Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 8 mag. – L’Amministrazione capitolina si e’ attivata per assicurare il massimo sostegno e assistenza alla donna vittima di violenza mentre, questa mattina, era alla guida del taxi. Si tratta di una quarantatreenne che sostituiva il titolare della licenza e che aveva appena iniziato il turno a Piazza Irnerio. Il sindaco di Roma Ignazio Marino, appresa la notizia, ha contattato il presidente della cooperativa 3570, Loreno Bittarelli, a cui ha chiesto di rappresentare alla donna la vicinanza e la solidarieta’ di tutta la citta’ di Roma. (AGI)

(AGI) – Pescara 8 mag.- Il gip del Tribunale di Teramo, Domenico Canosa, ha convalidato il fermo di Giovanni Grieco, 42 anni a ottobre, il presunto assassino del pasticciere Giandomenico Orlando, 67 anni, ucciso a coltellate mercoledi’ mattina a Pescara nel suo locale di via Puccini. Grieco, che e’ difeso dall’avvocato Paolo Marino, e’ stato catturato mercoledi’ dai carabinieri a Pineto (Teramo) dopo alcune ore di fuga. Il gip ha disposto che Grieco resti in carcere. (AGI)

(AGI) – Nuoro, 8 mag. – E’ stato praticamente giustiziato davanti a sette coetanei che, assieme a lui attendevano l’autobus per andare a scuola, ma nessuno sembra aver visto niente. Emergono particolari inquietanti sull’omicidio di Gianluca Monni, lo studente diciannovenne di Orune, ucciso stamane con tre fucilate, una della quali lo ha raggiunto al volto. Secondo quanto si e’ appreso il ragazzo era seduto su un muretto un po’ in disparte, e non sotto la pensilina dell’autobus assieme agli altri, quando il killer e’ sceso dall’auto e gli ha esploso contro le fucilate a pallettoni. Nessun dubbio, dunque, che fosse lui la vittima designata. Dietro il delitto, con tutta probabilita’, screzi tra coetanei che sono degenerati. I carabinieri della compagnia di Bitti e del comando provinciale, che stanno sentendo decine di giovani, vagliano con attenzione l’episodio che aveva visto la vittima difendere la fidanzatina da alcuni bulli ma sembrano piu’ propensi a battere anche altre piste, soprattutto legate a vecchi rancori qualche giovane del paese. Nel frattempo e’ stata disposta l’autopsia che verra’ effettuata in serata nell’ospedale San Francesco di Nuoro e, con tutta probabilita’, il corpo del giovane verra’ restituito domani ai familiari per i funerali. (AGI)

(AGI) – Roma, 8 mag. – Il fenomeno dei boss 2.0 e’ sempre piu’ in auge in rete. “Noi Carcerati” era una pagina Facebook con centinaia di migliaia di “like”, sulla quale tantissimi pregiudicati e non, ospiti delle patrie galere e agli arresti domiciliari, si dilettavano a insultare, minacciare, ostentare la propria avversione contro poliziotti, carabinieri, magistrati, pentiti ed anche giornalisti definiti “sbirri ed infami”.

Guarda la galleria fotografica

La pagina ospitava dal piccolo pregiudicato al camorrista, da chi si vantava di essere ‘ndranghetista al mafioso. Eppure, dopo oltre un anno di vita in rete, e’ stata una inchiesta della testata giornalistica online www.laspia.it a riuscire a far chiudere la pagina, con una galleria fotografica molto esplicativa. C’era davvero di tutto: chi ai domiciliari usava tranquillamente Facebook, chi mostrava il proprio “braccialetto elettronico”; chi insultava ed inneggiava alla morte dei poliziotti che lo avevano arrestato, fino alle immancabili armi detenute in casa, dalle pistole ai proiettili. Tutto rigorosamente con nomi e cognomi. Come si legge dall’inchiesta de “La Spia.it” la stragrande maggioranza di chi commentava pubblicamente, usava il proprio nome e cognome, pur essendo ristretto agli arresti domiciliari. (AGI) .

