Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Roma, 19 giu. – Rischia la pena di morte il 21enne Dylann Roof, autore della strage nella chiesa di Charleston, in South Carolina. Il giovane, arrestato giovedi’ in North Carolina, poche ore dopo il massacro di nove afroamericani, ha confessato, spiegando che voleva scatenare “una guerra razziale”. Roof ora e’ rinchiuso nel carcere di Charleston ed e’ stato incriminato per omicidio plurimo, con 9 capi di imputazione.

Charleston: 282 esecuzioni in S. Carolina, anche un 14enne

Secondo la polizia, ha ammesso di aver sparato e ucciso tre uomini e sei donne nella chiesa metodista Emanuel African. Inoltre ha riferito di aver comprato lui stesso in un negozio, nell’aprile scorso, la Glock calibro 45 usata per la strage che in precedenza si era detto gli fosse stata donata dal padre per il compleanno. Il giovane aveva pianificato ogni dettaglio del suo crimine negli ultimi sei mesi e sperava che il suo gesto innescasse una nuova guerra civile negli Usa a sfondo razziale tra bianchi e neri, ha rivelato il suo compagno di stanza, Dalton Tyler. Dylann, ha raccontato, era un convinto segregazionista che aveva “progettato qualcosa di questo tipo per sei mesi. Mi disse che voleva scatenare una guerra civile. Mi disse che lo avrebbe fatto e poi si sarebbe suicidato”. La governatrice della South Carolina, la repubblicana Nikki Haley, ha chiesto la pena di morte e ha domandato che a processare il giovane sia una corte del South Carolina e non federale. Sulla strage e’ intervenuta da Vicenza Michelle Obama: “Spero che tragedie come questa finiscano, un giorno. Abbiamo visto troppe tragedie come questa e c’e’ qualcosa di particolarmente orribile in un fatto del genere che avviene in un luogo di culto”. Il caso ha innescato nuove polemiche negli Usa sulla facilita’ di accesso alle armi, ma un membro del board della lobby Nra ha accusato il pastore ucciso a Charleston, senatore del South Carolina, di aver favorito la strage non permettendo ai fedeli di portare armi in chiesa. Intanto, e’ stato diffuso un video, girato con uno smartphone, che riprende gli attimi precedenti la strage: alle 21, sono tutti seduti in chiesa attorno a un tavolo per discutere della Bibbia. Tutti i partecipanti sono di pelle nera, tranne uno: Dylann Roof. Nel filmato, diffuso dai media americani, si vede Roof a distanza, di profilo. Solo qualche minuto, e sara’ proprio lui a sparare e uccidere coloro che lo avevano accolto, senza pregiudizio, in un gruppo di preghiera. (AGI) Rm2/Rmi/Sar .

(AGI) – Venezia, 18 giu. – Le prospettive di una nuova
rivoluzione industriale, gia’ in atto, ma ancora da scoprire e
le possibilita’ che le stampanti 3D aprono, per le imprese ma
non solo: e’ stato questo il focus dei ‘Colloqui per l’impresa
intelligente: stampa 3D dal progetto all’oggetto’ che
Osservatorio TuttiMedia (Otm) ha organizzato al Telecom Italia
Future Center di Venezia. “Otm – ha spiegato il presidente
dell’associazione, Franco Siddi, aprendo i lavori – cerca di
essere protagonista da sempre nel’osservare e promuovere tutto
cio’ che e’ futuro: le stampanti intelligenti sono un passo
oltre l’ostacolo, perche’ possono portare, in molti campi,
compreso quello dei media, cose nuove e introdurre elementi
importanti”.

“Questa rivoluzione – ha aggiunto il direttore
scientifico di Otm Derrick De Kerckhove – sta avvenendo adesso per diversi motivi:
fra questi spiccano un rovesciamento della prospettiva, che non
ci mette piu’ di fronte al mondo ma ci porta dentro, e la
grande capacita’ di produrre ‘on demand’. La stampa 3D e i big
data, un’altra delle grandi rivoluzioni che stanno avvenendo
ora, devono lavorare assieme, perche’ c’e’ un potere creativo
senza limiti”, ha continuato, sottolineando che gia’ ora “nel
3D arte e tecnologia si incontrano”. “Questi strumenti – ha
spiegato da parte sua il responsabile del Future Center di
Telecom Italia, Gian Paolo Balboni – cambiano il mondo: gia’
oggi ci permettono di fare delle cose, ma il punto centrale e’
che aprono grandi porte. Nel processo dello stampaggio 3D
l’intelligenza sta nel passare da modelli complessi a
istruzioni semplici”.

