Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Napoli – E' iniziato il piano di rialncio del Museo Archeologico Nazionale di Napoli: 500mila ingressi entro il 2019. E' questo l'obiettivo di Paolo Giulierini che da un anno è il direttore del Mann. "Devo trovare gli strumenti. Bisogna ribaltare il ragionamento, porre fine ai piagnistei su mancanze di risorse e mezzi, e trovare i modi per perseguire obiettivi. Del resto, le risorse in questo momento il Mann le possiede". Giulierini ha già messo nero su bianco un piano strategico di rilancio del sito espositivo che è uno dei più prestigiosi d'Italia, creato da Carlo III di Borbone come centro culturale più che come sede della collezione di antichità ricevuta in eredità dalla madre Elisabetta Farnese e da lui ampliata. Nel 2015, il museo ha registrato 360mila ingressi, di cui 300 gruppi scolastici e 7.434 studenti e nel 2019, anno di fine mandato per Giulierini, si vorrebbe raggiungere la quota di 500mila.

"Ho 10 milioni nel bilancio certificato – spiega Giulierini all'Agi – di cui 2 milioni di euro da biglietti e mostre. Altri 6 milioni vengono da fondi Pon, e infine ci sono 20 milioni per lo sviluppo dal Cipe". Giulierini pero' non si ferma qui. "Ora il Mann ha un bilancio autonomo. Il sistema messo in piedi dal Mibact fa si' che l'80% degli incassi rimanga qui – dice – poi c'e' la nuova normativa per incentivare i privati a investire, molto agile, e il crowdfounding". Autonomia significa anche liberta' di strategie, persino per quanto riguarda il prezzo del biglietto di ingresso, ed e' "consapevole che all'estero i ticket sono piu' 'pesanti' – sottolinea il direttore – ma la tariffa la determina anche il mercato. E il biglietto che costa poco e' una tradizione del nostro paese. Ora il nostro è a 13 euro, Pompei ne chiede 11 e gli Uffizi 12. Penso che ci allineeremo agli Uffizi.

Musei italiani bocciati, Met di new York migliore al mondo

Ma si possono creare biglietti integrati, anche con siti museali piu' 'deboli' E non dobbiamo dimenticare che c'e' una dimensione sociale del bilancio di un museo, che deve essere capace anche di generare economia per la collettivita'": Il rapporto con la citta' attraverso rapporti con le sue istituzioni e' fondamentale per Giulierini, soprattutto con l'area in cui insiste il museo. "Contestualizzazione", la chiama, la sua operazione di dialogo con "elementi nodali" quali Ferrovie dello Stato, l'aeroporto e la Metropolitana di Napoli spa per intercettare turisti.

"Non abbiamo uno screening raffinato dei nostri visitatori, ma una traccia robusta si' – esplicita – dei 400mila circa dello scorso anno meta' non erano paganti, e sono in larga misura le scuole. L'altro 50% e' prevalentemente di stranieri, diciamo il 60%, europei e americani in prevalenza, cioe' da quei paesi in cui si e' creata nel tempo la tradizione del grand tour". Parte cosi' il progetto Obvia, la reinterpretazione di opere in linguaggi nuovi (ad esempio, per la riapertura a ottobre della sezione egizia, una delle tre previste ento il 2019, un fumetto avvicinera' i ragazzi a una delle collezioni piu' ricche del museo) e in nuovi contesti del quotidiano e del viaggio quali una stazione anche della metro o uno scalo aereo. Il rapporto con i privati? "Anche qui va cambiato atteggiamento – la risposta di Giulierini – la collaborazione va anche accompagnata da servizi a disposizione degli sponsor per agevolarli e da trasparenza. Pure come spendere i soldi e' un tema. Occorre avere progetti pronti". (AGI) 

