficile compito, per tutti, di far entrare
il bagaglio a mano nelle cappelliere.
L’evento e’ avvenuto sabato. La banda ribattezzata
‘brangelina’ e’ scesa da un volo dal Los Angeles a Parigi e poi
si e’ imbarcata, attendendo con gli altri passeggeri, non in
lounge vip, per due ore la coincidenza allo scalo Charle Der
Gaule, per Nizza. Qui, invece, trattamento di nuovo. Appena
arrivati hanno trovato un pulmino Air France ad accoglierli che
li ha portati fino al terminale. (AGI)
.

(AGI) – Londra, 5 giu. – Sara’ battezzata fra un mese esatto la
piccola Charlotte Elizabeth Diana, secondogenita del principe
William e di Kate Middleton: la cerimonia, officiata
dall’arcivescovo di Canterbury Justin Welby, si terra’ nella
chiesa di St. Mary Magdalene di Sandringham, nel Norfolk,
vicino alla residenza dei duchi di Cambridge. Lo ha annunciato
la casa reale, sottolineando come la cerimonia del 5 luglio,
domenica, sara’ assolutamente “privata”. Dopo la nascita di
Charlotte, Kate e William si sono trasferiti nella residenza di
Anmer Hall, una casa di campagna in stile georgiano che si
trova all’interno della tenuta di Sandringham, proprieta’ di
Elisabetta II. La residenza, regalo di nozze della regina alla
coppia, e’ il ‘buen retiro’ dove i duchi hanno deciso di far
crescere i due piccoli, Charlotte e George, lontani dalle
formalita’ del cerimoniale e dal caos della metropoli inglese.
La chiesa dista solo pochi chilometri dalla residenza ed e’
proprio in questo piccolo edificio di culto che solitamente la
famiglia reale partecipa a una messa durante il periodo
natalizio. La scelta dei primi di luglio era gia’ stata
anticipata: la data e’ stata pensata per consentire alla regina
Elisabetta II di partecipare alla cerimonia, prima della sua
partenza per la residenza estiva di Balmoral, dove la sovrana
passera’ come ogni anno le sue vacanze. George era stato
battezzato nel palazzo di St. James alla presenza di soli 60
invitati. E si sa gia’ che Charlotte indossera’ lo stesso
abitino, fatto cucire dalla casa reale nel 2008, un’esatta
copia di quello voluto dalla regina Vittoria nell’800 e che ha
visto il battesimo di oltre 60 diversi ‘royal baby’.
.

(AGI) – Washington, 29 mag. – Il ranch Neverland, celebre
proprieta’ di Michael Jackson nel sud della California, e’
stato messo in vendita a 100 milioni di dollari, sei anni dopo
la morte dell’artista. Lo riferisce il “The Wall Street
Journal”. Neverland e’ una sorta di immenso parco giochi, 1.300
ettari, zoo incluso, che Jackson si era fatto costruire. Queste
strutture sono state demolite e la proprieta’ e’ tornata al suo
antico nome di “Sycamore Valley Ranch”. All’interno una ventina
di edifici tra cui la grande villa padronale, con sei stanze da
letto, una piscina, campo da tennis e da basket ed una sala
cinematografica da 50 posti. (AGI)
.

