Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Roma, 16 giu. – Il destino della Grecia resta appeso a un filo e le borse attendono con il fiato sospeso gli sviluppi di un negoziato che fatica a sbloccarsi. Cionondimeno, dopo ieri quando tutti i listini hanno riportato pesanti perdite (soprattutto i bancari), oggi invece hanno archiviato positivamente la seduta grazie ai riposizionamenti a breve degli investitori. Ma la tensione ad Atene resta alta: il “principale fattore” che blocca le trattative sulla ripresa dei finanziamenti ad Atene e’ costituito dalle “divergenze tra Commissione Ue e Fondo Monetario Internazionale sulla ristrutturazione del debito”, ha spiegato il primo ministro ellenico, Alexis Tsipras, aggiungendo che “e’ cruciale raggiungere un accordo fattibile con i creditori, non uno che tra sei mesi riporti la Grecia nella situazione attuale”. Creditori che comunque “vogliono umiliare il governo greco”. Il premier ellenico ci e’ andato particolarmente pesante, accusando l’Fmi di avere “responsabilita’ criminali”. Toni duri anche da parte del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, che si e’ scagliato contro le autorita’ greche accusandole di non raccontare la verita’ su quanto proposto dall’Esecutivo Ue nell’ambito delle trattative tra Atene e creditori internazionali. “Non mi interessa del governo greco, ma del popolo greco e soprattutto dei piu’ poveri”, ha detto Juncker. “Penso che le trattative con la Grecia sarebbero piu’ semplici se i greci dicessero la verita’ su quello che la Commissione propone,” ha aggiunto Juncker accusando apertamente Atene di mentire sul contenuto dei negoziati. In particolare Juncker lamenta di non aver mai proposto l’aumento dell’Iva sulle medicine e sull’elettricita’, e di avere invece richiesto una lieve riduzione della spesa militare greca, contrariamente a quanto riportato dai greci. Intanto il ministro delle Finanze greco, Ynis Varoufakis, in un’intervista a Bild in edicola oggi, ha fatto sapere che Atene non presentera’ all’Eurogruppo di giovedi nuove proposte per una soluzione del contenzioso con i creditori internazionali. Non lo fara’, ha spiegato, “perche’ l’Eurogruppo non e’ il posto idoneo per la discussione di proposte che non siano prima tate negoziate a un livello piu’ basso”. In ogni caso, ha aggiunto Varoufakis, la delegazione greca “e’ “pronta in qualsiasi momento” a trovare una soluzione insieme con i le controparti, che hanno bisogno di tornare al tavolo delle trattative “con un chiaro e robusto mandato”. In seguito al fallimento del tavolo negoziale convocato lo scorso weekend, e’ sempre piu’ concreta la possibilita’ di un’uscita dall’euro della Grecia, che dovra’ rimborsare 1,6 miliardi di euro al Fmi entro fine mese e altri 6,7 miliardi di euro alla Bce tra luglio e agosto. Domani, un giorno prima della riunione dell’Eurogruppo, una nuova mediazione verra’ tentata dal cancelliere austriaco Werner Faymann, che volera’ ad Atene per incontrare Tsipras. Confermato l’incontro di lavoro tra Tsipras, e il presidente russo, Vladimir Putin, che avverra’ venerdi’ prossimo nella cornice del Forum economico di San Pietroburgo. Il premier ellenico volera’ in Russia giovedi’, il giorno della riunione dell’Eurogruppo. Insomma, la prospettiva di un’uscita della Grecia dall’euro sembra piu’ vicina a meno di ulteriori colpi di scena. (AGI)

Durante la conferenza Square-Enix con enorme sorpresa è stato annunciato un nuovo titolo di Nier sviluppato da Platinum Games, che verrà sviluppato al momento come esclusiva Playstation 4.
Non si hanno altre notizie al momento visto che il titolo è ancora in fase embrionale di sviluppo. Qui sotto trovate il teaser dell’annuncio:

(AGI) – Milano, 16 giu. – Nove persone, tra rappresentanti legali, dirigenti e primari del San Raffaele, sono indagate per falso e truffa aggravata pari a 28 milioni al servizio sanitario nazionale. Stando a quanto si apprende dal comando provinciale di Milano, i cui uomini hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini, le indagini – svolte dal nucleo di polizia tributaria di Milano, coordinate dal sostituto procuratore di Milano, Giovanni Polizzi, hanno consentito di accertare come in diverse unita’ operative della struttura siano stati negli ultimi anni eseguiti oltre 4.000 interventi chirurgici in violazione delle norme di accreditamento relative alla presenza minima di operatori e anestetisti, nonche’ di impiego di medici specializzandi. A fronte di tali episodi – si spiega – , la struttura ospedaliera ha autocertificato il mantenimento dei requisiti richiesti per l’accesso al rimborso della prestazione sanitaria offerta, ottenendo indebiti rimborsi per oltre 28 milioni di euro. Nei confronti degli enti che hanno gestito nel tempo la struttura ospedaliera – si conclude – e’ stata contestata la responsabilita’ amministrativa ai sensi del decreto 231/2001. Il medico di Silvio Berlusconi e direttore dell’Unita’ operativa di anestesia e rianimazione dell’Ospedale San Raffaele, Alberto Zangrillo, e’ tra i nove indagati sospettati, a vario titolo, di falso e truffa aggravata per 28 milioni di euro ai danni del servizio sanitario nazionale. Oltre a Zangrillo, tra gli indagati c’e’ anche l’amministratore delegato del San Raffaele Nicola Bedin. Indagati anche il primario di Urologia Francesco Montorsi, e l’ex primario dello stesso reparto Patrizio Rigatti, il primario di Chirurgia Vascolare Roberto Chiesa, il primario di Chirurgia Ottavio Alfieri e il primario di Chirurgia Toracica Piero Zannini. Secondo le accuse, tutti gli indagati avrebbero collaborato per autocertificare oltre 4mila interventi che solo sulla carta venivano svolti accreditando il numero minimo di medici specializzandi, operatori e anestesisti previsto per ottenere i rimborsi dal servizio sanitario regionale. Con questo stratagemma, quindi, il San Raffaele avrebbe percepito tra il 2011 e il 2013 oltre 28 milioni di euro di rimborsi non dovuti. (AGI) .

(AGI) – Roma, 16 giu. – “Quest’anno con tremila emendamenti in commissione non si riesce ad assumere i 100mila a settembre. Le scelte dell’opposizione hanno come conseguenza che il provvedimento non riuscira’ ad entrare in vigore in tempo per settembre”. Cosi’ Matteo Renzi, a Porta a Porta, sull’ostruzionismo sulla Buona Scuola. “Nei primi giorni di luglio faremo una conferenza nazionale sulla scuola, dai sindacati alle famiglie, presentiamo la nostra proposta e una volta che abbiamo ascoltato tutti si chiude”, ha aggiunto.

Roma: Renzi avverte Marino, si guardi allo specchio e decida che fare

Sia il sindaco che l’amministrazione si guardino allo specchio e decidano quello che si deve fare”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi si rivolge dal pulpito di Porta a Porta al primo cittadino romano. “Se vogliono andare avanti su Roma, noi gli daremo una mano”, aggiunge copmunque Renzi a proposito del futuro della giunta capitolina. E assicura che “non esiste l’ipotesi del commissariamento per mafia” del Comune di Roma. Quindi chiosa: “Chi e’ in grado di governare governi. Se non sei in grado vai a casa”.

Il premier parla poi del deludente esito delle elezioni regionali. “Tutta la discussione politica e’ sul fatto che in alcune citta’ abbiamo perso i ballottaggi. E’ evidente che quando i cittadini dicono ‘non ci sei piaciuto, scegliamo un altro’ bisogna riflettere”. A Porta a Porta, Renzi indica la via da seguire: “Oggi abbiamo un clima economico nel paese che spinge per ripartire e su questo dobbiamo puntare”. Parlando quindi delle primarie, il premier spiega che “c’e’ da votare in alcune citta’ importanti e decideremo se ricorrere alle primarie o no”.

Poi precisa: “Io sono convinto che questo Paese abbia un sacco di potenzialita’. Ma non ne possiamo piu’ di un ragionamento per cui quando si parla di politica si discute solo del nostro ombelico”, spiega a Porta a Porta. “Alla gente interessa di come si sceglie un sindaco o che le strade siano pulite? Decidiamo come scegliere ma poi bisogna fare le cose”. Renzi assicura di non temere di essere messo in minoranza nel Pd. “Se devo andare a casa, vado a casa al congresso del partito nel 2017 – spiega -. Mi basta poco: ho dieci camicie da piegare e qualche libro da portarmi via”.

(AGI) – Roma, 16 giu. – “Sia il sindaco che l’amministrazione si guardino allo specchio e decidano quello che si deve fare”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi si rivolge dal pulpito di Porta a Porta al primo cittadino romano. “Se vogliono andare avanti su Roma, noi gli daremo una mano”, aggiunge copmunque Renzi a proposito del futuro della giunta capitolina. E assicra che “non esiste l’ipotesi del commissariamento per mafia” del Comune di Roma. Quindi chiosa: “Chi e’ in grado di governare governi. Se non sei in grado vai a casa”.