Roma – Per il secondo anno consecutivo il Metropolitan di New York si e' piazzato al primo posto nella classifica di gradimento dei musei TripAdvisor, con le strutture italiane molto lontane dal podio. Il Bel Paese compare solo al 25mo posto, con la Galleria degli Uffizi, piu' staccati il Museo egizio di Torino, la Galleria dell'Accademia di Firenze e i Musei Vaticani. I vincitori sono stati determinati utilizzando un algoritmo che ha preso in considerazione la quantita' e la qualita' delle recensioni per i musei di tutto il mondo, raccolte in un periodo di 12 mesi. "I musei che hanno vinto i premi Travelers' Choice Musei hanno probabilmente conquistato i visitatori grazie alle loro opere d'arte e al patrimonio culturale, storico e scientifico e spesso anche attraverso i loro splendidi edifici" ha dichiarato Valentina Quattro, portavoce di TripAdvisor per l'Italia. "I viaggiatori che intendono visitare questi musei possono prenotare tour, visite guidate, pass salta-fila e altri servizi su TripAdvisor, cosi' da trarre il meglio dalla loro visita." Fra i musei italiani, gli Uffizi hanno conquistato i viaggiatori internazionali scalando due posizioni rispetto al 2015 e scalzando dal primo posto la Galleria dell'Accademia che quest'anno si posiziona terza. La citta' di Torino conferma la ricchezza della sua offerta museale con ben tre strutture in classifica: Museo Egizio (2°), Museo Nazionale del Cinema (6°) e Museo Nazionale dell'Automobile (9°). Restano in classifica i musei romani Galleria Borghese (5°) e Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo (7°) e si riconferma in ottava posizione la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Chiude in decima posizione il MuSe di Trento, new entry della top 10 italiana. Il Met della Grande Mela si riconferma il piu' apprezzato al mondo, seguito dall'Art Institute di Chicago. Sul terzo gradino del podio mondiale si posiziona l'Hermitage di San Pietroburgo che guida la top 10 europea, dove e' seguito in seconda posizione dal Musee d'Orsay di Parigi e al terzo posto dal Prado di Madrid. La Galleria degli Uffizi di Firenze resta per un soffio fuori dalle prime 10 posizioni del vecchio continente classificandosi undicesima. (AGI)

Roma – E' morto a Roma a 89 anni Ermanno Rea, autore di romanzi come 'La dismissione' e 'Napoli ferrovia'. Nato a Napoli nel 1927, Rea era anche giornalista e aveva collaborato con numerosi quotidiani e settimanali. Rea, che era nato a Napoli il 28 luglio 1927, ha pubblicato 'Il Po si racconta' (1990), 'L'ultima lezione' (1992), 'Fuochi fiammanti a un'hora di notte' (1998, premio Campiello 1999).

Con Feltrinelli erano usciti i titoli 'La fabbrica dell'obbedienza' (2011)

il suo libro di fotografie '1960. Io reporter' (2012), 'La dismissione' (2014; gia Rizzoli, 2002), 'Il sorriso di don Giovanni' (2014), 'Mistero napoletano' (2014; gia Einaudi, 1995, vincitore del premio Viareggio 1996), 'Il caso Piegari. Attualita' di una vecchia sconfitta' (2014) e 'Napoli Ferrovia' (2015; gia Rizzoli, 2007). Fra un mese uscira' per Feltrinelli il suo ultimo romanzo, 'Nostalgia' (pag 304, euro 18), storia di un destino di amicizia e di morte dentro la scena di un quartiere, il Rione Sanita', condannato dalla sua stessa storia a una sorta di claustrofobia sociale. Un melodramma ispirato da un'ansia di riscatto che fa di Napoli un'icona di amore e di lotta senza sbocco. (AGI)

Milano – Torna X Factor. L'attesa e' finita, e il programma canoro piu' atteso si accende. Da giovedi' 15 settembre alle 21.15 su Sky Uno HD (e il venerdi' in chiaro su TV8) l'edizione numero 10 di X Factor. Il talent show piu' rivoluzionario della tv italiana, prodotto da FremantleMedia Italia, stavolta ha una giuria che riunisce allo stesso tavolo tutti i generi musicali, dal rap all'indie-rock, dal pop internazionale a quello italiano, e promette scintille. E' proprio questa la vera novita' dell'edizione: una giuria "poliedrica con tanti colori". "Mai come stavolta e' visibile la dialettica musicale al tavolo, dove siede una giuria molto eterogenea con 4 artisti rappresentanti di generi musicali molto diversi tra loro" spiegano gli organizzatori. Il mix e' formato dal il veterano Fedez, il primo rapper italiano a conquistare 26 dischi di platino, simbolo delle nuove generazioni, il ritorno di uno dei giudici piu' amati Arisa, vincitrice di due Festival di Sanremo ha collezionato 9 dischi di platino, la new entry della stagione Alvaro Soler, il 25enne astro nascente spagnolo del pop latino, e l'altra grande novita' Manuel Agnelli, leader e frontman degli Afterhours, band che ha contribuito in modo decisivo al rock indipendente italiano, una vera e propria icona e punto di riferimento da trent'anni per generazioni di musicisti del nostro Paese. Ad X Factor negli anni cambiano le giurie e cambiano i teatri ma c'e' un un punto fermo ed e' l'insuperabile Alessandro Cattelan, al timone dal 2011 con grinta, garbo e professionalita'. E' lui il trait-d'union tra i cantanti, i giudici e il pubblico.