(AGI) – Milano, 28 mag. – Sarebbero riusciti a ‘rubare’ i
segreti di vip come Scarlett Johansson ed Elisabetta Canalis
intrufolandosi nella loro privacy grazie anche al basso livello
di sicurezza delle domande per il recupero delle password di
accesso alla posta elettronica. Selvaggia Lucarelli, Guia
Soncini e Gianluca Neri alias Macchianera, tre tra i piu’ noti
blogger italiani, sono stati mandati a processo con decreto di
citazione diretta firmato dal pm di Milano Grazia Colacicco con
le accuse, a vario titolo, di concorso in intercettazione
abusiva, detenzione e diffusione di codici di accesso (unica
non contestata a Lucarelli), accesso abusivo a sistema
informatico e violazione della privacy, tutti reati aggravati
dall’aver tentato di guadagnarci. Al centro dell’inchiesta ci
sono 191 fotografie scattate durante la festa per il 32esimo
compleanno di Elisabetta Canalis nell’elegante Villa Oleandra
di George Clooney, sul lago di Como. Gli imputati sarebbero
entrati in possesso di queste immagini tentando di venderle a
un noto settimanale al prezzo di 120mila euro ma non sarebbero
riusciti a chiudere l’affare perche’ qualcuno avrebbe allertato
Elisabetta Canalis, allora fidanzata del divo, che avrebbe
sporto denuncia al commissariato Garibaldi-Venezia di Milano.
Nel processo che comincera’ il 19 giugno davanti al giudice
Stefano Corbetta dell’XI sezione penale di Milano, accanto alla
Canalis figureranno altre parti offese da copertina. Gli
imputati, si legge nel capo d’imputazione, “al fine di
procurare a se’ o ad altri un profitto consistente nella
vendita di fotografie e di informazioni o conversazioni
personali di cui erano venuti a conoscenza o comunque al fine
di arrecare danno a Elisabetta Canalis e alle persone di
seguito indicate, si procuravano, rispondendo alla domanda
segreta per la password, i codici di accesso dell’indirizzo di
posta elettronica di Federica Fontana, Mara Povoleri (Mara
Venier, ndr), Sandra Bullock, Scarlett Johansson e altri”.
In particolare, avrebbero effettuato uno ‘spionaggio’
accanito sul profilo della show girl Federica Fontana: “Lo
monitoravano, ottenendo cosi’ indebite informazioni a loro non
dirette, tra le quali l’indirizzo web, il nome utente e la
password di accesso alla galleria fotografica che conteneva
immagini della festa privata per il compleanno di Elisabetta
Canalis”. In seguito Lucarelli, Neri e Soncini, sempre stando
alle accuse, “fraudolentemente intercettavano comunicazioni
relative a un sistema informatico o telematico e ne rivelavano
in parte il contenuto. In particolare, avendo fraudolentemente
ottenuto gli accessi a vari account di posta elettronica, ne
monitoravano la posta in entrata utilizzando un apposito
account di posta elettronica come collettore unico di tutta la
corrispondenza intercettata. (AGI)
.

(AGI) Milano, 26 mag. – Cani e gatti saranno pure i migliori
amici dell’uomo, ma non certo degli smarthphone. Negli ultimi
cinque anni in Italia gli animali domestici hanno rotto quasi
due milioni di dispositivi elettronici, facendo spendere ai
loro padroni la bellezza di 358 milioni di euro per sostituirli
o ripararli. Lo svela una ricerca svolta a livello europeo da
SquareTrade. I dati dimostrano che dal 2010 ad oggi gli amici a
quattro zampe hanno messo fuori uso in Europa oltre 8 milioni
di smartphone, computer e tablet. Un danno che tradotto in
costi corrisponde a due miliardi di euro spesi in cinque anni.
Agli italiani e’ toccata una quota di ben 358 milioni di euro,
la seconda piu’ alta d’Europa ed inferiore unicamente al
“salasso” da 501 milioni patito dagli inglesi. “Intervistando
le famiglie con animali domestici e’ emerso che una famiglia
italiana su cinque ha dovuto affrontare questo problema”. Ha
detto Kevin Gillan, Managing Director di SquareTrade per
l’Europa. “Nell’80% dei casi, gli animali domestici hanno
scambiato i nostri smartphone per giocattoli da masticare:
un’attivita’ decisamente costosa considerato che un device puo’
arrivare a costare piu’ di 700 euro.” Sulle cause di questi
incidenti, la ricerca di SquareTrade spiega con la noia il 33%
degli incidenti. La gelosia sarebbe alla base del 28% dei casi
e il 22% dovrebbe imputarsi alla rabbia.

“Gli animali hanno le
stesse emozione degli umani. Possono essere felici, annoiati,
gelosi o arrabbiati. Bisogna tenerlo in considerazione – spiega
Arden Moore, esperta comportamentista e ricercatrice affermata
a livello mondiale – . Anche se la tentazione e’ quella di
entrare in casa e utilizzare i deveci come strumento di relax,
ci si deve ricordare del fedele amico a quattro zampe e dargli
l’attenzione che si merita”. Tra l’altro il rischio di
incidenti aumenta del 119% nel caso di animali in soprappeso ed
e’ piu’ elevato anche per chi accoglie il proprio amico peloso
sul letto: avra’ il 38% di probabilita’ in piu’ che un
dispositivo elettronico venga danneggiato. Con i cani maschi la
percentuale di rischio aumenta del 26%. Per chi possiede un
cane e un gatto sotto lo stesso tetto il consiglio e’ quello di
non distrarsi mai. In questo caso c’e’ l’85% di possibilita’ in
piu’ che avvenga un incidente. (AGI)
.

