Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

La storia c’insegna che con il progresso in generale, le cose cambiano e con loro anche le nostre abitudini e rispettive mode.

TelecomNel caso della telefonia, ci sono stati continui cambiamenti, dai primi tipi di telefoni pubblici a gettoni a quelli funzionanti con scheda telefonica o con monete, ma attualmente il telefonino cellulare di ultima generazione e rispettivi abbonamenti presso i vari gestori telefonici, ha fatto in modo tale che i telefoni pubblici se ne vedono sempre di meno e con loro, prima il gettone e poi la scheda magnetica andassero in pensione per divenire, come nella maggior parte dei casi, solo oggetti da collezione.

Purtroppo, vuoi perché è raro oggi trovare una scheda telefonica usata e gettata per terra vicino un telefono pubblico come c’erano un tempo, vuoi perché passata l’euforia della moda del momento, di certo le schede telefoniche in generale hanno perso la loro attrazione col finire nel dimenticatoio.Capt.America

Peccato, perché a mio avviso era ed è una collezione di tutto rispetto, sia culturalmente sia per la bellezza delle immagini, detto questo non è che  coloro che hanno la passione nel collezionare questo oggetto siano completamente scomparsi ma si sono ridotti drasticamente per mancanza di materia prima a meno che non  si conservano solo quelle nuove comprandole direttamente dai gestori di telefonia dei vari paesi, ma c’è da chiedersi: ne varrà la pena?Baci

Rispetto al francobollo la scheda costa di più ed al momento sono poco usate, comunque ognuno è libero di scegliere, anche se a mio parere, siccome il collezionismo vive di momenti, credo, spero che il momento della scheda telefonica, sia nuova che usata, di qualsiasi paese che l’abbia emessa, ritorni a far parlare di sé.

Il collezionismo nasce come hobby è pertanto così deve rimanere, dico ciò, perché ci si confonde a pensare che possa essere un investimento nel tempo, si è vero ci possono essere degli oggetti ricercati e quindi valutati, ma il discorso è molto soggettivo, pertanto senza illusioni chiunque può divertirsi a collezionare: dai francobolli alle cartoline, dalle monete alle schedei telefoniche, dai libri ai fumetti ecc. ma con molta parsimonia senza lasciarsi trascinare in avventati acquisti per poi rimanere delusi.
Nel caso della filatelia bastano già le poste dei diversi paesi, che cercando anche di far quadrare il loro bilancio, ci propinano una moltitudine di emissioni ogni anno, con un esborso non indifferente.
Parlando delle emissioni italiane, che mi toccano più da vicino, posso solo rimanere perplesso davanti a così tanti francobolli, che in parte, a mio avviso, celebrano anche qualcosa che se ne poteva fare a meno, non a caso il numero dei valori cresce di anno in anno.denaroFrancobolli

Il 2015 ha un calendario di per sé già bello nutrito, ma si amplia e si aggiorna continuamente, basta notare che  nei primi 5 mesi sono stati emessi già la bellezza di 36 valori per una spesa quasi di 30,00 € e per EXPO 2015 nei primi di luglio dovrebbero vedere la luce ben 16 valori e dalla fine sempre di luglio anche con prezzo maggiorato per i continui aumenti tariffari da 80 a 95 cent., un vero salasso economico per le tasche dei fedeli collezionisti.
Riassumendo, collezionare e bello ma gli enti preposti dovrebbero speculare meno e darsi una regolata diminuendo drasticamente le emissioni affinché non allontani gli ultimi romantici del francobollo per scarsità economica e facendo scappare chi si avvicina la prima volta, meditate meditate…

Per attirare i più giovani alla filatelia, a mio parere, bisogna insistere di più su tematiche attuali e d’impatto visivo, dalla musica al cinema, dai fumetti ai cartoon, dallo sport alla pubblicità ecc. Molti sono i paesi  che da diverso tempo ogni anno emettono francobolli o foglietti che hanno queste caratteristiche.Bugs Bunny

Gli Stati Uniti, sempre all’avanguardia,  è forse il paese che più riesce a colpire, con i suoi francobolli, i giovani e gli adolescenti, basti pensare la serie dedicata alla Warner Bros e ai suoi eroi come il coniglio Bugs Bunny in minifoglio adesivo del 1997, a seguire gatto Silvestro del 1998, Daffy Duck del 1999, Wile Coyote del 2000 e Porky Pig del 2001, molto ricercati e con un discreto valore commerciale.

