Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI/AFP) – Mumbai, 20 giu. – Dramma in una baraccopoli di Mumbai, in India, dove un liquore contraffatto ha causato almeno 74 morti e altri 21 intossicati. Le bottiglie incriminate erano state messe in vendita a prezzo di saldo in uno spaccio governativo dello slum di Laxmi Naga, nel nord della metropoli, ma e’ emerso che contenevano una dose letale di metanolo.

Guarda il VIDEO

La polizia ha arrestato i tre proprietari della rivendita e i due responsabili della distribuzione delle bottiglie di liquore. Otto agenti sono stati sospesi per “negligenza” per non averne bloccato la vendita. Casi simili non sono nuovi in India, nonostante le severe normative che regolano la vendita degli alcolici, ma di solito sono confinati alle aree rurali e piu’ povere del gigante asiatico. Per Mumbai e’ il piu’ grave caso di intossicazione dal 2004, quando morirono 100 persone. In India i liquori contraffatti si vendono anche a meno di un euro per una bottiglia di 25 centilitri. .

(AGI) – Roma, 20 giu. – Dal risveglio della sonda Philae alla rottura tra Charlize Theron e Sean Penn, ecco le notizie della settimana da non perdere. LUNEDI’ – SONDA MARTEDI’ – AUTO MERCOLEDI’ – VIDAL GIOVEDI’ – ROTTURA VENERDI’ – ISIS SABATO – Il presidente Mattarella invita alla solidarieta’ e chiede aiuto alla Ue in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. (AGI)

(AGI) – Roma, 20 giu. – Miglior tempo per Nico Rosberg al termine della prima manche di qualifiche del Gran premio d’Austria, ottava prova del Mondiale di Formula Uno in programma sul Red Bull Ring di Spielberg. Il tedesco della Mercedes gira in 1’10″976 e precede Carlos Sainz e Sebastian Vettel. Fuori a sorpresa Kimi Raikkonen, che non riesce a far meglio del 18esimo tempo. Esclusi dal Q2 anche Sergio Perez (Force India) e Jenson Button (McLaren), che hanno preceduto il ferrarista, e poi le due Marussia di Roberto Mehri e Will Stevens. .

(AGI) – Venezia, 20 giu. – Giornata di visita a Venezia per Michelle Obama che ha fatto tappa alla Biennale d’Arte e poi a Murano. La First Lady si e’ recata al mattino ai padiglioni della storica manifestazione, trattenendosi in quello statunitense in stile palladiano, e visitando poi velocemente altre rappresentanze nazionali. Dopo la visita a San Marco e la cena alla Giudecca di venerdi’ sera, Michelle e le figlie Sasha e Malia sono state accolte ai Giardini di Castello dal presidente della Biennale, Paolo Baratta, che ha raccontato di una First Lady entusiasta per la parte americana della 56ma edizione. Molto interessate anche le due ragazze, che hanno voluto conoscere Joan Jonas, il visual artist che rappresenta gli Usa a Venezia. Conclusa la visita di un’ora ai padiglioni, Michelle Obama si e’ recata in motoscafo a Murano per visitare una fornace per la produzione del vetro. Sulla piccola isola e sempre a distanza di sicurezza, come in tutta questa visita, la First Lady, ha trovato ad attenderla un gruppetto di residenti e turisti. .

(AGI) – Roma, 20 giu. – “Viviamo una fase di rilancio dell’economia che il Governo sostiene con riforme strutturali a rendere il Paese piu’ competitivo”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, durante il suo intervento alla festa per il 241° anniversario della fondazione delle Fiamme gialle. “In questa fase l’economia seleziona le forze migliori, quelle che competono lealmente con prodotti e servizi di grande qualita’, apprezzati in Italia e in tutto il mondo”. Tra le riforme strutturali “necessarie” a sostenere le imprese, Padoan ha citato in particolare “la riforma fiscale, la riforma del mercato del lavoro e le liberalizzazioni”. .

(AGI) – Catania, 20 giu. – “Ci presenteremo con i nostri piani di mobilita’. Entro settembre avremo comunque il nostro piano delle opere pubbliche italiane in cui la parte della mobilita’ sostenibile diventera’ preponderante””. Lo ha detto il ministroai Trasporti Graziano Delrio a Catania, rispondendo ad una domanda su come l’Italia si sta preparando alla conferenza delle nazioni unite di Parigi.

“Nel programma delle infrastrutture strategiche – ha aggiunto – io ho fatto inserire con molta forza le metropolitane. Pensate che il sistema di Catania, per esempio, sono convinto che tra 5/6 anni sara’ uno dei sistemi piu’ belli d’Italia con oltre 40 chilometri di metropolitana in uno dei posti piu’ belli d’Italia. Quindi investiamo e continuiamo a lavorare seriamente sulle cose in cui crediamo. Per esempio a Catania potremmo utilizzare 40 milioni di passeggeri all’anno che e’ piu’ di quello che muove l’alta velocita’ in Italia. La popolazione e’ pronta per questo tipo di progetti, sono i politici che devono un po’ riflettere”.

