Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 11 giu. – E’ tornata sulla Terra Samantha Cristoforetti. La prima donna italiana nello spazio e atterrata con la navicella Soyuz nelle steppe del Kazakistan.

Con lei, i due colleghi, l’americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov.

La 38enne Cristoforetti e’ stata per 199 giorni a bordo della stazione spaziale internazionale (Iss), stabilendo un nuovo record come astronauta italiano con piu’ giorni trascorsi nello spazio.

La capsula ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale in perfetto orario. Gli astronauti hanno indossato la tuta pressurizzata Sokol (Falco, in italiano), guanti e casco. Il portellone della navicella Soyuz TMA-15M e’ stato chiuso alle ore 09,04 italiane. Poco prima di entrare all’interno della capsula AstroSamantha e Virts hanno effettuato alcuni selfie assieme a Scott Kelly che restera’ sulla Stazione Spaziale fino al marzo del 2016.

Guarda il video

   Le tappe di un viaggio da record (LEGGI)

 

(AGI) – Roma, 11 giu. – E’ tornata sulla Terra Samantha Cristoforetti. La prima donna italiana nello spazio e atterrata con la navicella Soyuz nelle steppe del Kazakistan. Con lei, i due colleghi, l’americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov. La 38enne Cristoforetti e’ stata per 199 giorni a bordo della stazione spaziale internazionale (Iss), stabilendo un nuovo record come astronauta italiano con piu’ giorni trascorsi nello spazio. (AGI)

(AGI) – Roma, 11 giu. – E’ avvenuta senza problemi la separazione dei tre moduli della Soyuz TMA-15M. Nel modulo principale si trova la prima astronauta italiana Samantha Cristoforetti, il russo Anton Shkaplerov e l’americano Terry Virts ormai prossimi al ritorno sul pianeta terra. Gli altri due moduli si sono distrutti nell’impatto con l’atmosfera. (AGI) .

(AGI) – Roma, 11 giu. – E’ iniziato il viaggio di rientro di Samantha Cristoforetti verso la terra. La capsula Soyuz TMA-15M si e’ staccata dalla Spaziale Internazionale. L’atterraggio e’ previsto alle ore 15,43 nella steppa del Kazakistan nei pressi della citta’ di Dzhezkazgan. La capsula ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale in perfetto orario. A bordo la prima astronauta della storia spaziale italiana assieme ai suoi compagni della missione ‘Futura’, il russo Anton Shkaplerov e l’americano Terry Virts. Gli astronauti hanno indossato la tuta pressurizzata Sokol (Falco, in italiano), guanti e casco. Il portellone della navicella Soyuz TMA-15M e’ stato chiuso alle ore 09,04 italiane. Poco prima di entrare all’interno della capsula AstroSamantha e Virts hanno effettuato alcuni selfie assieme a Scott Kelly che restera’ sulla Stazione Spaziale fino al marzo del 2016.

Guarda il video

   A circa 20 minuti dall’atterraggio, previsto per le 15:43, iniziano le manovre per rallentare la velocità di discesa, che nel giro di 8 minuti raggiunge gli 800 km/h. 15 minuti prima dell’atterraggio, si aprono 4 paracadute: prima due, poi, in successione, altri due. Nel complesso, in appena un quarto d’ora, la capsula rallenta fino a circa 30 km/h. Appena un secondo prima dell’atterraggio, si accendono 4 piccoli motori che, come nelle astronavi dei film di fantascienza, con la loro propulsione rallentano ancora la velocità dell’impatto a circa 5 km/h.

Le tappe di un viaggio da record (LEGGI)

 