L'inizio di una nuova edizione "E' un po' come il primo giorno di scuola – dice Cattelan durante la presentazione alla stampa – Questi sono i giorni dell'elettricita'". Nel condurre la nuova edizione dice di sentirsi sempre piu' a suo agio. "Mi sento ancora di piu' a casa mia, con la sensazione di stare in ciabatte, sul divano e davanti al camino". Si comincia con 3 puntate dedicate alle audizioni di Torino e Bologna (15, 22 e 29 settembre), si va avanti con il Bootcamp di Milano il 6 e il 13 ottobre che ha scelto i 24 semifinalisti, quindi gli Home Visit il 20, dove i concorrenti sono scesi da 24 fino a 12. Dal 27 ottobre il Live, la gara entrera' nel vivo nella nuova X Factor Arena, la tensostruttura, ancora piu' grande, allestita da questa edizione a Piazzale Cuoco a Milano. Si tratta del vecchio Linear ciak, completamente rinnovato, svuotato. Dai 1200 posti dell'anno scorso, si passa quest'anno a 1.800. E salgono anche i numeri dell'audience: dai 650 mila spettatori del 2011 (la prima su Sky Uno) ai 2 milioni e 300 mila dell'anno scorso. (AGI) 

Venezia – E' 'The Woman who left', film di 3 ore e 46 minuti del filippino Lav Diaz il Leone d'Oro della 73esima Mostra del Cinema di Venezia. Ad annunciarlo il presidente della giuria Sam Mendes alla cerimonia di chiusura. 'A Nocturnal Animals' di Tom Ford, dato per favorito alla viglilia, e' andato il Leone d'Argento – Gran premio della Giuria. Le Coppe Volpi che premiano i migliori attori dei film in concorso sono andate a Oscar Martinez, che recita in 'El Ciudano Ilustre', e alla star americana Emma Stone, protagonista del musical 'La La Land' che ha battuto la favorita Natalie Portman protagonista di 'Jackie'.

A Noah Oppenheim e' andato invece il premio per la miglior sceneggiatura di 'Jackie'. La giuria della 73esima Mostra internazionale del Cinema di Venezia ha scelto di assegnare a due registi il 'Leone d'Argento' per la miglior regia. Il premio e' infatti andato a Amat Escalante, che ha portato in Concorso 'La Rejon Salvaje' e ad Andrei Konchalovski, che ha invece presentato 'Paradise'. Per l'Italia un solo premio importante, quello per il miglior film della sezione 'Orizzonti' assegnato al film 'Liberami' di Federica Di Giacomo.

Il premio 'Marcello Mastroianni' per l'attore emergente e' stato assegnato a Paula Beer, che recita in 'Frantz' di Francois Ozon, mentre 'The last of Us' di Ala Eddine Slim vince il premio 'Il Leone del Futuro – Venezia Opera prima Luigi De Laurentis' assegnato dalla giuria presieduta da Kim Rossi Stuart. Per quanto riguarda invece i film in concorso principale a 'The bad batch' di Ana Lily Amirpour e' andata una menzione speciale della giuria presieduta da Sam Mendes. .

Agrigento – Eccezionale scoperta nella Valle dei Templi: e' stato individuato l'antico teatro di Akragas, cercato per secoli. Lo ha annunciato il sindaco di Agrigento Lillo Firetto, davanti al premier Matteo Renzi, nella Valle dei Templi per la firma del Patto per la Sicilia. Il teatro si trova in linea d'aria davanti al Tempio della Concordia. "A ottobre – spiega – dovra' partire una nuova campagna di scavi, stavolta in modo molto avanzato e ci attendiamo l'impegno del Governo nazionale. E' il modo migliore per festeggiare degnamente la fondazione di Akragas 2600 anni fa". (AGI)

Roma –  La Capitale sceglie uno dei suoi musei più intimi e raccolti per parlare di amore. Dal 29 settembre al 19 febbraio il Chiostro del Bramante ospita "Love. L'arte contemporanea incontra l'amore", un'esposizione dedicata all'amore dove per la prima volta sono riuniti molti importanti artisti dell'arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente, Joana Vasconcelos. Le opere, molte delle quali si prestano a momenti esperienzali, possono essere fotografate e condivise sui social network con l'hashtag ufficiale #chiostrolove dai visitatori. Un modo diverso di fruire l'arte che permette un coinvolgimento a 360 gradi. (AGI) 
 

Flag Counter