“Si tratta di un passaggio – ha confermato Giancarlo
Magnaghi, consulente del ministero dell’Istruzione, Universita’
e Ricerca – simile a quello che e’ avvenuto fra il documento di
carta e i documenti sul web: per un determinato periodo, le
persone hanno continuato a fare coi secondi cio’ che facevano
coi primi, salvo poi scoprire che aprivano nuove possibilita’.
Anche con la stampa 3D posso fare le cose che facevo prima, ma
la rivoluzione vera sta nel realizzare oggetti complicati che
prima non riuscivo a fare in maniera semplice”. Altri punti
importanti indicati dai partecipanti all’incontro sono stati
quelli della personalizzazione di massa e della realizzazione
di parti di ricambio, che possono cosi’ essere stampate su
richiesta eliminando le necessita’ di magazzino.

E se c’e’
stato chi, come i membri di Crit, ha portato la propria
esperienza di consulenza alle imprese italiane
nell’introduzione di questo nuovo paradigma, c’e’ stato anche
chi ha portato alcuni esempi tangibili, come la professoressa
Marinella Levi del Politecnico di Milano, che ha portato alcuni
oggetti stampati, fra cui un tutore per il polso. “Nel campo
della disabilita’ – ha detto – ci possono essere utilizzi
importanti perche’ ha come requisiti una capacita’ di
personalizzazione, la possibilita’ di spendere poco e il fatto
di avere una necessita’ primaria che la stampa 3D puo’
soddisfare”. (AGI)

(AGI) – San Pietroburgo, 19 giu. – Bastone e carota di Vladimir Putin verso l’Occidente al Forum economico di San Pietroburgo.

Il capo del Cremlino ha assicurato che la Russia “e’ aperta al mondo” e continuera’ a cooperare con “i suoi tradizionali partner occidentali”, ma ha avvertito che e’ pronta a guardare a oriente e ha snocciolato alcune cifre: se il volume annuo dell’interscambio commerciale con la Cina arrivera’ presto a 200 miliardi di dollari, per l’Unione europea i danni causati dalle sanzioni imposte a Mosca “potrebbero arrivare a 100 miliardi di dollari“, quasi 90 miliardi di euro.

“Qualcuno ha parlato di perdite per i produttori europei che ammontano a 40-50 miliardi di dollari“, ha ricordato Putin, “gli ultimi dati che ho sentito dall’Europa indicano che potrebbero sfiorare i 100 miliardi“.

Cifre che fonti Ue hanno ridimensionato, spiegando peraltro che la contrazione delle importazioni di Mosca e’ legata anche alla recessione russa. Poi il capo del Cremlino si e’ rivolto agli Stati Uniti, spiegando che decisioni “globali” come quella adottata 13 anni fa da Washington di abbandonare il trattato Abm che vieta la sperimentazione e l’attuazione di una difesa anti-missile, spingono il mondo verso una nuova Guerra Fredda.

Ma soprrattutto Mosca si ribella a chi vorrebbe imporle la propria volonta’”: “Non bisogna parlare il linguaggio degli ultimatum con noi”, ha affermato Putin.

Al Forum era presente anche il premier greco, Alexis Tsipras, a cui Putin ha teso la mano nel pieno della tempesta dei negoziati con l’Ue sul debito. E’ stato annunciato che Russia e Grecia prepareranno entro novembre un memorandum per lo sviluppo della cooperazione economica bilaterale e nel frattempo e’ stata raggiunta un’intesa per il passaggio del gasdotto Turkish Stream in territorio greco e avra’ una capacita’ annua di 47 miliardi di metri cubi di gas.