(AGI) – Roma, 11 giu. – Tra debutti, record, incidenti, apparizioni televisive, tweet ed esperimenti, i quasi duecento giorni di Samantha Cristoforetti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) sono passati davvero molto velocemente. In realta’ pero’ il viaggio della prima astronauta donna italiana e’ iniziato diversi anni fa, nel 2009 quando l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha selezionato l’allora Capitano dell’Aereonautica Militare Italiana per entrare a far parte della sua squadra di astronauti. Da allora e fino allo scorso 23 novembre, quando ha preso il volo dal poligono di Baikonur, per Samantha e’ stato un susseguirsi di programmi di addestramento sempre piu’ intensivi. Alle 22.01 (ora italiana) la missione Iss Expedition 42 Futura di Samantha Cristoforetti ha ufficialmente avuto inizio. Con lei ci sono anche il russo Anton Shkaplerov e lo statunitense Terry Virts. Dopo sei ore di volo orbitale e due di manovre di attracco, finalmente lo sbarco sull’ISS. I primi giorni se ne sono andati tra piccoli esperimenti e un veloce adattamento alle condizioni di vita a bordo in assenza di gravita’. Senza dimenticare l’impegno coi suoi follower a Terra che la seguivano sia sui social Network che sul suo blog. “Wow, Wow, Wow” e’ stato il suo primo tweet dallo spazio. Il primo di una lunghissima serie attraverso la quale l’astronauta non solo ha documentato in maniera a volte anche simpatica la vita di bordo e le attivita’ scientifiche svolte, ma ha regalato immagini spettacolari della Terra in generale, e dell’Italia in particolare. Dopo 51 giorni di missione, arriva l’imprevisto, l’allarme. La spia che segnala la fuga di ammoniaca a bordo dell’Iss diventa rossa e l’equipaggio si rifugia nella sezione russa dell’ISS chiudendo le porte stagne. “Non ero in grado di sentire alcun odore di ammoniaca in cabina, ma non sono certamente rimasta in giro ad annusare molto: ho immediatamente afferrato una maschera a ossigeno, l’ho indossata e mi sono diretta verso il segmento russo insieme con Terry, Butch e Sasha. Elena e Anton erano gia’ nel segmento russo in quel momento” ha raccontato sul suo blog Avamposto 42 la stessa Cristoforetti. Fortunatamente dopo qualche ora, l’allarme e’ rientrato e l’equipaggio e’ tornato alle normali attivita’: esercizi fisici per sostenere il corpo senza gravita’ e poi addestramento nell’uso del braccio meccanico e soprattutto tanti esperimenti, soprattutto di biologia e di fisica. Tra questi uno in particolare ha permesso a Samantha di battere un altro record, quello della prima astronauta che e’ riuscita a bere un vero e proprio caffe’ espresso in orbita. Nello spazio Samantha e’ diventata una vera e propria Stella molto popolare in Italia. Grazie alle numerose apparizioni televisive, anche nel corso del Festival di Sanremo, e’ infatti riuscita a d entrare nel cuore degli italiani. Lo scorso 28 aprile accade un nuovo imprevisto. Il cargo Progress che avrebbe dovuto portare rifornimenti importanti sulla ISS va fuori controllo e dopo qualche giorno si disintegra al suo rientro nell’atmosfera sopra l’Oceano Pacifico. L’incidente ha delle immediate ripercussioni sulla missione e il 12 maggio successivo, Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, comunica ufficialmente che il rientro dell’astronauta italiana sara’ posticipato di qualche settimana. La notizia viene comunicata solo il giorno prima del rientro inizialmente previsto. “Qualche altra settimana nello spazio!” e’ il commento di Samantha. I problemi pero’ non finiscono qui. Proprio ieri, alla vigilia del secondo rientro, nel corso dei test per il distacco della capsula Sojuz dalla Stazione Spaziale, i motori della navicella si sono accesi per un momento, spingendo leggermente l’Iss fuori assetto. Si e’ trattato di un imprevisto che pero’ secondo i responsabili del controllo missione della Nasa a Houston non produrra’ alcun effetto. (AGI) .

(AGI) – Bari, 11 giu. – Una donna e’ morta nel Centro di Procreazione Medicalmente Assistita dell’ospedale Jaja’ di Conversano (Ba), dopo essere stata sottoposta ad un intervento di fecondazione. Si tratta di una 38enne di Bitritto (Ba), che sarebbe deceduta nella sala operatoria dove era stata sottoposta all’agoaspirazione ovarica. I carabinieri, dopo la denuncia dei familiari della donna, hanno sequestrato la cartella clinica e stanno accertando le circostanze della morte. La struttura ospedaliera, la piu’ grande del sud Italia dedicata alla fecondazione assistita, e’ stata inaugurata nel 2012.(AGI)

(AGI) – Roma, 11 giu. – Dal rientro della Cristoforetti sulla Terra al divorzio di Homer e Marge Simpson, ecco le cinque notizie da non perdere oggi.

CRONACA Samantha viaggia verso la Terra, la Soyuz lascia la Iss. Alle 15:43 previsto l’atterraggio nella steppa del Kazakistan

POLITICA – Immigrati – Maroni: “sospendere Schengen”. Da governatore Lombardia ok a corridoio umanitario, ma Onu faccia “campi profughi in Libia”

ECONOMIA Reddito di cittadinanza: Istat, costerebbe 15 mld l’attuazione del Ddl del M5S per garantire un sostegno economico a circa 2,8 mln famiglie bisognose

SPORT Calcioscommesse: 17 nuovi arresti e nuovi indagati. Truccavano partite campionati serie D e Lega Pro. Coinvolti dirigenti, allenatori e calciatori

SPETTACOLO – Terremoto nella famiglia Simpson, Homer e Marge si separano. Homer si innamorera’ della sua farmacista .

