Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 10 mag. – Un uomo di 30 anni si trova negli uffici della Questura di Roma, sospettato di essere l’autore della violenza sessuale e della rapina avvenuta venerdi’ mattina ai danni di una tassista di 43 anni in via Pescina Gagliarda. Il trentenne, un romano, e’ stato portato negli uffici della Squadra mobile della Capitale diretta da Luigi Silipo. A suoi carico, al momento, si sottolinea in ambienti investigativi, non ci sono provvedimenti di fermo o di arresto ma ci sarebbero forti indizi sulla sua responsabilita’. Ieri gli investigatori avevano diffuso un ident�kit dell’uomo, ricercato in base al racconto fatto dalla vittima dello stupro, che si trovava alla guida del suo taxi ed aveva accompagnato un cliente fatto salire davanti ad un albergo di via Aurelia. (AGI)

(AGI) – Roma, 10 mag. – Uno studente di 19 anni, in gita a Milano con la sua classe per visitare l’Expo, e’ morto precipitando dal quinto piano dell’hotel nel quale alloggiava, il “Leonardo da Vinci” di via Senigallia 6. Sono stati alcuni suoi compagni del liceo “Ippolito Nievo” di Padova, stamattina, a dare l’allarme quando – al risveglio – si sono resi conto che il giovane non era in camera: poco piu’ tardi il suo corpo e’ stato trovato riverso sul marciapiede. I sanitari del 118, immediatamente intervenuti, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Secondo le prime ricostruzioni della polizia, il 19enne e’ caduto da un pianerottolo comune dell’albergo: tutte le ipotesi restano aperte, compresa quella del gesto volontario, ma al momento la piu’ verosimile sembra essere quella di un incidente. (AGI) .

(AGI) – CdV, 10 mag. – Il presidente cubano Raul Castro e’ stato ricevuto da Papa Francesco nello studio privato presso l’Aula Nervi. Al suo arrivo il Vaticano il presidente e’ stato accolto dal prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gaenswein.

L’incontro tra Francesco e Raul Castro e’ durato circa un’ora, al termine della quale i due interlocutori si sono salutati con una lunga stretta di mano.

  Il presidente cubano ha espresso gratitudine a Bergoglio per il prezioso aiuto della Santa Sede nelle trattative per la normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. “Ho ringraziato il Santo Padre per il suo contributo al riavvicinamento tra Cuba e gli Stati Uniti”, ha detto lo stesso Castro, uscendo dall’Aula Nervi.

“Leggo tutti i discorsi del Santo Padre, se continuera’ a parlare cosi’ anch’io che sono comunista ricomincero’ a pregare. E non lo dico per scherzo”, ha detto Raoul Castro. “Quando il Papa verra’ a Cuba, prometto di assistere a tutte le messe che celebrera’”, ha aggiunto Castro.

“Nel colloquio – ha spiegato padre Federico Lombardi portavoce della Santa Sede – si e’ parlato anche dell’accoglienza che verra’ data dai cubani al Papa” nella visita del prossimo settembre.

Renzi: oggi scriviamo una pagina nuova della storia (LEGGI)

Papa Francesco ha donato a Raul Castro una medaglia con l’immagine di San Martino che riveste un povero con il suo mantello. “San Martino che con il mantello copre il povero e’ un’intuizione di quello che dobbiamo fare: dobbiamo coprire la miseria della gente e poi promuovere la gente. Mi piace molto regalare questa immagine perche’ e’ un segno di buona volonta’”, ha detto Bergoglio al presidente, al quale ha donato a anche l’esortazione apostolica “Evangelii gaudium”, che e’ il documento programmatico del suo Pontificat.
  “Questo e’ il testo dove ci sono alcune di quelle dichiarazioni che a lei piacciono”, gli ha detto accennando al fatto che il testo ha “una parte religiosa e una parte sociale”.