(AGI) – Londra, 25 mag. – Altro che seni prosperosi o gambe
lunghe. E’ il cervello di una donna a spingere gli uomini a
sceglierla come compagna della vita. A sfatare un comune
cliche’, secondo il quale gli uomini sarebbero interessati piu’
all’aspetto fisico che all’intelligenza delle donne, e’ stato
David Bainbridge, un biologo evoluzionista dell’Universita’ di
Cambridge. Secondo quanto riportato dal quotidiano britannico
Daily Telegraph, lo scienziato e’ convinto che nella scelta
della partner gli uomini guardino piu’ al cervello di una
donna. Questo perche’ l’intelligenza verrebbe considerata come
un importante segnale che la donna sara’ una madre responsabile
in futuro. Una donna con il cervello, ha precisato Bainbridge,
indica che e’ stata cresciuta da genitori intelligenti e che e’
stata ben curata durante l’infanzia. Altre presunte
caratteristiche femminili, che si sono erroneamente ritenute
fondamentali per gli uomini, come le gambe lunghe o un seno
prosperoso, non avrebbero peso. Al massimo, secondo il biologo
britannico, gli uomini guarderebbero piu’ alla simmetricita’
delle caratteristiche fisiche di una donna, segno che la
partner e’ giovane e sana. Questo significa che la grandezza
del seno non e’ un aspetto a cui gli uomini danno importanza.
“La misura del seno non importa”, ha detto lo scienziato. “Seni
grandi – ha continuato – hanno maggiore probabilita’ di essere
asimmetrici e gli uomini sono piu’ attratti dalla simmetria”.
Mentre per quanto riguarda le gambe, stando alla teoria di
Bainbridge, la caratteristica ritenuta piu’ importante dagli
uomini e’ che siano dritte: l’irregolarita’ e’ associata a una
malattia evolutiva, come il rachitismo. “Gli uomini – ha detto
lo scienziato – non sono in cerca di gambe lunghe. Gambe dritte
sono un segno di buona salute genetica, che e’ la cosa piu’
attraente per gli uomini, e diverse ricerche hanno dimostrato
che la maggior parte degli uomini preferisce gambe di lunghezza
normale”.
.

(AGI) – Sydney, 21 mag. – Tormentato dalle liti con la moglie,
la bella Amber Heard, Jonny Depp ha abbandonato la
registrazione dei ‘Pirati dei Caraibi’, per tornare
precipitosamente insieme a lei a New York. Cosi’ scrive un
quotidiano australiano, ma in realta’ la mega-produzione del
quinto capitolo della saga ha smentito la notizia.
La star hollywoodiana, che da anni presta il volto al
capitano Jack Sparrow, sta girando Dead Men Tell No Tales, I
morti non raccontano storie. Secondo la stampa australiana,
l’attore ha lasciato mercoledi’ sera la Gold Coast, sulle rive
orientali australiane, per seguire la bella moglie. E a poco
sono valsi i tentativi della produzione di spingerlo a cambiare
idea “Ha preso il primo volo privato disponibile”, ha riferito
una fonte della produzione. A sentire il Gold Coast Bulletin,
Depp e Amber Heard, sposati da appena tre mesi, litigano in
continuazione; tanto che sarebbe addirittura stato chiesto alla
giovane attrice di abbandonare il set, perche’ le liti creavano
problemi alla produzione. .
Michael Singer, portavoce della produzione, ha smentito
seccamente: “Non posso rendere pubblica la nostra tabella di
marcia, chi va e chi viene, ma vi posso dire che nulla di quel
che e’ scritto nell’articolo corrisponde alla realta’”, ha
assicurato al Sydney Morning Herald. “IL signor Depp registra
secondo il calendario previsto. Tutto normale, tutti lavorano”.
Amber Heard sarebbe rientrato in Usa con i due cagnolini della
coppia, Boo e Pistol, che erano stati costretti a lasciare
l’Australia, perche’ rischiavano di essere eliminati essendo
entrati nel Paese senza sottoporsi alle rigide procedure di
ingresso in Australia, che prevedono anche la quarantena.
Secondo il Bulletin, Johnny Depp avrebbe dovuto inizialmente
riaccompagnare i due Yorkshire, ma la sua partenza era stata
rinviata all’ultimo momento grazie all’intervento dei
produttori. Se la sua ultima partenza fosse confermata, si
tratterebbe di un ennesimo contrattempo nelle riprese del film,
dopo che l’attore a marzo si e’ ferito a una mano ed e’ dovuto
tornare negli Usa. (AGI)
.