(AGI) – Sanremo, 8 mag. – Anche quest’anno la scorta dei motociclisti della Polizia Stradale sara’ la compagna di viaggio dei ciclisti del Giro d’Italia per garantire la sicurezza della gara. E ci sara’ anche il Pullman Azzurro della Polizia di Stato per le attivita’ di educazione stradale rivolte ai piu’ piccoli. E’ dal 1946 che la Polstrada segue la corsa rosa. Si comin cia domani con la prima tappa italiana, la crono a squadre di 17 km da San Lorenzo al Mare a Sanremo. Quest’anno saranno 40 gli operatori impegnati, al cui comando ci sara’ il vice questore aggiunto della Polizia di Stato Gianfranco Martorano. Si tratta di 26 motociclisti, 12 operatori in auto e 2 operatori a bordo di un�officina meccanica mobile. Per garantire la sicurezza del Giro verranno percorsi da ogni componente della scorta oltre 3.500 km, ed oltre 4000 saranno le ore di lavoro richieste agli operatori della Polizia Stradale per assicurare il regolare svolgimento della competizione. Il comandante della scorta sara’ dotato di un sistema che consentira’, attraverso un tablet, di monitorare in tempo reale l’andamento della corsa, grazie ad un sistema di localizzazione denominato “flotta rosa” installato sulle moto della Polizia Stradale. Come detto, al seguito del Giro anche il Pullman Azzurro della Polizia di Stato. E’ un’aula scolastica multimediale itinerante per la sicurezza stradale, con uno staff di 9 operatori diretti dal vice questore aggiunto Eugenia Sepe. Le attivita’ del Pullman Azzurro in occasione del Giro d’Italia si inseriscono nell�ambito del progetto Biciscuola promosso da Rcs – La Gazzetta dello Sport e rivolto ai bambini delle scuole primarie di tutta Italia. Infine in sei tappe – precisamente a Chiavari (Genova) del 12 maggio, Montecatini (Pistoia) del 14 maggio, Fiuggi (Frosinone) del 16 maggio, Civitanova Marche (Macerata) del 19 maggio, Imola (Bologna) del 21 maggio e Treviso del 23 maggio – nell’ambito della 4° edizione del Premio “Eroi della Sicurezza”, dedicato agli appartenenti alla Polizia Stradale che ogni giorno lavorano per garantire la massima sicurezza sulle strade, Autostrade per l’Italia premiera’ i poliziotti della Stradale che si sono distinti in attivita’ di soccorso legate ai compiti d’istituto. (AGI) .

(AGI) – Palermo, 8 mag. – Grazie a una telecamera la polizia di Stato di Palermo ha individuato e arrestato in tempi stretti i due autori di una rapina nell’appartamento di una donna nel quartiere della Zisa. L’episodio risale allo scorso 27 marzo, quando i due malfattori, arrampicandosi su una grondaia, hanno raggiunto un’abitazione al primo piano, hanno brutalmente scaraventato per terra la vittima, sola in casa a guardare la tv, e in meno di 10 minuti hanno razziato preziosi, denaro ed argenteria per un valore superiore ai ventimila euro. Prima di fuggire, uno dei due ha notato la telecamera e l’ha ripetutamente colpita fino a metterla fuori uso. Non e’ servito a evitare l’identificazione sua e del complice. Ai due indagati agenti della sezione investigativa del commissariato Zisa-Borgo Nuovo e della sezione Contrasto al crimine diffuso della Squadra mobile hanno notificato un provvedimento di custodia cautelare in carcere per rapina aggravata in concorso e danneggiamento. .

(AGI) – Napoli, 8 mag. – Un tentativo di rapina ai danni di un esercizio commerciale della periferia Est di Napoli si e’ concluso con l’arresto di tre 17enni grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza che li mostrano armati, mentre depongono le armi e in fuga anche perche’ la proprietaria li ha intrappolati. Alcuni giorni fa, in serata, in due con casco il volto coperto da un casco e pistola in pugno, hanno fatto irruzione nel negozio. Le telecamere li riprendono spingersi fin dietro la cassa; pochi secondi ecco che si vede una donna sgattaiolare fuori dall’esercizio commerciale, chiudendo dalla esterno la porta di ingresso. Quando i rapinatori pensano di andare via, si accorgono di essere rimasti in trappola. A questo punto i due si fanno prendere dal panico, iniziano a battere con la pistola sul vetro della porta, a tirare con forza le maniglie nel tentativo di aprire. Dall’esterno viene aperta la porta, ma la confusione che si crea fa si’ che i malviventi riescono a fuggire. Arriva una pattuglia dei militari dell’Arma, che inseguono e bloccano immediatamente uno dei tre, dato che c’era un complice rimasto fuori a fare da palo, andato viadopo aver visto gli amici in difficolta’. I carabinieri individuano e fermato gli altri due, recuperano e sequestrano anche la pistola, una replica di una semiautomatica privata del tappo rosso nonche’ il bottino. Il gip del tribunale dei minori ha convalidato gli arresti e il fermo, disponendo per i tre la misura cautelare della obbligo di permanenza in casa. .