  Da parte sua, Raul Castro ha donato a Francesco una medaglia commemorativa dei 200 anni della cattedrale dell’Avana. “Di queste medaglie ce ne sono solo 25, e una e’ questa”, ha spiegato. A Francesco Castro ha consegnato poi anche un quadro del cubano Kacho,che raffigura una croce realizzata con barconi come quelli che trasportano i migranti e con davanti una persona inginocchiata a pregare: il quadro, hanno detto i rappresentanti cubani, realizzato espressamente per la visita, e’ ispirato al viaggio fatto nel luglio 2013 dal Papa a Lampedusa. Kacho era presente nella delegazione e Castro ha potuto presentarlo a Bergoglio.

Castro: “Obama uomo onesto”, e invita ufficialmente Renzi a Cuba (LEGGI)

“Ho preso ispirazione dall’attenzione del Papa per i migranti”, ha confidato ai giornalisti Kacho che l’anno scorso aveva fatto una mostra al al Palazzo della Cancelleria, a Roma, e aveva scritto al Papa che gli aveva risposto.

Lasciato il Vaticano, il Presidente Castro ha raggiunto Palazzo Chigi dove alle 11 e’ stato accolto dal premier Matteo Renzi.

San Giovanni Paolo II aveva ricevuto il fratello di Raul, Fidel Castro, nel 1996 e nel 1998 aveva compiuto uyno storico pellegrinaggio a Cuba, seguito da Benedetto XVI nel 2011, quando ad accoglierlo c’era gia’ il presidente Raul ma anche Fidel pote’ incontrare Ratzinger. “La Chiesa cattolica cubana – ricorda oggi il sito specializzato Vaticaninsider – gia’ da molti anni sostiene il processo di dialogo per favorire l’apertura di Cuba al mondo e del mondo a Cuba, per usare un’espressione di Giovanni Paolo II.

L’iniziativa per il disgelo con gli Stati Uniti e’ stata portata avanti dalla Santa Sede in piena sintonia con i vescovi del luogo guidati dal cardinale Jaime Lucas Ortega y Alamino, chiedono al governo dell’Avana la possibilita’ di costruire nuove chiese, di facilitare la possibilita’ di comunicazione e di trasporto, e sperano anche di poter avere un accesso ai mezzi di comunicazione che non si riduca a qualche quarto d’ora all’anno”. Per il sito, l’incontro di oggi e la prossima vista di Bergoglio nell’isola il prossimo settembre, durante lo stesso viaggio che lo portera’ significativamente anche a Washington, alla Casa Bianca e al Congresso, sono tappe di un percorso.

Nella storia recente dei rapporti tra il Vaticano e Cuba, questi appuntamenti sono stati sempre segnati da concessioni da parte del governo cubano, come fu per la reintroduzione del giorno festivo del Natale, annunciata alla vigilia del viaggio di Giovanni Paolo II nell’isola caraibica”.(AGI)

(AGI) – Napoli, 10 mag. – Una neonata e’ stata abbandonata in strada nel Napoletano. I carabinieri indagano per scoprire l’identita’ della madre della piccola, nata da poche ore, trovata da una donna a Calvizzano; ha sentito dei vagiti provenire da un asciugamano posato a terra vicino ad alcuni contenitori per rifiuti in via Ritiro, dove abita, e si e’ avvicinata, scoprendo la neonata. Ora la bimba e’ all’ospedale pediatrico di Napoli Santobono, ma e’ stata gia’ visitata in quello di Giugliano e considerata in buone condizioni di salute. (AGI)