Super1Nel 2006 e 2007 l’emissione di altri 2 minifogli dedicati ai supereroi della Marvel con riproduzioni delle cover dei primi numeri del fumetto dedicato al supereroe, nel 2005 il minifoglio dedicato a Jim Henson e ai suoi personaggi dei Muppets e tanto altro pur rimanendo fedeli nelle emissioni a carattere istituzionale e sociale del proprio paese.Muppets

Dedicherò più in là un altro spazio per menzionare altri paesi che con i loro francobolli parlano ai giovani e agli adolescenti, sperando di vedere sempre di più qualcosa di nuovo e di bello nel mondo collezionistico.Porky Pig

enitL’emissione del 10 aprile 2015,  che come ogni anno,  le poste italiane dedicano al turismo, ha riservato una sorpresa ai collezionisti, in special modo a coloro che amano il francobollo legato al codice a barre e ne sono sempre di più. La sorpresa è stata la tiratura di questa serie, solo 400.000 e di conseguenza quelli con codice a barre sono ancora più pochi, basti pensare che ce ne sono solo 2 per foglio.

La serie che è composta da 5 valori dove 4 sono stampati in fogli da 28 e 1 dov’è raffigurato il manifesto storico ENIT del 1963, essendo di misura più piccola, da 45, pertanto sono poco più di 17.000, riassumendo agli sportelli filatelici postali si sono esauriti in meno di 10-15 giorni.

La ricerca ha fatto, come accade sempre in questi casi, lievitare il valore del suddetto francobollo con conseguente speculazione commerciale, basta dare un’occhiata su un qualsiasi mercatino virtuale tipo Ebay per leggere offerte di vendita a prezzi che svariano dai 20 ai 100 €, ora citando i versi del Manzoni “ai posteri l’ardua sentenza”.

Cappello a cilindroil figlio dello sceiccoChi è appassionato di cinema non può rimanere indifferente a tutto ciò che è legato ad esso, da tempo le locandine pubblicitarie di un film apposte fuori un cinema per richiamare l’attenzione dei passanti, sono oggetto di collezione, certamente quelle d’epoca originali hanno un certo valore sia affettivo che economico ma da tempo anche collezionare mini locandine proposte come pregiato inserto in una rivista dedicata al cinema come Ciak sono interessanti, sia per l’originalità e fedeltà nel riprodurre l’immagine, sia per la scheda informativa posta sul retro.

La tiratura come per tutti questi giornali specializzati non è alta, poco più di 50.000 per copia e da tempo  è ulteriormente diminuita, anche se negli ultimi anni le locandine, a mio avviso, sono stampate su di un cartoncino molto più leggero e quindi meno resistente ma con immagini sempre ben riprodotte,  pertanto oltre divertirsi nel collezionarle ci si può ritrovare anche un qualche cosa di pregiato nel tempo.Il postino suona

sentieri selvaggiLa rivista è nata nel 1985 e ad oggi si contano più di 3000 mini locandine tra film nuovi e film datati e storici come: La corazzata Potemkin del 1923 o Il figlio dello sceicco del 1926 o Il postino suona sempre due volte del 1946 ecc.,psycho

Chi compra il giornale perché interessato alle nuove notizie cinematografiche ha l’abitudine di conservarle da sole o conservare l’intera pubblicazione compresi allegati, per chi ricerca quelle datate non resta che ricercarle nei vari mercatini specializzati o su quelli virtuali con prezzi decisamente abbordabili e pertanto da farci un pensierino per ampliare o iniziare una nuova colleziomania.

BatumNella ricerca continua di novità e curiosità filateliche, mi sono capitati tra le mani dei francobolli emissione 1994 di buona fattura e belli da vedere, ma emessi da paesi, sì con una loro indipendenza, ma sconosciuti sia geograficamente che di nome, è il caso di un foglietto del Batum (da una ricerca ho estrapolato da Wikipedia e ringrazio che Batumi già Batum o Batoum è una città della Georgia di poco più diApollo 11 121.000 abitanti, tra i maggiori porti sul Mar Nero e capitale dell’Agiaria, una repubblica autonoma nel sud-ovest del paese) dove sono raffigurati, ben colorati, animali del luogo.

Anche il foglietto e il francobollo, in una speciale emissione per celebrare il 25° anniversario dell’uomo sulla luna Apollo 11 in lamina sottile oro e argento dell’Abkhazia (ricercando allo stesso modo si sa che è un territorio caucasico della Georgia di fatto indipendente, proclamato Stato dai fautori della separazione, con alcuni riconoscimenti internazionali) questi francobolli sono belli da vedere e anche da collezionare, ma la difficoltà di trovare notizie su queste emissioni e i paesi che le emettono, perché sarà anche un modo di far cassa per quadrare il bilancio di quel paese ma fanno sì che rimarranno delle emissioni fantasma senza valore ed è un vero peccato perché aiuterebbero molto, come e capitato in questo caso a me, di conoscere oltre la bellezza dei francobolli anche questi paesi quasi sconosciuti.Abkhazia