(AGI) – Milano, 8 mag. – Eccezionale intervento lo scorso 20 aprile presso l’Ospedale Veterinario Universitario di Lodi: e’ stato asportato un surrene affetto da tumore a un leone di 8 anni. Si tratta del primo caso in assoluto al mondo di intervento effettuato su un animale tramite l’ausilio del robot chirurgico “Telelap ALF-X”. L’operazione e’ andata bene al punto che il paziente, che ha riportato solo 3 ferite di circa 3 centimetri, ha potuto deambulare gia’ 3 ore dopo la fine dell’anestesia generale, mostrando un ripristino delle normali funzioni organiche nelle 24 ore successive. Ora, completamente ristabilito, e’ tornato a casa, al Parco Safari delle Langhe di Murazzano in provincia di Cuneo. Circa trenta giorni prima, la veterinaria del Parco, Alice Andolfatto, aveva contattato Giuliano Ravasio, ricercatore della Statale, per un consulto su Leonardo, un Leone maschio di 8 anni che da qualche tempo lamentava una sintomatologia riferibile ad una malattia endocrina. Il “paziente” era stato quindi trasferito presso il Polo Veterinario di Lodi dell’Universita’ degli Studi di Milano per essere sottoposto a una TC toraco-addominale eseguita dal dottor Davide Zani e dal dottor Maurizio Longo, che rivelava la presenza di un tumore di 4 cm di diametro a carico del surrene sinistro. (AGI) Red/Car (Segue) Animali: leone operato di tumore con robot a Lodi, primo al mondo (2)= (AGI) – Milano, 7 mag. – Nella stessa sede, una biopsia aveva confermato la natura neoplastica della massa. Nessun tumore surrenalico ne’ tantomeno la sua asportazione erano mai stati descritti in letteratura nella specie leone. A questo punto il dilemma. L’uso della chirurgia tradizionale a cielo aperto per l’asportazione di una neoplasia in una sede cosi’ delicata avrebbe comportato un importante danno ai tessuti e il decorso post operatorio sarebbe stato lungo e stressante per l’animale, con un rischio decisamente alto di complicanze post operatorie connesse alla ferita chirurgica. Da qui l’idea di ricorrere alla chirurgia laparoscopica mini-invasiva teleassistita. Dell’equipe medica coinvolta nella diagnostica e nell’intervento hanno fatto parte Giuliano Ravasio (responsabile del progetto e responsabile dell’Unita’ Operativa di Anestesia dell’Ospedale Veterinario Lodi della Statale di Milano), Davide Zani (vice responsabile dell’Unita’ Operativa di Radiologia dell’Ospedale Veterinario di Lodi) e Maurizio Longo (dottorando di ricerca ), con il contributo di Stefano Nicoli e Luca Formaggini. Il robot “Telelap ALF-X”, che l’italianissima azienda SOFAR S.p.a. ha concesso in uso all’Azienda Polo Veterinario di Lodi, e’ una macchina avveniristica, gia’ impiegata presso il Policlinico Gemelli di Roma. Il robot lavora con un meccanismo simile a quello della laparoscopia classica ma i bracci chirurgici vengono comandati a distanza da una consolle. Questa tecnologia trasmette al medico una visione interna dell’addome tridimensionale e ad alta definizione. Grazie a particolari software fornisce una sensibilita’ tattile sulla consistenza dei tessuti e mediante un originale eye-tracker consente all’operatore di spostare la telecamera, e quindi l’inquadratura, con il semplice movimento degli occhi. Questo intervento pionieristico effettuato su un leone potrebbe aprire le porte a una nuova era di chirurgia robotica, anche per animali che devono essere sottoposti a interventi particolari o a specie che necessitino di un post-operatorio il piu’ possibile privo di stress. (AGI) Red/Car .

(AGI) – Roma, 8 mag. – Nelle prime ore di questa mattina e’ stato riaperto il Terminal 3 interessato dall’incendio sprigionatosi ieri all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Lo rende noto l’Adr. Squadre di 300 dipendenti di Aeroporti di Roma tra tecnici, addetti alle pulizie e alla manutenzione hanno lavorato l’intera notte per renderlo operativo fin dalle prime ore del mattino. Nella Hall Partenze del Terminal sono tornati infatti ad operare regolarmente l’80% dei banchi check-in. La task force di addetti di Aeroporti di Roma, formata da 400 persone, continua il presidio permanete di assistenza ai viaggiatori, distribuendo acqua e generi di conforto. Tutto cio’ e’ stato possibile, conclude Adr, in quanto la struttura interessata dall’evento ha riguardato solo l’area commerciale dopo i controlli di sicurezza. .

(AGI) – Nuoro, 8 mag. – Un omicidio e’ stato compiuto questa mattina a Orune, in provincia di Nuoro, un giovane di 19 anni – Gianluca Monni- e’ stato raggiunto da una fucilata esplosa attorno alle 7 nei pressi delle scuole del paese. Al momento non si hanno ulteriori particolari. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Bitti e quelli del reparto o operativo del comando provinciale di Nuoro. .

Flag Counter