Il premier parla poi del deludente esito delle elezioni regionali. “Tutta la discussione politica e’ sul fatto che in alcune citta’ abbiamo perso i ballottaggi. E’ evidente che quando i cittadini dicono ‘non ci sei piaciuto, scegliamo un altro’ bisogna riflettere”. A Porta a Porta, Renzi indica la via da seguire: “Oggi abbiamo un clima economico nel paese che spinge per ripartire e su questo dobbiamo puntare”. Parlando quindi delle primarie, il premier spiega che “c’e’ da votare in alcune citta’ importanti e decideremo se ricorrere alle primarie o no”. Poi precisa: “Io sono convinto che questo Paese abbia un sacco di potenzialita’. Ma non ne possiamo piu’ di un ragionamento per cui quando si parla di politica si discute solo del nostro ombelico”, spiega a Porta a Porta. “Alla gente interessa di come si sceglie un sindaco o che le strade siano pulite? Decidiamo come scegliere ma poi bisogna fare le cose”. Renzi assicura di non temere di essere messo in minoranza nel Pd. “Se devo andare a casa, vado a casa al congresso del partito nel 2017 – spiega -. Mi basta poco: ho dieci camicie da piegare e qualche libro da portarmi via”.

Lavoro: Renzi, non compito politica dare reddito cittadinanza 

“Io credo che il compito della politica non sia quello di dare i soldi ai cittadini solo perche’ si e’ cittadini”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a Porta a Porta. “Dobbiamo cambiare il sistema della pubblica amministrazione, della giustizia, pressione fiscale”, ha aggiunto. Il tutto, “per favorire l’occupazione”. .

Annunciato Mario Tennis Ultra Smash per Wii U durante il Nintendo Direct E3 2015 tramite un breve filmato che ci mostra il classico gioco sportivo in chiave Nintendo con i suoi personaggi storici, corredati di mosse spettacolari e power up.

mario-tennis-ultra-smash

Il titolo si dimostra colorato e dotato di una grafica fluida come potete vedere nel trailer:

Mario Tennis Ultra Smash per Wii U vedrà la luce durante il periodo natalizio del 2015.

Nel corso del Direct di Nintendo, l’azienda di Kyoto ha mostrato nuovi titoli, uno tra cui è Hyrule Warriors Legends che approderà su console piattaforma 3DS.

Questa versione, rispetto a quella già uscita su Wii U, vanterà diversi e nuovi personaggi. Il suo arrivo è previsto per il primo trimestre del 2016, e non appena ci saranno ulteriori aggiornamenti sul suddetto titolo vi informeremo.

Per il momento è possibile visionare in calce il video. Buona visione!

 

Nuovo trailer per Animal Crossing Happy Home Designer mostrato durante il Nintendo Direct E3 2015. Il video introduce le possibili customizzazioni del personaggio e della nostra abitazione, in puro stile Animal Crossing. Potremo inoltre personalizzare la posizione della nostra casa, recito e elementi decorativi del nostro giardino.

animal crossing happy home designer

Vi lasciamo dunque al nuovo trailer per Animal Crossing Happy Home Designer:

Animal Crossing Happy Home Designer uscirà su 3DS e New 3DS il 25 Settembre 2015.

Fire Emblem If si mostra nuovamente durante il Nintendo Digital Event dell’E3 2015  con il nome di Fire Emblem Fates e con un nuovo trailer che mette in risalto trama e personaggi e la dualità delle due versioni che accompagneranno il titolo, ovvero due storie e due livelli di difficoltà differenti.

(AGI) – Parigi, 16 giu. – Il ministro dell’Ecologia francese, Segolene Royal, dichiara ‘guerra’ alla Nutella. In un’intervista a Canal+, l’ex compagna del presidente Francois Hollande ha invitato i telespettatori a non mangiare piu’ la popolarissima crema spalmabile per salvare il Pianeta dalla deforestazione. In vista della conferenza sul clima in programma a dicembre a Parigi, la Royal ha spiegato che “la massiccia deforestazione e’ una delle cause del riscaldamento globale”. “Dovremme smettere di mangiare Nutella”, ha quindi affermato, spiegando che l’olio di palma contenuto nel prodotto e’ uno dei maggiori responsabili della deforestazione. E quando il giornalista ha obiettato che la Nutella e’ “buona!”, il ministro ha concesso: “ebbene si'” ma dovrebbero “usare altre materie prime”. Sul suo sito la Ferrero spiega che l’olio di palma viene utilizzato “perche’ conferisce al prodotto la sua consistenza cremosa” ed evita di ricorrere al “processo di idrogenazione, che creerebbe pericolosi grassi ‘trans’ nocivi per la salute”. L’azienda ha inoltre sottolineato che i suoi prodotti sono realizzati con olio di palma proveniente da piantagioni certificate secondo lo standard Rspo (Roundtable on Sustainable Oil Palm). Gia’ nel 2012 il Senato francese aveva messo nel mirino la Nutella, provando ad aumentare del 300% la tassa sull’olio di palma. L”emendamento Nutella’, alla fine, non passo’. (AGI)

Flag Counter