(AGI) – CdV, 11 giu. – Di fronte “alla miseria di tanti nostri fratelli e sorelle”, anziche’ “agire preferiamo delegare, a tutti i livelli. E pensiamo: ci sara’ qualcuno che se ne occupera’, magari un altro Paese, o quel Governo, quella Organizzazione internazionale”. Lo ha denunciato Papa Francesco che ha chiesto di “rispondere all’imperativo che l’accesso al cibo necessario e’ un diritto di tutti”. “E i diritti non consentono esclusioni”, ha precisato. Sembra che “l’argomento della fame e dello sviluppo agricolo sia oggi diventato uno dei tanti problemi in questo tempo di crisi”, mentre invece “vediamo ovunque crescere il numero di chi con fatica accede a pasti regolari e sani”, ha detto il pontefice nel discorso rivolto ai partecipanti alla 39esima sessione della Conferenza della Fao. Francesco ha ammesso che “la nostra tendenza a disertare di fronte a temi difficili e’ umana, anzi, e’ un atteggiamento che spesso amiamo prediligere anche se poi non manchiamo ad una riunione, ad una conferenza, o alla redazione di un documento”. Tuttavia ha rinnovato l’appello ad un’assunzione comune di responsabilita’. “Non basta – ha ammonito – fare il punto sulla nutrizione nel mondo, anche se aggiornare i dati e’ necessario, perche’ ci mostra la dura realta’. Puo’ certo consolarci sapere che quel miliardo e 200 milioni di affamati del 1992 si e’ ridotto, anche con una popolazione mondiale in crescita. Serve a poco, pero’, prendere atto dei numeri o anche progettare una serie di impegni concreti e di raccomandazioni da applicare alle politiche e agli investimenti, se tralasciamo l’obbligo di debellare la fame e prevenire qualsiasi forma di malnutrizione, in tutto il mondo”. “Non basta affermare che esiste un diritto all’acqua senza agire per rendere sostenibile il consumo di questo bene-risorsa e per eliminare ogni spreco”. Lo ha denunciato Papa Francesco che si e’ detto anche preoccupato per “l’accaparramento delle terre coltivabili da parte di imprese transnazionali e di Stati che non solo priva gli agricoltori di un bene essenziale, ma intacca direttamente la sovranita’ dei Paesi”. “L’acqua resta un simbolo che i riti di molte religioni e culture usano per indicare appartenenza, purificazione e conversione interiori”, ha ricordato il pontefice che ha chiesto alla Fao di contribuire “a rivedere modelli di comportamento per garantire, oggi e in futuro, che tutti possano accedere all’acqua indispensabile alle loro necessita’ e alle attivita’ agricole”. Nel discorso rivolto ai partecipanti alla 39 sessione della Conferenza della Fao, Bergoglio ha affrontato poi il “serio problema” dell’utilizzo dei terreni. “Sono molte ormai – ha lamentato – le Regioni in cui gli alimenti prodotti vanno verso l’estero e la popolazione locale si impoverisce doppiamente perche’ non ha ne’ alimenti, ne’ terra”. E che dire, ha aggiunto, “delle donne che in molte zone non possono possedere i terreni che lavorano, con una disparita’ di diritti che impedisce la serenita’ della vita familiare perche’ si rischia da un momento all’altro di perdere il campo?”. Poiche’ “nel mondo la produzione mondiale di alimenti e’ in massima parte opera di aziende familiari”, secondo il Papa risulta fondamentale che la Fao “rafforzi il partenariato e i progetti a favore delle aziende familiari, e stimoli gli Stati a regolare equamente l’uso e la proprieta’ della terra”. “Questo – ha concluso – potra’ concorrere a eliminare le disuguaglianze, oggi al centro dell’attenzione internazionale”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 11 giu. – E’ giallo a Vitinia, alle porte della Capitale, dove questa mattina in un’area parcheggio sono stati trovati a terra due cadaveri, un uomo e una donna di 40 anni. I corpi sono stati trovati in via Erminio Macario, e i carabinieri della Compagnia di Ostia hanno trovato a poca distanza una pistola. E’ stata una passante a dare l’allarme al 112 dei carabinieri. Mistero sul movente anche se l’ipotesi prevalente e’ quella che possa trattarsi di un duplice omicidio o un omicidio-suicidio. (AGI)

(AGI) – Catania, 11 giu. – Una commerciante cinese di 41 anni e’ stata arrestata per corruzione dai finanzieri ai quali aveva offerto una mazzetta di 2.000 euro per evitare la confisca di merce non a norma. Sequestrate le banconote che la donna aveva porto ai militari, invitandoli a chiudere un occhio. Il personale della Guardia di finanza, dopo aver arrestato la cinese, ha proceduto al ritiro di 250.000 articoli illegali, che erano stati individuati nello scorso aprile dopo un’indagine sull’attivita’ della cinese: per farla franca, la commerciante aveva svuotato tutti gli scatoloni dei prodotti e aveva tenuto solo gli imballaggi mentre la mercanzia era stata trasferita in un magazzino gestito da un altro cinese. Qui era stata rintracciata dai finanzieri, che hanno denunciato il titolare del deposito per favoreggiamento. (AGI) .

Flag Counter