Il Cremlino ha fatto sapere che nel colloquio tra Puitn e Tsipras non si e’ parlato di aiuti ad Atene, ma nel 2014 le sanzioni hanno ridotto del 40% anche gli scambi tra i due Paesi amici, legati dal comune substrato religioso ortodosso. Per il premier greco “il circolo vizioso delle sanzioni occidentali” contro la Russia “deve finire al piu’ presto” privilegiando l’attuazione degli accordi di Minsk per l’est dell’Ucraina.

Tsipras ha lanciato un appello all’Ue perche’ ritrovi “la sua strada tornando ai principi e alle dichiarazioni originari: solidarieta’, equita’ e giustizia sociale”. “Le misure di austerita’ portano al nulla”, ha affermato. (AGI)

(AGI) – Roma, 19 giu. – “Gli immigrati? Buttateli a mare”. “Bruciarli vivi e rimpatriarli”. “Mi manca Hitler”. “Non beccano mai una stretta parente della Boldrini o della Kyenge (beccare loro e’ impossibile, sono scortate)”. Sono alcuni dei commenti postati su facebook da un funzionario della polizia, dirigente della Polfer di Catania, la cui pagina ora e’ chiusa. “Che un funzionario della Polizia di Stato si esprima in questo modo vergognoso e’ inammissibile: sono inaccettabili i toni, gli argomenti, le minacce, le offese razziste e gli insulti alle Istituzioni del nostro Paese, a partire dalla Presidente della Camera” denuncia il deputato siciliano di Sinistra Ecologia Liberta’, Erasmo Palazzotto. “Le sue farneticazioni – prosegue l’esponente di Sel – sono incompatibili con il giuramento prestato alla Repubblica italiana e alla Costituzione. Ci aspettiamo a questo punto – conclude Palazzotto – che il Capo della Polizia e il ministro dell’interno chiariscano e ci dicano quali atti abbiano intrapreso. In caso contrario, pronti a portare la vicenda in Parlamento nelle prossime ore”. (AGI) .

(AGI) – CdV, 19 giu. – “Se la molla che spinge l’uomo e’ l’accumulo, le ricchezze arriveranno a invadergli il cuore, che finira’ corrotto”. Papa Francesco ha rinnovato – nell’omelia pronunciata alla Domus Santa Marta – il suo monito riguardo ai rischi che corrono i ricchi se tengono tutto per se stessi.

“Cio’ che invece salva il cuore – ha detto Bergoglio – e’ usare la ricchezza che si ha per il bene comune”. Non sono “come una statua”, le ricchezze, ha spiegato. “Ferme, in un certo senso ininfluenti sulla vita di una persona”, invece “hanno la tendenza a crescere, a muoversi, a prendere il posto nella vita e nel cuore dell’uomo”.

“Dov’e’il tuo tesoro – ha ricordato il Papa citando le parole di Gesu’ – la’ sara’ anche il tuo cuore. Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo”.

Certo, riconosce Francesco, “alla radice” dell’accumulo “c’e’ la voglia di sicurezza”. Ma il rischio di farlo solo per se stessi e dunque di restarne schiavi e’ altissimo. “Alla fine – infatti – queste ricchezze non danno la sicurezza per sempre. Anzi ti portano giu’ nella tua dignita’. E questo in famiglia: tante famiglie divise. Anche nella radice delle guerre c’e’ questa ambizione, che distrugge, corrompe. In questo mondo, in questo momento, ci sono tante guerre per avidita’ di potere, di ricchezze. Si puo’ pensare alla guerra nel nostro cuore. ‘Tenetevi lontano da ogni cupidigia!’, cosi’ dice il Signore. Perche’ la cupidigia va avanti, va avanti, va avanti… E’ uno scalino, apre la porta: poi viene la vanita’ – credersi importanti, credersi potenti.. – e, alla fine, l’orgoglio. E da li’ tutti i vizi, tutti. Sono scalini, ma il primo e’ questo: la cupidigia, la voglia di accumulare ricchezze”.Per Papa Francesco anche se “accumulare e’ proprio una qualita’ dell’uomo” e “fare le cose e dominare il mondo e’ anche una missione”, bisogna lottare ogni giorno per non diventare schiavi del denaro e “gestire le ricchezze della terra bene, perche’ siano orientate al Cielo e diventino ricchezze del Cielo”.