(AGI) – CdV, 10 mag. – Papa Francesco ha fatto oggi gli auguri a tutte le mamme del mondo e invitato la folla di piazza San Pietro a pregare perche’ Maria le protegga. Lo ha fatto ricordando l’odierna Festa della Mamma dopo la preghiera del Regina Coeli. “Oggi in tanti Paesi – ha detto – si celebra la festa della mamma: ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme, affidandole alla Mamma di Gesu’, quelle che vivono con noi fisicamente e quelle che ci sono vicine spiritualmente. A tutti auguro una buona domenica, un po’ calda. E per favore – ha concluso – non dimenticatevi di pregare per me”. Papa Francesco ha poi incoraggiato le iniziative a sostegno della vita che si svolgono in questi giorni, tra le quali c’e’ anche la Marcia per la vita giunta alla quinta edizione. “Saluto – ha detto – quanti hanno preso parte all’iniziativa per la vita svoltasi questa mattina a Roma: e’ importante collaborare insieme per difendere e promuovere la vita”. “Ognuno di noi puo’ farsi prossimo verso il fratello e la sorella che incontra” compiendo “gesti di vicinanza a un anziano, a un bambino, a un ammalato, a una persona sola e in difficolta’, senza casa, senza lavoro, immigrata, rifugiata”, ha poi affermato Francesco che alla preghiera del Regina Caeli ha chiesto aiuto “a nostra Madre Santissima, perche’ nella vita quotidiana di ognuno di noi l’amore di Dio e l’amore del prossimo siano sempre uniti”. Il Papa ha infine reso onore al Corpo Forestale, una forza di polizia autonoma e specializzata che potrebbe presto essere accorpata alle altre. Lo ha fatto senza citare la legge approvata dal Senato il 28 aprile, ma le sue parole hanno certamente rappresentato un incoraggiamento per gli uomini che operano spesso nelle zone piu’ impervie. “Saluto – ha detto Bergoglio dopo il Regina Caeli – il Corpo Forestale dello Stato, che organizza la festa nazionale delle Riserve Naturali per la riscoperta e il rispetto delle bellezze del creato”. Il Papa ha salutato anche i partecipanti al Convegno promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana “a sostegno di una scuola di qualita’ e aperta alle famiglie” e la delegazione di donne della “Komen Italia”, associazione per la lotta ai tumori del seno. (AGI) .

(AGI) – CdV, 10 mag. – Papa Francesco ha donato a Raul Castro una medaglia con l’immagine di San Martino che riveste un povero con il suo mantello. “San Martino che con il mantello copre il povero e’ un’intuizione di quello che dobbiamo fare: dobbiamo coprire la miseria della gente e poi promuovere la gente. Mi piace molto regalare questa immagine perche’ e’ un segno di buona volonta’”, ha detto Bergoglio al presidente, al quale ha donato a anche l’esortazione apostolica “Evangelii gaudium”, che e’ il documento programmatico del suo Pontificat. “Questo e’ il testo dove ci sono alcune di quelle dichiarazioni che a lei piacciono”, gli ha detto accennando al fatto che il testo ha “una parte religiosa e una parte sociale”. Da parte sua, Raul Castro ha donato a Francesco una medaglia commemorativa dei 200 anni della cattedrale dell’Avana. “Di queste medaglie ce ne sono solo 25, e una e’ questa”, ha spiegato. A Francesco Castro ha consegnato poi anche un quadro del cubano Kacho,che raffigura una croce realizzata con barconi come quelli che trasportano i migranti e con davanti una persona inginocchiata a pregare: il quadro, hanno detto i rappresentanti cubani, realizzato espressamente per la visita, e’ ispirato al viaggio fatto nel luglio 2013 dal Papa a Lampedusa. Kacho era presente nella delegazione e Castro ha potuto presentarlo a Bergoglio. “Ho preso ispirazione dall’attenzione del Papa per i migranti”, ha confidato ai giornalisti Kacho che l’anno scorso aveva fatto una mostra al al Palazzo della Cancelleria, a Roma, e aveva scritto al Papa che gli aveva risposto. Lasciato il Vaticano, il Presidente Castro ha raggiunto Palazzo Chigi dove alle 11 e’ stato accolto dal premier Matteo Renzi. San Giovanni Paolo II aveva ricevuto il fratello di Raul, Fidel Castro, nel 1996 e nel 1998 aveva compiuto uyno storico pellegrinaggio a Cuba, seguito da Benedetto XVI nel 2011, quando ad accoglierlo c’era gia’ il presidente Raul ma anche Fidel pote’ incontrare Ratzinger. “La Chiesa cattolica cubana – ricorda oggi il sito specializzato Vaticaninsider – gia’ da molti anni sostiene il processo di dialogo per favorire l’apertura di Cuba al mondo e del mondo a Cuba, per usare un’espressione di Giovanni Paolo II. L’iniziativa per il disgelo con gli Stati Uniti e’ stata portata avanti dalla Santa Sede in piena sintonia con i vescovi del luogo guidati dal cardinale Jaime Lucas Ortega y Alamino, chiedono al governo dell’Avana la possibilita’ di costruire nuove chiese, di facilitare la possibilita’ di comunicazione e di trasporto, e sperano anche di poter avere un accesso ai mezzi di comunicazione che non si riduca a qualche quarto d’ora all’anno”. Per il sito, l’incontro di oggi e la prossima vista di Bergoglio nell’isola il prossimo settembre, durante lo stesso viaggio che lo portera’ significativamente anche a Washington, alla Casa Bianca e al Congresso, sono tappe di un percorso. Nella storia recente dei rapporti tra il Vaticano e Cuba, questi appuntamenti sono stati sempre segnati da concessioni da parte del governo cubano, come fu per la reintroduzione del giorno festivo del Natale, annunciata alla vigilia del viaggio di Giovanni Paolo II nell’isola caraibica”. (AGI) .