(AGI) – Roma, 19 mag. – “Qualche tempo fa, ho sentito un tizio
che diceva: ‘Ormai solo i gay vogliono sposarsi’. Forse voleva
fare lo spiritoso ma puo’ essere molto pericoloso denigrare la
normalita’. Non stiamo parlando di diventare tutti uguali,
stiamo parlando di garantire la liberta’ di scelta, di
proteggere le persone dalle discriminazioni, di dare a tutti
gli stessi strumenti per poter riuscire nella vita”. Lo dice il
cantante Mika, che non ha mai nascosto di essere onmosessuale e
al quale Vanity Fair dedica la copertina del numero in edicola
domani. “Una volta la comunita’ gay era piu’ creativa perche’
emarginata? Ricordiamoci – dice il cantante – che l’obiettivo
di tutte quelle espressioni artistiche, musicali, letterarie
era arrivare all’uguaglianza. Non si e’ lottato per la
normalita’, ma per gli stessi diritti. Ci sono posti nel mondo
dove uomini e donne vengono linciati, persino uccisi, perche’
omosessuali. Dire che la normalizzazione dell’omosessualita’ ha
reso i gay meno creativi sarebbe come dire che la lotta per
l’eguaglianza fra i sessi ha reso le donne meno interessanti”.
Nell’intervista, il musicista si sofferma sui suoi ricordi
d’infanzia e sulla sua famiglia, alcuni dei temi al centro del
libro che sta scrivendo e che uscira’ in autunno. Nato a Beirut
ma evacuato piccolissimo per sfuggire alla guerra civile, Mika
ha vissuto prima in Francia e poi, dai 9 anni in avanti, in
Inghilterra. Di quei tempi ricorda, tra le altre cose, le
difficolta’ riscontrate a scuola: “Da bambino la odiavo,
perche’ non riuscivo a leggere e a scrivere e il sistema
scolastico francese era piuttosto crudele. Quando siamo andati
a vivere in Inghilterra e ho iniziato a frequentare una scuola
a Londra, mi sono sentito dire ‘Non sei stupido, sei
dislessico’. Era la prima volta. Nel giro di poco passai
dall’insufficienza al massimo dei voti. Pero’, cominciarono a
considerarmi diverso per altri motivi. Nell’istituto francese
che frequentavo, tutti indossavano l’uniforme, mentre in quello
inglese non era richiesta. Iniziai a indossare i miei vestiti e
li’ arrivarono i problemi. Mi presentavo con il papillon e le
camice a pois. Oggi vesto in maniera piuttosto normale e a
volte mi domando se, alla fine, abbiano vinto loro, mi dico
‘Forse sono davvero riusciti a cambiarmi'”. Parlando del suo
nuovo album (‘No Place in Heaven’, in uscita il 15 giugno),
spiega che uno dei brani, ‘The Last Party’, e’ ispirato alla
festa che Freddy Mercury organizzo’ subito dopo aver scoperto
di avere l’Aids e di come scrivere quella canzone l’abbia
spinto a riflettere sul modo in cui lui stesso reagi’ a una
notizia terribile come l’incidente accaduto a sua sorella
Paloma nel 2010. “Una sua amica busso’ alla mia porta alle
quattro del mattino. Mi disse che mia sorella era precipitata
dalla finestra del suo appartamento. Ero in boxer e T-shirt,
corsi fuori, senza vestiti, senza scarpe. La polizia mi
blocco’. Mi dissero che potevo scegliere: aspettare che
arrivasse l’ambulanza o andare da lei subito. Pensai che dovevo
vedere con i miei occhi che cosa era successo per poter
affrontare la situazione. Da allora non sopporto le persone che
bussano. Fuori dal mio camerino c’e’ sempre un cartello: ‘Non
bussate'”. “Come ho reagito a quello che ero successo?”, si
domanda poi il cantante. “All’inizio in maniera razionale: ho
cancellato tutti i miei impegni di lavoro per rimanere vicino a
lei. Poi, appena ho saputo che non era in pericolo di vita,
sono scappato. Ho preso un volo per Montreal. La prima notte
che trascorsi la’ scrissi ‘Underwater’, il giorno dopo ‘Origin
Of Love’. Non sapevo che cosa avrei fatto dopo”. Mika racconta
anche che prima di partire aveva detto addio al suo compagno,
il film-maker di origini greco-inglesi Andreas Dermanis, con
cui ha una relazione da otto anni. “Gli ho detto che non sarei
piu’ tornato. E’ stata l’unica volta che ci siamo lasciati. Per
riconquistarlo ho dovuto darmi parecchio da fare. Quando mi ha
rivisto non mi ha detto: ‘Prego, accomodati…'”. (AGI)

Flag Counter