“Quando il Signore benedice una persona con le ricchezze: lo fa – ha scandito Bergoglio – amministratore di quelle ricchezze per il bene comune e per il bene di tutto, non per il proprio bene. E non e’ facile diventare un onesto amministratore, perche’ sempre c’e’ la tentazione della cupidigia, del diventare importante. Il mondo ti insegna questo e ci porta per questa strada”. La raccomandazione del Papa ai ricchi e’ dunque di “pensare agli altri, pensare che quello che ho e’ al servizio degli altri e che nessuna cosa la potro’ portare con me. Ma se io uso quello che il Signore mi ha dato per il bene comune, come amministratore, questo mi santifica, mi fara’ santo”.

Dunque, “accumulare, si’, va bene. Tesori, si’, va bene: ma quelli che hanno valore nella ‘borsa del Cielo’. Li’, accumulare li’!”. (AGI)

(AGI) – Roma, 19 giu. – L’ottava edizione di Mare di Libri si e’ chiussa con la vittoria di ‘L’estate del coniglio nero’ di Kevin Brooks (Piemme, 427 pagine, 15 euro). La tre giorni di letture, dibattiti, ore trascorse a raccontare passioni con tanti autori e’ la prima e unica manifestazione organizzata dai ragazzi per i ragazzi. Nelle parole dei volontari piu’ piccoli, il Festival e’ “un mare di emozioni, un mare di nuove amicizie, un mare di interesse e di cultura. Un mare di energia, entusiasmo, un mare di esperienze pazzesche”. La chiusura del Festival e’ stata accompagnata dall’attesissima assegnazione del premio Mare di Libri. Alla sua seconda edizione, il riconoscimento e’ nato con l’obiettivo di valorizzare la letteratura “Over 13”, avvalendosi di una giuria di 10 fortissimi lettori tra i 14 e i 16 anni sul cui insindacabile giudizio si basa l’assegnazione del primo posto. La rosa finalista era composta da: ‘L’estate del coniglio nero’, ‘Half Bad’ di Sally Green (Rizzoli), ‘Amici’ di Yumoto Kazumi (Atmosphere Libri), ‘Una sottile linea rosa’ di Annalisa Strada (Giunti editore) e ‘Immagina di essere in guerra’ di Janne Teller (Feltrinelli). (AGI) Uba

(AGI) – Londra, 19 giu. – Da Johannesburg a Londra nascosti nel carrello di un aereo: e’ il tragico viaggio di due migranti, uno dei quali e’ riuscito miracolosamente a sopravvivere ed e’ ricoverato in gravi condizioni in un ospedale della capitale britannica. Secondo i media locali, l’altro migrante, che avrebbe viaggiato per oltre 12 ore al gelo e senza pressurizzazione, e’ morto dopo essere caduto sul tetto di un edificio a West London. Scotland Yard ha confermato che un giovane tra i 25 e i 30 anni e’ ricoverato in ospedale “in condizioni gravi ma stabili”. “Alle 9:35 gli agenti hanno ricevuto una segnalazione di un corpo sul tetto di un edificio a Kew, West London”, ha riferito un portavoce di Scotland Yard, “sara’ eseguita un’autopsia e sono in corso indagini per appurare se si tratti di un clandestino”. “Stiamo lavorando con la polizia e le autorita’ di Johannesburg per accertare i fatti su questo episodio molto raro”, ha riferito un portavoce della compagnia aerea. Il Boeing 747 era decollato da Johannesburg alle 19:48 di ieri ed e’ atterrato a Heathrow alle 6:26 (le 7:26 in Italia). .

(AGI) – Saint-Nazaire (Francia), 19 giu. – Salpera’ a maggio dell’anno prossimo dal sud dell’Inghilterra la nave da crociera piu’ grande del mondo. La “Harmony of the Seas”, questo il nome, e’ stata varata nel cantiere navale di Saint-Nazair, nella Francia occidentale, e sara’ completata nei prossimi mesi. La nave avra’ un peso 227mila tonnellate e una lunghezza di 362 metri e potra’ ospitare 6.360 passeggeri e 2.100 membri dell’equipaggio. Alla costruzione, cominciata nel settembre del 2013, lavorano 2.500 persone. Per il completamento saranno necessari 90mila metri quadri di tappeti e 500mila litri di vernice. La nave si aggiunge alla flotta di Royal Caribbean International che tra le sue navi conta gia’ le due piu’ grandi del mondo: “Allure of the Seas” e “Oasis of the Seas” da 225.000 tonnellate.