(AGI) – CdV, 10 mag. – L’incontro tra Francesco e Raul Castro e’ durato circa un’ora, al termine della quale i due interlocutori si sono salutati con una lunga stretta di mano. Il presidente cubano ha espresso gratitudine a Bergoglio per il prezioso aiuto della Santa Sede nelle trattative per la normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. “Ho ringraziato il Santo Padre per il suo contributo al riavvicinamento tra Cuba e gli Stati Uniti”, ha detto lo stesso Castro, uscendo dall’Aula Nervi. “Nel colloquio – ha spiegato padre Federico Lombardi portavoce della Santa Sede – si e’ parlato anche dell’accoglienza che verra’ data dai cubani al Papa” nella visita del prossimo settembre. (AGI)

(AGI) – CdV, 10 mag. – Il presidente cubano Raul Castro e’ stato ricevuto da Papa Francesco nello studio privato presso l’Aula Nervi. Al suo arrivo il Vaticano il presidente e’ stato accolto dal prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gaenswein. (AGI) .

(AGI) – Roma, 10 mag. – E’ stato tracciato dagli agenti della Polizia di Stato l’identikit dell’uomo che, venerdi’ mattina all’alba, dopo essere salito a bordo di un taxi nella zona dell’Aurelio, condotto da una donna, si e’ fatto accompagnare in una strada isolata, e dopo aver percosso la tassista ha abusato di lei sessualmente, rapinandola anche dei soldi.

Il ritratto dell’uomo, effettuato dagli agenti della Polizia Scientifica della Questura di Roma, e’ stato realizzato grazie alle descrizioni fornite dalla vittima al momento della denuncia.

L’appello della Polizia e’ indirizzato a chiunque possa fornire elementi utili per il riconoscimento della persona ritratta nell’identikit, che possono essere riferiti chiamando direttamente il numero di pronto intervento 113. .

(AGI) – Reggio Calabria, 10 mag. – Una insegnante di 50 anni, B.F., accusata di avere maltrattato alcuni allievi minorenni, e’ stata destinataria della misura cautelare, emessa dal gip di Reggio Calabria ed eseguita ieri sera dalla Squadra Mobile e dalla Polizia Provinciale, della sospensione dalla esercizio della pubblica funzione e della interdizione per 12 mesi dalle attivita’ inerenti. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica reggina, supportate da intercettazioni audio e video nonche’ da numerose testimonianze di genitori e alunni, hanno svelato che negli ultimi anni, nella funzione di insegnante prima presso la scuola elementare a La Russoa di Villa San Giovanni, in provincia di Reggio Calabria, e poi presso la scuola elementare a Giovanni XXIIIa della stessa citta’, la donna si sarebbe resa responsabile di ingiurie, minacce, insulti, umiliazioni e percosse ai danni di alcuni alunni minori, con le aggravanti di aver commesso il fatto con abuso dei poteri o con violazioni dei doveri inerenti una pubblica funzione o un servizio pubblico, nonche’ con la abuso di relazioni da ufficio, di prestazioni da opera e di aver commesso il fatto in danno di minori. In alcuni casi la donna avrebbe anche usato oggetti contundenti. Dopo la esecuzione del provvedimento sono stati informati il provveditorato e i dirigenti scolastici competenti. (AGI) .

Flag Counter