Frana viadotto: Delrio, partiamo in ritardo ma recupereremo

“Noi abbiamo grande bisogno – ha proseguito il ministro – di mobilita’ sostenibile in questo Paese. Un Paese che non ha mai pensato a un piano nazionale delle ciclabilita’. Mentre la ciclabilita’ e’ una grande risorsa. Pensate che qualcuno si e’ stupito quando io ho appoggiato subito il progetto del Grande Raccordo Anulare ciclabile di Roma, 42 chilometri. Ieri sera mi e’ arrivata la notizia che a New York lo premieranno come uno dei migliori progetti del mondo che in pochi mesi ha ricevuto molte adesioni: turisti da tutto il mondo vorrebbero vederlo gia’ realizzato”.

In un Paese come l’Italia, “che fa della cultura, della bellezza, del paesaggio la sua risorsa principale, la mobilita’ sostenibile e’ uno strumento straordinario di crescita. La ciclabile sul Po 670 km costa meno di 3 chilometri di autostrada e puo’ fare un indotto di otre 200-300 milioni tra attivita’ lungo percorso e occupazione. Dobbiamo imparare a capire che la sostenibilita’ non e’ un sogno per qualche ecologista malato ma e’ invece una risorsa per questo paese straordinaria”.

“Vogliamo fare in modo che le opere pubbliche in Italia si facciano con i tempi e i costi giusti e l’unico modo per realizzare questo obiettivo e’ fare una battaglia contro la corruzione. A differenza di quello che alcuni pensano le procedure normali, quelle semplificate e la vigilanza dell’Anac consentono una migliore realizzazione. La legalita’ funziona piu’ dell’illegalita’”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio. “Certamente – ha aggiunto Delrio – lavoriamo a stretto contatto con l’autorita’ giudiziaria, con Raffaele Cantone. Anche il nuovo codice degli appalti e’ frutto di una strettissima collaborazione con l’Anac. Qualcuno pensa – ha poi osservato il ministro – che la vigilanza dell’Anac possa ritardare le opere? E’ il contrario. Anche in Expo noi abbiamo recuperato terreno, sul Mose stiamo recuperando terreno perche’ lavoriamo a stretto contratto con l’Anac”. (AGI)

(AGI) – Roma, 20 giu. – “Occorre contrastare evasione fiscale e criminalita’ in modo piu’ efficace”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenendo alla festa della Guardia di Finanza. “Sara’ necessario potenziare gli strumenti esistenti e costruirne di nuovi”, ha aggiunto, sottolinenando che “il Governo e’ impegnato per il rilancio dell’economia anche percorrendo strade diverse dal passato” e “lavorando per correggere gli errori e modificare le pratiche inefficienti”.

Padoan, viviamo fase di rilancio sostenuta da riforme governo

“Per contrastare piu’ efficacemente alcune delle prassi piu’ distorsive non bastano modalita’ procedurali piu’ semplici ed efficienti”, ha aggiunto Padoan, “serve una forte sinergia e collaborazione tra tutti gli attori istituzionali coinvolti, e questo vale non solo per il contrasto all’illegalita’ ma piu’ in generale per il sostegno alla ripresa”. Il ministro ha poi evidenziato i “passi importanti” che sono stati fatti “nel miglioramento del rapporto tra fisco e contribuenti” attraverso la semplificazione degli adempimenti, con il 730 precompilato, con la fatturazione elettronica, con i provvedimenti sull’internazionalizzazione delle imprese e con la voluntary disclosure. Quest’ultima, ha sottolineato Padoan, “ha segnato un punto di forte discontiunuita’ rispetto agli scudi fiscali varati negli anni passati”. 

 