Galleria fotografica

Dopo i test previsti per meta’ febbraio, la “Harmony of the Seas” salpera’, nel maggio 2016, da Southampton per la citta’ spagnola di Barcellona. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 giu. – Una amabile cittadina del Centro Italia, una attesa partita a scacchi, una antica rivalita’ e… un delitto. Sono gli ingredienti di ‘Pessima mossa, maestro Petrosi’ (Sperling e Kupfer, 312 pagine, 17,90 euro) il giallo d’esordio di Paolo Fiorelli, giornalista di ‘Sorrisi e Canzoni’. E’ una calda mattina di giugno a Urbavia, che vanta una splendida basilica cinquecentesca e un’impareggiabile ricetta a base di cinghiale. L’attenzione e’ tutta per le battute finali del torneo di scacchi organizzato dalla locale Confraternita scacchistica. Il Grande Maestro Achille Petrosi ha gia’ fatto la sua mossa e sta aspettando irrequieto quella dell’avversario, che a dire il vero non si e’ ancora presentato. Quale imprevisto puo’ aver trattenuto il Conte, uno dei favoriti alla vittoria? La risposta arriva poco dopo, quando l’uomo viene trovato nella sua villa, ucciso a coltellate. Turbato dalla morte del collega, Petrosi decide di indagare sull’accaduto con le poche armi che possiede: una spiccata propensione al pensiero logico, una grande curiosita’ e una conoscenza profonda del proprio piccolo mondo. Muovendosi tra la sua Urbavia e Cannes – dove affrontera’ la partita della vita – tra strozzini e trafficanti d’arte, Petrosi cerca, esplora, interroga (e s’interroga). Lo aiutano una mamma invadente, una studentessa russa che fa la badante ma sogna di diventare campionessa, un collega albanese che cerca fortuna in Italia. Ne emerge un quadro di invidie, gelosie e rivalita’, in cui la verita’ sull’omicidio si rivelera’ sorprendente. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 giu. – L’esperienza su Spotify si arricchisce,
grazie alla partnership ,annunciata ieri, con Happn: la dating
app iper-localizzata che permette di ritrovare le persone che
hai incrociato. E’ la prima volta che una dating app integra
Spotify alla sua piattaforma permettendo cosi’ ai propri utenti
di flirtare, condividere la propria musica preferita attraverso
la funzione di messaggistica e aggiungere canzoni al proprio
profilo. “La musica e’ una cosi’ potente forma di espressione
che e’ intrinsecamente legata alla nostra personalita’”, ha
dichiarato Didier Rappaport, Co-fondatore e CEO di
Happn”.Crediamo che questa nuova partnership possa offrire ai
nostri utenti un’esperienza unica, che permetta davvero loro di
mostrare chi sono in modo piu’ coinvolgente, al di la’ di
semplici parole e foto. La possibilita’, che nessun altro offre
al momento, di inviare e ascoltare musica consentira’ di
conoscersi in modo piu’ personale”. “L’obiettivo di Spotify e’
offrire la colonna sonora perfetta per ogni momento della vita.
L’integrazione con Spotify permette a Happn di rendere la
musica disponibile anche quando si conosce qualcuno, uno dei
momenti in cui serve di piu’. Con questa partnership, siamo
felici di offrire agli utenti di Happn un’esperienza musicale
unica”. Ha detto Franck Rossini, Head of Marketing Southern
Europe di Spotify. Gli abbonati di Spotify saranno integrati
nel profilo di ogni utente Happn, che avranno la possibilita’
di inviare le tracce ad altri utenti attraverso il sistema di
messaggistica di Happn e potranno aggiungere canzoni al proprio
profilo per mostrare i loro interessi musicali. Gli abbonati
Spotify Premium avranno la possibilita’ di ascoltare i brani
integrali altrimenti sara’ possibile ascoltare solo 30
secondi.(AGI)

Flag Counter