Marylin MonroeI fogli di 20 francobolli che le poste statunitensi, quasi ogni anno, a partire dal 1995, celebrano un grande personaggio hollywoodiano continuano a mietere successo tra i collezionisti di francobolli a livello mondiale, vuoi per l’importanza del soggetto, vuoi per la bellezza del foglio. I colori molto cromatici rendono ancora di più l’effetto visivo attraendo anche i non collezionisti e aumentandone le vendite, basta, per chi ancora non ha avuto modo di visionarli, vedere il foglio dedicato a Marylin Monroe  1° della serie e non a caso insieme a Edward J. Robinson e John Wayne sono i più ricercati e a mio parere i più belli, il più recente emesso nel 2014 è dedicato a Charlton Heston.

James DeanPer chi e interessato o potrebbe interessare, ho pensato di elencare i nomi dei personaggi a cui è dedicata l’emissione nei vari anni, anche con qualche immagine, perché credo che in ogni collezione filatelica a qualsiasi livello merita spazio almeno uno di questi fogli :

1995 – Marylin Monroe, 1996 – James Dean, 1997 – Humprey Bogart, 1998 – Alfred Hitchcock, 1999 – James Cagney, 2000 – Edward Robinson, 2001 – Lucille Ball, 2002 – Cary Grant, 2003 – Audrey Hepburn, 2004 – John Wayne, 2005 – Henry Fonda, 2006 – Judy Garland, 2007 – James Stewart, 2008 – Bette Davis, 2009 – Gary Cooper e Bob Hope, 2010 – Katharine Hepburn, 2011 – Gregory Peck, 2014 – Charlton Heston, per il 2015 probabilmente sarà dedicata in emissione congiunta con la Svezia a Ingrid Bergman.

John Wayne

Corriere dei piccoli 2008Il popolo dei collezionisti vive di momenti e questo ci si sa… In Italia, tra i sempre meno collezionisti filatelici, dal 2008, anno della comparsa di codici a barre sui margini del foglio, impazza la ricerca del francobollo con suddetto codice.

I codici a barre sono interessanti, in quanto tutti i francobolli con parti del bordo di foglio con scritte e disegni di varia natura possono essere, l’impressione di questo momento è che l’interesse verso i codici a barre sia un pò gonfiato a supporto di una speculazione commerciale e cercare a tutti i costi di possedere un qualcosa di diverso e più raro.

Chiunque si faccia attrarre da questa nuova moda dovrebbe essere consapevole del fatto che rischiano di acquistare oggi a cento quello che in futuro potrebbe valere dieci, come già tante volte è successo, vedi Germania campione con mascotte ai margini ecc.

Natale laico 2009Le varie edizioni di cataloghi, poi, ci porta a seguire ancora di più certe tendenze,  certe mode del momento influenzando il mercato con valutazioni che non trovano mai un reale riscontro, ma certamente non è questo che potrà attirare nuovi e giovani collezionisti alla filatelia, penso che l’attrazione è da ricercare più nel pubblicizzare il francobollo per il suo insegnamento culturale e visivo, abbandonando il suo cliché ripetitivo, obsoleto e ricercare nuovi temi da proporre, temi che toccano più da vicino i giovani : musica, cinema, problemi sociali e con una riduzione drastica delle emissioni a mio avviso inutili.

Comunque, ognuno è padrone di collezionare quello che vuole, basta non farsi prendere la mano per non restare delusi e abbandonare il tutto!!!

Tom of FinlandForse ancora non tutti sanno, anche se l’emissione è datata 8 settembre 2014 ma vale la pena parlarne ancora, le poste finlandesi hanno avuto il coraggio di affrontare un tema abbastanza forte con i primi francobolli al mondo ad esplicito contenuto sessuale celebrando una nota icona gay. Sei mesi di attesa, petizione annunciata per bloccarne l’emissione e incertezza nella scelta dei disegni hanno fatto in modo da suscitare l’interesse di ben 178 paesi con prenotazioni, alla fine i francobolli dedicati a Tom of Finland sono stati ufficialmente aperti alle vendite.

Tom of Finland nome d’arte di Touko Laaksonen (1920-1991) disegnatore e illustratore contestato e allo stesso tempo famoso per i suoi disegni omo-erotici,  le immagini sono state scelte tra i 3500 lavori che l’autore ha lasciato e non lasciano spazio a dubbi.

I francobolli sono tre, raccolti in un foglietto di buona fattura che lascerà di sicuro spazio a polemiche ma a mio avviso di sicuro interesse collezionistico, in quanto sia per tiratura (200.000 foglietti almeno questa è l’ufficialità) e richieste, potrebbe diventare un cult nel suo genere sia come novità in campo filatelico sia d’interesse culturale in quanto primo!!!

Flag Counter
Video Games