(AGI) – Bruxelles, 20 giu. – Una corretta alimentazione e’
fondamentale nelle terapie oncologiche, tema non sempre
affrontato dai medici, tanto che, anche nell’epoca
dell’oncologia “personalizzata” e delle cure mirate, puo’
accadere ancora che il paziente non riceva dal medico le
informazioni necessarie per affrontare al meglio la vita di
ogni giorno. La prova? Per il 70,8 per cento dei pazienti saper
cosa e quando mangiare rappresenta un elemento di
preoccupazione dopo un trattamento per tumore dello stomaco. A
fare il punto sui bisogni, in termini di indicazioni
sull’alimentazione, e’ il primo studio dell’European Cancer
Patient Coalition, realizzato anche grazie al sostegno non
condizionato di Lilly, presentato oggi all’assemblea annuale
generale dell’organizzazione in corso a Bruxelles. La ricerca
ha mobilitato le oltre 350 associazioni di piu’ di 30 paesi
dell’EU attraverso un questionario tradotto in 11 lingue e ha
coinvolto 650 pazienti per comprendere lo stato
dell’informazione dei malati e dell’attenzione dei medici a
nutrizione e dieta. E’ emerso innanzitutto il grande bisogno
insoddisfatto di una corretta informazione su dieta e
nutrizione; l’80 per cento dei malati denuncia problemi
nutrizionali anche durante i trattamenti terapeutici con
variazioni nei vari paesi e il 52 per cento non viene
adeguatamente informato dai medici oncologi. Addirittura quasi
il 90 per cento dei malati considera l’appetito importante per
lo stato emotivo e la qualita’ di vita e rileva come l’oncologo
debba offrire supporti per favorire il mantenimento di un
equilibro nutrizionale del malato. “Una corretta nutrizione
durante e dopo la fase di trattamento acuta – commenta
Francesco De Lorenzo, Presidente di ECPC e di FAVO – e’
cruciale per i malati di cancro. Condiziona infatti, la
risposta ai trattamenti, alla prevenzione terziaria e migliora
la prognosi. I bisogni dei malati acuti, cronici e delle
persone guarite – per quanto riguarda la nutrizione – sono
troppo spesso trascurati e/o negati” “A seguito di questi ed
altri numerosi dati emersi dal sondaggio – continua De Lorenzo
– ECPC intende intervenire con la mobilitazione delle
associazioni aderenti per rispondere al bisogno di sapere dei
malati e dei loro caregivers attraverso iniziative mirate di
sensibilizzazione delle Societa’ scientifiche e la produzione
di strumenti informativi mirati anche a evitare rischi connessi
alla perdita di peso e alla cachessia nonche’ a prevenire
l’aumento di peso nella fase post trattamento acuto e l’uso
incontrollato di integratori”. Se l’alimentazione rappresenta
un fattore critico per tutte le persone che si trovano ad
affrontare un tumore, il problema e’ ancor piu’ sentito in caso
di tumore gastrico, visto che il primo intervento e’ la
gastrectomia, ovvero l’asportazione dello stomaco. “Qual e’ la
dieta del gastrectomizzato? E’ importante solo nei primi mesi
dello “svezzamento” o anche successivamente? Come si
metabolizza l’alcol? Che attenzione per chi si mette alla
guida? Le carenze da vitamina D, ferro, B12 possono essere
compensate, almeno in parte, con l’assunzione di particolari
alimenti? Sono tante le domande che noi pazienti ci facciamo e
a cui e’ difficile trovare risposta” sottolinea Claudia
Santangelo, Presidente dell’Associazione ‘Vivere senza
stomaco’.
,

(AGI) – Catania, 20 giu. – “Abbiamo avuto qualche settimana di ritardo nell’istruttoria della Protezione civile regionale che ha trasmesso i dati anche rispetto alle altre emergenze, ma recupereremo nei prossimi giorni perche’ i progetti sono gia’ in stato di avanzata esecuzione dal punto di vista tecnico. Poi si partira’ rapidissimamente. Abbiamo rallentato un po’ questa fase istruttoria anche perche’ abbiamo voluto valutare il recupero dell’altra careggiata perche’ questo consentirebbe ovviamente una riduzione dei disagi a tutti i livelli e poi perche’ abbiamo aspettato la commissione d’inchiesta”. Lo ha detto a Catania il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio. .

(AGI) – Roma, 20 giu. – Dopo quattro mesi di cali consecutivi, l’inflazione torna a crescere a maggio facendo segnare un indice dei prezzi al consumo dello 0,1% sia in termini congiunturali sia rispetto allo scorso anno. A spingere il Paese fuori dalla deflazione, un contributo giunge anche dal “made in Italy” agroalimentare con il carrello della spesa che, rispetto alla scorso anno, vede aumentare i listini dell’ortofrutta. Lo afferma il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat. In particolare, sono stati i vegetali freschi a far segnare il rialzo tendenziale piu’ importante (+11% rispetto al 2014), seguiti dalla frutta che ha visto aumentare il prezzo del 3,2%. Anche se su base mensile la crescita dei prezzi e’ stata piu’ timida (aumenta la frutta fresca, ma si riduce il prezzo della verdura) -spiega Scanavino- i segnali di ripresa dei consumi da inizio anno sembrano comunque ripercuotersi positivamente sui listini del 2015. Ma tale tendenza -secondo il presidente della Cia- deve trasferirsi velocemente sulle fasi a monte della filiera. Sono sempre di piu’ i casi e i settori in cui le aziende agricole con le loro vendite non riescono a remunerare i costi di produzione. E’ opportuno mettere in campo le iniziative e gli strumenti necessari a trasformare in reddito i segnali di ripresa che ci giungono dalle statistiche sull’economia. In tal senso il carico fiscale che in questi giorni con il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli si aggrava ulteriormente e le incertezze sulla presentazione delle domande della Pac non aiutano di certo. Soluzioni definitive in tempi rapidi, e’ questo che rivendicano le aziende. Solo cosi’ -conclude Scanavino- gli sforzi che sostengono gli agricoltori per riuscire a portare i prodotti all’interno del carrello della spesa saranno remunerati e valorizzati sul mercato. (AGI)

Flag Counter